Il Blog delle stelle

Il programma di governo del MoVimento 5 Stelle: l'Energia


  • 693



Oggi si inizia a discutere online il programma di governo del MoVimento 5 Stelle. Si parte dall'energia. Partecipate! Nei prossimi giorni si inizierà a votare.

di Beppe Grillo

Di nuovo a parlare di energia. Sono 30 anni che parlo di energia. Dal Wuppertal Institute al Fattore Quattro, ai fratelli Weizsäcker, Sachs, Lester Brown. Li avevo conosciuti tutti nel mondo. Tutti che parlavamo di energia perché è un cambio di civiltà.

Allora fatevi una domanda: un barile di petrolio costa 50 dollari, un barile di Coca Cola costa 350 dollari. Secondo voi è una cosa normale? Secondo voi è un'economia razionale? Intelligente? Di buon senso? Che cosa c'è sotto che vogliono ancora ripristinarci il petrolio, il gas, il carbone. Ancora il carbone, perché i costi sono inferiori, mentre andiamo verso tecnologie raffinate, le stampanti 3D che metteranno assolutamente in crisi la vecchia e utopica industria pesante.

Il concetto di energia
Abbiamo ormai il concetto di energia, ne parlavo 25 anni fa. Dicevo che le case - anche quando le spegni - consumano energia. Siamo scemi? Facciamo centrali nucleari per mantenere accese delle cose spente, i led dei nostri registratori, video e televisori, le nostre spie nelle case. Tutto acceso. Abbiamo una centrale nucleare in Europa che serve a dare energia alle nostre utenze spente. Avremo il futuro delle fibre ottiche che collegheranno i nostri elettrodomestici, tutte le nostre utenze collegate col WiFi, quindi avremo il riscaldamento, avremo il raffreddamento, avremo la lavanderia, avremo tutte le utenze di casa collegate, quindi toglieremo i picchi, l'energia, la potenza impegnata, paghiamo energia che non consumiamo.

Siamo veramente al Paleolitico ancora. Per fare una casa oggi la fai in maniera che fa energia e non la consuma. Non hai bisogno di fare centrali a carbone, centrali a turbogas. Si importa gas, si fanno gasdotti che arrivano dal Turkmenistan e passano sotto gli ulivi millenari della Puglia, il paradiso terrestre mondiale, per arrivare a Brindisi e poi dare il gas in Austria. Ma stiamo scherzando? Questi sono fossili che ragionano come fossili.

L'energia è un cambio di civiltà, l'energia è un cambio del mondo. Fra 25 anni il lavoro quale sarà? L'istruzione è in grado di capire che cosa sarà un lavoro tra 25 anni? Molti esperti dicono che lil 50% dei lavori conosciuti spariranno, ne arriveranno degli altri: la robotica, l'intelligenza artificiale, i big data. Oggi la prima azienda mondiale è Alphabet (Google). Compra oggetti offline per collegarli in Rete. E noi di che cosa parliamo? Noi dobbiamo parlare con questi quesiti, dire se siete d'accordo se dobbiamo passare a l'elettrificazione, dal petrolio all'elettrificazione in 30 anni, un piano trentennale-quarantennale dell'energia.

Allora noi abbiamo nel nostro programma, lo avete sempre visto, come punti di riferimento le rinnovabili. Gradualmente passiamo alle rinnovabili, le produciamo noi, il Paese del Sole. Sono stato fra i primi ad avere un impianto fotovoltaico, qua, che mi faceva 5/6 kilowatt, e dovevo recuperare, stoccare in batterie. Oggi c'è l'elettrico e la mobilità elettrica, Tesla, il signor Musk, ha fatto nei primi tre mesi della sua attività più guadagni di tutto l'anno dei petrolieri. La Rockefeller Foundation non investe più un centesimo nel petrolio. Ci dobbiamo investire noi con questi cazzoni che sono al governo? Ma vi sembra normale?


Come guardiamo al futuro?
Allora, Tesla elettrifica.. Poi c'è un progetto della Nissan - che ha coinvolto anche società italiane - per far diventare l'automobile in un accumulatore. Tu accumuli nella batteria della tua auto elettrica la corrente di notte e se non la usi la rimetti in rete e te la pagano di giorno il triplo, con la differenza di prezzo ti paghi il leasing della macchina. Quindi la macchina intesa non solo per muoverti, ma come accumulatore di energia che è uno dei più grandi problemi che abbiamo. Bisogna pensare in avanti, a 50 100 anni. E bisogna cominciare adesso a dire: entro il 2025 faremo questa transizione dal fossile alle rinnovabili. Come si fa? C'è una sola politica su cui agire: il sistema fiscale: detassi il lavoro e tassi chi consuma energia e materie prime.

Gli obiettivi del MoVimento
La nostra filosofia dovrebbe essere 2-20-20. 2: passare a un consumo medio di energia che è 6 kilowatt la media europea a 2, con l'efficienza e con le tecnologie. Ci lavorano i più grandi politecnici d'Europa, da 6 kw a 2 kilowatt.
Poi da 40 tonnellate pro capite di materiale che consumiamo a 20 tonnellate, e da 40 ore di lavoro a 20 ore di lavoro. Questi tre pensieri sono tre pensieri per effettuare il cambiamento del mondo, sono mezzi per arrivare un tipo di società dove il lavoro pesante lo fa la macchina, dove io ho più ho più tempo libero e liberato dal lavoro, dove lavorano i robot e io posso dedicare tempo alla mia famiglia, leggermi un libro, agli amici, alla mia vita. Vogliamo mettere la vita delle persone al centro. E per fare questo bisogna fare un cambio di pensiero, di energia.

Un cambio di civiltà
L'energia non è solo cambiare del gas o dal metano, arrivare all'idroelettrico o al fotovoltaico o all'eolico, è un cambio di civiltà. Ricordo una mia vecchia battuta: non bisogna aspettare che finisca il petrolio. L'età della pietra non è finita perché erano finite le pietre. Si va avanti solo mollando questi fossili che oggi ci vogliono riportare indietro nel tempo.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

TWITTER GALLERY#m5s

Leggi anche...

Commenti


Buona giornata,

Sei in qualsiasi tipo di difficoltà finanziarie; Avete bisogno di un prestito per cancellare i debiti; Avete intenzione di aumentare le finanze; Tu sei un uomo d'affari che vuole espandere il suo / la sua attività. Si consiglia la presente contatto il vero eroe, la fiducia, e la società di prestito di prestito efficace per il prestito. Ho riconosciuto sia da parte di individui e il governo del nostro grande efficacia.

Si prega di tornare a noi se interessati, attraverso: cashloancompany10@gmail.com

Siamo certificati, affidabile, efficiente, veloce e dinamico. E siamo in grado di offrire un prestito di € 5.000 a € 25.000.000,00 con un basso tasso di interesse del 3% all'anno.

Vi preghiamo di contattarci, se avete bisogno di un prestito da mia compagnia. Il nostro indirizzo e-mail del contatto: cashloancompany10@gmail.com

Cordiali saluti,
Robert Smith.

Buon giorno (offerta di prestito)

Robert 26.02.17 02:53| 
 |
Rispondi al commento

HA LA VOSTRA ATTENZIONE
In famiglia o tra amici, il prestito di denaro non dovrebbe essere una fonte di conflitto.
Per questo, una soluzione "Privata Investire" per la vostra soddisfazione.
Offriamo prestiti finanziari , immobiliare, Prestito , Prestito di investimento,
Prestito auto , Prestito personale .
Per tutti la richiesta di finanziamento, vi preghiamo di contattarci al seguente indirizzo: loanprivate.invest@gmail.com

Roberto 09.02.17 01:23| 
 |
Rispondi al commento

Questo messaggio si rivolge a tutti quelli che sono in una necessità di prestito
urgente e soprattutto seri di domanda di prestito:
Avete bisogno di fare un prestito, volete notare i domini in
quali si possono aiutarli:
* Finanziamento
* prestito immobiliari
* prestito ha l'investimento
* prestito automobile
* Debito di consolidamento
* Margine di credito
* Seconde ipoteche
* Riacquisto di credito
Un solo indirizzo per la vostra soddisfazione.
indirizzo invest.private01@gmail.com

invest private 24.01.17 12:42| 
 |
Rispondi al commento

sono in una necessità di prestito
urgente e soprattutto seri di domanda di prestito:
Avete bisogno di fare un prestito, volete notare i domini in
quali si possono aiutarli:
* Finanziamento
* prestito immobiliari
* prestito ha l'investimento
* prestito automobile
* Debito di consolidamento
* Margine di credito
* Seconde ipoteche
* Riacquisto di credito


Un solo indirizzo per la vostra soddisfazione.
indirizzo invest.private01@gmail.com

invest private 21.01.17 14:29| 
 |
Rispondi al commento

buonasera,
per la prima votazione non ho ricevuto la mail,come mai?
grazie
sino iscritta certificata dal 2013

Luisa daici 14.12.16 20:36| 
 |
Rispondi al commento

chi è raggiunto da un avviso di garanzia.. NON DEVE DIMETTERSI SE SA DI ESSERE INNOCENTE... o diventiamo lo zimbello della magistratura, che a orologeria, emette i suoi avvisi per proteggere il regime di merda comunista al potere, ed ostacolare il ripristino della giustizia e della democrazia.
SVEGLIA...
firmato garbo Leopoldo, nato a veggiano il 18-04-1952
se hai paura di esporti sei un vigliacco

leopoldo garbo 14.12.16 19:20| 
 |
Rispondi al commento

una sola domanda
quanti di voi del Movimento 5 stelle, sono informati sulle città fantasma che la Cina sta costruendo in Africa?
E perché nessuno ne parla?
Basta andare in internet e scopri che ci sono strutture urbanistiche non abitate da nessuno, che possono ospitare in africa tutti gli immigrati del continente Africano.
Perché questo silenzio.
rispondete pure al mio indirizzo
geometragarbo@hotmail.com

leopoldo garbo 14.12.16 19:13| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno , mi vorrei candidare alle prossime elezioni politiche ,mi chiamo Gianfranco Siri vivo e lavoro nella provincia di Alessandria ho 53 anni , come attività primaria mi occupo di impianti tecnologici , nella provincia di Alessandria e non solo qualora di vostro interesse sono a disposizione,mi vorrei avvicinare alla politica per dare un mio contributo ,serio e concreto , a presto.
Gianfranco Siri

gianfranco siri 14.12.16 17:32| 
 |
Rispondi al commento

D'accordo sulle rinnovabili ma i problemi reali degli italiani in questo tragico momento non credo che siano focalizzati su con che tipo di energia funzionano gli elettrodomestici ma piuttosto come faranno a pagarle le bollette.

enrico baldassarre, genova Commentatore certificato 14.12.16 13:41| 
 |
Rispondi al commento

Tassare redditi da capitale ed eliminare le tasse sul lavoro. Così la robotizzazione non competerà in modo sleale con i lavoratori. - Reddito di cittadinanza? Meglio ancora usare risorse per la riduzione degli orari di lavoro a partire dai settori a bassa specializzazione, per ridurre la disoccupazione!

Nicola Giulietti Commentatore certificato 13.12.16 20:21| 
 |
Rispondi al commento

Sono ingegnere energetico. Gli incentivi dati fin'ora alle rinnovabili e per il risparmio energetico hanno premiato in larga parte lobby e tecnologie vecchie: abbiamo aiutato con i nostri contributi aziende tedesche e cinesi che producevano pannelli solari di vecchia generazione bruciando carbone per produrre il silicio necessario per i pannelli.

Ho lavorato nell'eolico d'alta quota: produrre energia a basso costo con aquiloni - ne aveva parlato anche Grillo. Nel settore ci sono alcune aziende che hanno sfruttato l'idea solo per raccogliere finanziamenti a destra e manca, ma prive delle capacità per portare a dei risultati. Ma ci sono anche eccellenze, ad esempio Cherubini, della Normale di Pisa, sta sperimentando (a basso costo) a Delft un sistema estremamente promettente.

Le pianificazioni dall'alto, le valutazioni dei supertecnici, non sono sostenibili nel mondo odierno, dove vince la iper-specializzazione.
Il Movimento deve allestire una rete di competenze, in cui coinvolgere le eccellenze, e individuare in modo trasparente (tutti devono poter vedere a chi si sta facendo un favore), le soluzioni valide, su cui puntare. E continuamente rivalutare tutto, perchè la tecnologia va più veloce della politica.

Nicola Giulietti Commentatore certificato 13.12.16 20:03| 
 |
Rispondi al commento

Grazie per tutto quelo che fai Beppe, w, movimento5 stelle sempre <3

Pappalardo G., Vigevano Commentatore certificato 13.12.16 15:56| 
 |
Rispondi al commento

Quanta energia sarà necessaria per ricostruire i paesi e le abitazioni distrutti dal terremoto? Se vogliamo fare una seria politica di risparmio energetico prima dobbiamo pensare di mettere in sicurezza il nostro territorio promuovendo la costruzione di abitazioni antisismiche come in Giappone. La nostra economia è ormai il fanalino di coda dell'europoa: Possiamo ancora permetterci di importare l'energia elettrica dalla Francia che la produce grazie alle sue centrali nucleari? Se vogliamo far riprendere la nostra economia prima che collassi del tutto abbiamo bisogno di tanta energia a basso costo disponibile subito.

Luigi Prearo 12.12.16 17:15| 
 |
Rispondi al commento

di conseguenza in una diminuzione della disoccupazione,
dei sussidi verso i disoccupati, degli sgravi sui ticket della sanità, quindi più risorse da dirottare sul popolo degli anziani.
Ovvio, quanto sopra riportato è solamente uno spunto da dove partire, poi, di strada per poter fare un programma energetico ce ne è da fare, e tanta, ma la direzione deve essere quella riportata sopra, altrimenti non si va da nessuna parte. C'è un detto, tutte le strade portano a Roma, ma, se da Firenze per andare a Roma si vuol passare da Londra, oltre al tempo e al costo abnorme di carburante, potrebbe nel tragitto finire i soldi per fare il rifornimento ecc. quindi non arrivarci mai a Roma! Ho arrivarci quando è oramai troppo tardi!

Ferdinando Caula

Ferdinando Caula 12.12.16 12:21| 
 |
Rispondi al commento

Segue il precedente 5
non anno più un lavoro, e chi l'ho ha, ha paura di perderlo, perché c'è una incertezza sul domani impressionante.
I referendum sono un mezzo per far esprimere il popolo su questioni che lo riguardano in prima persona! Ma i referendum costano, e con il debito pubblico che abbiamo, con i problemi che sorgano senza la volontà di nessuno, per esempio il terremoto, / alluvioni / smottamenti ecc. con le strutture pubbliche, per esempio le scuole, caserme dei Vigili del Fuoco, Ospedali, Caserme dei Carabinieri ecc. il più delle quali non è a norma antisismica, non perché costruite in maniera difforme alle tecniche antisismiche di ultima generazione, ma perché datate, con la sanità che funziona, nonostante le misere risorse che gli vengano concesse, con le forze dell'ordine, le quali dovrebbero essere garanti dell'incolumità degli italiani, a malapena hanno un giubbotto antiproiettile, praticamente, se dovessero affrontare, non dico una sparatoria con proiettili all'uranio, ma anche contro le frecce da balestra o da arco verrebbero decimati.
Lo stato italiano non deve indebitarsi maggiormente per i referendum, ma bensì per aiutare gli italiani, e fare una politica energetica, che prevede la creazione di una ESCO di STATO, è molto più importante che fare referendum per Trivelle / Costituzione ecc. quelle possano aspettare, una persona malata, che non si cura, e ce ne sono tante, non solo tra le persone anziane – ed è già una vergogna! - perché deve pensare a mangiare, a pagare le utility, ad i propri figli, nipoti ecc. che magari, con questa crisi hanno perso il lavoro, o i terremotati, quelli NON POSSANO E NON DEVONO ASPETTARE!
Creare una ESCO di STATO è un modo, oltre che per ridurre l'inquinamento diretto o indiretto, anche e sopratutto per il giro di denaro che ne comporta, il quale si traduce in posti di lavoro, quindi, in un riassetto economico del settore immobiliare,

Ferdinando Caula 12.12.16 12:19| 
 |
Rispondi al commento

Segue il precedente n.4
In seconda battuta, c'è il discorso del carburante per le auto. Ho letto sul blog di 5 stelle quanto segue "Sei d'accordo con lo sviluppo di politiche che scoraggiano l'uso della benzina e del gasolio?"
Le politiche che devono scoraggiare l'uso della benzina o del gasolio, devono prevedere il solito meccanismo delle ESCO per far diventare il parco immobiliare italiano ad energia quasi zero, e cioè far diventare il nostro parco gommato a consumo / inquinamento quasi zero.
Questo sta a signigficare, che, se gli italiani hanno delle priorità che sono mangiare, vestirsi, pagare le bollette ed infine curarsi, l'auto / mezzi gommati non sono tra quelli, di conseguenza, il ragionamento è il solito, e cioè, dopo aver, tramite la ESCO fatto diventare la propria abitazione a consumo quasi zero, se le entrate economiche della famiglia, lo permettano, la solita ESCO, sostituisce l'auto a benzina o gasolio con un auto elettrica oppure a idrogeno, ed a quel punto determinerà la rata mensile da pagare al contribuente, se non è possibile, perché il contribuente non ha forza economica sifficiente, deve mettere l'auto, non a norma, in garage o rottamarla, però, in questo caso, gli deve essere rilasciata una tessera a livello gratuito per potersi muovere sul territorio italiano con i mezzi pubblici, sia autobus, sia tram vie sia treni, sia funivie e traghetti.
Questo è l'unico modo per poter rinnovare il parco auto italiano in maniera veloce, diminuire l'inquinamento, non solo, rendere più sicure le strade.
Lo Stato, che poi siamo tutti noi italiani, deve, purtroppo, farsi carico della situazione nella quale si trovano gli italiani, ed intervenire in aiuto ad i medesimi, altrimenti, qualsiasi legge che viene fatta, come sanatorie, incentivi ecc. non servano a niente, perché il problema più importante è che gli italiani non hanno più risorse economiche – liquidità -,

Ferdinando Caula 12.12.16 12:17| 
 |
Rispondi al commento

– con il termine isola non si definisce un pezzo di terra in mezzo al mare, ma, bensì, una zona delimitata da criticità - più disagiate dal punto di vista energetico, per esempio le isole, sia le grandi isole, Sardegna e Sicilia, sia le isole minori, non per bellezza o importanza storica, ma solamente per superficie, per poi andare nelle zone montane, ecc.
Ovvio e indiscutibile, che questi interventi devono essere effettuati sia nel privato che nel pubblico, magari in sinergia con le ESCO – aziende private - che negli anni sono nate. E' importante che, nell'individuazione delle isole da portare ad energia quasi zero, oltre che a ristrutturare gli edifici esistenti, prevedere, in funzione al Protocollo di Kyoto, e successivi, anche una riorganizzazione e riassetto del territorio tramite la VAS – Valutazione Ambientale Strategica - , prevedendo, dove è possibile piantumazioni di alberi ad alto fusto / sempre verdi ecc., risistemazione dei bacini acquiferi, torrenti, fiumi, verificare se è possibile inserire anche sistemi eolici, oltre ad i pannelli fotovoltaici sopra le coperture degli immobili ecc. Nei posti, dove esiste l'affaccio sul mare, e l'Italia è una penisola, praticamente circondata su tre lati dal mare, prevedere desalinificatori, in modo tale da preservare le risorse idriche sotterranee, per gli usi industriali e nell'agricoltura ecc. Ovvio, le isole sia maggiori, Sardegna e Sicilia sia minori Elba / Giglio / Montecristo / Ischia, ecc. si prestano per tale progetto in maniera meravigliosa.
Contemporaneamente, devono intervenire i vari enti erogatori delle utility, e cioè Acqua / Gas / Rete Elettrica / Riscaldamento / Telefono, in modo tale da sostituire, per esempio, per le aziende che gestiscano la distribuzione dell'acqua, tutte le tubature in Piombo, per il Gas solita cosa, mentre per la telefonia l'inserimento delle fibre ottiche ecc. sistemi di depurazione e trattamento delle acque reflue con sistemi ad osmosi inversa ecc.

Ferdinando Caula 12.12.16 12:15| 
 |
Rispondi al commento

segue il precedente n.3

Ovvio e indiscutibile, se il reddito della famiglia è sotto la soglia della povertà, la ESCO realizzata dalla Stato dovrà lo stesso effettuare il lavoro per fare diventare l'immobile ad energia quasi zero, ma le rate diventeranno esigibili dalla ESCO – STATO – solo quando la famiglia è uscita dallo stato di povertà, altrimenti lo stato si comporterebbe non da buon padre di famiglia, ma da padre padrone / aguzzino, e questo non rientra nemmeno lontanamente da quanto riportato sulla nostra costituzione!
A questa maniera è garantita una vera politica energetica nazionale, non solo, contemporaneamente è garantito il riassetto sismico di tutti gli edifici sul territorio, e la cosa importante, l'evasione nel settore edile andrebbe a zero! Come il lavoro nero in tale settore. Ed il settore che oramai langue da circa 8 / 10 anni riprenderebbe respiro. Per avere alta qualità delle opere effettuate, e un giusto equilibrio di spartizione delle gare di appalto per tali interventi, le gare di appalto devono prevedere la non possibilità del sub appalto, altrimenti, c'è il rischio / quasi certezza, che solo pochi si aggiudicherebbero gli appalti, i quali subappalterebbero e cosi via, ed il manufatto finale sarebbe sicuramente scadente!
Gli incentivi che sono stati dati in questi anni per i Pannelli fotovoltaici / Eolico – mini eolico / ristrutturazioni in genere, sono stati eccezionali, ma gli italiani attualmente, con la crisi che c'è, per quanti incentivi ci possano essere, pensano al quotidiano – mangiare, vestirsi, pagare le bollette ed infine curarsi -.
Adesso c'è bisogno che lo stato prenda in mano la politica energetica in maniera importante! Da buon Padre di famiglia!
Lo stato deve creare una ESCO, ma non deve fare gli interventi a macchia di leopardo, perché non servono a niente, tanto fumo e niente arrosto! Bisogna che gli interventi vengano effettuati ad isola, nel senso che, dopo aver definito le isole –

Ferdinando Caula 12.12.16 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Segue il messaggio precedente:

L'impegno di chi vuole guidare l'Italia non deve essere quello di demonizzare il rivale politico, anche perché, se la direzione di tutte le forze politiche è quella di risolvere i problemi che affliggono gli italiani - debellare i tumori – è inconcepibile sprecare tempo energia e risorse per distruggere un avversario politico, ma bensì, quella di collaborare, non in maniera bovina ma nemmeno aggressiva, ma bensì costruttiva, per arrivare insieme alla soluzione dei problemi.
Fatta questa doverosa premessa, andiamo alla questione energetica italiana!
Il maggior consumo di energia è dato dalle civili abitazioni, per il semplice motivo che non hanno impianti tecnologici all'avanguardia o se li hanno sono vetusti – obsoleti rispetto a quelli di ultima generazione -.
Può essere realizzato o ristrutturato qualsiasi edificio per farlo diventare da energivoro a energia quasi zero! Ovvio, per alcuni tale considerazione è limitata, perché sotto la giusta tutela delle Belle Arti, Il problema è il costo di tali interventi, in un momento di totale incertezza.
La soluzione esiste, ed è applicabile, basta che lo Stato Italiano crei una ESCO, la quale, ristruttura gli immobili dei privati, facendoli diventare ad energia quasi zero, oltre che antisismici, ed il costo dell'operazione si tramuta, per il proprietario dell'immobile – famigliari conviventi -, in rate mensili, calcolate sul reddito della famiglia, e versate, per i dipendenti, dal datore di lavoro all'ESCO, mentre, per i liberi professionisti, pensionati ecc. , il pagamento alla ESCO lo effettuano tramite o un bollettino postale o tramite un F24. In caso di vendita dell'immobile, il compratore, insieme alle tasse di acquisto, tramite un F24 gira l'importo rimanente alla ESCO.

Ferdinando Caula 12.12.16 12:12| 
 |
Rispondi al commento

Egregio Beppe Grillo
Ti ho scritto un post sul Blog per capire come poter fare a contribuire, in maniera attiva, alla realizzazione del programma di governo per l'energia, ma non mi è arrivata nessuna mail con il riferimento della / delle persone che se ne occupano all'interno del movimento 5 Stelle, non so cosa pensare, comunque sia ti scrivo tramite Blog, anche se non mi affascina, anzi tutt'altro.

Alcune riflessioni su un possibile e auspicabile programma di governo – Energia -
Bisogna fare una considerazione importantissima, prima di redigere un programma di governo sull'energia, e cioè:
L'Italia sta attraversando un periodo di crisi oramai da 8 anni, inimmaginabile! Le sostanze economiche degli italiani si sono assottigliate, quindi, prima di investire nell'eco logicamente giusto, pensano a mangiare, se ci riescano, a vestirsi a pagare le bollette, ed infine a curarsi – il più delle volte non si curano, e questa è la sconfitta peggiore che il popolo Italiano non si merita! -.
Per ben comprendere la situazione italiana, l'analogia meglio centrata è quella con un essere umano, nel senso che : L'Italia è un corpo pieno di tumori di varia natura, ma tutti aggressivi, i quali hanno lanciato metastasi all'impazzata! E la cura non è il lifting – Referendum o similari, tanto-meno scioperi o manifestazioni – ma bensì, l'inserimento in un centro specializzato in Tumori, poi, in funzione alla tipologia di Tumore dirottare le biopsie verso centri specializzati e intervenire immediatamente, ma non solo su un tumore, ma su tutti i tumori, altrimenti l'Italia – Italiani – muore – muoiono -. E questa non è una ipotesi, purtroppo, è una certezza!

Ferdinando Caula 12.12.16 12:10| 
 |
Rispondi al commento

non dobbiamo permettere di farci sostituire i contatori!!!

edoardo beltrame 11.12.16 18:07| 
 |
Rispondi al commento

Tempo fa in RAI era stato presentato un furgone alimentato con aria compressa. Nemmeno energia elettrica, ma aria compressa! Funzionava e si muoveva benissimo, alla pari di medesimi automezzi. Il discordo della riconversione delle industrie automobilistiche, che per la riconversione dovrebbero consumare maggiori quantitativi di prodotti fossili, sarebbe superato se contestualmente si incrementasse e diffondesse l'autosufficienza energetica delle abitazioni con il fotovoltaico. I fondi incentivanti all'uopo stanziati sono stati un vero e proprio "regalo" per i gruppi industriali che hanno insediato grandi impianti a terra di pannelli fotovoltaici con consumo di terreno agricolo sottratto alla sua destinazione elettiva. Basterebbe ridefinire con adeguate e tassative norme la disponibilità prioritaria degli incentivi per le abitazioni in un piano urbanistico-industriale, impedendo l'ulteriore consumo di terreni agricoli da parte dei gruppi industriali che sinora vi hanno lucrato. Ciò consentirebbe altresì di compensareil fabbisogno più marcato per le fabbriche di automobili ai fini della loro riconversione per quei motori ad aria compressa.

Giuseppe D. Commentatore certificato 11.12.16 11:57| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei suggerire ai collaboratori del movimento 5 stelle, a coloro che "provano" a modificare alcune leggi e che ci chiedono il parere su "Rousseau" di PROVARE a scrivere in "ITALIANO" di modificare con articoli scritti in Italiano. Non utilizzate parole "Inglesi" o "acronimi"! La legge o l'art. di legge deve essere composto di periodi brevi e di parole semplici.
Es: Non si deve scrivere " wet byproduct manager" in una legge italiana. E non si devono usare le parole "insipiente, edibile" per dire ignorante e mangiabile.
Grazie.


Buongiorno a tutti. A proposito di energia vorrei segnalarvi la mia recente esperienza. Sono stato trasferito per lavoro in Toscana circa un anno fa. Ho sempre vissuto in campagna a contatto con la natura e volevo continuare a garantire questo stile di vita alla mia famiglia ed alle mie 3 bimbe per cui ho cercato di acquisire una proprietà di tipo rurale da poter trasformare costruendo in bioedilizia e con tutte le soluzioni possibili per una casa energeticamente autonoma e dal punto di vista ambientale sostenibile. Dopo più di un anno di ricerca ho dovuto abbandonare il progetto, acquistarne una in cemento ed ora sto cercando di adeguarla alla mia idea di energia iniziale con fotovoltaico, accumulo elettrico, pompe di calore e radiante e via dicendo. Questo perchè in quella parte della Toscana dove ho cercato (da Pisa a Firenze) non è possibile rilevare un rudere, rimuoverne le macerie e ricostruirlo uguale in bio edilizia. In un caso addirittura mi è stato detto invece (dal dirigente di un ufficio tecnico comunale) che avrei dovuto inglobare completamente nel cemento la struttura esistente perchè sulla carta doveva restare il fabbricato originale..... e questo è uno solo dei tanti esempi....se questo è il modo per crescere, siamo a posto!

davide stellacci 11.12.16 08:24| 
 |
Rispondi al commento

io ho una proposta vista la dislocazione delle autostrade, metterei due file di pannelli solari ai lati delle autostrade portando cosi l'energia prodotta in tutta italia questa discussione è valida ma leggendo i commenti non trovo proposte
ma solo lamenti

giacintosevergnini 10.12.16 18:35| 
 |
Rispondi al commento

MI PIACEREBBE CHE IL NS PROGRAMMA SULL'ENERGIA TENESSE ANCHE CONTO DELLO SFRUTTAMENTO DELL'ACQUA DI FALDA, IN GRADO DI PRODURRE, SENZA ALCUN INQUINAMENTO O IMPATTO SULL'ECOSISTEMA, RAFFREDDAMENTO E RISCALDAMENTO ANCHE IN CONTEMPORANEA ED INDIFFERENTEMENTE IN QUALSIASI STAGIONE CON MACCHINE FRIGORIFERE A POMPA DI CALORE GIA' AMPIAMENTE PRESENTI SUL MERCATO (AD ESEMPIO IN ITALIA PRODOTTE DALLE SOCIETA': "CLIMAVENETA", "CLIVET", ED ALTRE ANCORA)

FRANCO RAGAZZINI 10.12.16 15:44| 
 |
Rispondi al commento

https://edoardobeltrame.com/2016/11/22/il-consumatoreutile-idiota/

Edoardo Beltrame 10.12.16 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Fatevi questa semplice domanda.
https://edoardobeltrame.com/2016/11/29/intelligenti-per-chi/

Edoardo Beltrame 10.12.16 15:05| 
 |
Rispondi al commento

Con i nuovi contatori,quelli vecchi sono illegali, stabiliranno da remoto quanto dovremo consumare e quale dovrà essere la nostra potenza installata! Stabiliranno inoltre quanto un impianto FV dovrà produrre! Il consumatore italiano ha perso completamente il contatto con la realtà! Le bollette non gli servono per capire quanto consuma e i contatori sono taroccabili da remoto! Questa è la battaglia che, in linea con il programma, dovremmo combattere! Sensibilizzazione dei consumi! Non ci vuole molto! Solo sensibilizzando la gente si riesce a consumare di meno! Hi di voi sa quanti kWh di energia elettrica o quanti m3 di gas consuma in un anno? Nessuno! È di questo che il sistema si approfitta! Leggete le istruzioni sul mio blog!

Edoardo Beltrame 10.12.16 14:12| 
 |
Rispondi al commento

Quando vi renderete conto che non siamo noi a decidere quanto consumiamo ma sono quelli che lo decidono da remoto per noi con i loro contatori intelligenti e illegali?
Sveglia ragazzi! Leggetemi per favore www.edoardobeltrame.com

Edoardo beltrame 10.12.16 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Il tema energia è importantissimo ma se non si farà sapere agli italiani che una delle prime intenzioni del movimento 5 stelle sarà fermare MARE NOSTRUM per scardinare il business dei clandestini (vergogna tutta italiana), sarà tutto inutile perché il m5s perderà moltissimi consensi e fallirà clamorosamente e chi leggerà queste parole sicuramente un giorno le ricorderà.

Giulio T. 10.12.16 13:20| 
 |
Rispondi al commento

Dobbiamo sensibilizzare la gente sui consumi! Nessuno sa quanto consuma,neppure Beppe!
Tutti dovremmo farcela con 3 kW di potenza installata! È questo il messaggio corretto è in questo senso il programma è corretto! La gente va sensibilizzata e non ci vuole molto!
Leggetemi www.edoardobeltrame.com

Edoardo Beltrame 10.12.16 12:51| 
 |
Rispondi al commento

Un argomento importante quello dell' energia. Ho letto e visto vari contributi. D'accordo sull' utilizzo di energie alternative anche perché in questo modo saremo meno dipendenti dai paesi da cui ora importiamo materie prime (gas petrolio). Nelle Canarie sfruttano ad esempio in maniera intensiva vento e mare come fonte energetica. Si potrebbe fare anche da noi (penso alla mia Sardegna dove vento e moto ondoso sono praticamente continui). Son più perplesso sull' utilizzo intensivo delle batterie. In primis come detto occorre disporre di accumulatori altrimenti molta energia viene persa e non è possibile gestire i picchi di utilizzo. Inoltre bisogna ancor prima definire protocolli trasparenti e certi del recupero totale delle batterie. Di una macchina al momento in demolizione si recupera il 100%. Delle batterie esauste alcuni dati parlano (forse) del 65%. Il resto deve essere stoccato in discarica (metalli pesanti). Si parlava tanto di idrogeno. Farei un ibrido idrogeno/elettrico più che una totale dipendenza elettrica almeno per i trasporti. In questo modo la parte di elementi elettrici da smaltire (batterie) sarebbe in numero minore rispetto ad una totale dipendenza. Inoltre si eviterebbe di passare da un cartello dei petrolieri ad uno degli elettrolieri (bella parola!@@). Certo è che dovrebbero a tutti permettere di poter essere anche accumulatori energetici ad esempio utilizzando tetti e pareti delle abitazioni per catturare l energia solare, sistemi di frenata di auto/treni che ricaricano le batterie stesse, possibilità di riconversione di aree industriali a produzione eolica. Certo tutto questo vorrei capire come verrà discusso con gli ambientalisti che aborrano il fatto di veder pale eoliche nel territorio oppure off Shore. Anche se ripeto abbiamo molte aree industriali abbandonate e irrecuperabili dal punto di vista territoriale che potrebbero in tal modo essere convertite. L ultima cosa: l Italia ha un ruolo importante ma chi inquina tanto sono Cina e Usa.

Luca 10.12.16 08:51| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti
Parlare di energia è importante, ma, onestamente inizierei a parlare di argomenti più seri che rendono la vita difficile alle famiglie.....la fame, la mancanza di lavoro, stipendi adeguati, riconoscimento alle casalinghe,abolizione tasse per i monoreddito,abolizione della legge Fornero, riforma della scuola ( e su questo settore avrei proposte validissime e riduzioni enormi di spese inutili )etc.etc. In ogni caso sono qui per dare il mio contributo, ma, non solo per votare quello che decidete.
Vi auguro una buona giornata saluti Domenico Galardo

Domenico Galardo 10.12.16 08:28| 
 |
Rispondi al commento

Se ci pensate il trasporto elettrico è già i parte realtà e deve essere solo consolidato e generalizzato:
- grandi distanze = treno
- medie distanze = treni locali e passanti ferroviari
- piccole distanzs = metropolitane, filobus, tram
- micro spostamenti = furgoni, auto e bici elettriche
La tecnologia ci fornisce tutte le soluzioni. Perchè non si attuano? Chiedere a lobby del petrolio e auto con motori a scoppio. Buon lavoro

Giuseppe Farinella 10.12.16 03:22| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordo

Anna imperatore 10.12.16 02:52| 
 |
Rispondi al commento

Osservate la Vostra possibilita Gli Amici !!!

Buongiorno signore e signora
DOPO le Difficoltà Finanziarie di cui Sono vittimemolte PERSONE in tutto il
mondo ho DECISO incollaborazione con i miei avvocati ed il mionotaio di
assegnare un prestito Tra Privati ​​edall'ogni persona Che E Nella Necessità.
Alloraper le Vostre Necessità di prestiti Tra Privati ​​per affrontare le
Difficoltà Finanziarie, SIA per rilanciare le Vostre Attività o per la
realizzazionedi Progetto delle Nazioni Unite, Infine per Uscire dal vicolo ciecoche causano
Le Banche con il Rifiuto delle vostrecartelle di Domanda di crediti, Sono in
Grado difarvi prestiti Che Vanno di 2.000 € a 5.000 € 000 con un Tasso d '
interesse del 3% all'importo di cui Avete bisogno di e con Condizioni di
rimborsoche vi faciliteranno la vita. Ecco i domini neiquali POSSIAMO
aiutarli: * * Finanziere prestitoimmobiliare * prestito all'investimento di *
prestitoautomobile * Debito di Consolidamento * Margine di credito * Seconda
ipoteca * riacquisto di credito * prestito Personale siete schedati, Divieti
bancari e non Avete il favoredelle Banche o meglio Avete un Progetto edavete
 bisogno di Finanziamento, Una cattivacartella di credito o Necessità di
Denaro per Pagare Fatture, fondo da Investire Sulle imprese.Allora se Avete
Necessità di prestito non esitatea contattarli. Per Qualsiasi altra
informazionevolete contattarli da parte dimail.developpement.aide@gmail.com

       ALTRA OPPORTUNITÀ
 
Credito Natale affidabile e rapido
Per aiutarli a affrontare le Vostre SPESE DiNatale e feste di fine d'anno,
mettiamo un vostradisposizione prestiti Che Vanno del 2000 € a 50000 € ad un
Tasso d'interesse moltoaccessibile del 3% soltanto. per ULTERIORI
Informazioni Le Contattate per posta elettronica:
developpement.aide@gmail.com

alvine gomez Commentatore certificato 09.12.16 19:28| 
 |
Rispondi al commento

Tutte queste interessanti proposte per il risparmio energetico e l'ottomizzazione non potranno mai essere realizzate fino a quando non il movimento 5 stelle non avrà la maggioranza parlamentare.. noi siamo controcorrente e nessuno ci appoggerà se andremo contro certi interessi quindi la prima cosa da fare è selezionare una classe dirigente preparata in modo che nessuno potrà accusare il movimento di essere inadeguato e disorganizzato, non possiamo più permetterlo,ho letto che ci sono molti professionisti nei vari settori che si propongono ..fatevi avanti iniziate a candidarvi come consiglieri nel vostro comune. Purtroppo in provincia il movimento è spesso assente non ci sono attivisti .. è necessario entrare in ogni comune italiano per dare il proprio contributo ma anche per controllare gli sprechi e il malaffare che purtroppo è sempre presente . Io abito in provincia di Bologna è la reazione quando parlo del movimento è quella di rifiuto totale (soprattutto da parte degli over 50) e di derisione, e veramente dura qui... roccaforter del PD, ma io non mollo naturalmente.. quindi spero che si prosegua a tappeto l'informazione magari con banchetti perenni ..volantinaggio anche nei comuni e nelle frazioni più piccole. E' importante che ci sia almeno un gruppo di attivisti pronti a dare informazione e creare gruppi dedicati su facebook in tali territori spesso trascurati.. devono vederci e sapere che non siamo un'entità sconosciuta e misteriosa. In occasione del voto del 4Dicembre è stata importante la presenza dei rappresentanti di lista del movimento, e alle prossime elezioni dovremo essere in ogni seggio e il messaggio dovrà essere chiaro NOI CI SIAMO!!

GIOVANNA MORETTI 09.12.16 18:59| 
 |
Rispondi al commento

Ciao


quindi ho ricevuto un prestito di 125.000 euro in signor CLAUDET, allora se avete bisogno di prestito, voi potete contattarlo su questo mail:claudejiliet7@gmail.com

BLOGNE JUSTINE , toscana Commentatore certificato 09.12.16 17:57| 
 |
Rispondi al commento

SISTEMA PER AUTOSUFFICIENZA ENERGIA ELETTRICA PER ILLUMINAZIONE ED ACQUA CALDA CON ANNESSO RISCALDAMENTO AD € 0...
ILLUMINAZIONE :FOTOVOLTAICO CON BATTERIA DI ACCUMULO
RISCALDAMENTO ED ACQUA CALDA .. COMBINAZIONE SOLARE/GEOTERMIA
COSTO €.30.000

michele c., torremaggiore Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 09.12.16 17:36| 
 |
Rispondi al commento

Un quesito per Beppe Grillo: la benzina costa quanto il latte.
Da settant'anni un litro di benzina alla pompa costa quanto un litro di latte in latteria.
La formazione del prezzo segue regole diverse, ma niente.
Crisi energetiche globali, quote latte europee, non cambia nulla: la benzina costa quanto il latte.
In Italia ma anche nei paesi occidentali che conosco.
Ad esempio negli Stati Uniti costano entrambi la metà dell'Italia, in Germania un 20% in meno. Da sempre,che sappia.
La domanda è: perché? C'entra con la politica energetica? Come?

Giacomo SAN MARTINI, ROMA Commentatore certificato 09.12.16 17:18| 
 |
Rispondi al commento

La rete a 3000 volt delle ferrovie é capace oggi di recuperare milioni di ckilovatt prodotti dalle locomotive elettriche in frenata o in discesa. Il sistema suddetto é trascurato o inutilizzato. Bisogna intervenire e mettere mano alle ferrovie dove il pesce puzza dalla testa.

Raffaele Bencini 09.12.16 17:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dai Beppe pensiamo al futuro dei nostri figli, i miei, anche se ancora piccoli ma non troppo, stanno vedendo le cose come tu le descrivi energia rinnvovabile per i prossimi anni. In bocca al lupo.

maurizio PESANTE, roma Commentatore certificato 09.12.16 16:25| 
 |
Rispondi al commento

benissimo tutto quello che hai detto sull'energia ! noi siamo un paese turistico e i politici dovrebbero capire che il nostro oro sono le nostre coste, le nostre opere d'arte , la nostra aria , il nostro cibo . Ora teniamo presente che i turisti che vengono sono tutti o quasi automuniti e consumano benzina e gasolio ! dovremo avere per loro cosa dare da mangiare ai loro mezzi !!! Per il resto nessuno ci impedisce di diventare un paese d'elite dove tutto e' elettrificato con energia alternativa ! bisogna politici con le palle e belle grosse . io spero in voi sempre che non vi perdiate per strada per altre cazzate . facciamo prima le cose importanti , ma quelle vere.... la filosofia la faremo in seguito !!! Coraggio !!!

luigi damiano 09.12.16 16:14| 
 |
Rispondi al commento

Splendido inizio del programma a 5 Stelle. Queste sono le scelte politiche che condivido. Il resto è fuffa.

Carlo Alberto Turrini 09.12.16 16:01| 
 |
Rispondi al commento

stimolare l'incremento di produzione di energia alternativa è un dovere sociale , oltre che un benessere per l'umanità, occorre stimolarla in funzione di incentivi e bonus fiscali, redigere una carta del "buon cittadino" che al raggiungimento di certi step ottiene dei vantaggi: aliquota IRPEF ridotta - azzeramento dell'IRAP - riduzione/esenzione IMU - bonus sulle accise - zero canone TV - ecc ecc

luigi raffaele vassallo 09.12.16 15:59| 
 |
Rispondi al commento

Si, dobbiamo evolvere a livello energetico, fare un salto nel futuro. Investire su energie rinnovabili. Come si fa? Quali sono le strategie da adottare? Doveroso passare alle rinnovabili!

Lavoreranno i robot al posto nostro, bello, ma lo stipendio poi chi lo percepisce, il robot? Sicuri sia una buona idea? Perché dobrebbero pagarci se a lavorare saranno le macchine?


Se in ogni casa ci fosse un impianto basato sulle Fuel Cell , pannelli solari, batterie e convertitori cc/ca, potremmo produrci energia elettrica per il proprio uso e in caso di abbondanza immetterla nella rete elettrica a disposizione di chi ne usa più di quanta ne produca.
I pannelli solari produrrebbero energia per produrre idrogeno che servirebbe per far funzionare le Fuel Cell che produrrebbero molta più energia elettrica per la nostra e altrui abitazione.
La tecnologia c'e` e anche il M5S……allora basterebbe una forte volontà politica per poterla applicare.

Italo Pelizzola Commentatore certificato 09.12.16 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Energia pulita va bene ma per me bisogna cominciare con il ripulire la classe dirigente,e altro ci siamo capiti, parlo di giudici,magistrati, direttori di banche, generali delle forze dell'ordine, fino gli impiegati, cercando di eliminare la corruzione e giustizia severa e certa, in modo che poi si possano fare delle leggi buone ma che siano applicate subito e in modo corretto, l'impianto del pubblico impiego deve essere riorganizzato, per dare servizi veloci e senza errori e vanti cosi, PS:non fatevi fregare ,tenete sempre alta la guardia, io non mi fido mai di questa classe politica , cominciando dal PD,forza 5 stelle, formare una classe politica e farsi consiliare da gente esperta e fidata inserendo anche tecnici, scate se dico queste cose , probabilmente le sapete già.

Bruno Knez, Gorizia Commentatore certificato 09.12.16 13:22| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
volevo dirti una cosa che mi è successa questa estate:nel mio piccolo B&B nelle campagne marchigiane ho ricevuto una prenotazione da un cliente austriaco il quale mi faceva una richiesta: dato che viaggiava con una Tesla, totalmente elettrica, aveva bisogno di un punto di carica per la sua auto, con una presa trifase da 10KW. Mi sono fatto mandare le informazioni di dettaglio, ed ho allestito il punto di carica con una spesa di circa 400 Euro. Di questa cifra, la parte maggiore era un contatore dedicato, per poter misurare i KWh consumati e poterli addebitare al cliente.
Ebbene, il cliente è venuto, è rimasto per una settimana, tutti i giorni andava a fare un giro turistico per le Marche (Urbino, Frasassi, Fabriano, il Conero, ecc ecc) il pomeriggio stava in piscina, la sera usciva a cena nei dintorni. Tutte le sere metteva la sua auto sotto carica (autonomia di quasi 500 Km).
Alla fine del soggiorno, ho controllato il contatore, e sapete quanto aveva consumato in una settimana? 30 EURO !!!
Questo è stato il consumo di una grossa auto elettrica, nemmeno quanto un motorino!
Ma questa informazione non compare da nessuna parte, i petrolieri cercano di non far sapere che l'auto elettrica si ripaga da sola, anche in una nazione, come l'Italia, dove i costi elettrici sono vergognosamente alti.
La mia prossima auto sarà elettrica, stai sicuro.
Un abbraccio
Riccardo

Riccardo Lenzi 09.12.16 12:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
volevo pagarti il caffé e raccontarti una storia che non hai mai toccato nei tuoi spettacoli in merito all'energia.
Capisco che sei terribilmente impegnato e allora ti mando un link di un tuo paesano, penso che lo troverai "interessante" e da cui se vorrai potrai risalire la filiera delle info che sono vecchie di decine d'anni e tenute nascoste dal nostro "amico con la gobba".

https://www.youtube.com/watch?v=9tYuIFYJBhk&t=691s

Solo tu puoi andare a fondo in questo; tutto è stato di nuovo occultato come il documentario fatto dalla RSI.

Stammi bene, e tieni duro!!!!!!

Adriano Castellani 09.12.16 11:46| 
 |
Rispondi al commento

Una buona, coerente ed efficace politica energetica non può prescindere dalla definizione di una politica industriale, di una politica dell'istruzione e, sopreattutto, di una politica estera. Ragionare di una nuova società senza averla preparata culturalmente è miope. Ragionare di trasformazione del mercato del lavoro senza aver trasformato il tessuto industriale dell'Italia è suicida. Ragionare di produzione di energia senza modificare la nostra politica nei confronti dei Paesi del terzo mondo esportatori di materie prime, senza stabilire una nuova politica mediorientale, senza ridefinire la nostra politica con l'Europa, la Russia e gli Stati Uniti sarebbe inutile.
Bisogna iniziare a ragionare contemporaneamente al particolare e al generale, ragionare sulle politiche municipali insieme alle politiche internazionali, smetterla di vedere il proprio orto di casa (o anche solo l'Italia) come un mondo a sé come se il resto del pianeta non esistesse.
In questo faccio anche una critica al movimento, troppo spesso alieno dai processi mondiali e troppo concentrato sulle politiche locali.
È vero come dice Grillo che il comportamento energetico di ogni singolo cittadino è importante, ma è altrettanto importante da comprendere che la responsabilità delle istituzioni è sempre maggiore e che spesso il buon esempio istituzionale funge da cinghia di trasmissione per i comportamenti individuali. Ed è proprio l'idea di Paese, il progetto complessivo di futuro l'oggetto su cui si deve lavorare maggiormente.

Franco Fracassi 09.12.16 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Mi aspettavo che la discussione avvenisse su Rousseau, come per le proposte di legge. Chi provvederà a stilare il programma sulla base dei vari commenti sul blog? E quando sarà pubblicato su Rousseau si potrà solo votare o ancora emendare?

Anna M. Commentatore certificato 09.12.16 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Ma cosa iniziamo a votare? Sarebbe utile avere un testo su cui riflettere e su cui fare proposte. Sembra quasi che si debba votare l'articolo divulgativo del blog.

Marco Ponteri 09.12.16 09:00| 
 |
Rispondi al commento

La grandissima quantità di consumi energetici prodotti da fonti fossili, la deforestazione, l'agricoltura monoculturale industrializzata e la zootecnia hanno accresciuto le emissioni dei gas serra in atmosfera, in particolare l’anidride carbonica, il metano, e altri gas climalteranti, innalzando la soglia del rischio ambientale e l’equilibrio termodinamico del Pianeta.
Le proiezioni dei modelli climatici indicano l’'aumento della temperatura di 5 gradi entro la fine del secolo, con un significativo impatto sul ciclo idrologico. Con temperature mediamente più alte aumenterà l’evaporazione e l’intensità del ciclo dell'acqua, con un conseguente accrescimento dell’umidità dell’aria. La magnitudine e la frequenza di eventi estremi, come inondazioni e siccità, probabilmente saranno più frequenti e severe anche in Italia.
Nell’Italia meridionale aumenta il rischio di desertificazione per la diminuzione delle precipitazioni totali annue al di sotto della soglia di circa 600 mm/a che con temperature medie crescenti comporta un rischio permanente di aridificazione ed estensione dei periodi di siccità per anno. Le gravi conseguenze per l'Italia: L’andamento della temperatura, delle precipitazioni e degli eventi meteorologici estremi tenderà a far aumentare la differenza nella disponibilità della risorsa idrica tra le regioni. Verrà favorito lo spostamento verso nord di tutti i sistemi ecologici e ambientali naturali, con modifiche anche del paesaggio e profonde implicazioni nell’agricoltura, turismo, urbanizzazione e perdita di biodiversità.
L’innalzamento del livello del mare provoca l'erosione e l’inondazione delle aree costiere, l'infiltrazioni di acqua salata nelle falde di acqua dolce con pesanti effetti sulle attività produttive e turistiche.
Questo scenario induce a riflettere seriamente sulla necessità reale di mutare drasticamente il modello energetico basato sui combustibili fossili, risorsa limitata e principale causa del cambiamento climatico.

AURELIO ANGELINI 09.12.16 08:47| 
 |
Rispondi al commento

Tra 30 anni avremo l'uso razionale dell'energia per il 30% della popolazione che avrà un lavoro, ovviamente sottopagato.

Eduardo L'Angiocola 09.12.16 08:24| 
 |
Rispondi al commento

Fermo restando il cambiamento verso le rinnovabili si deve lavorare in modo serio sull'efficientamento energetico degli edifici, obbligando negli anni a venire a rendere le mura degli edifici veramente isolate: Un cappotto di 15 centrimetri di polistirolo o fibra di legno su tutta la casa! In corrispondenza dei solai lo spessore deve essere maggiore, essendo i punti dove la fuga di calore sarebbe più alta. Cura di tutti i dettagli, per portare le cornici delle finestre al livello giusto della parete esterna senza perdere in efficienza energetica.Oggi, purtroppo ,specialmente al sud si costruisce in modo indecente con mura quasi totalmente prive di cappotto e intorno all'edificio non esistono "vespai" favorendo la risalita dell'umidita' e quindi il raffreddamento dell'edificio. Con pene severe per i costruttori "distratti" tipo il ritiro della licenza edilizia.

concetta aprile 08.12.16 22:10| 
 |
Rispondi al commento


Osservate la vostra possibilità gli amici!!!

Buongiorno signore & signora
Dopo le difficoltà finanziarie di cui sono vittime molte persone in tutto il mondo ho deciso in collaborazione con i miei avvocati ed il mio notaio di assegnare un prestito tra privati ed all'ogni persona che è nella necessità. Allora per le vostre necessità di prestiti tra privati per affrontare le difficoltà finanziarie, sia per rilanciare le vostre attività o per la realizzazione di un progetto, infine per uscire dal vicolo cieco che causano le banche con il rifiuto delle vostre cartelle di domanda di crediti, sono in grado di farvi prestiti che vanno di 2.000 € a 5.000 000 € con un tasso d'interesse del 3% all'importo di cui avete bisogno e con condizioni di rimborso che vi faciliteranno la vita. Ecco i domini nei quali possiamo aiutarli: * Finanziere * prestito immobiliare * prestito all'investimento * prestito automobile * debito di consolidamento * margine di credito * seconda ipoteca * riacquisto di credito * prestito personale siete schedati, divieti bancari e non avete il favore delle banche o meglio avete un progetto ed avete bisogno di finanziamento, una cattiva cartella di credito o necessità di denaro per pagare fatture, fondo da investire sulle imprese. Allora se avete necessità di prestito non esitate a contattarli. Per qualsiasi altra informazione volete contattarli da parte di mail.developpement.aide@gmail.com

ALTRA OPPORTUNITÀ

Credito Natale affidabile e rapido
Per aiutarli a affrontare le vostre spese di Natale e feste di fine d'anno, mettiamo a vostra disposizione prestiti che vanno del 2000 € a 50000 € ad un tasso d'interesse molto accessibile del 3% soltanto. per ulteriori informazioni le contattate per posta elettronica: developpement.aide@gmail.com

anissa aide Commentatore certificato 08.12.16 21:01| 
 |
Rispondi al commento

Beppe, perché non incominciamo a "sensibilizzare" gli amministratori 5 stelle ? Siamo un gruppo di persone ognuno esperto del suo settore disposti a prestare pro bono (o pro Bono visto che siamo in Piemonte :-) ) la propria esperienza, abbiamo creato un gruppo "Innovazione a 5Stelle" fuori da ogni logica di incarichi e/o candidature, (virus che incomincia a diffondersi in maniera preoccupante), ma le misure che vediamo prendere sono aumento parcheggi e multe.....consentimi di scrivere che non è la "rivoluzione" auspicata. Se volete...noi siamo qui. Buon lavoro

Pietro O., Venaria Reale Commentatore certificato 08.12.16 20:47| 
 |
Rispondi al commento

IL PROGETTO DI BEPPE. Un gran progetto, paragonabile a quello di Prodi ed al nostro ingresso in Europa, questa è la sua visione positiva del futuro. Permettebbe di risolvere i problemi ambientali legati all'inquinamento, di avere un progetto chiaro per l'uso dei robot, di migliorae la qualità della vita. Ci sarebbero problemi per tassare la produzione ovvero le grandi aziende, a causa della globalizzazione, ed avere risorse per affrontare la diminuzione del lavoro che comunque nel futuro ci sarà, ma insomma si puo' cominciare a ragionare. Un problema ulteriore è che il nostro principale strumento di ragionamento, la scienza economica, e' totalmente inadeguato, sa pensare solo col Pil. Le previsioni del FMI si sono rivelate tutto sbagliate, al solito. Non dico da oggi che l'Economia e' da rifondare. Dobbiamo cambiare la nostra mentalità? Credo assolutamente di si. Per ora mi fermo, tuttavia le persone d buona volontà si debbono impegnare affinche':"un altro mondo sia possibile" come si diceva ai miei tempi. Confermo con orgoglio: non avevamo sbagliato niente!


Caro Beppe
fino al 2014 lavoravo presso il CE.FO.P.un ente di formazione professionale come amministrativo e con un contratto a tempo indeterminato.
Poi e' arrivata qui in Sicilia la Signora Crocetta e ci ha mandato quasi tutti a casa.
Morale della favola 56 anni e disoccupato con moglie e figli a carico.
Desidererei sapere cosa propone il movimento 5 stelle per la reintegra in servizio nella formazione professionale per chi come me e' stato trombato. Grazie

luigi caraccioli 08.12.16 18:29| 
 |
Rispondi al commento

per favore tornate a parlare nei programmi televisivi, non fate l'errore dei primi tempi, ci sono persone sprovviste di internet e la Vs voce deve arrivare a tutti per avere la speranza di una vittoria. Ma la consulta non può riunirsi prima del 24 gennaio, siamo proprio in mani dei banditi

patrizia machetti 08.12.16 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Non vi è il minimo dubbio che il programma energetico del M5S dovrà essere incentrato sullo sviluppo delle energie rinnovabili con l'obiettivo di abbandonare al più presto il fossile. Ciò detto nel periodo di tempo necessario a realizzare questo cambiamento epocale,la politica energetica dovrà basarsi sulla drastica riduzione degli sprechi energetici e quindi su una politica che con una forte riduzione delle tariffe agli utenti virtuosi li incoraggi al risparmio e li incentivi al riciclo e al rinnovabile. Sarà soprattutto fondamentale condurre una battaglia culturale che diffonda consapevolezza dell'importanza delle problematiche energetiche e senso di responsabilità verso le generazioni future.

Armando Giampieri, Canale Monterano Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 08.12.16 13:15| 
 |
Rispondi al commento

Non ci sono batterie abbastanza efficienti per fare la rivoluzione elettrica.
Con la tecnologìa attuale, le batterie usate diventerebbero un problema maggiore di quello delle scorie nucleari.

pier luigi 08.12.16 11:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL VERO E UNICO PROGRAMMA CHE GARANTISCE LO SVILUPPO E IL BENESSERE SOCIALE E' L'APPLICAZIONE EFFETTIVA DELLA NOSTRA CARTA COSTITUZIONALE VIGENTE DAL 1 GENNAIO 1948. IN REALTA',E LO SAPETE BENE TUTTI, LA COSTITUZIONE NON VIENE APPLICATA SE NON PER LA PARTE DELLA FORMA DI GOVERNO PERCHE' INTERESSA A COLORO CHE COMANDANO MA TUTTI GLI ALTRI PRINCIPI SONO CARTA STRACCIA. PERCHE' L'ITALIA DOPO LA FINE DELLA 2 GUERRA MONDIALE HA AVUTO UNO SVILUPPO ECONOMICO? PERCHE' I DITTATORI PRECEDENTI ERANO STATI MESSI AL TAPPETO E LA CLASSE DIRIGENTE DI ALLORA CHE AVEVA COMBATTUTO PER LA LIBERTA' E QUINDI AVEVANO VISSUTO IN PRIMA PERSONA COSA SIGNIFICAVA LA TIRRANNIA E L'OPPRESSIONE HANNO GARANTITO LA LIBERTA' A TUTTI E IL RISPETTO DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL'UOMO. OGGI IN ITALIA NON E' PIU' COSI'. LO SAPETE TUTTI CHE DAL 1994, GRAZIE AL COLPO DI STATO SOTTERRANEO TRA MAGISTRATURA E DESTRA REAZIONARIA E ILLIBERALE, HA PRESO IL POTERE UN POTERO OCCULTO CHE DI FATTO GOVERNA L'ITALIA E RENDE IMPOSSIBILE A CHIUNQUE GOVERNARE E FARE RIFORME SERIE. OGGI I GIOVANI SONO PIU'POVERI DEI NONNI. QUESTO PECHE' FA COMODO A CHI DETIENE QUESTO POTERE OCCULTO DI AVERE SOTTO IL LORO POTERE LA GENTE. SE NON FANNO QUELLO CHE DICONO LORO NON GLI FANNO AVERE UN MISERO LAVORO O LO PERSEGUONO CON ALTRI MODI FINCHE' TUTTI DIVENTANO GENTE DI LORO. IO NE HO AVUTO DIMOSTRAZIONE EFFETTIVA. QUINDI AL MOVIMENTO 5 STELLE DICO L'UNICO PROGRAMMA ECONOMICO E' L APPLICAZIONE DELLA COSTITUZIONE VIGENTE.

MASSIMO PROIETTI 08.12.16 11:37| 
 |
Rispondi al commento

Sono un ingegnere che lavora sull'energia da più di 30 anni.
Dovrebbe apparire evidente che ci sarà una transizione dalle energie fossili alle Energia RiNnovabili (ERN); il trasporto pesante (camion, nave, aereo o su rotaia), come pure l'industria,
richiedono densità energetiche elevate che solo la produzione da fossile fornisce
(l'idroelettrico è saturo).
Occorre osservare con attenzione la strategia energetica tedesca, dove da anni si sta effettuando questa transizione (da carbone e nucleare a ERN), con l'accordo di tutte le parti politiche e sociali.
Molte delle tecnologie ERN sono di produzione straniera (ad esempio quasi tutta la tecnologia della produzione da biogas da digestione anaerobica installata in Italia è tedesca, come quella da eolico prevalentemente danese e tedesca).
Di petrolio (e di canapa...) ce ne sarà sempre bisogno per la produzione di materiali plastici e prodotti chimici vari.
Si deve comunque rivedere l'uso dell'energia (e dei materiali), come quello del trasporto privato urbano, dove l'auto privata dovrebbe essere
sostituita da un efficiente sistema di trasporti pubblico (metro, taxi e bus a metano,
magari in futuro elettrico e/o a H2).
Si tratta di un progressivo cambio di energia ma soprattutto di mentalità. Ed è ovvio che la lotta economica sarà tra chi opera in un settore e l'altro.

Stefano 08.12.16 11:12| 
 |
Rispondi al commento

L'uomo al centro di tutto.
Vorrei la GLOBALIZZAZIONE SOCIALE; l'Italia dovrebbe avere rapporti commerciali solo con chi tutela i lavoratori, altrimenti non si accettano i prodotti. Stipendi e pensioni massimi fino a 5000 euro, per tutti anche per i politici; 4 ore di lavoro giornaliere con stipendi che possano permettere una vita dignitosa (a cosa è servita la scoperta di macchinari che producono di più? Dei PC, dei telefonini?). In questo modo ci sarebbe lavoro per tutti. Obbligo di studio, gratuito, fino alla laurea, per tutti; incentivazioni a proseguire nella ricerca.
Meritocrazia VERA, con attitudini dimostrate e verificate periodicamente.

Di seguito: attività tutte improntate sulla QUALITA' e sui processi delle attività gestiti in Qualità, con tecniche del miglioramento continuo, in tutti i settori della società. Campi della salute, lavoro, società, con temi accettati solo se oggettivamente dimostrati e non dettati da interessi economici. Tasse eque pagate da TUTTI.
Questa è una parte del mio libro dei sogni, che spero possa avverarsi tra 800 anni.

Vincenzo C., Roma Commentatore certificato 08.12.16 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Se posso dare il mio piccolo contributo:
1) L'energia deve essere pubblica!
2) L'eolico è molto meno impattante rispetto al fotovoltaico (non consuma suolo), soffre meno l'obsolescenza, resiste molto meglio alle intemperie
3) Il surplus di energia può essere convertito in idrogeno e riutilizzato facilmente. L'idrogeno può inoltre essere trasportato e venduto.
4) cittadini e aziende, a regime, dovrebbero pagare solo il costo della manutenzione degli impianti e della distribuzione, ma non la produzione. Immaginate cosa vuol dire in termini in economici abbassare del 90% il costo dell'energia per una nazione.
5) creiamo fabbriche di aerogeneratori per venderli in tutto il mondo.
Grazie dell'attenzione.

Luca Spinazzola, Cagliari Commentatore certificato 08.12.16 09:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siamo davanti ad una transizione energetica paragonabile a quella che è passata dal carbone e cavallo al petrolio e automobili.
Se il nostro Paese non coglierà questa straordinaria opportunità la subiremo da Paesi più attenti:
- Geotermia a media entalpia a ciclo combinato,
- Biomasse da foreste sostenibili,
- Mini e medio Eolico,
- Fotovoltaico diffuso.
Sono tutte opportunità che dobbiamo cogliere.
L'energia diffusa ha creato milioni di posti di lavoro.

Massimiliano L., Arezzo Commentatore certificato 07.12.16 23:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe
Dipendiamo dalla Francia ,Il referendum sul nucleare ha deciso no alle centrali.....ma nessuno ha ricordato che lo compriamo dalle 4 centrali nucleari francesi .Dai giornali si legge che la Francia ha dichiarato vecchie e quasi obsolete queste centrali......Forse è arrivato il momento di costruirle sul suolo italiano.........
Lavoro...per tanti..e corrente a basso prezzo per tutti....industrie comprese
felice giornata
Luciano Paolinelli

Luciano Paolinelli 07.12.16 20:09| 
 |
Rispondi al commento

Ciao a tutti,
Beppe non dimentichiamo il punto principale, spostare la produzione dalle mega centrali al power cloud, una specie di cloud computing trasferito all'energia.
L'infrastruttura di trasporto deve essere statale.
Grazie
mandate i dinosauri a casa per carita'
Antonio

Antonio P., Londra Commentatore certificato 07.12.16 20:04| 
 |
Rispondi al commento

Perché nessuno parla mai del geotermico? Eppure è la vera fonte rinnovabile senza bisogno di materiali costosi e si può adattare anche ai vecchi condomini.

emanuela sesini 07.12.16 20:01| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Mr. & Mrs.
In seguito alle difficoltà finanziarie subite da molte persone in tutto il mondo ho deciso insieme ai miei avvocati e il mio avvocato di concedere prestito tra individui e tutti coloro che sono nel bisogno. Così, per le vostre esigenze di prestiti tra persone di far fronte alle difficoltà finanziarie, o per rilanciare le attività o per un progetto, per rompere finalmente la situazione di stallo che causano le banche dal rifiuto dei file di richiesta di credito sono in grado di fare prestiti che vanno da 2.000 € a 5.000 € 000 con un tasso di interesse del 3% per la quantità necessaria e con condizioni di rimborso che rendono la vita più facile. Si tratta di aree in cui possiamo aiutarvi a: * finanziari * Home Loan * Investimento Prestito * Auto Prestito * Consolidamento del debito * Linea di credito * Seconda ipoteca * Acquisizione di credito * Prestito personale si sono bloccati, banca vietata e si non hanno il vantaggio di banche o è meglio avere un progetto e hanno bisogno di un finanziamento, cattivo credito o bisogno di soldi per pagare le bollette, soldi da investire per affari. Quindi, se avete bisogno di prestito non esitate a contattarci. Per ulteriori informazioni si prega di contattarci via mail: developpement.aide@gmail.com

john rude james Commentatore certificato 07.12.16 19:59| 
 |
Rispondi al commento

Basta copiare la Svizzera . La Società a 2000 Watt è un modello politico-energetico, che è stato sviluppato nell'ambito del programma Novatlantis presso il Politecnico Federale di Zurigo (ETHZ) ....... https://it.wikipedia.org/wiki/Societ%C3%A0_a_2000_Watt

Paolo C., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 07.12.16 19:43| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
che bello leggere i punti del programma energia. In Campania ci siamo spesi tanto affinchè ci sia l'autosufficienza energetica da fonti rinnovabili (primariamente da fonte solare) nel pieno rispetto della bellissima legge della regione Campania 1/2013.
Finalmente, siamo tornati a rimirar le stelle!
Un abbraccio.

Joe Good Commentatore certificato 07.12.16 19:20| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe, sono pienamente d'accordo con il fatto di utilizzare l'energia alternativa, bisogna incentivare pero' la gente e non gli imprenditori.
Ho visto imprenditori fare impianti fotovoltaici enormi e guadagnarci almeno all'inizio quando lo stato rimborsava e ENEL pagava bene.
Purtroppo il privato paga troppo per un impianto da 3kw e ci impiega 10-15 anni a ripagarselo se nel frattempo non si rompe nulla, cosi rischia che alla fine ci ha rimesso, io non dico che deve guadagnarci, perche' non sta inquinando, ma nemmeno rimetterci.
Altre cose importanti sono:
- evasione fiscale, che si risolverebbe togliendo il contante e permettendo solo pagamenti elettronici, ma per farlo bisogna trovare un accordo con le banche per ridurre le commissioni ad un valore che non infici sul venditore dei beni/servizi
- vivendo vicino roma, vedo sempre gente (italiani e stranieri) che non comprano biglietti per i mezzi pubblici, tanto non controlla nessuno, una volta c'erano i controllori e non sfuggivi, oggi per risparmiare si licenza la gente e poi si va in bancarotta tanto ci sono gli italiani a pagare, ecco forse e' il caso che si crei occupazione, per i controllori di autobus, metro, treno, multe salate, ovviamente prezzi per abbonamento piu bassi, piu corse, piu mezzi. Se nessuno paga il biglietto, e' normale che poi i mezzi sono vecchi, in ritardo, saltano le corse, ecc.
- traffico nelle grandi citta', una soluzione possibile e' creare al di fuori del centro dei parcheggi periferici, gestiti dai comuni, a prezzi vantaggiosi, magari in abbonamento anche e da li servizi con autobus, metro, treno, per arrivare in centro, ovviamente solo i mezzi pubblici, taxi e forze dell'ordine posso girare nel centro, si lascia un orario di mattina e di sera per uscire e rientrare e poi nessun altro puo'
Ci srebbero molte altre cose ma i caratteri sono quasi finiti.

Claudio S. Commentatore certificato 07.12.16 17:04| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno

Se avete bisogno di prestito, potete contattare questa mail per più informazione. Ecco il suo indirizzo elettronico: claudejiliet7@gmail.com

BLOGNE JUSTINE , toscana Commentatore certificato 07.12.16 15:23| 
 |
Rispondi al commento

La visione energetica ė quella giusta e condivisibile. L'unico problema ė che Bisogna renderla fattibile e reale. Ci vuole un programma concreto , fatto di punti programmatici, altrimenti resta parole al vento.


Negli ultimi anni la produzione di energia da fotovoltaico e da altre fonti rinnovabili (grazie alle agevolazioni fiscali) ha registrato un notevole incremento, ma non c'è stato un corrispondente aumento dell'occupazione, della ricerca e delle tecnologie collegate, perché gran parte delle tecnologie e apparecchiature utilizzate nelle nuove installazioni sono state importate dall'estero (Cina in particolare).
Proporrei di rilanciare l'attività dei "Tecnopoli" nel campo delle energie rinnovabili, in particolare nel fotovoltaico di nuova generazione e nelle tecnologie collegate, anche attraverso il rilancio e la sinergia delle eccellenze presenti nel nostro Paese: Università, Centri di Ricerca, Imprese, cercando di "costringere" queste realtà a collaborare per il "bene comune" e non per gli interessi particolari.
In questo nuovo contesto si dovrebbe avviare la riconversione di ENI ed ENEL dalle energie fossili alle energie rinnovabili e l'industria automobilistica dai combustibili fossili all'auto elettrica, nel contempo sviluppando il trasporto pubblico e penalizzando gli autoveicoli più impattanti sul piano ambientale, a cominciare dai SUV che sono un esempio di spreco di materie prime, di energia e di spazio.

Lorenzo Costantini 07.12.16 13:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Potremmo, con un semplice provvedimento, diventare il paese guida del mondo in materia di ambiente.
Basterebbe essere i primi a classificare i reati ambientali come crimini contro l'umanità e perseguirli di conseguenza.
Cerco di raccontare ai miei figli che una volta nei fiumi si faceva il bagno, ma non mi credono, eppure non mi rassegno all'idea che la nostra terra, la nostra acqua e la nostra aria siano avvelenate impunemente da pochi.

Claudio Magni, Milano Commentatore certificato 07.12.16 11:56| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
vi prego, inserite in finanziaria l'Ecobonus!!!!
ho una società operante nelle energie rinnovabili. Siamo riusciti ad andare avanti solo per le detrazioni fiscali che rendono l'investimento ammortizzabile in tempi ragionevoli. facciamo un lavoro di informazione per sensibilizzare il cliente non solo sul business-plan ma anche sull'importanza delle energie rinnovabili per il ns. futuro. Senza incentivi dovremmo pensare di chiudere....

Flavio T., Creazzo (VI) Commentatore certificato 07.12.16 11:09| 
 |
Rispondi al commento

PROMOZIONE D'OFFERTA DI PRESTITO DI DENARO TRA PRIVATO

Sono la signora CORINE BERTHIER e sono in collaborazione con investitori ed aiutiamo persone povero o in necessità di denaro per finita il loro progetto, allora tengo a a dirli che attualmente siamo in promozione d'offerta di prestito di denaro per la fine d'anno 2016, dunque tutto persona interessato dalla nostra offerta di prestito di denaro sarà automaticamente funto tra 72 ore tutt'al più con un tasso d'interessi da 3% l'anno, allora volete contattarmi se siete realmente interessati:

corineberthier94@gmail.com

corine 07.12.16 10:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pur condividendo alcuni suoi obiettivi, inviterei a considerare che il vituperato petrolio, quanto meno in Italia, non arricchisce più nessuno. Il derivato carburante fossile come la manutenzione dei motori endotermici piuttosto che la raffinazione, estrazione, gpl, metano, trasporti tutti sino ad i concessionari auto (si, perché gli ordini di questo tipo di vetture non sfruttano, per univoca scelta dei costruttori, un canale fisico che non sia il web o la subagenzia) nonché quanto in elenco dimentico oltre il suo indotto, si attesta nell'ordine del milione di posti di lavoro (solo per la rete di servizio, ultimissima ruota del gran carro con 24.000 pv e 4/5 addetti in media che per pochi spiccioli dalle 05.00 del mattino sino a notte accoglie ovunque clienti con un sorriso e favorisce ogni loro bisogno ed informazione), generando uno sicuro e per gli operatori ineludibile gettito fiscale di svariate decine di miliardi. Conosco bene il settore delle rinnovabili e società collegate per averci lavorato per anni; mi creda...solo pura speculazione e VERO capitalismo con impiego di risorse umane prossime allo zero. Fossi in lei starei attento in tal senso a far proclami che riguardino orizzonti a breve termine. Il tutto condito, per ciò che attiene ad auto elettriche, con la mancata convenienza del loro acquisto ed uso (al consumo: €0,4 kw/ora ricarica + affitto/acquisto di infrastruttura più raddoppio impegnativa nel box (per ric lenta normalmente 7,2 kw dedicati) per auto che se non con grandi prestazioni, si attestano nel concreto uso almeno sui 20kw/100 km ...e tale dispendio non potrà che aumentare piuttosto che diminuire in considerazione delle sempre più numerose tecnologie a bordo). Di contro la percentuale di energia elettrica "pulita" che eroghiamo è troppo bassa. In breve, seppure mi trova d'accordo nell'incentivare quanto più possibile le rinnovabili, mi permetto di rammentarle che l'Italia non è la Danimarca, la Norvegia o la ricca California e gli equilibri

Luca C., Roma Commentatore certificato 07.12.16 08:37| 
 |
Rispondi al commento

Mattarella non è Napolitano.
Bersani è stato chiarissimo ...... se non vogliamo consegnare il paese ITALIA alla destra peggiore ( quella fascista, razzista, illiberale, dittatoriale ) si deve ascoltare quello che i cittadini hanno da dire. L'unico modo per ascoltare i cittadini è il voto.
Il MoVimento propone di votare con l'Italicum corretto dalla corte Costituzionale.
Le altre forze politiche vogliono invece discutere una nuova legge elettorale.
Ebbene giace in Parlamento la proposta di legge elettorale del MoVimento già discussa da una parte degli Italiani sul Web.
Si può leggere, eventualmente correggere, e votare quella legge in tempi rapidissimi e poi andare al voto ai primi di febbraio.

Jacopo j., Verona Commentatore certificato 07.12.16 07:07| 
 |
Rispondi al commento

Però fate votare anche i nuovi iscritti e non solo quelli che hanno aderito al Movimento prima dell'1 gennaio 2016!

Pep Gatto, Galatone Commentatore certificato 07.12.16 02:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Prima di tutto, bisogna uscire dall'Europa e dall'euro. Quando lo metterete nel programma?

Alessia M 07.12.16 02:09| 
 |
Rispondi al commento

http://www.rischiocalcolato.it/2016/12/verso-la-bancarotta-consumi-elettricita-italia-ai-minimi-sempre.html

Stefano M. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 07.12.16 00:24| 
 |
Rispondi al commento

Ma Beppe va bene la vittoria, ma oltre alle elezioni pensiamo sopratutto a quei poveri terremotati da aiutare, sono cittadini e hanno la precedenza.
Credo che sia molto più importante aiutarli che parlare solo di elezioni, sono i loro che ci votano e vogliono vedere un vero aiuto quando serve.
Altrimenti siamo come la chiesa e i partiti, diciamo preghiere e parole incrociando le mani
Ciao e pensaci con i nostri parlamentari

nereo ciotta, farra di soligo Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 06.12.16 22:01| 
 |
Rispondi al commento

Ma cosa sta dicendo? Ma sa di cosa parla? Spara cose random, non correlate tra loro, sbaglia unità di misura. È la prima volta che capito su questo blog. Se questo è il livello, mai più voterò 5 stelle. Ma è solo Grillo a parlare a vanvera in questo partito?

IMBARAZZANTE

Un ignorante a capo di un partito? E dove sarebbe la meritocrazia?

Mario Rossi 06.12.16 21:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma l'essere umano(IO) come faccio a vivere se viene fatto tutte dai macchinari o robot, l'operaio che ruolo ha secondo voi da tutto questo futuro?

giuseppe dica 06.12.16 21:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Grillo, credo che prima di parlare di massimi sistemi dobbiamo cambiare la nostra cultura. Credo fermamente nel risparmio energetico, ho acquistato una casa nel primo municipio di Roma, zona Balduina sono passata dalla classe G alla classe B, noi cittadini dobbiamo cominciare dai nostri comportamenti e soprattutto incoraggiare chi vuole utilizzare l'energia verde. Invece che investire sul parquet più costoso ho preferito il solare termico per l'acqua calda sanitaria, la caldaia a condensazione, i led.....Ma non hai idea della burocrazia che ho dovuto superare e le battaglie con i condomini che mi hanno reso la vita impossibile, a furia di carte bollate e di avvocati. Ultimo il fotovoltaico che volevo installare sul lastrico solare del mio palazzo senza deturpare il panorama perché non sarebbe stato visibile da spazi pubblici... Nona assemblea in un anno approvazione e cancellazione. Di nuovo avvocato e un altro migliaio di euro di spese. Ecco semplificare semplificare per chi ha un comportamento virtuoso se si vuole davvero favorire il cittadino e penalizzare chi non vuole adeguarsi. Basta poco. Lo stato ci restituisce già un po' di soldi se efficientiamo la nostra casa. Ma dobbiamo in primi evitare che chi vuole farlo paghi il prezzo di una non educazione, di una arretratezza culturale in nome del senso di Proprietà. Tu hai una villa e hai potuto gestire da solo le tue scelte. In un condominio bisogna scalare l'everest e spesso si è costretti alla resa.

Pina D., roma Commentatore certificato 06.12.16 21:11| 
 |
Rispondi al commento

E dopo questo post delirante non vi lamentate se poi vi chiamiamo GRULLINI. Se non foste pericolosi per voi stessi e per gli altri sareste comici. Ah, si, appunto... dimenticavo che Grillo fa il comico di mestiere!

-io- casa mia Commentatore certificato 06.12.16 20:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe
Sono d'accordo con te sull'energia, i tempi sono maturi ed è arrivata l'ora di fare un piano energetico in grazia di Dio.
Però Beppe non è l'energia il primo problema di questo paese, vorrei ricordarti che abbiamo giusto una serie di problemi:
1) evasione fiscale;
2) mafie ed ECOMAFIE;
3) burocrazia;
4) conflitto d'interessi;
5) corruzione;
6) altri (lavoro, scuola, sanità, immigrazione, ENERGIA, etc...)
La domanda che ti pongo è molto semplice...ma dove vogliamo andare se non abbiamo manco un programma a 360° (compreso un piano economico e un piano sull'immigrazione???)
Pensate a sfruttare il tempo che manca da qui al 2018 per organizzarvi in grazia di Dio piuttosto e smettetela di sparare cavolate che volete andare subito al governo.
Beppe non siamo ancora in grado di governare, è palese, anche con la buona volontà non siamo pronti!!
Per cui stiamo calmi e prepariamo un alternativa valida per quando andremo a votare nel 2018, cercando possibilmente di dire la nostra sulla prossima legge elettorale che verrà scritta, proponetevi a scriverla insieme al PD e a FI (lo sò mi stò ripudiando da solo).
E' la TERZA legge elettorale che si fà in 11 anni!!Fatene una condivisa con tutti e chiudiamo questo discorso per i prossimi vent'anni per favore!!

Dario Scanu 06.12.16 20:22| 
 |
Rispondi al commento

È necessario interrompere ogni concessione per trivellazioni e al contempo lanciare su scala nazionale un grande progetto per la Terza Rivoluzione industriale, per l'ambiente e per la creazione di posti di lavoro, così come concepita da J. Rifkin, che va coinvolto. Essa si fonda su 5 pilastri : 1- Passaggio ad energie rinnovabili. 2 - trasformazione degli edifici in immobili attrezzati con impianti di microgenerazione energetica. 3 - applicazione dell'idrogeno e di altre tecnologie per immagazzinamento dell'energia in ogni edificio e in tutta l'infrastruttura. 4- utilizzo di tecnologie digitali con contatori ed altro per creare una grande rete di condivisione e acquisto e vendita dell'energia autoprodotta. 5 - transizione di tutti i veicoli da trasporto passeggeri e merci, pubblici e privati, in veicoli plug-in, elettrici e /o con celle a combustibile, creando parimenti, con investimenti statali, una grande rete di distribuzione su strada di energia elettrica prodotta con energie rinnovabili. Qui tutti già parlano di Quarta rivoluzione industriale cioè Rivoluzione 4.1, ma ancora non abbiamo fatto la Terza Rivoluzione Industriale, evidentemente tocca al M5Stelle provvedere !

Roberto Di Cicco 06.12.16 20:18| 
 |
Rispondi al commento

caro beppe sono un attivista /iscritto certificato residente a Oderzo(tv) ma nato a Roma quasi 77 anni fa e ti dico col cuore in mano e molto convinto che ti reputo il cosiddetto uomo della provvidenza. Non e' una esagerazione se penso a tutti i politici che ho visto sfilare. Escluse pochissime eccezioni(vedi Pannella)nessuno ha portato in politica quella ventata di etica e moralita' che tu hai fortemente dato. Ti ringrazio sinceramente sicuro che proseguirai nel tuo cammino trionfale perche' il bene vincera' sempre sul male la menzogna e l'imbroglio. Spero che leggerai queste mie righe e sarei felicissimo se mi vorrai rispondere anche se so quanto dei indaffarato in qusto periodo.Un forte abbraccio Germano Orefici

germano orefici 06.12.16 19:56| 
 |
Rispondi al commento

"Hai voglia a fare pale eoliche, geotermico, pannelli fotovoltaici quando sono sempre gli stessi a produrli! È un sistema che va cambiato ... " - Quando le logiche restano le stesse, perché di fatto non è cambiato l’uomo, cambiano solo i sistemi con cui plagiarlo e trattenerlo in certe logiche del profitto e dell'egocentrismo, non c'è energia che tiene, non c'è tecnologia possibile, fintanto che è l'uomo ad essere la cosa più insostenibile al mondo. Dobbiamo sederci per capire che l'uomo è corrotto, che è l'uomo che ha perso il suo valore animico individuale, che non sa realmente cosa alberga in lui. Serve un percorso di rieducazione, ... per fare energia ci sono talmente tanti di quei modi ... Faccio un esempio. Adesso sono tutti presi con fotovoltaico e il problema dell'accumulo. La Cina sta comprando tutto il litio in circolazione per fare le batterie. Vuoi un idea? Sistemi di accumulo ad aria compressa; formidabile e risolverebbe anche il problema delle batterie esauste ... secondo voi?! Non lo faranno mai a meno che non possano avere rifiuti da trattare, o altro da buttare per essere sostituito e ancora denaro da spendere ... il problema è e resta l'uomo! Va cambiata la testa, non le braghe!!! At Salut, se a qualcuno interessa come fare l'ultima cosa, 2 cose ne so, sono un pò di anni che ci lavoro sopra, ... cercatemi in rete e troverete il mio lavoro Rocco BRUNO, https://youtu.be/ArhbQsbeY7Q.

Rocco BRUNO 06.12.16 19:34| 
 |
Rispondi al commento

SCUOLE ENERGETICAMENTE INDIPENDENTI.

Spesso quando fuori piove, piove anche nelle scuole. Bisognerebbe rifare i tetti delle scuole e coprirli completamente di pannelli fotovoltaici e solari. L'energia in eccesso verrebbe venduta alla rete e il ricavato potrebbe essere utilizzato dalle scuole per curare l'innovazione tecnologica delle scuole stesse.

VITO E., Castel Maggiore Commentatore certificato 06.12.16 18:17| 
 |
Rispondi al commento

e il ministro degli Interni chi sarà?
Borghezio? o magari proprio Salvini?

Giuseppe Foglia 06.12.16 18:03| 
 |
Rispondi al commento

COME SI PUO' NON CONDIVIDERE

Leonardo Falco, Mazara del Vallo Commentatore certificato 06.12.16 17:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Per giovanni f.....un po' di rispetto per le idee altrui non Le farebbe male. Mi sembra che stiamo scrivendo su questo Blog per portare dei contributi al programma del Movimento e il mio vale come il suo. Inoltre io non ho padroni politici, Lei non so.

Mauri M. Commentatore certificato 06.12.16 17:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe Grillo sei immenso! passerai alla storia insieme a Casaleggio per aver salvato la nostra Costituzione!! avendo fondato il M5S!

In questa tua visione del mondo c'è tutta la lungimiranza degna di un grande saggio, di un Guru a livello mondiale ( altro che comico!!); mi ha emozionato sentirti in questo video perché gli argomenti citati tutti, sposano in pieno le mie convinzioni, una su tutte quella di lavorare meno, ma lavorare tutti, perché la vita è soprattutto altro! Così come quando parli dell'energia........ e tanto altro!!
REDDITO DI CITTADINANZA!

Un comico salverà l'Italia e gli italiani!!!
Con grande ammirazione e stima.
Massimiliano Falaschi

massimiliano falaschi, LIVORNO Commentatore certificato 06.12.16 17:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

7-continua
E non si dimentichi, per finire, che un problema può essere anche trasformato in risorsa, se si ha visione delle cose. Si prenda ad es. la vituperata anidride carbonica: poiché è impensabile immaginare un mondo senza la sua generazione a partire da domattina (lo diventerà, ma siamo ancora lontani), si propongano anche soluzioni per il breve periodo. E’ noto che CO2 può essere catturato dai fumi di combustione, e reimpiegato come reagente in processi produttivi. Solo l’unione di competenze storiche, sociali, umanistiche, economiche e tecnologiche potrà determinare la definizione di un programma energetico davvero innovativo, dolcemente visionario e in grado di rappresentare un esempio da cui partire per le generazioni presenti e future.

(fine)

Fabio Montagnaro
Google-search key: “fabio montagnaro”.

Fabio Montagnaro, Napoli Commentatore certificato 06.12.16 17:02| 
 |
Rispondi al commento

7. Il primitivo ed il vestito
In una caverna, un primitivo dice all’altro: “vuoi comprare dei vestiti?”. E l’altro risponde: “cosa dovrei farmene?”. E’ chiaro, all’epoca coprirsi non era una necessità. Ove mai fossero esistiti, gli abiti sarebbero stati considerati una spesa superflua, inutile. Nei tanti decenni tra la Rivoluzione Industriale e i giorni nostri, così spesso sono stati visti gli impianti di purificazione degli inquinanti prodotti dai processi chimico-energetici (per rimanere all’esempio). Come il primitivo avrebbe visto un vestito: una spesa inutile, superflua, da affrontarsi solo se proprio sotto imposizione. Ma oggi –chiedo al lettore– l’acquisto di una camicia viene considerato superfluo? Certo che no, non potremmo uscire nudi per strada. E’ quindi necessario un cambio di mentalità. I comparti produttivi devono considerare (sempre di più, non si vuole qui negare l’esistenza di realtà virtuose) non più il processo produttivo e gli impianti di purificazione come due entità separate: il primo necessario, i secondi superflui. Ma considerarli tutti come un’unica parte dello stesso processo. Investire per tecnologie di purificazione al massimo livello dello stato dell’arte deve essere una cosa “naturale”: come comprarsi una camicia. Situazioni –note– di realtà industriali in cui non si era badato troppo all’abbattimento delle polveri inquinanti dai fumi degli impianti sono solo il primo esempio che viene in mente a chi scrive. Anche questo cambio di passo, e di mentalità, può essere promosso da opportune politiche energetiche.
(continua)

Fabio Montagnaro, Napoli Commentatore certificato 06.12.16 17:01| 
 |
Rispondi al commento

6-continua
Infatti: 1) il ramo di un albero ci mette molto meno tempo a bruciare (emettendo CO2) che a crescere (assorbendo CO2). Sulla scala temporale breve, quindi, la combustione di una biomassa comunque determina l’emissione di CO2, anche se naturalmente con impatto ambientale molto minore rispetto al caso dell’impiego di un combustibile fossile; 2) bisogna evitare la deriva, che in alcuni Paesi del mondo è purtroppo presente, di coltivazioni intensive di biomasse a scopo energetico. Campi interi di girasoli per ricavarne olio combustibile potrebbero aver fatto piacere a van Gogh, ma se questo viene fatto a discapito di una sana rotazione delle coltivazioni anno per anno (che preserva la qualità dei terreni), e a discapito di coltivazioni utili all’alimentazione del mondo umano ed animale, ciò pone dei problemi. Preferireste essere senza luce o senza pane? Quindi: meno fossili, più biomasse, ma non solo. Ancora una volta: diversificare le fonti energetiche rinnovabili, di cui le biomasse rappresentano solo un –sia pur importante– caso.
(continua)

Fabio Montagnaro, Napoli Commentatore certificato 06.12.16 17:00| 
 |
Rispondi al commento

6. Possibili proposte
Il discorso è stato focalizzato sulla produzione di CO2 a seguito di combustione di combustibili fossili per la produzione di energia. Le biomasse possono rappresentare una delle valide alternative all’impiego, ad es., di carbone. Le biomasse sono materiali non fossili di origine naturale. Materiali legnosi, prodotti e scarti agricoli e animali, alcuni rifiuti solidi, sono solo pochi esempi di biomasse. Le biomasse si formano avendo fissato l’energia solare in presenza di vapore acqueo e CO2 (ci insegnavano sin da piccoli che “gli alberi respirano anidride carbonica”). All’atto della loro combustione, le biomasse restituiscono lo stesso quantitativo di energia che avevano immagazzinato ricevendolo dal sole durante la loro crescita, ed emettono nominalmente lo stesso quantitativo di CO2 precedentemente assorbito. Nell’ottica di un bilancio globale, l’emissione netta di CO2 a seguito della combustione di una biomassa è quindi virtualmente nulla. Da un lato, spingere verso l’impiego di biomasse in sostituzione dei combustibili fossili deve essere una delle pietre miliari di una sana politica energetica. Dall’altro, e in coerenza con quanto detto sopra, bisogna avere l’onestà di ammettere che ciò non risolve tutti i problemi.

Fabio Montagnaro, Napoli Commentatore certificato 06.12.16 16:59| 
 |
Rispondi al commento

5-continua
Meno citato è il fenomeno dei “migranti climatici”, ovvero flussi migratori di popoli da Paesi in cui gli effetti del surriscaldamento sono più marcati verso Paesi dell’ex-mondo “occidentale”. Questa “migrazione climatica” cioè non è legata strettamente a situazioni di instabilità politico-bellica nei territori di origine, ma si somma alla migrazione “canonica” nell’esaltare la drammaticità –fin troppo nota– della problematica. Recenti accordi internazionali (es.: COP 21 di Parigi del 2015) stanno cercando di arginare le cause del surriscaldamento globale. Ma è chiaro che bisogna fare di più. E bisogna anche ricordare che la politica energetica di un Paese deve cercare punti di contatto oltre-confine, altrimenti risulta miope. Con particolare riferimento agli inquinanti gassosi, essi non conoscono confini e barriere. Se CO2 viene prodotto in Italia, ad esempio, questo gas non si ferma al valico del Brennero. E viceversa. Dal punto di osservazione del pianeta Terra, poco importa che Paesi medio-piccoli siano ecologicamente virtuosi, se poi grandi Paesi non lo sono. A cosa serve che la Danimarca o i Paesi Bassi (ad esempio) siano estremamente virtuosi (come probabilmente lo sono, ed è un bene), se la somma dei loro abitanti ammonta a meno di 25 milioni di persone? Quindi: soluzioni ambientali che partano da qui, ma che abbiano il respiro di influenzare scelte energetiche globali. Competenze globali. Autorità nel proporre le scelte che possano essere apprezzate sullo scenario internazionale. Dove per “autorità” non si intende soltanto la mera conoscenza tecnico-scientifica, ma anche respiro di insieme, visione storica e sociale, chiarezza nell’immaginare i possibili scenari sostenibili e coerenti con la crescente “fame di energia”.
(continua)

Fabio Montagnaro, Napoli Commentatore certificato 06.12.16 16:57| 
 |
Rispondi al commento

5. Global warming, global warning
Le analisi fatte sui ghiacciai polari dai ricercatori hanno rivelato che la concentrazione di anidride carbonica (CO2) in atmosfera ha presentato un andamento ciclico nel corso delle ere geologiche. Incrementi nei livelli di CO2 si sono cioè osservati anche in ere molto precedenti a quella industriale. Ciò è legato alle naturali variazioni del flusso di energia solare verso la Terra, e all’alterazione dell’orbita terrestre. Detto questo per onestà intellettuale, il massimo livello raggiunto prima della Rivoluzione Industriale non aveva mai superato il valore-soglia (medio globale) di circa 280 parti per milione (ppm). Dati molto recenti (2016) dimostrano che la concentrazione di CO2 in atmosfera ha sfondato il valore di 405 ppm. E’ chiaro quindi l’effetto delle attività antropogeniche (leggi: utilizzo di fonti fossili) sui livelli di concentrazione di CO2. Basti pensare che, dal 1990 al 2013, le emissioni mondiali di CO2 sono incrementate di più del 60%, con buona pace dei trattati ambientali internazionali che vedevano la luce in quegli anni (es.: protocollo di Rio de Janeiro del 1992, protocollo di Kyoto del 1997). Questo gas è uno dei principali responsabili del surriscaldamento globale (l’effetto di CO2 è stimato in circa il 60%), le cui ricadute sono note: aumento della temperatura media mondiale, scioglimento dei ghiacciai, esaltazione di fenomeni ambientali quali cicloni, alluvioni, siccità, desertificazione, incremento dell’acidità degli oceani con conseguenti alterazioni dell’ecosistema marino.
(continua)

Fabio Montagnaro, Napoli Commentatore certificato 06.12.16 16:56| 
 |
Rispondi al commento

4. La diversificazione
Non c’è dubbio. La questione si affronta passando per la riduzione degli sprechi e l’aumento dell’efficienza dei processi energetici. Ciò è stato scritto su questa piattaforma molto bene, e non c’è necessità di approfondire qui. Però non ci si può nascondere dietro a un dito. La “freccia della società” richiederà necessariamente anche una maggiore produzione di energia. Chi parteggia per una sola soluzione, fossile o rinnovabile, inquinante o sostenibile che sia, fa un discorso dal respiro corto. Un Paese ha bisogno di diversificare le fonti energetiche. E di spingere il più possibile verso l’ampio insieme delle fonti rinnovabili. Ciò va fatto in funzione delle risorse di ogni specifico territorio, e solo così si limiterà il più possibile la dipendenza energetica di un Paese da fonti provenienti dall’esterno, con inevitabili ricadute positive e virtuose dal punto di vista economico, sociale, politico e ambientale.
(continua)

Fabio Montagnaro, Napoli Commentatore certificato 06.12.16 16:55| 
 |
Rispondi al commento

3. Alcuni esempi storici di rilievo
Per restare al solo ‘900, negli anni ’20 la situazione economica tedesca –come è ben noto– era al collasso. La “iperinflazione Weimariana” era tra l’altro una conseguenza del Trattato di Pace di Versailles alla fine della Prima Guerra Mondiale, e della posizione geopolitica della Repubblica di Weimar. Come finì quell’esperienza è fatto fin troppo conosciuto, e comunque non è oggetto di questa discussione. Durante quegli anni, la Germania sentì il bisogno di produrre energia e materia partendo da risorse presenti sul proprio territorio. Fu quella la forza spingente che determinò lo sviluppo di una tecnologia (la gassificazione del carbone) per la produzione di una miscela gassosa a base di idrogeno (il gas di sintesi) che può essere poi impiegata –appunto– come fonte di energia e materia. In forma aggiornata, quel processo è tutt’ora usato. Negli anni ‘40, quando negli Stati Uniti ebbe inizio la diffusione di massa dell’autovettura (fenomeno che sarebbe poi arrivato in Italia nel decennio successivo), venne esaltato lo sviluppo di un processo (detto “cracking catalitico”) per migliorare la resa in benzina a partire dal petrolio. Negli anni ’70, la guerra arabo–israeliana “del Kippur” diede inizio ad una delle prime grandi crisi energetiche globali. I Paesi dell’OPEC, infatti, decretarono un embargo in merito a forniture petrolifere verso i Paesi occidentali. Dopo alcune misure d’emergenza (ad es., le “domeniche a piedi” in Italia varate dal governo Rumor V a guida DC), i Paesi occidentali cominciarono a ripensare alle loro politiche energetiche, provando soluzioni tecnologiche alternative all’uso del petrolio. Questi pochi esempi per sottolineare come le grandi transizioni in tema energetico siano sempre state legate a doppio filo ai mutamenti socio-politici-economici delle comunità. La “questione energetica” deve essere quindi uno dei baricentri dell’azione di governo, come sottolineato di seguito.
(continua)

Fabio Montagnaro, Napoli Commentatore certificato 06.12.16 16:53| 
 |
Rispondi al commento

La faccio brevissima
Sull'argomento trattato..
Sono d'accordo in toto con il programma e le idee illustrate e scritte di Beppe.
Andiamo avanti a studiare riflettere e programmare su altre questioni non meno importanti.
Credo che i cittadini aspettano risposte concrete e programmi seri di governo su tutto!
Dobbiamo prepararci a Governare.
Anche se questi stanno facendo i soliti giochi sporchi per tenerci fuori! Ma dobbiamo farlo per tutti i cittadini che ci hanno dato ancora (una larga) fiducia Domenica scorsa.
Dunque Avanti a tutta forza.
Fiducia incontrastata e piena a tutto i deputati del Movimento e a Beppe!.

Daniele Vianini 06.12.16 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Cosa occorre per governare?
Fermo restando che una strategia energetica sia di fondamentale importanze, nel senso più largo del termine, il movimento dovrà comunque muoversi con un certo ordine di priorità. Definire gli obiettivi, i programmi, le risorse e le modalità di gestione delle stesse. Sarà fondamentale, per essere credibili e allargare il consenso dell’idea, la chiarezza degli intenti, il denominatore comune del popolo cinque stelle. Spesso, discutendo con amici, . mi sento dire: quale è la posizione sugli immigrati del 5 stelle? Quali sono le riforme della costituzione che avrebbe proposto? Quali sono le linee guida nei confronti dell’Europa, dell’€.? Quali sono le linee economiche? Quali sono le strategie per l’occupazione? Insomma tanti QUALI SONO? Queste ricorrenti domande, alla quali a volte rispondo a volte no, sono la dimostrazione che il movimento sta facendo poco per divulgare il suo credo. Del resto le idee debbono circolare. Se dovesse presentarsi l’occasione di poter governare, questi temi dovranno essere chiari e inequivocabili per tutti. Gli obiettivi sono questi!.
Dobbiamo pensare a formare dei gruppi di lavoro, condivisi, per ogni materia necessaria ad un l buon governo. Divulgare , nel modo più allargato possibile, il programma diviso in comparti. Evitare d’inserire tecnici nell’area politica ma utilizzarli, al massimo nello specifico, per il raggiungimento degli obiettivi. Qualsiasi tecnico/specialista, avrà sempre e comunque una visione dei problemi e della società condizionata dalla sua specializzazione. Quando hanno governato i tecnici, in qualsiasi parte del mondo, hanno fatto quasi più danni dei militari. Richiedere a qualsiasi candidato, oltre i certificato penale, civile e carichi pendenti, la dichiarazione giurata dei beni mobili e immobili posseduti dalla famiglia: moglie . figli, genitori, fratelli e sorelle, con verifiche da fare post mandato. Cominciamo a muoversi???
Ciao
Talebano

Gianfranco B. Commentatore certificato 06.12.16 16:25| 
 |
Rispondi al commento

1. La “questione energetica”
Questa nota è stata scritta per fornire un contributo alla discussione riguardante le questioni energetiche, che appaiono correttamente come uno dei perni dell’azione di governo proposta. E’ infatti fuori dubbio che tra le principali sfide della società nei decenni successivi vi sarà il soddisfacimento della “fame energetica globale”, inevitabilmente crescente sia in seguito ai mutamenti delle abitudini della società che –più trivialmente– a causa del crescente numero di abitanti del Pianeta, in particolare nei nuovi Paesi in via di sviluppo. Affrontare la questione con un testo relativamente breve e diretto è impresa particolarmente delicata. Si è scelto perciò, con l’obiettivo di una maggiore fruibilità, di focalizzare l’attenzione sulla macro-scala, ovvero sulla produzione di energia (piuttosto che sul suo consumo) in grandi centrali industriali. Gli altri aspetti della “questione energetica” che riguardano scale diverse (es.: autotrazione, consumo domestico, energia solare ecc.) –di non minore importanza– potranno poi essere trattati in eventuali discussioni successive che seguiranno.

Fabio Montagnaro, Napoli Commentatore certificato 06.12.16 16:19| 
 |
Rispondi al commento

Io sono pienamente d'accordo che il tema dell'energia sia quello attorno al quale ci si debba muovere per uscire da questa empasse politica. L'unione europea con i suoi standard cerca in tutti i modi di favorire il grande capitale dunque se parli di energia sappi che troverai dei serpenti che si nascondono dentro le istituzioni per favorire le lobbie del 20 secolo ovvero quelle del petrolio.
Sei molto coraggioso a portare avanti questi temi, bisognerebbe rendersi conto che abbiamo almeno 5 mesi all'anno come umanità nei quali usiamo risorse che la terra nel suo ciclo non riesce a rinnovare, dunque erodiamo risorse finchè ne abbiamo, poi ci sarà l'apocalisse che può essere fatta di guerre, che può essere fatta di forte disuguaglianza sociale, sicuramente sarà fatta di criminalità. Non bisogna avere paura a portare in primo piano questi temi, pensarci oggi significa gettare le basi per la salvezza del domani, non farlo sarebbe come gettarsi da un aereo senza paracadute o avendolo preparato malamente. Il concetto di energia è il filone catalizzatore dei popoli, chiunque ne ha bisogno, noi occidentali in primis anche se abbiamo uno stiledi vita che prevede l'uso di molta energia procapite, e molti di noi hanno visto che questo non porta reali vantaggi ma crea senz'altro grossi problemi come le guerre, l'avvelenamento el pianeta e la fine ineluttabile di molte specie animali tra cui le api. Qui in italia c'è chi ha scoperto il modo per produrre energia dal vento di alta quota, cosa aspettiamo a dare visibilità a questo progetto e a far si che venga diffuso in Africa e in tutto il mondo?

www.kitegen.com

Denis Zambon 06.12.16 15:19| 
 |
Rispondi al commento

In questo dopo referendum è utile ricordare il rapporto di JP Morgan del 28 maggio 2013 contenente l’istanza di superare le grandi costituzioni del sud Europa.
Pertanto si voleva cambiare la nostra Costituzione per trasferire un vincolo “esterno” alla nostra sovranità ed immetterlo direttamente all’interno del nostro ordinamento costituzionale.
A questo si è detto di NO.
Un programma di governo, autenticamente rinnovatore, che non partisse dal recupero della sovranità nazionale e della sua difesa, conterrebbe già in sé il virus del fallimento.
Riprendiamoci la nostra sovranità e cominceremo a respirare aria pulita.
L’energia certamente è molto importante, ma prima cominciamo a respirare…

Mattia Caldara 06.12.16 15:03| 
 |
Rispondi al commento

da ieri si respiara aria nuova in questo paese subito alle urne

claudio zavaglia 06.12.16 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe l'argomento è assolutamento condivisibile ma come primo punto del programma lo trovo fuori luogo. Hai detto tu di votare con la pancia,ciò vuol dire che sei ben conscio che proprio la "pancia" della gente riveste grande importanza e credi che alla pancia risulti interesse primario l'argomento energia? No ci sono ben altri argomenti primo tra i primi la lotta seria ad evasione e corruzione due cancri che da soli,se eliminati renderebbero marginali le manovre finanziarie dei prossimi anni, bisogna usare la carota da un lato portando le tasse a livelli psicologicamente accettabili (sono portato e spesso costretto ad evadere se oltre il 50% dei miei guadagni se ne va in tasse) ed il bastone dall'altra inasprendo e rendendo certe pene e sanzioni, bisogna dare ai cittadini che vengono ricattati dalla solita domanda con o senza fattura gli strumenti per non dover più sottostare, quasi nessuno comprende il beneficio futuro quando messo di fronte al risparmio immediato, anche poche decine di euro spesso in famiglie sempre più povere fanno comodo e così questa gente continua ad evadere impunemente. Pensaci Beppe risolti questi problemi il Paese cambia davvero, il reddito di cittadinanza potrebbe essere applicato senza grossi pensieri su dove reperire le coperture e la "pancia" sarebbe soddisfatta perchè ne avrebbe un ritorno immediatamente tangibile e fruibile.

Giuseppe MIOLLA 06.12.16 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno,
bisogna obbligare Eni e Enel a ricoprire tutti i tetti italiani di pannelli solari sia fotovoltaici che termosolari magari ripagandosi dalle bollette un po' al mese,pensate quanti posti di lavoro.Poi bisogna obbligare le societa' concessonarie di autostrade a istallare collonnnine elettriche nelle piazzole e ricoprirle di fotovoltaico,cosi' come le ferrrovie ecc eccc 3 milioni di posti di lavoro subito aumentare le accise sulla benzina tutti con l'eletttrico e partire con l'eolico off-schore e isole artificiali energetiche.


pienamente d'accordo, è ora di pensare a qualcosa di nuovo un concetto di vita diverso, un concetto di lavoro diverso, un modo di vivere di pensare completamente diverso, il mondo è fatto per andare avanti non per rimanere attaccato ad una società del medioevo, è arrivato il momento di dire basta a certe cose è arrivato il momento di "rompere le catene" della "schiavitù" dell'alzarsi alle 4 del mattino per 40 anni e trasformare le persone in alienati per prendere poi uno stipendio da fame che poi dopo quei pochi soldi se ne andranno in medicine, dottori, ospedali ecc... E' arrivato il momento di dire basta. Io sono pienamente d'accordo con l'innovazione e quindi anche sull'energia bisogna investire in fonti rinnovabili, energia solare bisogna investire nel futuro solo chi investe nel futuro è "padrone" del mondo.

Domenico Peluso 06.12.16 14:06| 
 |
Rispondi al commento

Secondo me bisogna agire al piu' presto sulle pensioni.Nessuna pensione deve superare i 2000 euro lordi ogni euro in piu' va a discapito di tutti gli altri che pagano i contributi e molto probabilmente la pensione non la vedranno mai.

sergio c. Commentatore certificato 06.12.16 14:01| 
 |
Rispondi al commento

Vero, d'accordo e tutto molto interessante. Ma l'Italia sta sprofondando in questo momento, e bisogna cercare, trovare ed applicare soluzioni a tre problemi principali: disoccupazione, immigrazione e corruzione. In parallelo si possono anche portare avanti bei progetti quali l'energia, ma gli italiani non voteranno 5 stelle per idee applicabili fra decine di anni. Sarà necessario essere rapidi nella formazione di un programma di governo serio e nella scelta di una squadra competente ed affidabile, lontana da quanto accaduto a Roma, per intenderci.

Giuliano Forresu 06.12.16 13:42| 
 |
Rispondi al commento

Consumo consumo consumo dove stiamo andando, e dove quest'era del consumo ci condurrà. I soldi che , con sacrificio e rinuncie, guadagniamo e guadagneremo non bastetanno mai.
È un'utopia sicuramente, ma pere deve essere un'utopia raggiungibile.
I nostri nonni guadagnavano un terzo di quanto guadagnamo noi e pure si sono costruiti una casa e hanno cresciuto e sposato anche 7 figli ( oggi si fa fatica anche con uno solo).
Se facessimo un paragone con i nostri nonni emerge un'altra cosa ancora più significativa ovvero la serenità. Non era sicuramente un periodo bucolico ma sicuramente non si era stressati si era più conviviali durante il lavoro nelle campagne si cantava. forse incosciamente erano felici.
Bene, oggi come stiamo, è una corsa frenetica a guadagnare. Ma guardiamoci intorno chi è veramente sereno chi non è stressato, il ricco il povero la classe media????
Se per energia intendiamo efficientare il sistema partendo dal nostro stile di vita, il nostro modo di vivere la vita, il nostro modo di riprenderci la vera libertà allora condivido sia il primo punto del programma.
Ps un fuori tema: questi alle elezioni non andranno mai inutile illudersi percui invito a prendere in considerazione di accettare l'eventuale mandato del presidente, la macchina la dobbiamo guidare noi dobbiamo dettare noi l'agenda di governo, i numeri alle camere escono questo è poco ma è socuro

aniello robustelli 06.12.16 13:23| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno a tutti.
leggo molte belle cose ma non vedo molto sulla sicurezza, specialmente per quella che viene definita: difesa abitativa.
quelli come me che hanno subito rapina e violenza nella propria abitazione vorrebbero sapere cosa propone il M5s.
non nascondo il desiderio di autodifendermi ma purtroppo le odierne leggi proteggono chi commette il crimine e non chi lo subisceo peggio ancora chi si difende.

enrico pavin 06.12.16 13:01| 
 |
Rispondi al commento

PUNTI ESSENZIALI PER NON APPARIRE UN PARTITO DI TANTE VOCI... SENZA UN PROGRAMMA DEFINITO...DIREI ALLO SBANDO... VEDERE COMUNE DI ROMA!!! L'ITALIA NON PUO' PERMETTERSI DI ANDARE A TENTATIVI!!!

- SQUADRA DI GOVERNO
- PROGRAMMA BEN DEFINITO CHIARO

PROBLEMI DA RISOLVERE

1) BANCHE
2) IMMIGRAZIONE
3) DISOCCUPAZIONE
4) TASSE
5) FONDI ASSISTENZIALI E PER RICERCA

TUTTI I PUNTI DEVONO ESSERE MESSI AL VOTO DAI CITTADINI

AGGIUNGETE ALTRI PUNTI

MASSIMO DON 06.12.16 12:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ciao a chi mi legge. mi permetto di suggerire un video che mi ha fatto molto pensare, se già non lo avete visto. è il progetto di un "pazzo". basta scrivere VENUS PROJECT su YouTube.

manrico lucano Commentatore certificato 06.12.16 12:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Assurdo....L'Italia di sicuro non fà politiche sul risparmio energetico...fino a che le auto elettriche costeranno il doppio rispetto a quelle tradizionali e fino a che i pannelli fotovoltaici costeranno una cifra improponibile, non credo che l'energia pulita prenderà il volo...

Franz64 06.12.16 11:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Grillo, la necessità di un Piano Energetico Nazionale basato sulle rinnovabili va benissimo. Credo sia un grande contributo che il M5S può dare alla Nazione. Sicuramente uno dei tuoi cavalli di battaglia e del Movimento.
Credo però che la crisi economica attuale sia oggi il problema fondamentale e prioritario, e su questo tema dovremmo aprire un grande dibattito serio e approfondito.
Quale modello economico vogliamo seguire?
Non credo che la Decrescita Felice possa essere la risposta, suona troppo come: ”Vi stiamo impoverendo, ma siate felici”.
E nemmeno l’Economia Circolare. Va bene il riciclo dei rifiuti, ma è solo un aspetto dell’economia.
Credo che i nostri problemi economici siano la conseguenza di:
1. Divorzio Banca Italia Tesoro (perdita della Sovranità Monetaria)
2. Ritorno al Libero Mercato, Privatizzazioni, Deregulation, Globalizzazione
3. Euro: una moneta straniera governata esclusivamente dalla BCE.
4. Europa: dominio tedesco.
Per risollevare la nostra economia ritengo indispensabile:
1. Fuori dall’Euro, recupero della Sovranità Monetaria nazionale.
2. Fuori dall’Europa, piena sovranità Economica e Politica nazionale
3. Ritorno al modello economico keynesiano, lo stesso che ha portato l’Italia dal cumulo di macerie del dopoguerra a diventare la 5° potenza economica mondiale
4. Governare la Globalizzazione, limitarne i danni, proteggere e rafforzare l’Economia Italiana.

Santo Nalbone 06.12.16 11:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

buongiorno secondo me bisognerebbe fare la legge elettorale con vincolo di mandato sia per i singoli partiti che per le eventuali coalizioni pre elettorali,poi alleanza con la lega mettendo prima in chiaro i punti chiave come immigrazione,lavoro,pensioni,
poi andare al voto e vedere quello che succede

francesco morandi 06.12.16 11:48| 
 |
Rispondi al commento

MAI CON LEGA
MAI CON FORZA ITAGLIA

giovanni f. 06.12.16 11:43| 
 |
Rispondi al commento

Beppe già che nel video parli di energia , ti propongo questo sito

http://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.keshefoundationitalia.it%2F&h=qAQFibyEU

Credo che nel nostro paese, questa "scoperta"(tecnologia che si conosceva già), dia l'inizio per qualcosa di diverso e di fondamentale.

Alex Vassalli 06.12.16 11:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Benissimo aprire alleanza con la Lega Nord, cautela con F1. Fissare degli obiettivi e regole comuni, espellere i voltaggana e avanti a testa bassa, ma questo è già in atto ma deve continuare, basta sterili beghe interne per interessi propri, subito reddito di cittadinanza come tutti gli altri paesi ed espulsione immediata di tutti i clandestini con blocco dell'accoglienza, eccetto per i VERI PROFUGHI, e alle prossime elezioni supereremo il 60%. Si è visto al referendum che i giovani sono tutti con Lega e M5S, d'altronde questo governo di dilettanti per loro ma si può senza ombra di dubbio dire che per loro e per il popolo non hanno fatto niente anzi solo danni, per i poteri forti invece........
E' ora che l'italiano si senta Italiano e non servo in casa sua. Le risorse, tasse dei cittadini, vanno usate per il bene del popolo italiano, non per mantenere Bello Figo che incita a rubare, a stuprare donne bianche, a non lavorare, a vivere mantenuto in albergo, ecc. e questo è da esempio agli altri clandestini. Se un italiano incita a rubare, allo stupro credo che avrebbe problemi con le autorità mentre alcuni possono farlo in tutto il mondo. Qualunque altro paese civile lo avrebbe spedito a calci nel suo paese di origine.

Pietro Z., Padova Commentatore certificato 06.12.16 11:05| 
 |
Rispondi al commento

...beppe ti amo...finalmente riconosco quelle idee che mi ti avevano reso così affascinante...QUESTA E' DECRESCITA...BEPPE SEI UN GRANDE...SONO CON TE...

DIEGO d., torino Commentatore certificato 06.12.16 11:00| 
 |
Rispondi al commento

ENERGIA:UN PUZZLE DA COMPORRE -3

Anche l'immigrazione è connessa alle politiche energetiche poichè lo sfruttamento delle terre africane e mediorientali per succhiare risorse combustibili provoca spodestamenti e migrazioni dei popoli da quelle terre spesso con la forza bellica con una escalation di incomprensione umana e di rifiuto dell'accoglienza alibi perfetta per l'innesco di conflitti sociali.
Spesso i politici ribadiscono il concetto di aiutare quelle persone nelle loro terre e quale aiuto migliore potrebbe essere quello di rinunciare ai loro giacimenti e alle loro terre per dare l'opportunità di crescere liberi a quei popoli oggi soggiogati da multinazionali del petrolio e degli armamenti?
E' tutto un circolo vizioso che ruota intorno al consumo del greggio e del gas,produttori,pipeline,territori ricattati ostaggio della posizione geografica indispensabili per i collegamenti,finanza speculatrice,lobby senza scrupoli che massacrano popoli per farne fuggire altri e liberare territori da sfruttare.
All'energia è evidentemente legato il concetto di consumo che dovrebbe essere ridotto al minimo per sfruttare le energie alternative che non erogano costantemente.E al consumo sono connessi gli stili di vita,la logica dello smaltimento dei rifiuti,il riciclaggio,la tecnologia impiegata per l'isolamento e l'illuminazione,i metodi di costruzione connessi strettamente anche alla stabilità.
Una politica energetica è un piano di ampio respiro,coinvolge aspetti impensabili della nostra esistenza ed esige un cambiamento radicale del nostro modo di pensare che deve adeguarsi a stili di vita totalmente diversi dove ne esce vincente sempre l'economia occupazionale.
Ora vi faccio una domanda.Quale politica energetica può avere in mente un governo che nel mezzo del cammin della sua vita propone un referendum sul trivellamento del territorio per scovare nuovi giacimenti di petrolio o gas o che è pesantemente coinvolto con le lobby dei combustibili?
Siamo davvero un paradosso.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 06.12.16 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Mi ricordo quando è iniziata l'era della robotica in fabbrica è servita a licenziare più che assumere. lavorando 20 ore possiamo mantenere la famiglia? o aumenterà il costo del lavoro ? Già con 2 stipendi non vivi certo nel lusso, se poi devi anche pagare un mutuo!!Non so !!!

Rita Fochesato 06.12.16 10:54| 
 |
Rispondi al commento

Ricordate la favolina di Rodari su re Mida? Napolitano è come lui. Tutti i candidati che ha scelto, Monti, Letta, Renzi, dicevano che avrebbero trasformato in oro tutto quello che toccavano. E invece lo hanno trasformato... in cacca di mucca.
Similmente a lui il famoso guru di Renzi, Jim Messina. E' costato un proposito per far fallire progressivamente Cameron, la Clinton e Renzi.
Ma vogliamo farli continuare?

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 06.12.16 10:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

#maiconlalega #menochemaiconforzaitalia

mK 06.12.16 10:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe,
ho letto il bignamino del vostro programma energia ed aspetto di leggere il programma vero. Gli annunci ad effetto sanno tanto di propaganda senza contenuto.
Voglio segnalare che dove scrivi o scrivete del progetto Nissan Enel che "Tu accumuli nella batteria della tua auto elettrica la corrente di notte e se non la usi la rimetti in rete e te la pagano di giorno il triplo, con la differenza di prezzo ti paghi il leasing della macchina." scrivete una baggianata. Da nessuna parte né Nissan ne Enel dicono che pagheranno il triplo e il meccanismo non è stare ad accumulare di otte e rivendere di giorno. Il progetto molto interessante dice altro. E veramente triste vedere temi così importanti rovinati da un linguaggio da capocomico. Parlavate di meritocrazia e di competenze allora perché non fate scrivere chi capisce realmente di cosa parla? Un discorso è far ridere un altro è capire e informare. sempre su energia, mi ricordo quando promuovevi l'olio di colza come alternativa al petrolio, oggi come la pensi su questo tema? Un ultima cosa, ma davvero tra tutti gli iscritti non avevate nessuno con uno spessore culturale e di esperienza maggiore di un fuoricorso webmaster senza arte né parte? E questa la grande rivoluzione? Non importa se sei competente basta che buchi lo schermo?


Mi auguro che non faremo gli stessi errori del passato, come quando prima delle Europee, ci si aspettava un 5 Stelle concreto, con idee chiare, numeri e programmi invece ci si è persi dietro visioni astratte (Beppe a Porta a porta) e argomenti lontani dai "bisogni" di chi ci avrebbe dovuto sostenere. Tutto sacrosantamente giusto e saggio ma non appropriato. Energia è il problema primario del Paese ora..? Questo errore lo ha appena fatto il PD con la modifica Costituzionale. Lo sappiamo quali sono le priorità degli Italiani alle quali aspettano risposte e vogliono risultati. Buon lavoro a tutti.

Giovanni B., Milano Commentatore certificato 06.12.16 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Abbiamo l'onore di aver salvato la costituzione nella sua forma
Adesso dobbiamo averne cura, troppe volte, gli ultimi governi non hanno rispettato le regole contenute
E non mi commuove il discorso di dimissioni, troppo, furbescamente, tempestivo
Non vorrei che infine il suo partito si ricompattasse attorno alla sua figura , non mi fido di bersaniani e dalemiani scontenti
E se il 40% del referendum diventasse un voto elettivo
Saremmo di nuovo al punto di partenza con un imbonitore alla ennesima potenza
Gatta ci cova , attenti !

Rosa Anna 06.12.16 10:48| 
 |
Rispondi al commento

Oltre che ad un piano energetico occorre una pulizia ambientale radicale, in modo da poter effettuare un riciclaggio di rifiuti fino a ridurli a zero. I rifiuti sono anche una ricchezza inesauribile ed un riciclo ben congegnato non porterà solo guadagni,ma un beneficio enorme al nostro devastato ambiente che è una delle forme più importanti di industria per guadagnare soldi.
Inutile dire che va abbinata anche una depurazione totale delle acque di scarico che dalle fogne si riversano a mare. A tal punto vorrei dire che sarebbe opportuno recuperare litorali stupendi che vanno dalla zona Flegrea sino al litorale Domizio, un tratto di costa fra i più belli , più adatti ad un turismo di massa e più devastati dagli sversamenti camorristico-industriali collusi.

giovanni f. 06.12.16 10:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In RAI il Movimento 5 Stelle NON esiste!! ( al limite esiste solo "il Partito di Beppe Grillo " , un partito che non c'è ... ma inventato da LORO ; il problema è che il Popolo Bue è convinto che c'è !!!.

In Mediaset , fanno finta di dire male al PD ,
ma fanno solo finta .

In " La7 " , l'unico Talk Show decente è
-"LA Gabbia"- di Paragone ( anche è stato costretto a cacciare Paolo Barnard che era un ospite inaffidabile ... per LORO , perchè diceva la verità "papale papale " .

Le Altre TV a livello-zonale sono ininfluenti
sul cervello della gente del Popolo-Bue .


Lino Viotti Commentatore certificato 06.12.16 10:43| 
 |
Rispondi al commento

Primo punto del programma..l' energia.
Sinceramente mi aspettavo altro, tipo immigrazione e disoccupazione. Temi molto sentiti su cui dovremmo proporre soluzioni concrete, per evitare di lasciarli ad altri. Inoltre che fine ha fatto il reddito di cittadinanza e come verra' finanziato ?

Mauri M. Commentatore certificato 06.12.16 10:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mi sono rotto i cogli@@i di sentire pennaruli e facce da culo dire in televisione che il Movimento 5 Stelle è un partito populista che porterà ad una deriva nazifascista. Bisognerebbe punire queste merdacce che ancora non la smettono di servire il potere in questo modo ignobile. Offendono tutti noi.

giovanni f. 06.12.16 10:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ieri sera ho guardato Piazza Pulita, parlavano dell'inspiegabile sorprendente adesione del popolo italiano.
Quasi nessuno ha osato menzionare il Movimento 5 Stelle. De Magistris dice di essere favorevole ai gruppi che si occupano di ambiente, sanità, ecc., non ha osato nominare i 5 Stelle.
Emiliano che si cala in un partito pd che non esiste.
Sono vergognosi, si stanno arrampicando sugli specchi.

Rosa 06.12.16 10:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dato per assunto che l'efficientamento du un sistema parta dalla rieducazione dell'individuo. Ossia per arrivare a rifiuti zero prima di rendere la macchina della raccolta e del riciclo efficace bisogna partire dal cittadino che deve produrre meno rifiuti cosi vale anche per l'energia.
Pereducare si ha bisogno di due regole una coercitiva una incentivante.
Per i rifiuti noi sappiamo istantaneamente se stiamo producendo rifiuti
Con l'auto noi sappiamo istantaneamente quanto stiamo consimando ecc ecc.
Questo non avviene con l'energia domestica che consumiamo a casa;
1)Bollette energetiche chiare
2) creare una app che ci consenta di vedere istantaneamente quanto stiamo consumando consumando e in base a questo contatore mettere incentivi e coercizioni per abbassare il consumo energetico.

aniello robustelli 06.12.16 10:15| 
 |
Rispondi al commento

Primo punto del programma...l' energia.
Sinceramente mi aspettavo altro, qualcosa su disoccupazione, immigrazione. Temi molto sentiti
e che rischiamo di lasciare ad altri se non avanziamo proposte concrete. Inotre, che fine ha fatto il reddito di cittadinanza e come lo finanziamo ?

Mauri M. Commentatore certificato 06.12.16 10:15| 
 |
Rispondi al commento

A proposito di energia una proposta banale e implimentabile:
Lo Stato mette a disposizione gratuitamente per 15-20 anni le coperture degli edifici di sua proprietà che non abbiano particolare valore storico o architettonico, per l'installazione di impianti di produzione di energia elettrica mediante pannelli solari. Sarà data la precedenza a cooperative, effettive e controllate, formate da giovani fino a 35 anni di età.

giuseppe brizzi 06.12.16 10:05| 
 |
Rispondi al commento

ricordo inoltre che rubbia, premio nobel della fisica, ha bevettato un sistema di produzione di energia, "archimede", che funziona, gia' collaudato vicino roma, pero' rimasto come tanti altri progetti, in un cassetto.

da suoi (di rubbia) calcoli, un metro quadrato di pannelli produrrebbero l'energia equivalente a un barile di petrolio all'anno, e cosgterebbero 200 euro. al prezzo attuale del petrolio si ripagherebbero in 4 anni e per almeno altri 16 darebbero energia gratis.

carlo 06.12.16 10:05| 
 |
Rispondi al commento

Qui arrivano pure da Marte per gettare fango su un Movimento che tutte le forze politiche cercheranno di emarginare perché non è il solito partito della citata merda, appunto. Brutta nottata, sì.

Franco Mas 06.12.16 10:03| 
 |
Rispondi al commento

le energie fossili oggi non sono indispensabili. possono contribuire ma non sono indispensabili.

lo diventano perche' fanno parte del gioco compra-vendita nel quale ci sono interessi multimiliardari. c'e' tutto un mondo di multinazionali che fa guadagni enormi.

cosa che invece non succede con le energie alternative, dal momento che il sole, il vento o il calore che si puo' estrarre dal sottosuolo (o l'energia del mare) non le puo' vendere nessuno.

oltretutto, da un punto di vista "politico", l'eneriga tradizionale permette un controllo delle fonti energetiche da parte di lobbies, governi e appunto multinazionali, aumnetando il loro potere economico e appunto "politico". perche' si deve necessariamente passare da loro.

carlo 06.12.16 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Chissà quanto è costato ai contribuenti italiani movimentare la macchina per la riforma costituzionale per lasciare tutto esattamente com'era.I compensi del personale impiegato nei seggi, le schede, i mesi e mesi di energie e ore di lavoro spese su questo referendum anziché su risolvere problemi concreti, le apparizioni in TV, i compensi pubblicitari, la stampa di opuscoli vari, le affissioni, ecc. ecc.Tutti soldi che potevano essere spesi per opere necessarie come per esempio la ristrutturazione e la messa in sicurezza di scuole, asili, ospedali, strade, spazi pubblici e quant'altro. Ancora una volta hanno utilizzato i soldi delle nostre tasse nel modo sbagliato.Speriamo che questa volta il messaggio gli sia arrivato forte e chiaro.

Debora M. 06.12.16 10:00| 
 |
Rispondi al commento

salve mi assilla una domanda che pongo anche a voi ma saremo veramente in grado di governare da soli il paese? ho facciamo la fine di roma che tutti ci ridono addosso?

domenico spinazzola 06.12.16 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Grande MOVIMENTO
forza Beppe

Alessandro D., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.12.16 09:59| 
 |
Rispondi al commento

Il pianeta è come una zattera che sta affondando.
Il primo obiettivo è limitare drasticamente lo sfruttamento delle risorse, compresa quella energetica. Altro che efficienza! In gioco c'è la salvezza del pianeta e dell'umanità che ci vive.
La misura principale di un programma energetico serio è il risparmio.
Bruciare energia, in qualsiasi forma, per un decimo serve a soddisfare i bisogni umani e per nove decimi ad arricchire stupidi piccoli uomini intenti a tagliare il ramo dell'albero che li sostiene.

Vittorio Mollame, Cerveteri (RM) Commentatore certificato 06.12.16 09:56| 
 |
Rispondi al commento

L'energia è il nuovo petrolio, con tutti gli annessi e connessi che ne derivano; quindi è obbligato dibatterne e inserirla tra le priorità di uno Stato. Come esisteva (e parte sopravvive) la corsa all'oro nero, adesso impazzano giochini, accordi, compromessi e tradimenti per garantirsi un elemento fondamentale, che però vogliono somministrarci in modo tanto tradizionale (tra fossile e nucleare) quanto artefatto, con ricatti e schiavitù inaccettabili. Alla Turchia, viene perdonato quasi tutto solo perchè sotto il Bosforo passano interessi, relazioni e viadotti decisivi per lo scettro dell'energetico; pro o contro l'Iran si muovono opportunismi estremamente legati alla sua ricchezza energetica; Israele ha superato incompatibilità storiche con altri Paesi solo per sfruttare al meglio la floridità del Leviathan; la Russia viene spesso giudicata buona o cattiva, in base ai rapporti di energia che intercorrono con Putin. Tale appestamento e conseguenziale sudditanza (non solo per noi ma per il 90% del globo cotretto a 'importare' l'energia vecchia) dovrebbe obbligare a cercare soluzioni diverse, appunto alternative (come le rinnovabili) e meno dispendiose: sia perchè ce lo impongono le condizioni-capestro, sia perchè - come da sempre professa saggiamente Grillo - paradossalmente ne consumiamo oltre ogni logica necessità. Oltre ad essere un simbolo di un divenire più equilibrato e civile, è anche una soluzione per non essere sempre al guinzaglio di qualcuno. Debbo onestamente dire che, tra tanti disastri statali e parastatali, l'attuale Enel è probabilmente l'unico apparato istituzionale che sta realmente tentando di seguire più ragionevoli vie (pur immaginando tutti i condizionamenti e/o intimidazioni che forse subirà). E parlare di energia, proprio nel giorno in cui si sarebbe potuto celebrare il successo referendario, abbandonandosi a demagogie promozionali (che continuano a storpiare come populismo), rende lo spessore e la visione più ampia che animano il 5 Stelle

homofaber 06.12.16 09:47| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe,
Non insisterei molto su tecniche WI-FI,si stanno rivelando molto dannose ,in particolare, nella prima infanzia...dopo la diffusione di WI FI sono incrementati i disturbi cardiaci ( tipo fibrillazione atriale ad esempio... ). Sarà sicuramente possibile utilizzare altre tecnologie di comunicazioni meno problematiche.La tecnologia può essere benissimo a misura d' Uomo...dipende da chi ce la impone...Grazie Beppe per tutto quello she stai facendo ed in particolare sul fronte ambientale !
Mi piace · Rispondi · Adesso

Sergio Berti 06.12.16 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Però non mi è chiaro come si passerà a 20 ore di lavoro (a parità di salari) con il progresso tecnologico se le tecnologie sono in mano al privato imprenditore che cerca di abbattere il costo unitario del prodotto/servizio...con un sistema di incentivi?


Ragazzi vedo un sacco di trasmissioni in cui tutti parlano di un governo tecnico.... ma davvero dobbiamo vedere di nuovo sto scempio che si sa quando incomincia e non si sa quando finisce? ma quando li manderemo rutti a casa!
Guardate massacratemi pure ma io a sto giro mi alleerei pure con la Lega pur di non vedere più tutti gli altri....


vabbe', comunque la pensiate, AlFango cia' proprio del pazzo.........
"hanno vinto i cittadini che hanno votato SI....."

alla faccia del bicarbonato di sodio.........

Er caciara ...... Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 06.12.16 09:33| 
 |
Rispondi al commento

ITALIANI MI SCHIFATE!!!

Nel 2013 il M5S si vide soffiare il governo dal PD per pochi punti percentuali.

Da allora inizio' a imprecare contro UN GOVERNO ELETTO CON UNA LEGGE ELETTORALE INCOSTITUZIONALE

UN GOVERNO ILLEGITTIMO!!!

Ma oggi cosa fa??? Vuole elezioni subito e con la STESSA legge elettorale, perchè sa di essere il favorito.

ITALIANI MI SCHIFATE

Siete un popolo che vi meritate politici di merda, merde come siete voi.

TANTI AUGURI AL M5S, PARTITO DI MERDA PER UN POPOLO DI MERDA

Troppo duro? La verità fa male, lo so

Italiano Marziano 06.12.16 09:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ENERGIA:UN PUZZLE DA COMPORRE 2-

Terzo,l'Europa.Può essere una opportunità dato che la Germania della Merkel sta portando avanti uno dei più ambiziosi piani di produzione di energia alternativa e con l'Italia potrebbe instaurarsi un prezioso clima di collaborazione dato che non ci manca ne il cervello ne il fisico per prefissarci lo stesso obiettivo.
L'energia è tutto,è il motore del la nostra economia da essa dipende il totale assetto politico,occupazionale e sociale del paese con ramificazioni in ogni comparto da quello universitario a quello della ricerca,da quello della formazione aziendale a quello della nascita di nuove imprese.
Produzione=pil e se scendono i costi di importazione può abbassarsi la tassazione alle imprese e il costo sul lavoro.
Potrebbero nascere milioni di piccole imprese che sono proprio il dna della distribuzione occupazionale italiana.Infatti i settori che abbracciano le energie alternative sono molteplici:ricerca,informatica,meccanica,elettronica,robotica,comunicazioni,energetica,gestionale,manifatturiero.I siti devono essere installati,manutenuti ed usati ci sarebbe lavoro per un ampio spettro occupazionale e a tempo indeterminato.
Certo bisogna incentivare,legiferare ad hoc e fare informazione ed è qui che entra in ballo la politica che deve essere l'anello forte della catena poichè deve impedire infiltrazioni mafiose e deve mediare con i territori nel rispetto delle esigenze nazionali e degli obiettivi che bisogna raggiungere.
Si abbasserebbero i costi sanitari e le perdite umane dovute alla contaminazione dei territori dovuta alla produzione di energia da combustibile e quindi si libererebbero ulteriori risorse per gli investimenti.
L'energia non è quindi un compartimento stagno ma è legata a tutti gli aspetti della nostra vita,richiede competenze specifiche e figure professionali in svariati campi ma i vantaggi della produzione da green sarebbero un toccasana per l'Italia a tutti i livelli mentre gli svantaggi sono davvero pochi.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 06.12.16 09:06| 
 |
Rispondi al commento

Innanzitutto voglio ringraziarvi perché pian piano stiamo migliorando il paese la vittoria del no è stata un bel segno, io avrei molte domande da farvi ma vi faccio quelle che mi interessano di più per esempio perché non si riesce a fermare ľincremento della benzina (tremila lire al litro)? perché io come lavoratore ho passato molte aziende facendo anche 15 ore al giorno per mesi per poi ritrovarmi a casa senza un lavoro è trattato come uno schiavo senza diritti e nient'altro con una bambina di 10 anni da mantenere prendendo €5 alľora e avendo futuro 0... perché non si riescono a trovare giudici per denunciare tutto il marcio che c'è in Parlamento anche giudici esteri perché quelli italiani sono tutti venduti? Perché siamo ancora all'età della pietra con la tecnologia soprattutto con le linee di Internet.. per dire qui nel mio paese (Tormine Mozzecane Vr ) non c'è neanche internet devo usare l'ovetto è una cosa possibile??un'altra domanda che vorrei risposta sarebbe perché non si riesce a fare di mettere la Boldrin? Una vipera degna di Lucifero per non parlare di tutte le altre mummie che ci sono in questo Parlamento venduto... ci sarebbero altre domande ma mi fermo qui sperando in un futuro migliore... buon lavoro ragazzi che Uniti siamo una forza inarrestabile

mario m., san giovanni lupatoto Commentatore certificato 06.12.16 09:02| 
 |
Rispondi al commento

Quasi 20 milioni di italiani hanno detto che vogliono VOTARE i SENATORI.
La Corte Costituzionale ha detto che IL PORCELLUM E' INCOSTITUZIONALE per il suo ABNORME PREMIO DI MAGGIORANZA.
Non si provino perciò a farci votare col Porcellum o con l'Italicum che è la copia conforme del Porcellum. Si recuperino leggi elettorali del passato che assicurino PROPORZIONALITA' e RAPPRESENTANZA. Ovvero che consentano ai cittadini di SCEGLIERSI I PROPRI RAPPRESENTANTI e si vada al voto SUBITO, senza tante manfrine.
Siamo stanchi di questi BUFFONI che traccheggiano solo per arrivare a fine legislatura e acquisire così il diritto alla pensione (acquisito dopo solo 5 anni di legislatura, quando agli italiani impongono 40 anni di duro lavoro).
Problemi drammatici gravano sugli italiani. I terremotati, le persone che hanno avuto la casa distrutta da frane e allagamenti, i milioni di giovani disoccupati o pagati con lo schifo dei voucher, gli sfrattati e gli esodati, HANNO DIRITTO SUBITO a una soluzione dei loro problemi.
Non possiamo tenerci ancora una classe politica di incapaci, corrotti e mafiosi. SE NE DEVONO ANDARE SUBITO A CASA TUTTI.
Questo è il messaggio, SEMPLICE e CHIARO, che arriva dal referendum

Giuseppe Pipino, Tavagnacco Commentatore certificato 06.12.16 08:59| 
 |
Rispondi al commento

ENERGIA:UN PUZZLE DA COMPORRE -1

Un piano energetico nazionale implica un cambiamento radicale di tutta la nostra vita a livello produttivo,industriale ed economico ma sopratutto a livello politico e sociale poichè sono principalmente i territori che devono ospitare in maniera diffusa gli apparati produttivi di energia alternativa.
Non si tratta quindi di prevedere installazioni grandi e centralizzate ma al contrario siti di produzione elettrica piccoli ma distribuiti uniformemente sul territorio e messi in griglia tra di loro.Questo si scontra spesso con il rifiuto da parte delle popolazioni locali di ospitare pale e pannelli ma ad oggi sembra che il maggior ostacolo sia rappresentato dalla criminalità che diventa sempre più politicizzata per il rilascio di autorizzazioni e certificazioni.
Il primo vantaggio consiste nel preservare il territorio dall'inquinamento e quindi energia verde e turismo sono senza dubbio un tandem ideale per l'occupazione e lo sviluppo del territorio.Certo bisogna cambiare mentalità per prevedere la presenza sul territorio degli apparati di produzione che paesaggisticamente potrebbero deturparlo ma sfido chiunque a preferire polveri sottili o metalli pesanti ad una pala che gira.
La seconda implicazione riguarda lo spegnimento graduale di centrali a carbone e combustibili fossili che non può avvenire nell'immediato.Questa scelta però è obbligata se si vuole rendere l'Italia sempre meno dipendente dal petrolio e dai suoi alti costi di importazione.Qui entra in ballo il macigno delle lobby petrolifere, anni di accordi politici scellerati e naturalmente le partecipazioni belliche e le forniture di armamenti.
La produzione di energia alternativa potrebbe mettere fine alle "nostre" guerre e non è poco con tutti i tagli degli elevati costi che la difesa impone.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 06.12.16 08:57| 
 |
Rispondi al commento

Il M5S governa Roma ed altre città importanti e da li si inizia.
Come nelle capitali Svedesi e Norvegesi entro il 2020-2022 potranno circolare solo mezzi ad emissione zero. I cittadinio hanno tutto il tempo per sostituire le stufe mobili.
Sarebbe per il paese un segnale forte.
Di seguito tutti gli altri interventi volti al risparmio energetico e sui temi relativi al lavoro.

enrico cosimi 06.12.16 08:38| 
 |
Rispondi al commento

Ho 50 anni e due gemelli di 2 anni : come potrebbe essere la loro vita

- a 4 anni viaggeranno su un auto elettrica
- a 12 anni giocheranno con il papa mentre l'auto viaggerà da sola
- a 15 anni dovunque saranno potranno collegarsi a internet attraverso i satelliti in qualunque posto si trovano a una velocita' doppia di quella attuale
- a 18 anni non andranno a scuola guida
- a 22 anni il veicolo elettrico su cui si sposteranno volera'
- non possederanno mai il veicolo su cui si sposteranno
- a 25 anni andranno a vivere in una casa
- disconnessa dalla rete elettrica
- dove l' acqua e'
- recuperata e purificata come nella stazione spaziale
- recuperata dal umidità ambiente
- recuperata dalla pioggia
- potenzialmente disconnessa dalla rete stradale
- provvista di batterie o riserve di idrogeno per lo stoccaggio di elettricità
- potranno coltivare da soli il cibo di cui avranno bisogno
- stamperanno quello di cui hanno bisogno a casa loro

questo cosa vuol dire
- non ci sara bisogno di costruire infrastrutture come le conosciamo oggi
- non ci sara bisogno di gestire infrastrutture come le conosciamo oggi
- non ci sara bisogno di petrolio, nucleare, carbone, gas
- non ci sara bisogno di un numero enorme di istituzioni

Secondo le stime della Fao 30% delle terre emerse e' coltivabile cioè'
51 Mkm2 = 5,1 E 13 m2
considerando 7 Miliardi di persone
ci sono 7286 M2 di terra coltivabile per abitante
- il limite della fame per la FAO e' 700 m2 per abitante e la città di Bale in Svizzera ha commissionato uno studio che dice che 1800 M2 sono la superficie necessaria di terra agricola per assicurare il livello di nutrimento attuale di un cittadino della città di Bale

Nel futuro dei miei figli e degli altri 7 Miliardi di persone sulla terra c'e' un potenziale giardino dell' Eden se le persone giuste saranno finalmente chiamate a governare.
Nutrite i nostri sogni non quelli di una banda di avidi banchieri

andrea laudanna 06.12.16 08:37| 
 |
Rispondi al commento

Come sempre, sia nel post che nei commenti, si trova un mix di cose giuste ed altre balorde.
Ad esempio c'è scritto che con l'auto si può accumulare energia di notte risolvendo il problema dell'accumulo che è uno dei più grandi che abbiamo: certo che lo è, ma è soprattutto l'accumulo di giorno, perché il surplus notturno proviene da fossili e nucleare, proprio quelle energie che il post critica.
Tra i commenti ho visto che si elogia la Norvegia e che, come scritto anche nel post, noi siamo il paese del Sole. Non si fanno i confronti con chi ha grandi risorse e bassa densità di popolazione. Noi dobbiamo usare al massimo il sole e le altre risorse rinnovabili, ma se pensiamo che così diventeremo energeticamente indipendenti siamo veramente degli illusi. Noi, come tutti i paesi sovrappopolati, saremo energeticamente indipendenti soltanto se la fusione nucleare (o una qualche altra risorsa ad oggi non ancora conosciuta) diventerà una realtà.

Giuseppe Spazzafumo 06.12.16 08:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Fa bene il M5S a presentare tutti i punti del suo programma,fermo restando che sulle scelte forti l'ultima parola sarà degli elettori
Troppi insistono a dire che il Movimento non ha nessun programma(come se il Pd il suo piano di svendita del Paese alle multinazionali e alla grande finanza l'avesse mai dichiarato)
Ora spero solo di sentire parole concrete, moderate,razionali,intelligenti.Parole di costruzione positiva e di speranza.Non c'è cosa di cui abbiamo più bisogno adesso della speranza
Gli Italiani hanno dimostrato benissimo di non poterne più di risse,calunnie,frasi sballate, insulti indecenti,balle
Ora c'è bisogno di un contenimento degli accenti, di una misura delle dichiarazioni,di una chiarezza estrema e semplificata dei messaggi
Abbiamo bisogno di chi parla in maniera civile, semplice e diretta come Di Maio e Di Battista, persone oneste che la gente senta vicina a sé e che possa rispettare e stimare anche nei modi
Dobbiamo far passare slogan molto netti e precisi,retti ed esatti,che mirino ai valori e che tutti capiscano.E abbiamo il dovere di ripeterli sempre finché anche i più distratti o apatici li capiranno.
C'è bisogno di parlare forte e chiaro ma con civiltà e buona educazione perché anche il mezzo è il messaggio.E se vogliamo ricostruire questo Paese dobbiamo farlo tornando a valori semplici e diretti che ricostruiscano,anche nei modi,anche nel rispetto verso l'avversario,l'onestà di una proposta che valga per tutti e che faccia sentire tutti migliori.
Questo clima esasperato di lotta civile non ha fatto bene a nessuno.Se vogliamo ricostruire l'etica di questo Paese dobbiamo farlo anche nelle forme affinché una cattiva forma non si mangi anche la bontà di una buona proposta
Questo Paese è stato diviso,è stato frantumato,è stato fatto a pezzi.Questo Governo ha seminato odio e zizzania,ha diviso i partiti,le famiglie, ha messo uno contro l'altro quelli che prima erano amici.
Ora dobbiamo ricostruirlo e lo possiamo fare solo se saremo tutti insieme.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 06.12.16 08:26| 
 |
Rispondi al commento

L'energia è il primo elemento fondamentale per l'economia di una nazione. Senza di essa tutto si ferma. Pertanto bisogna procacciarsene al minor costo possibile. Come dice Beppe 'siamo il paese del sole' e non solo . Abbiamo anche il geotermico. Non capisco ad esempio come la 'Solfatara di Pozzuoli non possa venir sfruttata, eppure ogni santo giorno, da secoli o millenni sta lì e disperdere preziosissima energia.
Gli idrocarburi fanno muovere automobili vetuste, inquinano, ci avvelenano. Occorrono nuove forme di trasformazione dall'energia al movimento. Occorre al più presto un piano di trasporti alternativi all'automobile, organizzare una società che lavori il più vicino a dove vive.

giovanni f. 06.12.16 08:20| 
 |
Rispondi al commento

OT
IO SONO 5S

TENETEVI PRONTI

Tutto quello che succederà da adesso in poi,
non è più colpa della RAGGI,
ma del NO al REFERENDUM.
Salteranno delle BANCHE ?
E' stato il NO al REFERENDUM...e il M5S.

PS: I GIORNALAI sono già pronti, sul ramo,
come AVVOLTOI...

Giovanni M., Cambiago Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.12.16 08:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

1) Distinguiamo tra programma a lungo termine (per il futuro) e piano d'azione (per il presente) volto a concretizzare il primo.
2) Il cambio epocale dei "mestieri" va però spiegato e anticipato già nel sistema di istruzione per evitare la creazione di nuova disoccupazione.
3) Non c'è più spazio per una crescita smisurata trainata dalla spesa pubblica (modello Stato SPENDACCIONE), la crescita "sostenibile" dovrà ottenersi con un sistema di incentivi (non solo fiscali) condizionati applicabili dall'imprenditore al cittadino (modello Stato BACCHETTONE).
4) nessuno ha la bacchetta magica e quindi per come stanno le cose accettiamo il fatto che la disoccupazione c'è e ci sarà a causa di distorsioni del sistema, senza fare a cappellate col vento, cerchiamo solo di attenuarne le conseguenze sociali.

Alessandro Panella 06.12.16 08:10| 
 |
Rispondi al commento

La meta sulle energie e su molte altre cose per la collettività é quella di renderle gratuite, o quasi, da parte dello Stato, visto l'articolo 3 della costituzione, e così si contribuirebbe a l'applicazione rimuovendo gli ostacoli economici ristabilendo una uguaglianza tra i cittadini.

Marco Fonzi Cruciani 06.12.16 07:53| 
 |
Rispondi al commento

Dal M5S mi aspetto un risposta significativa sul taglio delle accise sui carburanti e sulle bollette di energia elettrica. Vi ricordate Monti? +0.13 sui carburanti con effetto immediato per salvare l'Italia.

salvatore spinali 06.12.16 07:49| 
 |
Rispondi al commento

IO SONO 5S

I NORVEGESI, CHE CO..IONI

La produzione di petrolio negli ultimi 15 anni è scesa da 3,4 a 1,5 milioni di barili al giorno.La NORVEGIA utilizza i ricavi del settore degli idrocarburi per investire sulle fonti rinnovabili. Dalle quali produce più energia di quanta ne consumi (è al 109,6%).da FQ. ITALIA tra 10% e 20%.

La mobilità:
http://www.rinnovabili.it/mobilita/norvegia-auto-elettriche-333/

E se negli ultimi 20 anni è stata costruita una rete elettrica nazionale che oggi permette un approvvigionamento fino al 90% da fonti pulite, il futuro è nel Green Coastal Shipping Programme, un programma per la navigazione costiera sostenibile con le imbarcazioni più ecologiche del pianeta e un porto a basso consumo energetico.

PS: Che co..ioni. Un popolo freddo, calcolatore,
pragmatico. Noi invece caldi, passionali
psicopatici ,ludopatici e lamentosi . Noi sì che siamo un popolo serio....Abbiamo tanto SOLE

'O sole, 'o sole mio
Sta 'nfronte a te,
Sta 'nfronte a te!. ;-)

Giovanni M., Cambiago Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.12.16 07:44| 
 |
Rispondi al commento

Attenzione
La Mummia auspica un governo laqualunque per fare una legge elettorale adatta ad inchiappettare il Movimento 5S

Giovanni. Russo, SA Commentatore certificato 06.12.16 07:38| 
 |
Rispondi al commento

Lavoro, sicurezza, pensioni, sanità, immigrazione sono i punti nevralgici di un programma di governo e da qui bisogna partire con la programmazione di cose fattibili in tempi brevi e che diano sollievo al nostro popolo. L' energia è, di per se, importante ma rispetto alla vita reale quotidiana passa in secondo piano.

giuseppe imbimbo 06.12.16 07:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La politica inglese e quella di usare i trasporti su rotaie e non con veicoli macchine mezzi che ti costringono a comprare il petrolio ed esportare capitali alla esteRo quesTa storia deve finire .....

Sito turi 06.12.16 07:30| 
 |
Rispondi al commento

Come dice Beppe nel suo video il primo obiettivo da me condiviso è la riduzione dei consumi energetici concomitante con altri due importanti obiettivi menzionati. Mi sono appena iscritto a questo blog e al movimento e vorrei apportare il mio piccolo contributo su questa precisa materia.

Pietro I., Vignola, MO Commentatore certificato 06.12.16 07:29| 
 |
Rispondi al commento

Pienamente d'accordo,
Il problema è che le fonti rinnovabili non sono convenienti se non incentivate. Quindi si devono rinnovare e rimettere gli incentivi anhe sul fotovoltaico!

Marco totani 06.12.16 06:54| 
 |
Rispondi al commento


buongiorno per tutta la vostra necessità e di prestito di credito per questi celebra di fine 'anno volete contactr signora MANECCHI che pouras aiutarvi mail: silvia19manecchi75@gmail.com

gionna 06.12.16 03:04| 
 |
Rispondi al commento

Mi auguro si voglia anche prevedere il completo smantellamento delle caldaie condominiali per il riscaldamento domestico. In altri Stati europei, e non solo vedasi anche ad esempio la Svizzera, sono decenni ormai che viene attuato a tale scopo il cosiddetto "teleriscaldamento". Con il calore prodotto, durante il loro normale funzionamento, da centrali di incenerimento di rifiuti o centrali elettriche viene riscaldata dell'acqua appositamente convogliata in modo che sia poi possibile utilizzarla per riscaldare moltissime abitazioni, uffici, ospedali, centri commerciali e qualsiasi altro immobile. Viene infatti distribuita attraverso una rete di condutture e tubature realizzate a tal fine affinché gli immobili di interi quartieri anziché avere ognuno una propria caldaia per riscaldare l'acqua necessaria ai termosifoni si avvalgano invece dell'acqua riscaldata dall'unica centrale elettrica o di incenerimento di rifiuti.


Governare significa pianificare. Pianificare significa prevedere.
E' innegabile che le sfide energetiche dei prossimi decenni impongono un ripensamento del sistema attuale e delle scelte coerenti.
Suggerisco di mettere nel programma da presentare ai cittadini anche:
- una legge nazionale contro l'inquinamento luminoso. Questa consentirà alle Regioni di avere (finalmente) gli strumenti per controllare le emissioni disperse e risparmiare bei denari pubblici;
- l'obbligo di progetto d'illuminazione. Non più lavori eseguiti al massimo ribasso e LED spacciati come toccasana dei mali energetici. Non si risparmia solo sostituendo lampioni; troppa luce sbagliata innesca patologie che hanno un elevato costo sociale;
- riconoscere la figura del lighting designer come chiave per una riscoperta dell'immagine notturna delle nostre città e del paesaggio. Professionisti qualificati (e non improvvisati, come spesso succede oggigiorno) saranno responsabili della promozione del patrimonio culturale, architettonico e paesaggistico italiano;
- ridare dignità alle professioni intellettuali, prima fra tutti quella dell'architetto. Non solo per la capacità di disegnare edifici, ma anche per la pianificazione e la tutela del territorio.
Spero di aver dato una mano

Roberto 06.12.16 00:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Scusa Beppe ma mi sembri un po' confuso....come fai a dire di ridurre i consumi, e nella frase sotto a dire che l'uomo deve lavorare meno perché il resto del lavoro lo devono fare i robot, le macchine, o le stampanti 3D...sostituendo le 20h di lavoro settimanali di cui l'uomo si deve liberare!!
Apparte che la vedo più un'utopia favolesca, ma più che altro, queste famose macchine, consumeranno un bel po o sbaglio?!?!

Fabio Rencinai 06.12.16 00:51| 
 |
Rispondi al commento

I primi bubboni da tagliare sono le normative assurde che inibiscono l'innovazione .

Un problema grosso e' la legge 42 del 2004 (Beni culturali) .

L'idea che mi permetto di ripetere e' di verificare se la LENR dell'ing Rossi funziona o no .

Abbiamo avuto 2 conferme del prof. Parkomov che ha riprodotto il fenomeno.

Consentiamo intanto la vendita dell'E-cat senza voler definire che cavolo di roba e' .

Essendo totalmente innovativo non e' omologabile in quanto non ha omologhi .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 06.12.16 00:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

c'e' cbi scrive che sarebbe l'europa a bloccarci sjulle fonti energetiche alternative.

nel 2008 andai ad amsterdam, in macchina, passando dal brennero e attraversando la germania.

penso che ero nella foresta nera, non lo so, ma di fianco ai paesi che attraversavo, avevano tolto un po' di alberi creando una radura e avevano messo delle grandi pale eoliche. e quasi ogni paese aveva le sue pale eoliche. senza tanti sgarbi o malinconie varie tutte italiote che protestavano.

anche in olanda c'erano molte pale eoliche.

nel 2008.

in spagna c'e' una citta', saragozza, che va quasi completamente con l'eolico.

sarebbe meglio che invece che concentrarsi su quello che non va in europa, e naturalmente se si cerca cosi' puntigliosamente si riesce anche a trovarlo, varrebbe la pena copiare quello che funziona. e ci sarebbe tanto da imparare. dalle energie alternative (basta fare un giro in danimarca) a come gestire i rifiuti.

carlo 06.12.16 00:41| 
 |
Rispondi al commento

In tempi recenti ho scritto due articoli in sintonia con il movimento 5 stelle, uno nel quale spiegavo perché avrei votato no al referendum e l' altro nel quale indicavo Energia Competenze Territorio Risorse umane come il futuro dell' Italia.
Energia è il primo punto del mio programma perché è l' unica cosa che manca a noi Italiani e senza la quale non solo continueremo a avere problemi con il nostro debito ma anche a subire indesiderabili influenze e pressioni politiche anche dall' estero. Dott. Carla Villa Maji Filosofa e Autrice.

Carla Villa Maji 06.12.16 00:29| 
 |
Rispondi al commento

Investire nella ricerca scientifica per l'energia ad idrogeno e nel contempo diffondere le già esistenti fonti alternative di energia.

Michele P. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 06.12.16 00:20| 
 |
Rispondi al commento

Comunque con il 40 per cento si perdono i referendum
Ma con lo stesso 40 per cento si vincono le elezioni politiche
Arrivando poi
Con una legge elettorale a un Premio di maggioranza che consenta
A una accozzaglia che si trova al centro
Pd Fi con Monti Casini Verdini e Alfano
A rifare la Dc versione 2.0
E vincere

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 06.12.16 00:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao carissimi volevo sapere se nel vostro programma c'è il ripristino dell'articolo 18 o quantomeno altre tutele per i lavoratori.?
Un vostro sostenitore


Un saluto a quei parlamentari che per arrivare ad ogni costo a fine legislatura hanno digerito tutto votando i decreti legge
Che vi vada per traverso l'ultimo boccone che gusterete a Montecitorio e a palazzo Madama

Rosa Anna 05.12.16 23:42| 
 |
Rispondi al commento

Il Pd ora andrebbe a elezioni immediatamente, nell'illusione che il 40% di Si sia tutto suo, mentre il restante 60 è un voto frammentato di un'accozzaglia. In realtà è abbastanza vero il loro pensiero. Forse su questo ennesimo tema disgraziatamente ed esclusivamente "elettoralizio",occorrerebbe una riflessione più accurata, cercando di avere una visione del futuro spassionatamente ampia e generosamente realistica.

A L., roma Commentatore certificato 05.12.16 23:37| 
 |
Rispondi al commento

Se uno Stato perde
Energia
E
Banche
può archiviare la sua funzione di Stato

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.12.16 23:36| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna avere il coraggio di fare scelte guardando al futuro delle prossime generazioni, l'inquinamento del pianeta è un problema molto serio e senza dubbio l'energia necessaria per le attività umane dovrebbe cercare di essere il più pulita possibile. Si dovrebbe cercare di sostenere una ricerca scientifica seria volta a trovare anche nuove fonti di energia pulita oltre all'eolico o al fotovoltaico o all'idroelettrico, da sole non bastano al momento. Si può incentivare l'uso delle energie pulite dando buone agevolazioni fiscali a chi decide di affidarsi ad esse. Incentivi andrebbero dati anche a chi decide di migliorare le strutture già esistenti in modo da renderle più ecocompatibili.
Si potrebbe cercare tutti quanti il modo di ottimizzare i nostri consumi di energia e anche di riscaldamento. Ad esempio,non ha senso avere in casa 24 gradi quando 20 bastano ampiamente per scaldarsi. Solo se tutti assieme si fa uno sforzo si potrà vincere questa sfida di consegnare un pianeta più pulito e migliore alle future generazione.

Lorenzo P., Cuneo Commentatore certificato 05.12.16 23:35| 
 |
Rispondi al commento

La ricerca scientifica di base
Senza quella non c'è futuro
Andate a vedere le percentuali nei bilanci dei governi tedeschi e danesi dati alla ricerca, mentre i nostri elargivano
mance. Noi sprechiamo persino quelli che riceviamo dall'Europa
E capirete perché noi non possiamo competere e creare posti di lavoro
E pensare che abbiamo ricercatori bravissimi


Rosa Anna 05.12.16 23:26| 
 |
Rispondi al commento

l'energia e' un punto fondamentale nello sviluppo di un paese....nel nostro caso, vista la grande difficolta' in cui versano moltissime famiglie italiane, in primis come prima azione una volta al governo, attuerei una seria politica del taglio agli sprechi......recuperare sin da subito risorse da destinare con apposita manovra alla parte piu' bisognosa....il popolo ha bisogno che gli venga restituita' prima di tutto la sua dignita' nel vivere......il bulletto toscano ha perso questo referendum perche' ha smesso di occuparsi anche delle persone...ha pensato all'Europa, ale banche, ai media, a sparso qualche mancetta qua e la'.....ed il risultato e' quello che abbiamo visto.....quindi una volta che il M5S sara' al governo, sarebbe buona cosa occuparsi delle priorita'....recuperare risorse e' sinonimo di danaro pronto da investire....senza tassare nesssuno......il buongiorno si vede dal mattino......in alto i cuori a 5Stelle!

fabio S., roma Commentatore certificato 05.12.16 23:14| 
 |
Rispondi al commento

Sicuramente applicare una semplice regola per incentivare il risparmio e un consumo consapevole.
Chi più consuma più paga.

Noè SulVortice Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.12.16 23:14| 
 |
Rispondi al commento

LE DOMENICHE DELLA CICALA
potremmo iniziare cosi; uno sciopero silenzioso pacifico che ci ricongiungera' con noi stessi con la famiglia con la natura.COSA INTENDO; le domeniche magari anche una volta al mese, staccare tutto: la luce i led la televisione il cellulare lasciare a casa la macchina non fumare (per chi fuma) lasciare il portafaglio a casa.
Uscire di casa a piedi o in bicicletta con la famiglia scoprire le meravglie del proprio paese respirare il profumo della natura parlare dinuovo con i tuoi vicini.
A casa leggersi un buon libro riprendere le foto in soffitta parlare con i nostri figli parlare della nostra terra, chi siamo le nostre radici la nostra storia.
VIVERE UN GIORNO CON I TEMPI DELLA NATURA
Se condovidete iniziamo in silenzio io e i miei già lo facciamo. SARA' SOLO L'INIZIO DI UNA VERA RIVOLUZIONE.


Dobbiamo ancora capire come salvare l'Europa per non sprofondare nel caos, dobbiamo ancora capire che direzione politica prendere (visto che i voti del popolo europeo, dopo anni di austerità e di ingiurie si sono espressi chiaramente - non si vogliono estremismi né repubblichismi delle banane), lavoro ed energia sono un tema che non sarà affrontato tanto presto.

Andrea F. Commentatore certificato 05.12.16 23:05| 
 |
Rispondi al commento

Sono sincero. Mai votato per m5s ma ora sto incominciando seriamente ad interessarmi. Il nodo dell'energia, le rinnovabili, e l'ambiente, sono per me concetti molto cari. Ciò che ho letto mi piace molto. D'accordo nel mollare il fossile, alla faccia di Trump, e puntare dritto sulle rinnovabili, sull'indipendenza energetica. In Europa ci stanno già riuscendo , dobbiamo assolutamente farlo anche noi. Incentivare fiscalmente le rinnovabili, tassare sprechi e fossile. Carbon tax. Applichiamo una carbon tax e nel medio periodo risolviamo i nostri problemi energetici e aiutiamo questo povero ambiente. La mia proposta è Carbon Tax
Grazie
Luca

Luca Bonisolli 05.12.16 22:57| 
 |
Rispondi al commento

Sono pienamente d'accordo con Grillo...sono 20 anni che penso lo stesso motto: lavorare meno - guadagnare meno - abbassare le tasse per rendere la vita vivibile con meno...tutto ciò porterebbe a sviluppo evoluzione della popolazione avendo tempo disponibile per "crescere" in tutte le direzioni possibili e la cosa più importante: siamo qui per relazionarci con gli altri, quindi viva il tempo, la risorsa più preziosa spesa nell'imparare ad amarci e amare il prossimo...viv la vie e datti una smossa Grillo clè ora fatti un mandato tu e dai una linea al movimento che continuerà dopo di te...realizza il sogno che hai da sempre...è giunto il tempo :)

gabriele maroncelli 05.12.16 22:41| 
 |
Rispondi al commento

Accidenti! Dai vari commenti che leggo mi accorgo che molti dei tuoi interlocutori sono dei mente fossili. Non hanno neanche il coraggio di immaginarsi un mondo diverso. La rassegnazione è diventata la scusa per non avere colpe. Siccome non si è potuto fare prima non è che lo si possa fare adesso o domani. Grazie Beppe per tutto quello che fai per noi e per la nostra amata Italia. Grazie

Fabrizio botto 05.12.16 22:37| 
 |
Rispondi al commento

Oggi i maggiori rappresentanti del Governo dimissionario, hanno pubblicamente ammesso di voler andare subito a nuove elezioni politiche.
Molti addetti ai lavori dell'informazione, oltre a non aver mai previsto una tale ipotesi, oggi sembrano essere rimasti sorpresi da questo annuncio.
Eppure non serviva essere un genio per capire la strategia di Matteo Renzi, dato che con la sponda sicura di Berlusconi (che ancora imperversa nel C/Destra) e l'eccessiva ambiguità manifestata per tre anni dal M5S, lo proietteranno alle prossime politiche senza valide alternative.
Certo, se poi i parlamentari pentastellati faranno un salutare bagno di umiltà, consegnando concretamente a Grillo la guida politica e strategica del Movimento, allora tutto potrebbe diventare possibile.

gianfranco chiarello 05.12.16 22:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Tu accumuli nella batteria della tua auto elettrica la corrente di notte ..." accumulare energia solare di notte ?? Siete fenomeni.
E le proposte per un Piano Energetico Nazionale sono tutte qui ?

Alessandro Ghiandai 05.12.16 22:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Passo dopo passo il Movimento cresce e con lui il suo programma.
Grazie ragazzi x il sogno che ci regalate, non mollate!

Fabio B. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.12.16 22:22| 
 |
Rispondi al commento

Spero soltanto che a qualcuno del movimento o tra gli altri vertici non venga in mente di scendere a compromessi del tipo "governone spaghetti e ruttolibero" alla Fantozzi con il resto della pseudo-opposizione.

Andrea F. Commentatore certificato 05.12.16 22:14| 
 |
Rispondi al commento

Oggi a dire il vero avrei visto bene un bel post sui media, dichiaratamente adagiati sulla voce del padrone (mi ricorda un vecchio post) che hanno sbracato largamente ogni previsione e non hanno capito minimamente le ragioni del voto. E perseverano (continuo a vedere i soliti professori del nulla che intervistano i colpevoli non dichiarati della crisi - vedi davide serra).
Lodevole l'asfaltatura di travaglio ieri sera

https://www.youtube.com/watch?v=gh1uKJZeewk

Beppe A. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day 05.12.16 22:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un grazie e Beppe Grillo e a tutto il movimento per la grande battaglia per la difesa della nostra costituzione ( anche se qualcosa andrebbe modificata).Per quanto riguarda l'energia vorrei segnalarvi che a siracusa l'ENEL ha costruito, a livello sperimentale, una centrale termodinamica su progetto del grande premio nobel Carlo Rubbia. Secondo il mio modesto parere è una ottima tecnologia quella sperimentata dal Prof. Rubbia per questo la suggerisco a Beppe Grillo per poterla inserire come proposta dal movimento.

ROBERTO MUSCO 05.12.16 22:03| 
 |
Rispondi al commento

Dopo aver scampato la morte della costutuzione,
rimane da evitare la morte del paese. Su questo
Mr Cricket ha qualke idea? e deciderà prima o poi di comunicarcela? Penso che il M5S non voglia essere chiaro sui temi VERI per paura che la chiarezza ... faccia paura agli elettori.

Ernani Leone 05.12.16 21:57| 
 |
Rispondi al commento

...perdonami Beppe sono più di 10 anni che aspetto questo momento ...e tu mi parli di Energia? Per cortesia la gente ed alla fame e continuano a morire in casa uccidendolo strozzatu dai debiti e tu parli di ENERGIA???? ENERGIAAAAA?
1) abolizione Equitalia
2)abolizione finanziamenti pubblici ai partiti
3) abbassamento degli stipendi dei politici alla media degli stipendi nazionali (se non vivono come noi non vedono i nostri problemi)
4) av abbassamento stipendi manager di tutte le municipalizzate
5) legge vera sul conflitto di interessi
6) legge che limita al massimo di due incarichi più di due incarichi non si posso o ricoprire.
Etc...etc...
Se non fate subito questo sarà guerra per le strade...!!!!


Ciao Beppe, sono un po' confuso sull'identità del movimento...un paio di settimane fa portavi in trionfo l'esempio americano di Trump e qui parli di vecchia industria pesante, carbone etc etc etc che è proprio la direzione che vuole prendere la nuova amministrazione della casa bianca.
Non capisco più in che verso vanno gli ideali del movimento....


Il programma non può essere l'energia.
L'Italia è governata dalla Commissione Europea, che è una corporazione privata NON-ELETTA che gestisce la globalizzazione del mondo, quindi per definizione UNA DITTATURA.

METTERE IL CARRO DAVANTI AI BUOI!
Non puoi governare niente, se non sei tu che hai la sovranità.
USCIRE DALL'EUROPA E' L'UNICO PROGRAMMA POSSIBILE.

alberto allis 05.12.16 21:54| 
 |
Rispondi al commento

Le lampade del fotovoltaico lampeggiano con questo poco sole. Occorre sistemare gli impianti.

flavio guglielmetto mugion, Torino Commentatore certificato 05.12.16 21:50| 
 |
Rispondi al commento

La ''Zucca e Da Milano su la 7 hahahaha

mirco giacché, camerano Commentatore certificato 05.12.16 21:47| 
 |
Rispondi al commento

a proposito di energia inviterei a non trascurare quella ricavabile dal movimento marino.Ho letto che le migliori tecnologie sono state messe a punto da aziende italiane.Anche questa è un'idea da tenere èresente,non sono un tecnico ma mi piace l'informazione sulle nuove tecnologie disponibili.

luigi i., ercolano Commentatore certificato 05.12.16 21:43| 
 |
Rispondi al commento

Consumo medio di energia in Europa 6kW? 2kW? Parole completamente senza senso: punto primo il consumo medio deve essere riferito ad una grandezza, temporale per esempio (consumo medio "in quanto tempo?"). Punto secondo il Watt non è un unità di misura dell'energia. 2kW, o sei che siano, non rappresentano una quantità di energia. Dopo aver sentito castronerie del genere come si può prendere sul serio la sua consapevolezza e conoscenza delle questioni energetiche?

Lorenzo 05.12.16 21:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao Beppe, vivo a L'Aquila e vorrei tanto che tu prendessi in considerazione il progetto di rinascita del tessuto economico della città che si trova alla pagina web http://www.laquila.digital
Il progetto riguarda le rinnovabili, l'accumulo d'energia e i datacenter. Le condizioni climatiche e il contesto istutuzionale dell'Aquila sono ideali per la creazione di una smart city attraverso la quale transiti il traffico internet del centro Italia e nella quale vengano sperimentate tutte le più moderne tecnologie energetiche. Il sostegno del m5s sarebbe molto importante. Il progetto è stato già sottoscritto dalle prestigiose istituzioni cittadine. Spero che tu riesca a prendere in considerazione questo messaggio e che da ciò possa scaturire un'azione concreta di rinascita della città dell'Aquila. Grazie per la tua attenzione.

Luca T., L'Aquila Commentatore certificato 05.12.16 21:28| 
 |
Rispondi al commento

"Non pensavo mi odiassero così tanto",


Particolarmente in Sardegna, ce stai discretamente su 'i cojoni, bisogna ammettello.....

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 05.12.16 21:15| 
 |
Rispondi al commento

"Non è mia abitudine commentare ma quando si parla di Energia.....dato che
il vero "topic" mi sembra questo non la "politiKKKKa"...
Anni fa avevo un blog molto semplice per cercare unicamente di divulgare in
modo comprensibile anche ad un bimbo, i concetti fondamentali
dell'Energia...mi è stato chiuso e ho compreso che dire la verità (almeno
quella corrente) a riguardo è assai più dannoso che aprire un sito di
pedofilia...(risulta ce ne siano moltissimi "aperti"...). Anni fa ho tenuto
una conferenza a Milano a proposito, dove cercavo di spiegare il perchè
delle ragioni che escludono,ad oggi almeno, qualsiasi forma di Energia che
possa essere indipendente da quelle di natura fossile. Sembra sia
impossibile far comprendere ai più ( anche agli esperti ahimè....!!!!) la
differenza che passa tra i significati delle parole fonte, sorgente,
risorsa e vettore. Anche Musk ( sorry) non lo ha mai capito ma certo che fa
soldi, forse li fa proprio perchè non capisce e crea illusioni, una delle
merci più preziose, non credo solo di questi tempi. Sotto gli 80 KW un auto
elettrica è meno efficiente di un ordine di grandezza rispetto ad una
dotata di motore a scoppio. Ma non dovrebbero informarci a riguardo gli
organi competenti?? Tv, Web, social network...?? Ma no, sembra siano troppo
occupati in altre faccende...nel sogno del "solare" che, così com'è
quantomeno, è PRODOTTO dal petrolio e mai restituirà l'Energia fossile
trasformata per produrlo con una quantità di energia ( vettore!!!!)
elettrica prodotta da lui. Quanta confusione, quanta miserrima
disinformazione. Si fa la solita parte dello struzzo che al posto di
guardare in faccia ai problemi per risolverli (perchè molti la trovavo
"depressiva" la verità...) infila la testa sotto terra e lì va tutto
benissimo. Vi lascio con un semplice scritto, nascosto tra "poesie
d'amore"....almeno così non mi viene oscurato...neppure dal "solare"...

http://pi-francesco-cozzo.blogspot.it/2012/11/fulmini-e-fantasmi.html

Auguri. "

francesco cozzo, Orta S. Giulio Commentatore certificato 05.12.16 21:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Subito quando prendera' il potere il Mov:

Abolizioni di rimborsi elettorali, pensioni d'oro e vitalizi, oltre al rinvio a giudizio per chi li ha percepiti e obbligo della loro restituzione al popolo italiano.

Sidney Jahnsen Medling, Milano Commentatore certificato 05.12.16 21:14| 
 |
Rispondi al commento

Caro Bebbe ...tutto oK!
Dovremo già pensare ad un organico(ministeri) ed a un Programma governativo!
Hai persone affidabili per iniziare a proporre qualcosa?
Se va in crisi questo governo,come dovrebbe essere,siamo pronti a dire alla gente cosa vogliamo fare se andiamo al governo?
Cosa vogliamo fare della moneta,del lavoro,delle industrie,dei programmi economici in breve e in lungo periodo,dei giovani,della scuola,sull'immigrazione,sulla previdenza...dobbiamo essere credibili agli occhi dei nostri cittadini.
Infine sarebbe opportuno parlare dell'Europa:cosa ci proponiamo di fare contro le lobby europee,contro le guerre,le missioni di pace,i rapporti con la Germania ecc.
Il tempo è tiranno dovremo svegliarci in tempo...altrimenti..saremo sempre all'opposizione perchè non daremo garanzie oltre a quelle insite nel Movimento,onestà e trasparenza!
Un abbraccio da chi sempre vi ama!
WW m5s!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 05.12.16 21:09| 
 |
Rispondi al commento

un paio di idee riguardo l'energia, in un possibile programma di governo, le ho:

1) creare, con l'appoggio dell'enel che ha le competenze e i soldi, nelle aree del demanio inutilizzate, comuni agricole che facciano coltivazioni utili a dare biocombustibile. ottimi sono la canapa e/o l'ortica. facili da coltivare, con poca spesa, anche in termini di tecnologia, e molta resa.
si avrebbe combustibile per le utenze dello stato e i suoi mezzi, quindi ospedali, uffici, macchine, mezzi pubblici, illuminazione pubblica etcetc., con grande vantaggio economico, e lsi creerebbero posti di lavoro, giustamente pagato, fisso e sicuro.

2) dare incentivi, ad es togliendo l'iva dai costi, alle tutte le aziende, grandi e piccole che siano, di farsi il loro parco eolico in zone dell'italia ventilate, sempre su terreno demaniale inutilizzato, casomai concesso sempre gratuitamente. ad es nel centro della sardegna. energia elettrica comunque in linea solo con le esigenze produttive dell'azienda.

carlo 05.12.16 20:52| 
 |
Rispondi al commento

Beppe non incominciare a perdere tempo con proposte che si possono discutere in altra data , il tempo e' poco cerchiamo di cercare nomi per un eventuale nostro governo, m5s!ti ripeto non COMINCIARE a perdere tempo!proponete nomi seri e li votiamo sul web. facciamo presto!

Mirko V., Solofra (Av) Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 05.12.16 20:51| 
 |
Rispondi al commento

PERCHE' VOTARE M5S

https://www.youtube.com/watch?v=necfujO9cEY

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.12.16 20:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quando cominceremo a parlare di agricoltura, di produzioni pulite, rispettosi dell'uomo e dell'ambiente??
Sono in agronomo nonché agricoltore, produttore di agrumi bio.
A presto
Saverio Filippelli

Saverio Filippelli 05.12.16 20:34| 
 |
Rispondi al commento

Molto d'accordo con il vostro programma riguardo l'energia. Speriamo di andare presto alle elezioni perchè è molto probabile che le vincete e con il M5S al governo qualche cosa di veramente nuovo succederà!

Maria Stella Longo 05.12.16 20:29| 
 |
Rispondi al commento

Il dolore di Renzi dopo la batosta: "Non pensavo mi odiassero così tanto"

Dopo la sconfitta al referendum, Renzi si sfoga coi suoi: "Adesso sarà la palude". E attacca il Pd: "Pur di disfarsi di me, sono pronti di consegnare l'Italia a Grillo"

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.12.16 20:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

UN TEMPISMO PERFETTO

Che fine ha fatto l'Europa dell'austerity?
Non è affatto scomparsa,anzi ha partecipato al referendum Italiano tifando per il Si nell'intento di sostenere il governo Renzi nel perpetrare l'azione di smantellamento costituzionale iniziata da Monti.
E' questa lo scopo dei tecnocrati europei,abbattere ogni diritto che appartiene al popolo sovrano in modo di appropriarsi del territorio e dei servizi remunerativi dei paesi del sud Europa.
Ecco allora che oggi si sono fatti sentire i ministri finanziari dell'UE che fino a pochi giorni fa avevano concesso tutto a Renzi e Padoan ma visto come sono andate le cose si parla già di una manovra correttiva per rispettare il patto di stabilità nel 2017.
E no caro premier le dimissioni possono aspettare,vada in Europa e spieghi agli Italiani perchè l'UE ha cambiato idea nei confronti del suo governo e non è più tanto accomodante sulla flessibilità concessaci.
a pensar male si fa peccato ma spesso ci si indovina.

bruno p., napoli Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 05.12.16 20:14| 
 |
Rispondi al commento

Megakrakk dell borse dopo la vittoria del NO!!

Schauble : Che l`italia continui sulla strada delle riforme intrapresa da Renzi (cioè lui stesso Schauble). Il lecchino europeo ora va a casa e Schauble se ne deve trovare un altro...

Franz M., Here&There Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 05.12.16 20:10| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

“Il M5S mi fa schifo”, reazione incontrollata su Facebook di un esponente Pd dopo il referendum

Reazione tutt’altro che moderata per un attivista del Sì al referendum nel comprensorio del cuoio. Marco Greco, neo eletto segretario Pd di Cigoli-Molino d’Egola-Catena, a San Miniato, ha affidato a Facebook uno sfogo a urne chiuse dopo la vittoria del No in tutta Italia, invalidando la riforma costituzionale proposta dal governo Renzi.

“È comunque ora lo posso dire..il M5S mi fa schifo..odio i loro leader e i loro militanti..mi auguro una vostra fine (politicamente parlando) lenta e dolorosa..siete una banda di incapaci..miracolati dal sacro blog..finirete molto presto”, segue un appellativo non certo gradevole.

C’è da dire che solo la ristretta cerchia di amici su Facebook è autorizzata a vedere il messaggio. Che però è corso tra le file delle opposizioni, tra cui anche il consigliere comunale Chiara Benvenuti, pentastellata, che ha ribattuto ancora su Facebook: “Dopo tutte le elezioni preferisco rimanere in silenzio a valutare gli esiti, ma le parole scritte su FB da un presidente di sezione del partito democratico, renziano, del nostro Comune, mi traggono a pensare che l’Italia se l’è scampata bella”.

***********

Hanno cambiato tante volte il nome, PCI, PDS, PD ecc., ma un punto fermo rimane in questa gentaglia: LA CATTIVERIA.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 05.12.16 20:01| 
 
  • Currently 1.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 7)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggo molti commenti che invitano a rimanere coi piedi per terra e pensare alle urgenze del paese (economia, tasse, pensioni ecc.). Io credo che questi problemi immediati vadano certo affrontati con soluzioni anche immediate ma il tema dell'energia rimane, a mio avviso, CENTRALE. E poi non sarebbe forse questa una scelta di un percorso di rilancio dell'economia, capace di dare subito posti di lavoro e aumento del PIL ?
Sono d'accordo al 99% con Beppe (un solo dubbio sulla settimana lavorativa a 20 ore che mi pare un po' difficile da attuare; vedi Francia).

Luigi De Romanis (anzio2), Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 05.12.16 20:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

AL M5S il > merito della vittoria dei NO!

Proposta per il programma politico del M5S:

Abolizione immediata della legge Fornero

età pensionabile: 60anni con 35anni di contributi

come già dichiarato più volte da Beppe Grillo:

"Un tetto alle pensioni d'oro fissato a 5mila euro, settimana lavorativa di 36 ore e i 60 anni d'eta' come traguardo per andare in pensione"

http://www1.adnkronos.com/IGN/News/Politica/Elezioni-Grillo-in-pensione-a-60-anni-e-tetto-a-5000-euro-per-quelle-doro_314133377117.html

BEPPE GRILLO: In pensione a 60 anni? Certo che si puòIn pensione a 60 anni con la massima? Certo che si può, basta tagliare 13 miliardi di pensioni d'oro con un tetto a 5 mila euro.

http://www.chickybox.com/beppe-grillo-in-pensione-a-60-anni-certo-che-si-puo-FIY36NfsPU

I delinquenti opporranno il pretesto della
mancanza di risorse: assolutamente falso

il M5S sa dove sono le risorse e si tratta di

risorse miliardarie che sono state e sono ad oggi

"distratte" per alimentare i loro referenti

ma su questo ci sono centomila siti con tutte le

informazioni.

Adesso si tratta di prendere quelle risorse

Con una proposta politica come quella di Beppe

sulla riduzione dell'età pensionabile, il M5S

conquisterà la maggioranza assoluta alle prossime

elezioni politiche con una probabilità >90%

Con una maggioranza assoluta non avrà più

bisogno di imbastardirsi, neanche la tentazione

di alleanze od orgie politicanti.

Se altre forze politiche saranno daccordo, voteran

no per l'abrogazione della legge Fornero,

altrimenti sarà la maggioranza ad approvarla.

Se poi utilizzassero i loro sporchi giochetti

per sabotare, boicottare, fare ostruzionismi vari

si può sempre ipotizzare un bel Referendum

no "abrogativo" (non è previsto) ma confermativo

di una legge sulle pensioni proposta ex- novo

dal governo 5 stelle.

antonio corino, torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 05.12.16 19:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Di nuovo io scusate...

come faccio il log out dalla pagina del blog su Chrome?

ancora grazie e spero di nn rompere piu' con queste formalita' tecniche

Lorenzo D., Livorno Commentatore certificato 05.12.16 19:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non scherziamo!!Beppe Grillo deve tenere il ruolo di FARO!!! Sono altri che devono ripottare sulla pianura il messaggio e le indicazioni!!!!!!
Non scherziamo!!!Dobbiamo fare un programma di governo, che va incontro alle esigenze dei cittadini attuali, e con proposte future per la crescita dell'Italia!
Non proposte di stagno........
Dobbiamo tenere la via di mezzo...

Marina V., sanmartinoinstrada Commentatore certificato 05.12.16 19:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Buonasera mi sono appena iscritto al Blog e vorrei dare il mio contributo ai Quesiti sull'energia ma non li trovo.

Devo per forza iscrivermi anche al movimento?

Grazie per il Vostro aiuto

Lorenzo D., Livorno Commentatore certificato 05.12.16 19:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Pensiamo a modificare il sistema pensionistico,quando pensiamo di mandare a lavorare questi giovani?

Giuseppe Sodano, Nola Commentatore certificato 05.12.16 19:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

There's Big Money In Energy Big Data

http://for.tn/1UbXC4N

id &as Commentatore certificato 05.12.16 19:28| 
 |
Rispondi al commento

Fuori tema ma sono perlpelesso.
Ma davvero non si è andati da Mentana perchè la settima scorsa su La7 ha fatto parlare Di Maio dopo Berlusconi?

GIORGIO S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 05.12.16 19:26| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tutti pensano a belle cose ma pensiamo un Po alle pensioni quando vogliamo mandare i giovani a lavorare?

Giuseppe Sodano, Nola Commentatore certificato 05.12.16 19:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Beppe, sono avvocato e mi occupo di energia da fonti rinnovabili, eolica in particolare. Ho in mente un progetto di legge che potrebbe essere interessante.
Si tratta di rendere energeticamente autosufficiente (quanto meno in parte, autosufficiente) ogni edificio pubblico. La mia idea si propne di raggiungere tre obiettivi: risparmio energetico; riduzione delle emissioni; sviluppo economico delle imprese di piccole e piccolissime dimensioni. Su tale ultimo punto, l'idea è di fare in modo che l'efficientamento energetico sia fatto a livello locale. In buona sostanza, i partecipanti al bando pubblico (imprese e artigiani) avranno un punteggio sia in base alle competenze e alla solidità economica sia in base alla di loro localizzazione di modo che nel comune "X" - a parità di punteggio - sia preferita sempre l'impresa / l'artigiano che ha la propria sede nel comune "X". Per i comuni di maggiori dimensioni, si opererà con frazionamenti. Ne parlerei volentieri con chi di competenza. Un caro saluto. Marco Caporale (la mia e.mail è la seguente: marco.caporale@studio-caporale.it)

Paolo Marco Caporale, milano Commentatore certificato 05.12.16 19:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sì bene le energie rinnovabili,ma calma a parlare di governo 5 stelle, guardate che non abbiano vinto nulla ancora...poi cos'è sta storia che non si rilasciano interviste a la7? Iniziamo già a tirarcela?dai su fe i bravi valà


Tema affascinante quello dell'energia.
Invito a valutare tre progetti:
il progetto desertec (fotovoltaico nel sahara)
l'eolico nel mediterraneo
il geotermico nelle nostre aree vulcaniche

Andrea Merola 05.12.16 19:07| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe. Va benissimo affrontare il tema dell' energia pulita, importantissima. Credo però che in Italia ci siano delle criticità molto più urgenti. Nell' ordine di priorità metterei:
-lavoro
-economia
-istruzione
-sanità
-immigrazione (un problema da risolvere urgentemente, prima che si arrivi ad una guerra tra poveri e possa diventare una situazione pericolosa).
Cordialmente
Rossella

Rosa Cicalese Commentatore certificato 05.12.16 19:06| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, caro M5S io sono avvocato e mi occupo da tanto tempo di eolico e di energie alternative in genere. Attualmente pende avanti la presidenza del consiglio dei ministri un procedimento di "mediazione" relativo ad un progetto eolico in Toscana ed Emilia Romagna, progettato da una mia cliente (una società italiana appartenente ad un piccolo gruppo industriale tedesco). Tutte persone per bene, oneste e competenti. Il progetto eolico è osteggiato dai burocrati delle Regioni mentre (quasi) tutte le comunità interessate e la popolazione locale è favorevole. Siamo insomma al caso opposto alla TAV. La presidenza del consiglio dei Ministri dovrebbe operare per trovare una mediazione tra le parti volta alla realizzazione del progetto (magari con modifiche, eventualmente riduzioni). Come pui immaginare, non fa praticamente nulla. Sarei molto grato se mi permettessi di poter approfondire con uno dei portavoce che si occupa di energia. La mia E.mail è la seguente: marco.caporale@studio-caporale.it Un caro e cordialissimo saluto. Marco Caporale

Paolo Marco Caporale, milano Commentatore certificato 05.12.16 19:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Proposta che posterò su Rousseau appena consentirà la discussione di “un programma deciso dagli iscritti”

Titolo del Programma
La sovranità appartiene al popolo - Democrazia Diretta - Ognuno conta uno

Premessa
Il M5S, nato per realizzare la Democrazia Diretta, si impegna ad operare gli interventi necessari affinché la Costituzione conferisca al popolo una reale e piena sovranità. Sovranità esercitata attraverso PortaVoce - terminali dei cittadini nelle Istituzioni- locali, nazionali od europee.
Per agevolare l’esercizio della sovranità popolare verrà fornita gratuitamente ad ogni elettore una firma digitale di accesso alla Piattaforma e-democracy anti delega uno vale uno. Piattaforma su cui potrà dar Voce ai Portavoce, sia proponendo e votando proposte, sia esprimendosi annualmente sull’ammontare del gettito fiscale e su come vadano reperite e investite tali risorse pubbliche.

1) Il M5S intende promuovere un ordinamento Europeo di tipo confederale e realizzare un ordinamento statale di tipo federale. Ordinamenti in cui il potere sia esercitato dal basso verso l'alto. (Vedi dettaglio nel sotto commento).

2) Qualsiasi accordo internazionale che comporti anche una parziale cessione di sovranità, sarà sottoposto a referendum popolare.

3) La riserva aurea appartiene al popolo e verrà dunque custodita in una Banca italiana pubblica il cui Dirigente, eletto in concomitanza con l’elezione dei Portavoce, avrà il compito di stampare - moneta del popolo italiano - e di gestirla in base a un programma etico-sociale approvato dal popolo.

4) Il M5S procederà alla semplificazione delle procedure amministrative e della vigente normativa.

5) La Magistratura verrà dotata di strumenti e personale tali da renderla snella e tempestiva al fine di abbreviare la durata dei processi specie per reati nella P.A. quali la corruzione e la criminalità economica.

6) Sarà ridiscussa la Convenzione fiscale che esenta da tributi gli immobili del Vaticano situati sul territorio Italiano.

Daniela Tosca Commentatore certificato 05.12.16 19:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le stampanti 3D metteranno davvero in crisi la vecchia industria pesante? Sarebbe bello, ma pericoloso senza una connesione strettissima col reddito di cittadinanza. Infatti il nesso lavoro-reddito, come l'abbiamo conosciuto, sta per saltare: dalla scomparsa del bigliettaio nei bus fino ad Amazon e alle banche e assicurazioni on-line (per citare solo 2 esempi), i posti di lavoro tradizionali sono venuti a mancare... e ritengo sia impossibile una società in cui ognuno è imprenditore di sè stesso con la sua stampante: molto più probabile una disoccupazione di massa

L'energia poi. Il discorso fila, ma se non è collegato ad una "decrescita" temo che la nucleare sarà sempre indispensabile. So che è passato di moda parlare di decrescita (più o meno felice) ma fossi in te Beppe un rilancino del tema lo farei.

Sul carbone e sull'intero discorso delle miniere - questa cosa orrenda - metterei la pietra tombale: nessuno MAI più a lavorare in miniera: reddito di cittadinanza ad oltranza verso un lavoro alternativo, che nessuno possa più fare quella attività bestiale... e ricco affa*qu** ai padronazzi.

[!]

(!)

GGray Commentatore certificato 05.12.16 19:04| 
 |
Rispondi al commento

OT - Casalì, ma che è successo con La7? Ti sei incazzato perché il Berlusca ha parlato prima del Di Maio? Ma che ti frega lascia perdere non è il momento, ti rendi conto che il NO ha stravinto, maremma maiala? (In queste settimane ho seguito un corso accelerato di lingua toscana, sono bravo?)

Franco Mas 05.12.16 19:03| 
 |
Rispondi al commento

(Continuazione dal commento precedente)
Parlamento la potestà di modificare la Costituzione proprio perché partiva dal presupposto che il Parlamento sarebbe stato eletto col sistema proporzionale puro, e quindi rappresentava ed avrebbe in seguito rappresentato tutte le forze politiche presenti nel Paese in un determinato momento. Ne discende per logica che, ove si voglia operare la sostituzione del sistema proporzionale con un sistema diverso, qualunque esso sia, che non abbia in sé la caratteristica di rappresentare la totalità delle forze in campo (mi spingo a dire: anche di quelle che, in ragione di eventuali sbarramenti, non sono rappresentate in parlamento), non è più accettabile che le modifiche costituzionali possano essere demandate all’assemblea parlamentare e debbano, invece, costituire appannaggio di un’apposita assemblea eletta ad hoc, col sistema proporzionale puro. Tale organo dovrebbe, a mio avviso, avere carattere permanente nel tempo, ma chiamato a riunirsi ogni qualvolta occorra decidere su una o più proposte di modifica costituzionale. Dovrebbe, inoltre, essere previsto il rinnovo periodico dell’Assemblea attraverso elezioni a suffragio universale. Tale periodo potrebbe, ad esempio, coincidere con la durata in carica del capo dello Stato, che la potrebbe presiedere. Infine, la stessa assemblea, potrebbe eleggere al proprio interno un numero ridotto di membri aventi particolari ed elevate competenze giuridiche i quali, sempre presieduti dal Capo dello Stato, andrebbero a formare la nuova Corte Costituzionale. All’eventuale cessazione anticipata di uno o più membri dell’Assemblea dalla carica si potrebbe poi ovviare attraverso il ripescaggio del primo dei non eletti nella stessa formazione politica.
3) Introdurre l’elezione diretta del Capo dello Stato al fine di sottrarlo alle influenze dei partiti

Galatina, 5/12/2016
Antonio Marra

Antonio Marra 05.12.16 18:57| 
 |
Rispondi al commento

subito un grande piano per il lavoro ai giovani soprattutto nel meridione con detassazione totale, incentivi al microturismo (stile Irlanda), piano anticorruzione (premi a chi denuncia), riduzione a 2 livelli del processo penale per reati contro P.A., riduzione spese militari (F35 e altro), una legge che istitusce il salario minimo (come Germania), piano energetico nazionale (chiusura entro 5 anni centrali a carbone, rimodulazione carbon tax), gli incentivi alle rinnovabili non devono ricadere in bolletta degli utenti come ora purtroppo!, nazionalizzazione con CDP delle banche che non rispettano regole (chi specula non può chiamarsi banca!).

andrea p. 05.12.16 18:54| 
 |
Rispondi al commento

Renxit, subitissimo! E togliete un po' dagli schermi quel verme di enrico zanetti!

Luisa. Colli, Genova Commentatore certificato 05.12.16 18:54| 
 |
Rispondi al commento

Vorrei sapere perchd' non ricevo piu' email blog Beppe Grillo. Grazie
Ps sono una vostra vecchia iscritta

Natale Matilde 05.12.16 18:50| 
 |
Rispondi al commento

Io, però, vorrei partire dalle basi, cioè da quella Costituzione che ha appena attraversato un periodo molto pericoloso della sua storia. Vorrei, cioè, nel programma s'inserisse un capitolo di norme per rafforzare la sua salvaguardia, cambiando il sistema previsto dall'art. 138
Ritengo, infatti, che dal brutto momento che la Costituzione (e noi con Essa) ha appena superato, occorre trarre insegnamento e prendere appena possibile alcune misure indispensabili per proteggerla contro altri eventuali attacchi di aspiranti “dittatorelli” da strapazzo.
I Padri Costituenti vollero che alla stesura del testo costituzionale partecipassero tutte le componenti politiche democratiche allora esistenti e per questo scelsero l’unico criterio di elezione che fosse (ed è) in grado di rappresentarle: il sistema proporzionale puro. E questo ha funzionato, creando la Costituzione più bella del mondo. Il risultato, però, è stato dovuto anche al fatto che fra gli eletti c’era il fior fiore dei giuristi dell’epoca.
Anche le ultime vicende (dal cd Porcellum in poi) delle leggi elettorali che si sono susseguite devono insegnarci qualcosa. Dobbiamo, cioè, prendere atto della stretta connessione esistente tra certe riforme costituzionali e i sistemi elettorali ai fini del buon funzionamento di un effettivo sistema democratico.
Bisogna, cioè:
1) “Costituzionalizzare” le leggi elettorali allo scopo di non lasciarle alla mercé di maggioranze parlamentari e di governo che per loro natura sono (e devono essere) contingenti, mentre hanno mostrato chiaramente di non saper resistere alla tentazione di produrre leggi tendenti a perpetuare il proprio potere;
2) Porre mano ad una riforma radicale della procedura di modifica della Costituzione che, a mio modesto avviso, sconta il fatto di essere stata concepita nel quadro di un sistema elettivo parlamentare perfettamente proporzionale. Voglio dire che l’art. 138 Cost. ha affidato al Parlamento

Antonio Marra 05.12.16 18:49| 
 |
Rispondi al commento

A PROPOSITO DI CHI DICE DI AVERE IDEE CHIARE

[...]

Per tornare il topic:
scusate la mia ignoranza...
ma non è più efficace usare l'idrogeno per (con l'aiuto dell'elettrolisi con un pannello solare) per dare corrente ad una centrale? E se ogni uno di noi la usasse per ogni abitazione con un generatore di corrente che invece di andare a benzina o gasolio andasse a idrogeno?
Abbiamo il metano che è oltretutto pericolo e nessuno problemi non ne fa...
E' un idea folle?

franco ferrari 05^12^16 16^29

Rispondi al commento

Scusa ma forse non hai le idee abbastanza chiare, perchè che bisogno c'è di alimentare una centrale elettrica con idrogeno che a sua volta deve essere estratto per idrolisi utilizzando pannelli solari per creare corrente ??? Ma non è piu' semplice usare i pannelli solari per dare corrente elettrica direttamente alle utenze ??????? WM5*****

Carlo A., forli' 05^12^16 17^54


Caro Carlo A.
che ne diresti di muovere un mietitrebbia, o un trattore da 100/150 o con più CV (vecchia unità di misura), oppure un TIR, utilizzando pannelli fotovoltaici?
Quando avrai trovato la soluzione,informaci.


Da condividere senz'altro il progetto energia. Propongo anche come obbiettivo primario, la revisione della legge bancaria, oggi alla base di tutti i problemi del sistema (che vengono scaricati sui risparmiatori)

angelo casella 05.12.16 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Molto buona l'iniziativa di affrontare on line la discussione dei punti del programma. Le cose che scrive Beppe, sia pure con qualche inesattezza, sono tutte condivisibili ma vanno trasformate in impegni programmatici. Sono uno dei pochi costruttori italiani ad avere realizzato una "casa a consumo zero" in Italia certificata da Casa Clima con produzione negativa di CO2 e vorrei uno spazio di confronto dove sia effettivamente possibile elaborare un programma. Cito per stimolo alcuni dei punti che andrebbero, a mio parere enunciati ed approfonditi:
Consumi dell'abitare: Definitiva adozione del "zero consumo di suolo" in Italia la popolazione sta diminuendo i permessi edili devono essere solo di demolizione/ricostruzione anche con spostamento da un'area ad un'altra della cubatura allo scopo di riqualificare le aree urbane. Ogni nuova costruzione deve essere a impatto energetico (costruzione e conduzione) pari a zero. Approvazioni di nuove autoprizzazioni edilizie solo di fronte a determinate percentuali di abbassamento dei consumi. Introduzione del fascicolo del Fabbricato per tutti gli edifici pubblici e privati. Grande programma di messa a norma (energetica ed abitativa) di tutti gli edifici pubblici
Consumi del produrre: incentivi a tutte le aziende per la riduzione dei consumi energetici
Consumi del muoversi: programma per il totale passaggio della motorizzazione da motori termici a motori elettrici entro il 2040
Dove possiamo postare e discutere meglio questi punti e gli altri che verranno proposti ?

Augusto Giuseppe Merletti, Roma Commentatore certificato 05.12.16 18:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ragazzi, le venti ore alla settimana sarebbero un sogno... intanto, io che faccio l'Imprenditore devo lavorarne quasi 20 ... al giorno.

FRANCESCO GORGI 05.12.16 18:36| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Beppe!
Sono d'accordissimo con il piano di energia pulita e rinnovabile in Italia. Siamo un paese così ricco di risorse del genere che potremmo sopravvivere per sempre con queste energie.
Però non sono d'accordo con le elezioni immediate. A mio avviso il Movimento deve ancora crescere, così come deve crescere a livello politico anche il carisma di alcune figure leader del Movimento. Inoltre pensate soprattutto alla legge elettorale. " Due legislature e a casa " è sempre stata una delle cose che più ho apprezzato del vostro programma. Però adesso pensateci e cercate di farlo quanto prima perché è davvero la cosa più importante di questo paese.
C'è molta gente che crede in voi e avete tanto potere oggi. Non ubriacatevi con esso ma usatelo con molto raziocinio e programmazione. Facciamo rinascere l'Italia e rendiamolo il paese più bello d'Europa!

Cris Pellecchia 05.12.16 18:35| 
 |
Rispondi al commento

Mi piacerebbe che si puntasse finalmente ad incentivare sul serio il fotovoltaico "domestico" senza che il privato debba rivolgersi per forza a banche e finanziarie per realizzarselo.

manuela pasini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.12.16 18:33| 
 |
Rispondi al commento

salve,con la vittoria del no tutti i consiglieri regionali e provinciali da 10000 euro al mese,tutti i più di mille parlamentari da 15000 euro al mese,tutti quei dipendenti pubblici disonesti,ecco tutte queste persone possono tirare un grosso sospiro di sollievo,e dire anche questa volta ci è andata bene!Sapete cosa mi ricorda l'esito di questo referendum? di quello che si è tagliato i coglioni per far dispetto alla moglie.Meditate gente,meditate

el mustaffà Commentatore certificato 05.12.16 18:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

già

se l'energia per riscaldare, raffreddare o mantenere costasse pochissimo e con impatto ambientale quasi zero

Psichiatria. 1 05.12.16 18:31| 
 |
Rispondi al commento

Ma se è vero che bisogna andare alle elezioni subito, se è vero che m5s va forte, perché non si candida direttamente Grillo? Sarebbe tutto più semplice e trasparente

undefined 05.12.16 18:29| 
 |
Rispondi al commento

E' da questa notte che godendo a più non posso.Non lo reggevo più!!

Al. P. Commentatore certificato 05.12.16 18:26| 
 |