Condividi

C’è qualcosa che accomuna Boss(ol)i a Gheddafi. Quando penso all’uno mi viene in mente l’altro. Non so perché. Forse per le loro continue sparate e quell’aria un po’ così, sfasciata, di entrambi, o l’abbandono da parte dei loro sostenitori. Mahmoud Maroni potrebbe presto lasciare Boss(ol)i al suo destino come ha fatto Mahmoud Jibril, ministro di Gheddafi fino a pochi mesi fa, e ora nuovo premier della Libia. Il ricorso ai 300.000 fucili mai esistiti delle valli bergamasche… Assonanze tribali. La ridotta di Ponte di Legno come il fortino di Sirte. A Varese la sua tribù lo ha rinnegato. A Verona lo hanno fanculato. Il fuoco amico della Padania è in azione, chi gli sparerà l’ultima raffica?

Condividi
Articolo precedenteL’Hiv dimenticato
Prossimo articoloIl sorrisetto