Condividi


“Oggi parliamo dei graditi. I graditi lavorano nel servizio ristorazione regionale della Sicilia. Sono camerieri o banconisti che, al momento della stipula del contratto (con la ditta che vince l’appalto), hanno raggiunto “una continuità lavorativa di almeno 10 anni, ancorché con diversi appaltatori” all’interno dell’ARS. Cosa c’è di strano? Posta in questi termini sembrano lavoratori assidui da almeno 10 anni. E invece, questi “graditi” percepiscono doppio stipendio rispetto ai loro colleghi pur svolgendo le stesse mansioni, in base ad un “premio di gradimento” (non si sa bene a quale titolo oggettivo) disegnato ad hoc per queste figure che ricevono, oltre allo stipendio della ditta appaltante, anche 14 mensilità aggiuntive del valore di 1.800 euro. Chi paga questo “premio di gradimento”? Ovviamente i cittadini (a loro insaputa). Non è piacevole scoprire una spesa improduttiva come questa, che entra a pieno titolo tra gli sprechi di una macchina regionale costosa e da rendere efficiente con dei piani programmatici. Il caso merita dei chiarimenti. Non risanerà i debiti contratti dalla Regione, ma sicuramente concorre alla reale spending review con principi di equità. I deputati a 5 Stelle, dopo l’insediamento, faranno luce su questa vicenda.” M5S Sicilia