Il Blog delle Stelle
Il governo non vuole risarcire i figli di Marianna Manduca: uccisa dal marito dopo DODICI denunce

Il governo non vuole risarcire i figli di Marianna Manduca: uccisa dal marito dopo DODICI denunce

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 30

di Maria Edera Spadoni

Il 3 ottobre 2007 una donna del comune di Palagonia (CT), Marianna Manduca, viene uccisa dal marito con sei coltellate al petto, dopo un lungo calvario di soprusi e violenze subiti. Ben 12 denunce contro l’uomo, tossicodipendente e senza lavoro, che una volta lasciato diventa anche inspiegabilmente affidatario dei figli, motivo per cui la donna intenta una causa. Marianna, però, viene uccisa a pochi giorni dall’udienza. Ogni due giorni una donna viene uccisa dal compagno. Solo lo scorso anno sono state 120 le vittime ammazzate da un ex, marito, fidanzato o convivente. Il fenomeno resta di enormi proporzioni e i numeri parlano chiaro: quasi sette milioni di donne hanno subìto qualche forma di abuso nel corso della loro vita.

Più dell’82 per cento dei delitti commessi a scapito di una donna, in Italia, sono classificati come femminicidi. Un numero gigantesco: oltre quattro su cinque. Il caso di Marianna è, purtroppo, esemplare. I magistrati non hanno compreso la gravità della situazione, considerandola una semplice lite familiare. Il cugino della donna, infatti, tutore dei tre figli dal 2010, ha provveduto con un’azione giudiziaria contro la Magistratura per vedersi riconosciuta l’imperizia dei magistrati. Il ricorso, dopo essere stato giudicato inammissibile in due gradi di giudizio, è stato accolto in Cassazione. La Corte d’Appello di Messina ha condannato la procura di Caltagirone e ha stabilito che la Presidenza dei Ministri dovrà risarcire i figli della donna. E la Presidenza del Consiglio cosa ha fatto? Ha impugnato la sentenza.

E’ inconcepibile e gravissimo da parte del Governo italiano, in particolare del Dipartimento per le Pari Opportunità affidato alla Sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi. Ricordo che lei stessa dichiarò, lo scorso luglio, stupore e dispiacere per la scelta del gruppo di FI di stoppare la legge in favore degli orfani vittime di crimini domestici, approvata all’unanimità alla Camera. Ha dichiarato che gli orfani delle vittime hanno bisogno di riposte e il prima possibile. Il MoVimento 5 Stelle pretende una spiegazione in merito alla grave e assurda presa di posizione della Presidenza del Consiglio sul caso Manduca, il ricorso nei confronti della sentenza del Tribunale di Messina. Per questo presenterò con i miei colleghi un’interpellanza. E intanto a settembre Maria Elena Boschi presenterà il nuovo Piano d’azione contro la violenza sessuale e di genere.

I5S2017_460X230.png



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

9 Ago 2017, 10:28 | Scrivi | Commenti (30) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 30


Tags: femminicidio, governo, maria edera spadoni, maria elena boschi, marianna manduca, risarcimento vittime, uxoricidio

Commenti

 

SE ERA UNA RISORSA....UNA EXTRACUMINITARIA,PROFUGA ,AFFINA O COME LA VOLETE CHIAMARE E' SEMPRE ELLA,,,SI SAREBBERO FATTI IN QUATTRO PER DIFENDERLA QUELLI DEL GOVERNO, IN PRIMIS LA SIGNORA DI CASTEL PORZIANO.. COL SUPPORTO DEL ANTI ITALIANI FICO....MA E' ITALIANA,UN PECCATO MORTALE...POI DICONO CHE SEI RAZZISTA SE DICI LA VERITA'....

omega 210 (omega210), mestre Commentatore certificato 15.08.17 10:39| 
 |
Rispondi al commento

Il governo NON VUOLE
NON DÀ
IGNORA
NON PUÒ
NON RICORDA
NON È ATTENTO
NON PROVVEDE
NON FA il suo dovere!

Ma insomma se è inapace, se non vuole fare il suo compito, se è inutile,
CHE CI STA A FARE?

Tutti a casaaaaaaaa!
A zappare la terra, affinchè produca!

CHE VERGOGNA!!!!!!!

Per fortuna... La vita è una ruota!

AD MAIORA!
Paola

Paola Zito 11.08.17 18:43| 
 |
Rispondi al commento

IL GOVERNO DOVREBBE RISARCIRE ''TUTTE'' LE VITTIME DI CRIMINI (FURTI, INCENDI, STUPRI, RAPINE, OMICIDI ETC), I QUALI SONO SPESSO ACCADUTI PER NEGLIGENZA DELLO STATO E MANCATO CONTROLLO, E NON COSTRINGERE LE VITTIME A RIVOLGERSI A UN TRIBUNALE E A FARSI CARICO DELLE SPESE PER CHIEDERE CHE IL CRIMINALE VENGA CONDANNATO A GIUSTA PENA (MAGARI CON LA SPERANZA DI OTTENERE DAL CRIMINALE STESSO UN QUALCHE RISARCIMENTO)...

Zampano . Commentatore certificato 11.08.17 07:51| 
 |
Rispondi al commento

signorina spadoni....
per favore eviti di riportare anche lei i numeri falsi e gonfiati dall'istat:

"quasi sette milioni di donne hanno subìto qualche forma di abuso nel corso della loro vita"

dati falsati ad arte da una nazifemminista
poi allontanata dallo stesso istituto,quando si sono resi conto del fatto.

non entro nel merito dello scarso senso di giustizia della nostra magistratura e dello stato tutto,
(che ormai in italia non mi stupisce più di tanto)
ma tengo comunque a precisare che al di là del terrorismo mediatico il nostro resta comunque uno dei paesi più sicuri del mondo,con un tasso di omicidi e crimini gravi che lo pone come sicurazza sociale a livello del giappone...
e ben al di sopra di quasi tutti i paesi europei,del mondo anglosassone,oceanico e di quello americano tutto.

qui si pone sempre l'accento:
"femminicidio,femminicidio,FEMMINICIDIO!
e non si parla mai che dei pur pochi omicidi che si verificano ogni anno nel nostro paese,
i due terzi delle vittime SONO UOMINI.
ma di questi se ne sbattono tutti,uomini compresi.

che c'è?
il nostro sangue puzza,per caso?
quando veniamo aggrediti o uccisi
soffriamo esattamente come le donne,
ma di noi non si parla mai.

e comincio,veramente ad averne piene le scatole:

state cercando di cambiare il paese,e farlo diventare un pò più giusto,no?

bene.

allora la cosa più giusta da fare,è dare
la stessa importanza a TUTTI gli omicidi...
perchè TUTTE le vittime sono uguali:
e che siano uomini o donne,
il colore del loro sangue è sempre rosso.


paul giatti 10.08.17 23:19| 
 |
Rispondi al commento

la Elena ?
non bisogna scomodare Omero, basta guardarla per capire com'è

saluti

RAGAZZI ALBERTO ANDREA 10.08.17 15:40| 
 |
Rispondi al commento

E' pronto il primo DVD di Skinny il delfino con 15 episodi ( 9 in italiano e 6 in inglese ) al costo di euro 10,00 ( prezzi inferiori per quantità) compreso di spedizione. Ogni DVD è autografato a mano dall'autore e dallo staff con dedica personalizzata.
Comprandolo ci aiuti a continuare il nostro progetto di realizzare cartoni animati educativi per bambini.
Tutto il ricavato della vendita del DVD servirà per l'operazione
GLI AMICI DI SKINNY REGALANO SORRISI.
Saremo su molti ospedali pediatrici e dopo aver proiettato gli episodi di Skinny il delfino, 8 attori travestiti da personaggi della omonima serie intratterranno i piccoli pazienti con giochi e racconti

Grazie

http://criscuoloraffaele.blogspot.it/2017/08/compra-il-dvd-di-skinny-il-delfino.html

raffaele 10.08.17 12:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La scritta nei tribunali" LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI" è un sacrosanta verità se interpretata nel gisto modo.
"LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI COLORO CHE NON CI HANNO A CHE FARE"

Romane il fatto che non bisogna mai confondere la legge con la giustizia.

Franco B., Prato Commentatore certificato 10.08.17 09:37| 
 |
Rispondi al commento

Condanna penale per magistratura e forze dell'ordine che non intervengono (e risarcimento). Non evitare un reato che si ha obbligo di impedire equivale a provocarlo, quindi si alle denunce, a costo di arrivare in Europa ed oltre. Il "femminicidio" è opinabile, nasce dal fatto che in Italia quando c'è un problema invece di affrontarlo si fa una nuova legge apposta (v. omicidio stradale). Però bisogna che la gente maturi, in tanti modi, ma anche capendo che la violenza si esercita in mille modi e ognuno reagisce come sa e come può. Il gesto eclatante colpisce più di tanti infiniti gesti che possono fare altrettanto male ma non vengono percepiti. Mi fermo anch'io qui perché il discorso è complicato.

Oronzo Barberio, Mesagne (Brindisi) Commentatore certificato 10.08.17 09:15| 
 |
Rispondi al commento

Tema complesso già di suo se in più ci si unisce l'impietosita' del sistema le vittime non sapranno più distinguere l'ingiustizia individuale dovute a un mostro per padre dall'ingiustizia generale e a cosa crederanno da grandi ?
A questa domanda sarebbe giusto chiedere risposta

Come donna io vorrei che la attuale quota rosa di pd destra e paccotaglia varia sparisse
Fa ancora più schifo moralmente della quota azzurra e allora come potrà salvaguardare i ns diritti ?

C'è bisogno non di pene processi di giustizia ma di ben altro
Spiegare in scuola ai ragazzi il rispetto per le ragazze
Lavorare in prevenzione e soprattutto un sistema di supporto vero ... avete mai provato a fare un qualunque tipo di denuncia ai carabinieri ? Se si avete capito se no forse dovreste capire per provare
Una superficialità una scontrosità
Le donne dovrebbero avere un canale specifico per le proprie denunce e degli ambulatori seri non solo sulla carta per confidare la propria situazione ...

Vabbè mi fermo sono finita nell'Utopia

Dani cap 09.08.17 21:41| 
 |
Rispondi al commento

Facce come il culo!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 09.08.17 20:55| 
 |
Rispondi al commento

Tutto cambierà in meglio se saremo noi a governare ma attenzione anche a che le antipatie personali non prendano il sopravvento come avvenuto a Cagliari. Molti elettori sono come i bambini, pensano all'utile immediato e criticano invidiano il compagnetto che si impegna di più o che è più dotato di loro.(simil piddini)
Senza contare certi iscritti al m5s che lo hanno fatto sin da subito per crearsi una carriera politica e poi passare a partiti con opposte politiche! Gli esempi non mancano, almeno il 10% degli iscritti tradiscono prima o poi ma la percentuale secondo me arriverà in caso di vittoria elettorale anche al 20% o più

pietro marceddu (sarduspater4), cagliari Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 09.08.17 14:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il governo non vuole risarcire i figli di Marianna Manduca: uccisa dal marito dopo dodici denunce.

Il governo non vuole risarcire centinaia di migliaia di italiani derubati di tutti i loro risparmi dalle Banche, quelle Bancomat di questa loro partitocrazia.

Il governo, come sappiamo da nostre battaglie di mesi fa, non vuole risarcire neanche le vittime di Mafia e fa melina.

Il governo però in 16 minuti ci ruba decine di miliardi e risarcisce subito le banche degli amici.

Il governo risarcisce i nullafacenti della sua politica "bancocratica" e di fatto boccia l'eliminazione dei suoi vitalizi, compra f 35... ma non trova i soldi per un "Reddito di cittadinanza" per le famiglie italiane sempre più in miseria.

La chicca sulla torta: il governo con l'immigrazione è riuscito a rubare il futuro e i soldi ai suoi cittadini riuscendo a rubare allo stesso tempo i soldi agli stessi immigrati che diceva di voler aiutare.

Basta!!

Nessuno deponga le sue armi, anche se fa caldo…

Adesso vogliamo andare al governo noi, prima che questi distruggano il paese

Se entriamo noi a governare, mettendo persone perbene dove c'erano i ladri, siamo già una finanziaria: giustizia sociale e reddito di cittadinanza per il cittadino, ma lacrime e sangue per questa partitocrazia.

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 09.08.17 14:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se fosse stata una collaboratrice dei partiti, i figli, sarebbero già stati risarciti.

giorgio peruffo Commentatore certificato 09.08.17 12:59| 
 |
Rispondi al commento

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/17_maggio_01/piazza-popolo-uccide-compagna-poi-si-costituisce-e1f0f470-2e47-11e7-8176-4e0249fd95d5.shtml

L’appartamento è dell’attore Alessandro Preziosi

L’appartamento nel quale è avvenuto l’omicidio, secondo il racconto di alcuni vicini di casa, è di proprietà dell’attore Alessandro Preziosi. L’arma del delitto ritrovata dai carabinieri è un pesetto da palestra da alcuni chili che il bancario, avrebbe usato per colpire più volte la testa della compagna che si era messa a letto dopo aver litigato furiosamente con lui. Sembra infatti che da qualche tempo la donna, originaria della Lombardia, avesse manifestato l’intenzione di lasciarlo e che il bancario fosse geloso e anche depresso per la situazione. Anche lui come la compagna ha due figli da una precedente relazione.

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 09.08.17 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Fà parte della solita serie di "faccia di bronzo" quella della Presidenza del Consiglio nell'impugnare questa sentenza !

pericle seneca () Commentatore certificato 09.08.17 12:43| 
 |
Rispondi al commento

Tema molto attuale quello delle violenze domestiche e dei delitti contro le persone con le quali si instaurano legami di coppia , così come quello delle violenze dei preti pedofili e stupratori di bambini , delle minacce e delle percosse nelle scuole pubbliche dove i minorenni in moltissimi , troppi casi vengono torturati , percossi da coloro i quali avrebbero il dovere di tutelarne l'incolumità psico fisica .. La TORTURA è un crimine che va punito adeguatamente ,

non con ==> Leggine come quelle passate dal Senato e approvata dalla Camera dei - pseudo - Deputati della Repubblica Italica ..

Salutando lascio un promemoria di una nostra iniziativa come gruppo meetup di iscritti M5s e Amici di Beppe Grillo

**************************************

L'iniziativa per avere risposte e chiarimenti su alcuni interventi pubblici nel nostro Comune di Scafa sta procedendo
E' una delle tematiche seguite dal nostro gruppo Meetup di iscritti al MoVimento che portiamo avanti per gli interventi di pubblico interesse
Ringraziamenti per il lavoro della Guardia di Finanza del Comando Tenenza di Popoli
Come anticipato in precedenti comunicati presentati in Rete , dirameremo aggiornamenti mediante la piattaforma appena vi saranno novità di rilievo e di pubblico interesse sui risultati perseguiti .

coordinatore per il Meetup degli iscritti

- Scafa - Amici di Beppe Grillo

Antonello Clivio

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 09.08.17 12:34| 
 |
Rispondi al commento

l'errore lo ha fatto un giudice incompetente,che sia radiato e paghi tutto lui

roberto c., desio Commentatore certificato 09.08.17 12:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Così le donne, imparano!
Nel 1915, il re gli manda in guerra il marito.
Nel 1940, lo stesso re, gli manda in guerra il figlio.
Finita la guerra, al referendum Monarchia o Repubblica, le donne, minacciate dai preti, votano in massa per il Re.
Ora, chiedevano gli stessi diritti degli uomini. Il primo diritto paritario, è stato quello dell'età pensionabile:
la donna Fornero, mentre la donna Camusso faceva da palo e la donna Santadiché stava al volante, varava la legge dove manda le donne in pensione a 70 anno SALVO ADEGUAMENTO ASPETTATIVA DI VITA;
Articolo 24 comma 7.

antonnio d., carrara Commentatore certificato 09.08.17 11:49| 
 |
Rispondi al commento

Povera donna subisce un altra violenza da una classe dirigente di degenerati spocchiosa ipocrita becera inefficiente .

henry 09.08.17 11:46| 
 |
Rispondi al commento

troppi ne dovrebbero risarcire per gli errori commessi dalla Magistratura.

Preferiscono impiegare quei soldi per i vitalizi e prebende varie.

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 09.08.17 11:16| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori