Il Blog delle Stelle
Rosatellum: la truffa dei partiti contro i cittadini

Rosatellum: la truffa dei partiti contro i cittadini

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 28

di Danilo Toninelli

Vi ricordate il modello tedesco? Una legge costituzionale: senza pluricandidature né capolista bloccati o ammucchiate di partiti. Ricordate anche che venne affossata dal Pd dopo un voto che estendeva la legge anche al Trentino?
Il PD diede la responsabilità al M5S sostenendo che nel patto (ma quale patto?) Il Trentino non c'era.

Tenete a mente queste cose.

Ora il PD ha messo la fiducia sul Rosatellum. Una legge di nominati, pluricandidature e ammucchiate di partiti. In più, la possibilità per un pregiudicato per reati dolosi gravi di potersi candidare a capo politico.

Sapete quale è l'unico elemento che accomuna questo schifo di legge al tedesco?
Proprio la parte sul Trentino, quella per cui il PD ha detto che il tedesco, per colpa nostra, era morto.

Avete capito bene!

Era tutta una truffa architettata dal PD per bocciare il tedesco dando la responsabilità al M5S e così aprire le porte al Rosatellum: una legge anticostituzionale e antidemocratica.

Questa è la legge che il PD ha sempre voluto, non il Tedesco. La prova? Per il Rosatellum il PD è pronto a tutto: mette la fiducia sulla legge elettorale, come Mussolini sulla legge Acerbo, come sulla Legge Truffa! Cosa non si fa a tre mesi dalle elezioni per il Rosatellum!!! Si viola la Costituzione, il Regolamento della Camera e le buone regole democratiche, mentre i vertici istituzionali si fanno trattare come servi sciocchi.
Alla fine la verità viene sempre a galla e come sempre è una truffa contro i cittadini da parte dei vecchi partiti.




scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

11 Ott 2017, 11:26 | Scrivi | Commenti (28) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 28


Tags: m5s, pd, rosatellum, toninelli, trentino

Commenti

 

Boschi e Gentiloni sono molto nervosi. E ti credo, guarda che numeri... !!!

https://youtu.be/b4UvGpOnJBs

Lino V. Commentatore certificato 13.10.17 14:40| 
 |
Rispondi al commento

Entro la fine dell’anno, il Parlamento dovrà ratificare il Trattato sulla " Stabilità ", coordinamento e governance nell’Unione Economica e Monetaria.

Cinque anni dopo la sua approvazione, il Fiscal Compact,
sarà inserito nell'Ordinamento Giuridico EUROpeo ,
divenendo giuridicamente superiore alla legislazione nazionale !!!!!
e rendendo irreversibili le politiche liberiste d'austerità.
......... AIUTOOOO !!!!

Lino V. Commentatore certificato 13.10.17 12:10| 
 |
Rispondi al commento

La verità è che M5S rischia di divenire l'ALIBI che consente ai partiti tradizionali (PD, PDL, Lega) di fare le PEGGIORI SCHIFEZZE.
Non solo abolire i diritti dei lavoratori, non solo introdurre forme di lavoro sempre più precarie e meno pagate, allontanare la pensione e ridurne drasticamente il valore, costringerci a pagarci le prestazioni sanitarie, o vedere sparire le nostre offerte per la ricostruzione dei paesi distrutti dal terremoto, ma anche a vederci derubati della libertà di SCEGLIERE CHI VOGLIAMO CHE CI GOVERNI (questa si chiama DEMOCRAZIA).
Infatti loro ragionano così: la gente è così TERRORIZZATA che vincano i Cinque Stelle che possiamo propinargli le peggiori purghe.
Vi preghiamo in ginocchio: fate in modo che i Cinque Stelle non siano un partito terrorizzante, in cui non si sa chi decide, non si sa chi comanda, non si sa COME vengono scelti i dirigenti nazionali.
Ad esempio chi ha deciso che l'UNICO nome che avesse potuto ambire al ruolo di CAPO POLITICO fosse quello di Di Maio?
Dite che sono i CITTADINI che hanno diritto a scegliersi i propri rappresentanti politici. Ovvero che i politici sono i DIPENDENTI dei cittadini.
E allora perché non avete chiesto AI CITTADINI ISCRITTI AL MOVIMENTO DI PROPORRE IL NOME di colui che avrebbero desiderato come capo politico del Movimento?
Ad esempio io non mi sarei sognato di proporre il trentenne Di Maio, ma - ritenendo che il problema principale di cui soffre la società italiana sia il mix di corruzione e mafia che attanaglia ogni settore della vita sociale - avrei proposto un MAGISTRATO ESPERTO E ONESTO, ad esempio di Matteo, oppure Davigo o De Magistris.
Il capo politico sarebbe stato il nome che avesse ricevuto più consensi (in caso di rifiuto sarebbe stato il secondo o il terzo.. ).
E il fatto che costui non fosse organico al Movimento sarebbe stato un VALORE AGGIUNTO.

Giuseppe Pipino, Tavagnacco Commentatore certificato 13.10.17 09:51| 
 |
Rispondi al commento

Il Premio di Maggioranza è sinonimo di Dittatura .
La vera Legge di Rappresentanza Democratica è una sola :
Il Proporzionale vero (e non camuffato ,
al limite con una bassa soglia di sbarramento )

" L'instabilità... " della prima repubblica è un lascito della costituzione seria del 48!!
Non serve nessun premio e premietto per governare!
governa il 51% del parlamento !!
Che non sarebbe altro che il 51% del Popolo!!!

Quella che chiamano
" instabilità' è una scelta voluta,
affinchè chiunque fosse al potere avesse un approccio interclassista,
perchè ESECUTIVO del parlamento!
IL PARLAMENTO FA LE LEGGI !!
IL PARLAMENTO DEVE DIRIGERE L'ESECUTIVO !!( e non il contrario )
E nel parlamento se hai una maggioranza relativa, non puoi far altro che trovare altri rappresentanti del Popolo per raggiungere almeno la maggioranza!
Così deve funzionare una VERA DEMOCRAZIA SERIA !
E infatti è funzionato tutto bene per 40 anni!

Il fatto che "cascasse il governo"
era pienamente ininfluente ,
perchè non era altro che il ricalibrarsi di interesse di parte della società ,
alla fine... cambiavano 2 ministri e un premier con nessun potere.... perchè il potere lo avevano i Partiti in Parlamento
che rappresentavano il Loro Popolo.....

Solo con una legge che fa andare al governo con il 30% si può tenere su questa UE...
perchè le politiche di deflazione salariale, alla fine fanno gli interessi dell'1% della popolazione ( neanche quelli del 30% )
e solo un NON partito può farle.....

Lino V. Commentatore certificato 12.10.17 16:12| 
 |
Rispondi al commento

NON SI PUO' CHIEDERE LA QUESTIONE DI FIDUCIA PER FAR APPROVARE UNA LEGGE ELETTORALE :

di G.Z. Karl

Ancora una volta,
ci troviamo di fronte a un comportamento del Presidente della Camera che non convince affatto
e che La Presidente Boldrini
ha cercato di spiegare in una lettera dal contenuto forviante inviata al quotidiano Repubblica,
di cui riassumiamo di seguito il contenuto:

- L’art. 116 del Regolamento della Camera elenca le materie su cui non può essere posta la questione di fiducia non includendovi la materia elettorale;

- In base a tale articolo regolamentare, la fiducia non può essere posta dal Governo quando il voto segreto è obbligatorio,
mentre invece può essere chiesta là dove il voto segreto non è obbligatorio ma ha luogo su richiesta;

- ... ecc. , ecc...

A ciò La Presidente aggiunge che
il NUOVO testo dell’art. 116 del Regolamento,
tuttora in discussione
e pertanto NON ANCORA approvato (notiamo Noi),
conferma la Sua interpretazione
perché il nuovo esclude espressamente che sulla materia elettorale la fiducia possa essere posta;
il che rafforza, a detta della Presidente, la bontà della sua interpretazione attuale.

Innanzitutto,
è vero che l’art. 116 ancora in vigore ,
comma 4, del Regolamento della Camera NON include la materia elettorale tra quelle su cui la questione di fiducia non può esser posta. Nondimeno, l’articolo in parola recita testualmente:
“La questione di fiducia non può essere posta… su tutti quegli argomenti per i quali il Regolamento prescrive votazioni … per scrutinio segreto ”.

La Presidente, tuttavia, tralascia di menzionare espressamente l’art. 49,
comma 1,
del Regolamento della Camera,
in virtù del quale:
... ecc. , ecc.

.... continua con :
https://cambiailmondo.org/2015/05/04/la-presidente-boldrini-e-uninterpretazione-inverosimile-del-regolamento-della-camera/

Lino V. Commentatore certificato 12.10.17 15:39| 
 |
Rispondi al commento

Breve informazione per Chi è in cerca di un lavoro :
Come farsi eleggere deputato

Per farsi eleggere deputato
non sono previsti requisiti specifici e particolari .
Occorre essere cittadini italiani, avere un’età minima di 25 anni e, nonostante non siano fissati dei limiti in merito, occorre appartenere a un partito politico.
Per questo motivo,
per cercare di avere maggiori possibilità di essere eletto come deputato,
si renderà necessario ottenere un’ottima posizione nella lista dei candidati
di un partito politico
(tanto poi , siccome NON c'è "l'Obbligo di Mandato" si può cambiare liberamente ... ; oltre tutto , ... chi sa perchè ,
NON c'è nessun Partito o Movimentopolitico che si batte per inserirlo in Costituzione o per far approvare una legge per favorire dell'Obbligo di Mandato & Rappresentanza . )

In questo senso gioca un ruolo fondamentale la campagna elettorale ( e Lo Sponsor ... ) :
un candidato ( a meno di essere una "rapa" ) che riesca a proporsi in una maniera chiara ed efficace/convincente riuscirà ad ottenere la fiducia dei propri potenziali elettori e questo gli permetterà di avere maggiori chance di venire eletto deputato.


Lo stipendio di un parlamentare si può dividere in vari punti:

- Indennità parlamentare:
l’importo netto mensile dell’indennità parlamentare è di circa € 5.000.

- Diaria:
è la somma prevista per il rimborso delle spese del soggiorno a Roma. La diaria è pari a 3.503,11 euro .

- Rimborso spese: 3.690 euro utili per lo stipendio dei collaboratori,
per le ricerche,
i convegni.

A questi punti vanno aggiunte
le spese di trasporto e di viaggio,
le spese telefoniche,
le spese per assistenza sanitaria
e l’assegno di fine mandato.

Lino V. Commentatore certificato 12.10.17 14:52| 
 |
Rispondi al commento

evviva !! evviva !! evviva !!
Finalmente una nuova ??? legge elettorale :
l' ennesima incredibile porcheria di stato.
Ciao Beppe.
uno di uno.

gabriele f., fabbrico Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 12.10.17 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Carissimo,"prést e bén in pò stè insén" le cito in dialetto Romagnolo anteAvica Legge:qvella del BUON SENSO..;sembra qvasi un tentativo di "suicidio collettivo" dei soggetti giuridici di cui all'art.49C.
Saluti e cordialità dalla ROMAgna.

enzo bargellini, Santarcangelo di Romagna Commentatore certificato 12.10.17 14:01| 
 |
Rispondi al commento

Il governo piddino, al potere grazie al premio di maggioranza ottenuto con una legge elettorale incostituzionale,

si appresta a usare l'antidemocratico ed incostituzionale espediente della " fiducia "
(votare no significa far cadere il governo e dunque chiedere a questa maggioranza illegittima di suicidarsi ; oltre tutto l'uso della "fiducia" è previsto solo nei casi di GRAVE NECESSITA' tipo : guerra, terremoti , ecc. ) per far approvare una nuova legge elettorale ANTI-Democratica
che
È un inaudito atto di prevaricazione,
a conferma della vocazione golpista del Pd renziano e del suo disprezzo per la volontà del popolo italiano, chiaramente espressa dal NO di dicembre.
La legge è stata studiata per impedire alla vera opposizione non solo di andare al potere ma anche di fare opposizione,
imponendo il finto bipolarismo liberista Pd-FI e garantendo così a una casta corrotta, totalmente inetta
e ampiamente squalificata dalla Storia ed esperienza passata
altri anni di lucrosi affari (ancora c'è parecchio da privatizzare .... !!!),
fino al punto di non ritorno
oltre il quale nessun nuovo governo avrebbe la possibilità di risanare la situazione.

Lino V. Commentatore certificato 12.10.17 13:06| 
 |
Rispondi al commento

Non c'è più niente da dire...Bisogna agire ormai! Questa schifosissima gentaglia va spazzata via con la forza, perché "democraticamente" continuerà ad imbrogliare il popolo. Svegliamoci tutti!!!

Alfresten 12.10.17 11:31| 
 |
Rispondi al commento

Mio padre mi ripeteva spesso una frase " se vanno al potere i comunisti dovrete usare i fucili per toglierli il potere " e aveva pienamente ragione. Anche se comunisti al governo non ve ne sono più. Solo un ammasso di delinquenti che cambiano camicia ogni giorno a convenienza. Pronti a fare unioni con qualsiasi, da partituccoli insignificanti, condannati, truffatori, fascisti, mafiosi, corrotti, banchieri. Tutto questo per non perdere la poltrona. Questi politici alla renzie ci stanno portando alla totale e completa rovina.. FERMIAMOLI ...... IO HO VOTATO M5S E VOTERÒ M5S.

RENZO D., riva presso chieri Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 12.10.17 10:36| 
 |
Rispondi al commento

Avrei bisogno di capire una cosa:
Nel Dicembre scorso ascoltavo Di Maio alla radio dove spiegava chiaramente le ragioni del no e diceva che una volta vinto il no automaticamente il parlamento avrebbe prodotto una legge elettorale nel giro di qualche mese che avrebbe permesso agli italiani di andare a votare in modo chiaro. Questo non è successo. A questo punto mi aspettavo un confronto tra tutte le forze politiche per definire una legge che ovviamente avrebbe dovuto essere una mediazione (nessuno può fare una legge da solo..).
Ne era stata proposta una da cui tutti si sono smarcati immediatamente ed è saltato tutto. Che passi fa il movimento per avere una legge decente. A me sembra che abbiamo fatto di tutto per essere tagliati fuori e questo è il risultato.
Dove sbaglio?

Sergio Zanfrini 11.10.17 15:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

LA DEMOCRAZIA RISCHIA DI NON FUNZIONARE SE CONFERISCE RESPONSABILITÀ DI COMANDO A PERSONE PALESEMENTE IGNORANTI

I partiti tradizionali preferiscono ignoranti e "yes man" forse è più facile clonare qualche onorevole già presente nel parlamento, visto che con la legge elettorale Rosatellum-bis saranno i partiti a scegliere i parlamentari non il popolo che fu sovrano!

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 11.10.17 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Da anni siamo costretti a parlare di leggi elettorali: i vertici politici, che non si rassegnano all’idea di doversi misurare continuamente con le istanze del corpo sociale, cercano di soffocarle con ogni artificio, contro l’ art. 1 “La sovranità appartiene al popolo” dove il verbo “appartiene” non è scelto a caso.

Malgrado due pronunce della Corte Costituzionale, che hanno pesantemente censurato il porcellum e l’italicum facendo sorgere la necessità che il Parlamento intervenga per far sì che sia restaurato un sistema elettorale omogeneo per le due Camere e coerente con la Costituzione, il disegno di riforma elettorale attualmente in discussione ripropone il carattere oligarchico e manipolativo della volontà popolare che viziava i precedenti sistemi.

Ho firmato la petizione "Capigruppo di Camera e Senato: Lasciateci scegliere i parlamentari" su Change.org. È importante. Puoi firmarla anche tu?
Ecco il link:
https://www.change.org/p/capigruppo-di-camera-e-senato-lasciateci-scegliere-i-parlamentari?utm_medium=email&utm_source=petition_signer_receipt&utm_campaign=triggered&share_context=signature_receipt&recruiter=780507088

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 11.10.17 14:16| 
 |
Rispondi al commento

destra e sinistra esistono ancora e fin quando i 5 stelle non diranno da che parte stanno io non li voterò.
Sieto con l'ILVA o con i suoi operai?

giuseppe sarno 11.10.17 13:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non so, é solo un'idea.
Se il Movimento presentasse una lista per regione per un totale di 20 liste?
C....o starò mica diventando come loro?
No no piuttosto mi ....
Ditemi la vostra.
Sarà difficile ma ne conseguiremo.

Dario Pietroburgo 11.10.17 13:12| 
 |
Rispondi al commento

fate un altro partito vostro con un altro nome e fate la coalizione.

Aldo Lutrino 11.10.17 13:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Mattarella continua a fare il servo sciocco, mentre massacrano la costituzione.
La gente non se ne rende conto, con il cervello plagiato dai media, non si accorge di nulla.

Rolando Di Vaio 11.10.17 12:59| 
 |
Rispondi al commento

E' stata data la fiducia ad una legge anticostituzionale ed è inutile lamentarsi, ormai sappiano tutti che al governo la maggioranza è fascista . Diteci cosa possiamo fare noi e cosa potete fare voi per annullare questa legge anticostituzionale. Se niente si può fare, nel regime fascista ci siete anche voi.

LUCIANA Tempesta 11.10.17 12:53| 
 |
Rispondi al commento

ROSATELLUM-BIS 3 PUNTI FONDAMENTALI;

1- I rappresentanti del popolo non saranno scelti da loro ma i capi dei partiti.

2- Non garantisce una maggioranza solida e duratura che dia stabilita politica ed economica, bensì produce un governo instabile.

3- Blindare Rosatellum-Bis dimostra che la fragilità dei accordi presi tra Pd, Fi e la Lega che no si fidano neanche dei loro parlamentari tutti contro tutti e sopratutto contro la drammatica situazione economica in cui si trova il paese.

Nel “Rosatellum bis” il 36 per cento dei seggi viene assegnato con un sistema maggioritario basato su collegi uninominali – cioè collegi in cui ogni partito presenta un solo candidato – mentre il restante 64 per cento viene assegnato con criteri proporzionali (ci saranno quindi 231 seggi alla Camera e 102 al Senato eletti con i collegi).
Ai partiti politicamente più vicini quindi converrà accordarsi sul candidato da appoggiare in ogni singolo collegio e poi appoggiarlo tutti insieme, come avveniva ai tempi del Mattarellum.

L’elettore quindi avrà un solo voto a disposizione: scegliendo un candidato nel collegio uninominale si voterà automaticamente anche il listino proporzionale della coalizione che lo appoggia.

Soglia di sbarramento al 3 per cento per i partiti che si presentano da soli e al 10 per cento per le coalizioni. Per elettori è meglio barrare la propria lista favorita, altrimenti il nostro voto sarà assegnato automaticamente!!

La legge è stata proposta dal PD è appoggiata anche da Forza Italia, Lega Nord e dai centristi e Alfano.

Un incentivo a coalizzarsi tra i vari partiti perciò chi partecipa da solo come M5S è penalizzato.

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 11.10.17 12:40| 
 |
Rispondi al commento

Viene da vomitare, per colpa di un popolo di poveri pagliacci. Non molliamo.

gianluigi f., pandino Commentatore certificato 11.10.17 12:34| 
 |
Rispondi al commento

Certo, chi combatte può morire, chi fugge resta vivo, almeno per un po'. Agonizzanti in un letto, fra molti anni da adesso, siete sicuri che non sognerete di barattare tutti i giorni che avrete vissuto a partire da oggi per avere un'occasione, solo un'altra occasione, di tornare qui sul campo a urlare ai nostri nemici, che possono toglierci la vita, ma non ci toglieranno mai la libertà? »
(William Wallace, )
Vivere per niente o morire per qualcosa.

Luca Moretti 11.10.17 12:07| 
 |
Rispondi al commento

Mettere la fiducia su una legge elettorale togliendo la possibilità di discussione in aula è fascista.

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 11.10.17 12:03| 
 |
Rispondi al commento

Questi sono fascisti e ci si puliscono le natiche con le regole della democrazia, persino con quelle più elementari. Ma d'altronde da uno che negli anni '70 faceva accordi con la mafia, dal suo figlioccio bugiardo e dal terzo in commedia che è a capo di un partito che per vent'anni ha gridato a Roma ladrona ed intanto rubava a piene mani, da 'sto triunvirato di zecche cosa ci si può aspettare?
Il vero responsabile di tutto questo è il Capo Dello Stato, che dovrebbe garantire l'ordine democratico ed invece avvalla la più clamorosa porcata golpistica dalla fine della guerra in qua.

Alberto O., Bergamo Commentatore certificato 11.10.17 11:38| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori