Fondi europei per le pmi, fai la tua proposta su #Lex

FONDIEUROPEI-pmi-lex-5stelleeuropa-m5s-beppegrillo.jpg


Le piccole e medie imprese sono l'ossatura dell'economia europea. Rappresentano il 99% di tutte le imprese ma sono le più penalizzate dalle politiche della Commissione europea. Adesso, con il Movimento 5 Stelle dentro le Istituzioni, è arrivato il momento di voltare pagina. La portavoce al Parlamento europeo Rosa D'Amato ha proposto e ottenuto un rapporto di attuazione per promuovere la competitività delle piccole e medie imprese. E' una grande occasione per cambiare il sistema.

Tra il 2014 e il 2020 sono stati allocati più di 63 miliardi di euro attraverso i fondi strutturali e di investimento con l'obiettivo di creare quasi 400.000 nuovi posti di lavoro e di aiutare, in particolare, le PMI e le micro imprese (incluse le cooperative e le imprese attive nel sociale).

Questa montagna di soldi, però, non è il solo fattore da prendere in considerazione se sei vuole una politica di coesione orientata ai risultati e al raggiungimento di reali benefici nei nostri territori. L'Italia è l'ultima in Europa per utilizzo dei fondi europei. Chi ha governato il nostro Paese fino ad adesso è responsabile di questo fallimento.

Nella bozza del rapporto di attuazione caricato su Lex, Rosa D'Amato affronta tutti quei problemi che impediscono il finanziamento e l'erogazione ottimale dei fondi europei: l'eccessivo onere amministrativo, l'incapacità dei funzionari nel presentare progetti efficaci, i ritardi cronici nel pagamento delle fatture da parte delle amministrazioni pubbliche.

Ecco le 4 linee guida individuate da Rosa D'Amato per migliorare l'accesso dei fondi europei nella competitività delle pmi:

1) migliorare l'accesso al credito, soprattutto per le microimprese.
2) velocizzare le istanze dei pagamenti da parte della pubblica amministrazione.
3) coinvolgere tutti gli attori della società civile nella programmazione.
4) indirizzare i fondi europei verso la trasformazione in economia circolare.

Solo il Movimento 5 Stelle ha la democrazia diretta nel suo dna. I portavoce eletti al Parlamento europeo si sono iscritti in un gruppo politico che la porta nel nome: Efdd - "Europa della libertà e democrazia diretta". Grazie al sistema operativo Lex la democrazia diretta viene anche esercitata e, per la prima volta nella storia del Parlamento europeo, emendamenti presentati da semplici cittadini sono stati discussi, votati e poi approvati dall'aula.

Cittadini come legislatori.
Ecco il testo del rapporto sulle piccole e medie imprese. Scrivi i tuoi emendamenti su Lex e partecipa alla scrittura di questo rapporto.

FAI LE TUE PROPOSTE PER CAMBIARE QUESTA EUROPA


VIDEO. I fondi europei possono cambiare la vita delle piccole e medie imprese. Scopri come nel video di Rosa D'Amato.

ATTENZIONE: LA SCADENZA DELLA PRESENTAZIONE DEGLI EMENDAMENTI E' PREVISTA PER IL 23 FEBBRAIO.

Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo