mescina-mercatocinese-manifestazionebruxelles-5stelleeuropa-m5s.jpg


Imprenditori e operai sono scesi in piazza, a Bruxelles, per manifestare contro il riconoscimento dello status di economia di mercato alla Cina. Il Movimento 5 Stelle era con loro. I portavoce Laura Agea, David Borrelli e Tiziana Beghin hanno partecipato alla marcia organizzata dalle industrie europee dell'acciaio e da Aegis Europe davanti le sedi di Commissione e Consiglio europeo. Insieme a loro i rappresentati dei settori produttivi più penalizzati dalla concorrenza sleale cinese: siderurgia, meccanica, chimica, ceramica, bulloneria, carta, calzature, tessile e arredo.

Concedere alla Cina lo status di economia di mercato costituirebbe un vero e proprio SUICIDIO ECONOMICO PER L'EUROPA perché disarmerebbe unilateralmente le difese commerciali contro la Cina e limiterebbe al massimo la possibilità di imporre dazi antidumping alle aziende cinesi che riducono in modo scorretto i prezzi.

Secondo l'agenzia di statistica europea Eurostat una tonnellata di acciaio in Europa viene venduta a 897 euro, in Cina 583 euro. Una differenza incolmabile per le industrie europee. Questo squilibrio di mercato ha messo in crisi l'industria siderurgica che dà lavoro diretto a 350 mila operai, più quelli occupati nell'indotto e nella filiera del riciclaggio. Dal 2008 a oggi l'industria siderurgica europea ha perso 80 mila posti di lavoro e una capacità produttiva pari a 50 milioni di tonnellate di acciaio. È andato in fumo un quarto della produzione totale in meno di sette anni. Una catastrofe.

È impossibile competere con l'economia di Stato cinese. La crisi del settore dell'acciaio portata in piazza a Bruxelles serva da monito a tutti quelli che ancora tentennano o fanno finta di non vedere. Ecco cosa succederebbe se venisse riconosciuto lo status di economia di mercato alla Cina: grazie ai sussidi pubblici e allo sfruttamento del lavoro si produce a un costo più basso rispetto a quello pagato per comprare le materie prime. La Commissione europea non può far finta di niente solo per aiutare qualche multinazionale desiderosa di aumentare i loro profitti comprando in saldo dalla Cina.

Oggi in piazza a Bruxelles c'erano Ministri spagnoli, francesi, britannici, lussemburghesi e tedeschi. Il Ministro Federica Guidi e il governo Renzi? Latitanti.


VIDEO. Il Movimento 5 Stelle in piazza e dentro le Istituzioni combatte questa battaglia politica fondamentale per l'economia italiana. Ecco il reportage della manifestazione.





Guarda anche ...


Ultimi video

Titolo