Condividi
Mai dire Brambilla
(1:28)

Littoria Brambilla ha prestato giuramento alla Repubblica e alla Costituzione come ministro. Per coerenza, durante la festa dei Carabinieri a Lecco, dopo l’Inno di Mameli, ha fatto il saluto romano. Si è fatta prendere dall’entusiasmo. I Carabinieri, benemeriti per aver arrestato a suo tempo Mussolini su ordine del Re, non l’hanno imprigionata per vilipendio alla Repubblica aggravato dalla carica istituzionale.
Littoria ogni mattina si guarda allo specchio e si chiede: “Chi è la ministra più bella del Reame?“. Lo specchio non risponde, ma lei sa in cuor suo di essere solo la seconda classificata dopo la Carfagna e prima della Gelmini. Peccato, c’è sempre una ministra più ministra di te. Questione di calendari. Peccato per la fondatrice delle migliaia e migliaia di Circoli della Libertà provvisoria. Per una che ha dato tutta sé stessa come modella di collant e di autrice e protagonista della trasmissione sadomaso: “I misteri della notte“. Peccato che sia finita così, solo ministro del Turismo. Un posto occupato persino da “Plis, plis vizit aur cauntri” Rutelli.
Littoria Brambilla è una speranza, un auspicio, un segnale di ottimismo. Infatti, se lei è diventata ministro, chiunque può farcela. E’ come il sogno americano dove tutto è possibile. E’ lo “Psiconano Italian Dream“.
Il Turismo è una delle principali industrie del Paese. Littoria ha detto in diretta televisiva: “Sono molto ansiosa di mostrare l’immagine nuova dell’Italia alla quale il presidente Berlusconi lavora da giorni“. Ha quindi estratto da una cartelletta un disegno con scritto: “Magic Italy“. In pratica una televendita di pentolame ideata da un venditore di spazzole.
Littoria vuol riesumare il portale Italia.it, l’immonda creatura informatica di Lucio Stanca che ci costò 45 milioni di euro. Il sito aperto e poi subito chiuso dopo aver visto quello che c’era dentro. In seguito il capo magazziniere della IBM è stato promosso alla guida dell’EXPO 2015 di Milano. logo-italiait.gifIl logo è ancora tutto da definire, l’obiettivo minimo è quello di superare il cetriolone rutelliano. Littoria anticipa: “Pur essendo ancora in corso di definizione, possiamo però anticipare che i colori utilizzati saranno il bianco, il nero, il rosso e il verde”. I tre colori della bandiera italiana insieme al colore del fascismo.
Eia, eia, Brambillà!