Il Blog delle Stelle
Fermiamo il monopolio della produzione di energia elettrica da fonti fossili

Fermiamo il monopolio della produzione di energia elettrica da fonti fossili

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 21

di Gianni Girotto

Sosteniamo con forza la petizione online lanciata da diverse personalità che chiede al Presidente del Consiglio Gentiloni di eliminare il monopolio della produzione di energia elettrica da fonti fossili.

Su spinta delle Associazioni ambientaliste, dei consumatori e del settore delle rinnovabili e dell'efficienza energetica è stata presentata in Senato una proposta importante che riguarda lo sviluppo della generazione distribuita di energia rinnovabile, che potrebbe consentire il ripristino dei "sistemi di distribuzione chiusi", reti elettriche che permettono di scambiare energia rinnovabile verso più clienti, superando l'attuale modello dominante di organizzazione del sistema elettrico, basato sulla centralizzazione della generazione di energia elettrica in impianti di grandi dimensione che utilizzano combustibili fossili.
L'utilizzo dei "sistemi di distribuzione chiusi" da parte dei singoli cittadini o da piccole, medie o grandi aziende, che hanno deciso di produrre e autoconsumare l'energia rompe definitivamente un sistema basato su forme di oligopolio che scaricano sui costi energetici di ognuno di noi le loro inefficienze, i loro gigantismi organizzativi, i loro sprechi infiniti. Il ripristino di tali sistemi contribuisce alla decarbonizzazione dell'economia con una serie di benefici: la riduzione delle emissioni, con conseguenze positive sulla salute umana e sull'ambiente, la diminuzione del costo dell'energia e la creazione di centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro.

E' una necessità sulla quale nel luglio del 2016 è intervenuta anche l'AGCM (Aurotità Garante della Concorrenza e del Mercato) ritenendo che gli "ostacoli alle reti private definiscono una discriminazione a favore del modello dominante di organizzazione del sistema elettrico, basato sulla centralizzazione della generazione di energia elettrica in impianti di grandi dimensione e sulla trasmissione e distribuzione attraverso reti pubbliche dell'elettricità e dell'unità di consumo, che riflette per lo più le scelte tecnologiche compiute nel passato e non favorisce le evoluzioni delle reti verso nuovi modelli di organizzazione del sistema elettrico che possono utilmente contribuire al raggiungimento degli obbiettivi generali di convenienza dell'energia per gli utenti, innovazione, sicurezza e sostenibilità finanziaria del sistema elettrico nazionale, oltre che di tutela della concorrenza" chiedendo al Parlamento "una revisione ed integrazione della disciplina normativa e regolamentare riguardante i Sistemi di Distribuzione Chiusi, volta a consentire la realizzazione di nuovi reti elettriche private diverse dalla RIU (rete Interna di Utenza) e ad eliminare ingiustificate limitazioni alla concorrenza tra differenti modalità organizzative delle reti elettriche e tra differenti tecnologie di generazione". Nelle conclusioni l'AGCM chiede al Ministro dello Sviluppo Economico, al Presidente della X commissione e ad altre istituzioni di intervenire "ad una revisione ed integrazione della disciplina normativa e regolamentare riguardante i Sistemi di Distribuzione Chiusi, volta a consentire la realizzazione di nuovi reti elettriche private diverse dalla RIU e ad eliminare ingiustificate limitazioni alla concorrenza tra differenti modalità organizzative delle reti elettriche e tra differenti tecnologie di generazione".

Perfino le regole dell'Unione europea per il raggiungimento degli obbiettivi al 2030 sul clima e l'energia prevedono la realizzazione di questo modello energetico. Nell’Energy Union (COM 2015/80) si legge espressamente che occorre “prendere le distanze da un'economia basata sui combustibili fossili, con una gestione centralizzata dell'energia incentrata sull'offerta, che si avvale di tecnologie obsolete e si fonda su modelli economici superati”.

12 Mar 2017, 13:02 | Scrivi | Commenti (21) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 21


Tags: energia, fossili, governo, inquinamento, rinnovabili

Commenti

 

La mia gioia è così grande che non so come condividerlo con voi . Ho visto testimonianze sulla signora. ANISSA e l'ho contattato per il mio prestito e da 15 giorni e, con la grazia di Dio, ho finalmente avuto questo tipo di questa mattina. Francamente, noi siamo salvati cari popolazione, e mi consiglia di contattare se non vuoi farti volare. Questa donna è così bella e io consiegnerai di andare a casa. Il suo indirizzo è (developpement. aide@gmail.com ) e potrebbe essere proprio lui a scrivere, e ti dà sue esigenze e che trovo migliore rispetto ai requisiti della banca e del falso istituti di credito. Ho avuto il mio prestito e voi ?

adelina rosina gomez Commentatore certificato 15.03.17 20:19| 
 |
Rispondi al commento

L'ENERGIA è la chiave di volta della possibile ripresa del Paese,noi dobbiamo riuscire a conquistare democraticamente il Governo dell'italia per poter cambiare radicalmente l'indirizzo attuale sulla generazione di Energia.Le rinnovabili dovranno superare in otto anni il 50% della produzione nazionale,chiudendo sistematicamente prima le centrali a Carbone e poi quelle a olio ,per finire entro i successivi 10 anni con la dismissione di quelle a gas.L'ambiente e la Salute dei cittadini ne guadagneranno enormemente ,creando inoltre in questo modo milioni di posti di lavoro veri e puliti.Senza dubbio questa dovra' essere una priorita' assoluta che un Governo 5 Stelle potrà deliberare nei primissimi mesi di lavoro.Tutti gli iscritti e simpatizzanti ci aiuteranno segnalandoci i siti atti ad installare le miniturbine,i pannelli solari ,gli aereogeneratori e quant'altro la tecnica delle rinnovabili avrà nel frattempo trovato o inventato, e certamente tutti assieme creeremo all'interno del movimento una sfida contro le Fonti Fossili chiudendo quei Mostri di Inquinamento Mortale. Gia' da ora dovremmo cominciare a localizzare i possibili siti ed a segnalarli ad un incaricato del Movimento che spero il Blog ci metta a disposizione.Aria pulita e Onestà. Renato Cinel

Renato Cinel 15.03.17 19:02| 
 |
Rispondi al commento

Come passare dala produzione dell'energia centralizzata, in particolare di quella fossile, ad una produzione di energia diffusa sull'intero territorio? La risposta sarebbe quella di creare centinaia di Biodistretti energetici che privilegino le fonti rinnovabili: sole, aria, mare, rifiuti, salti di acqua ecc. Il biodistretto dovrà essere una Società Patrimoniale Pubblica il cui azionariato é suddiviso tra i cittadini-utenti di quel determinato distretto ed ognuno conta UNO. Poi, il bilancio deve essere sottoposto al voto dei cittadini/e o utenti di ciascun distretto.Ancora, creare una rete tra i Biodistretti per centralizzare la ricerca e sviluppo delle tecnologie e di sistema.
Cordialmente
Francesco Palmizio

francesco p., pavia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 15.03.17 15:05| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è le offerte di Lady Josina gomez di prestito diversi per vostri progetti prima fino a 70.000 euro con un tasso del 2% di contattare il servizio prestitobancario2017@gmail.com

antonie amdronia Commentatore certificato 13.03.17 22:43| 
 |
Rispondi al commento

Per non far pianfere il Pertusillo in Basilicata

Raimondo M., C. C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 13.03.17 20:14| 
 |
Rispondi al commento

Una proposta che deve essere assolutamente sostenuta un quanto rappresenta una tappa fondamentale per raggiungere realmente l'obiettivo di affrancarsi dall'energia da fonte fossile.
Mi fa veramente piacere constatare che il "progetto" che sto promuovendo, purtroppo ancora con scarsi successi, da quasi 2 anni con mio figlio ha in se tutti i presupposti necessari per rendere attuabile il Piano Energetico. Noi sosteniamo da sempre che non si può svincolare il Piano Energetico dai Piani per la Mobilità sostenibile e in particolare con quella Elettrica. Purtroppo molti amministratori ancora ritengono che la Piantumazione di Colonnine sia la strada da percorrere senza rilevare che questo progetto al pari delle Smart Grid sottende un sistema elettrico di tipo tradizionale basato sulla produzione "concentrata". Mi permisi a suo tempo di far notare che anche la scelta del sistema di stoccaggio è fondamentale per indirizzare il sistema elettrico del futuro.
Speriamo quindi che questa iniziativa vada a buon fine e che finalmente si decida di sviluppare una visione completa del sistema Energetico e della Mobilità in modo da dare, agli amministratori locali, uno strumento di "calibrazione" e valutazione delle proposte che ricevono in merito allo sviluppo della mobilità elettrica. Purtroppo troppe risorse vengono disperse anche da amministrazioni del M5S in nome della sola "visibilità".

Giovanni Velato, Roma Commentatore certificato 13.03.17 09:46| 
 |
Rispondi al commento

In un Report di Assopetroli ho potuto rilevare che il consumo di carburante fossile passera in Italia nel 2030 dall'attuale 95% al 87%.E' quasi irrilevante la differenza di consumi di combustibile fossile, quindi è lenta la trasformazione del sistema al passaggio di energie rinnovabili.Allora mi sono posto la domanda: c'è una soluzione per abbattere per utilizzare i carburanti fossili e renderli meno dannosi per l'atmosfera e la salute umana?La risposta l'ho trovata in una direttiva della CE dove incentiva con riduzione di accise l'uso di EMULSIONI per abbattere le emissioni di PM-NOx-CO.Allora mi sono posto la domanda cosa è l'emulsione? l'uso di carburante fossile con una percentuale di acqua.E' una tecnologia dei primi del 900 abbandonata perchè all'epoca non c'era l'interesse verso l'ambiente e verso il risparmio di carburante. Oggi invece è una tecnologia che è stata ripresa e da ottimi risultati nell'abbattimento di emissioni inquinanti.Nell'attesa che il petrolio vada sostituito con carburanti puliti perchè non utilizzare il carburante fossile con tecnologie che riducono i danni ambientali e di salute pubblica? Noi M5S abbiamo finalmente la possibilità di gestire grandi città, perchè non sposiamo queste tecnologie ambientali per il trasporto pubblico e la raccolta di rifiuti o quanto compete alla pubblica amministrazione per dimostrare che abbiamo una visione diversa rispetto alle lobby del solo e sempre petrolio? Tra le altre cose ho approfondito l'argomento emulsione e ho rilevato che un mezzo di trasporto Euro 0-2-3-4 con l'utilizzo di questo carburante ha emissioni come un'Euro 5, è economico edi facile ed immediato utilizzo, quindi facendo risparmiare anche le amministrazioni nell'investimento per sostituzione dei mezzi di trasporto pubblico che hanno attualmente in carico. Spero che qualche amministratore del M5S mi ascolti!

Pasquale Ruggiero, Rapolla Commentatore certificato 13.03.17 08:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

basta smistiamo in tutta europa quelli aventi diritto d'asilo e quel 99 percento di clandestini irregolari rimpatrio immediato!

se non abbiamo accordi con i loro paesi li riportiamo tutti in libia, compresi anche albanesi,marocchini,tunisini,etc.etc.

e aggiungo che per chi non lo sapesse in libia non hanno piu' navi e siamo noi e varie onlus che li prendono e li portano qua! e' assurdo!!!

max striner Commentatore certificato 12.03.17 23:54| 
 |
Rispondi al commento

Fra le energie alternative l'Italia eccelle sulla fusione fredda .

Sarebbe il caso di ascoltare i nostri scienziati che la sanno fare , prima che muoiano tutti (apparentemente per cause naturali ) .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 12.03.17 20:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

questa a mio parere è una delle più importanti iniziative M5S

Gino Sighicelli, Pontremoli Commentatore certificato 12.03.17 20:21| 
 |
Rispondi al commento

Fino a quando la politica, quella fatta da persone serie, non riprenderà in mano le leve economiche e la gestione delle regole, nell'interesse collettivo, sarannoo sempre parole al vento e denunce, purtroppo di situazioni reali, senza un imputato.
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 12.03.17 18:38| 
 |
Rispondi al commento

mentre a livello nazionale il M5S si batte giustamente contro l'uso del fossile per produrre energia a Carbonia citta governata dal M5S l'amministrazione (in particolare l'assessore all'ambiente nonchè vicesindaco) non solo è favorevole alla centrale a carbone dell'Euroallumina ma anche all'ampliamento del bacino di stoccaggio dei fanghi rossi che in parte ricade nei confine del comune.. Insomma oramai i %s a carbonia fanno quello che neppure il peggior Pd avrebbe fatto

Pier luigi 12.03.17 17:57| 
 |
Rispondi al commento

Via le centrali a carbone , via le centrali che bruciano fossili. Lottiamo contro l'anidride carbonica.

flavio guglielmetto mugion, Torino Commentatore certificato 12.03.17 17:53| 
 |
Rispondi al commento

#StopAlleFontiFossili

Maurizio De Tomasi, Alghero Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 12.03.17 17:35| 
 |
Rispondi al commento

FIRMATE E DIFFONDETE LA PETIZIONE ANTI INCIUCI

PER UN GOVERNO DEMOCRATICAMENTE ELETTO

https://www.change.org/p/parlamento-della-repubblica-italiana-legge-elettorale-di-iniziativa-popolare-secondo-turno-per-eleggere-la-coalizione-di-governo

Basta Inciuci 12.03.17 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Duri da combattere i monopoli e gli oligopoli, ma con la determinazione e la persistenza c'è la faremo perché' la nostra proposta guarda al futuro.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 12.03.17 16:36| 
 |
Rispondi al commento

I sistemi di distribuzione chiusi sono concorrenza quindi piacciono agli utenti ma non agli attuali gestori.

o.t.
secondo google il sito http://www.portavocegirotto.it/ risulta essere hackerato
https://support.google.com/websearch/answer/190597?p=ws_hacked&hl=it&visit_id=1-636249253352961955-714609112&rd=1
consiglio di controllare anche se non mi pare che il sito sia veramente compromesso

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 12.03.17 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è che Gentil(cogli)oni conta come il due di picche a briscola: ci capisce niente, decide zero ed, aspetta gli ordini di napo orso capo (ex pres repubbl), il quale, come ha già dimostrato ampiamente, favorisce dove c'è più guadagno personale. Di tutto il resto, gliene frega una cippa.
Bisognerà aspettare il prossimo cambio di governo e, con noi dietro il volante della nazione, potremo cambiare tutto ciò che non va.
Comunque, grazie per il vostro impegno e non mollate mai di una virgola !!!!
Avanti cosi che costruiamo un futuro degno di essere vissuto.

Fuori dall'euro e da questa europa !!!!

(Naturalmente, ho firmato la petizione)

Vincino Fivestar 12.03.17 14:36| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori