Il Blog delle Stelle
I dati Istat mostrano un Paese a pezzi: è ora di cambiare

I dati Istat mostrano un Paese a pezzi: è ora di cambiare

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 32

di MoVimento 5 Stelle

Nel rapporto 2017 dell’Istat è scolpito nero su bianco il fallimento di un’intera classe politica. L’Italia, soprattutto negli ultimissimi anni in cui Monti, Letta e Renzi hanno governato a suon di austerità, si è trasformata in un Paese diseguale, impoverito e senza più mobilità sociale.

Emergono infatti tre dati su tutti:
1) la spesa mensile delle famiglie ricche è più che doppia rispetto a quella delle famiglie a più basso reddito (3.810 euro contro 1.697)
2) 1,6 milioni di famiglie sono in povertà assoluta (6,1% del totale) mentre 3,5 milioni non hanno redditi da lavoro o da pensione lavorativa (13,9% del totale)
3) dal 2008 al 2017 abbiamo perso 1,1 milioni di giovani (18-34 anni) mentre abbiamo 2,2 milioni di giovani che non lavorano, non studiano e non si formano nel 2016 e il 68,1% che vive con i genitori (8,6 milioni di persone)

Diseguaglianza, povertà, invecchiamento.

Le conseguenze, ancor prima che economiche, sono politiche: solo l’8,1% della popolazione dai 14 anni in su segue la politica attiva attraverso forme di militanza e partecipazione. Viene da chiedersi come saremmo messi senza la ventata di aria fresca che ha portato il MoVimento 5 Stelle.

La politica, poi, è sempre più affare per ricchi. Se è vero infatti quanto dice l’Istat, cioè che le classi sociali tradizionali sono state disarticolate e la popolazione si è dispersa in numerose classi di reddito, è facile concludere che chi è più ricco rimane al vertice della società mentre tutti gli altri si limitano a sopravvivere perché non hanno più alcun potere di entrare nelle istituzioni o di condizionare le decisioni politiche. Siamo di fronte ad una società sempre meno politicizzata, dove i corpi intermedi stanno sparendo insieme alla classe media e a quella operaia. Non che non ci siano più operai o impiegati, anzi, ma si tratta di individui isolati e privi di potere contrattuale. Cittadini che hanno bisogno urgente di una rappresentanza politica forte.

C’è poi il problema fondamentale in una prospettiva di lungo periodo
: le nascite sono al palo (minimo storico nel 2016 con 474 mila), il saldo totale nati-morti è in deficit di 134 mila persone (secondo record di sempre) e gli ultra 65enni (13,5 milioni) sono ormai il 22% della popolazione totale, la percentuale più alta d’Europa.

Se non fosse per il contributo degli stranieri, che fanno figli ad un ritmo molto più alto degli italiani, il saldo sarebbe ancora peggiore. Ma va detto che questi stessi stranieri compongono la fascia più povera e quindi più ricattabile della popolazione, perché disposti ad accettare salari inferiori e ritmi di lavoro disumani pur di lavorare. L’immigrazione incontrollata non serve quindi solo a compensare le minori nascite degli italiani, ma anche a instaurare un regime di concorrenza tra poveri nel mondo del lavoro. Se ne avvantaggia solo la classe dirigente economica, che diminuisce i costi e aumenta i profitti.

Questo rapporto Istat è importante perché ci consente di individuare chi ha perso e chi ha vinto nell'Italia degli anni 2000. Il disastro sociale che abbiamo appena visto deriva infatti da scelte di politica economica molto precise. Attraverso il -7% di Pil accumulato dal 2008 al 2017, il -6,2% di produttività e -7,1% del Pil pro capite tra 2000 e 2014 la maggioranza degli italiani ha subìto una enorme redistribuzione dei redditi e della ricchezza a favore di una sola classe, sempre più ricca e meno numerosa. L’unica che oggi abbia ancora coesione e identità.

Hanno vinto loro, attraverso i Monti e i Renzi travestiti da cambiamento, ma non può durare per sempre. E' ora di cambiare.

Banner_marcia_460x230.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

18 Mag 2017, 14:34 | Scrivi | Commenti (32) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 32


Tags: declino, deficit, istat, italia, m5s, monti, pil, renzi

Commenti

 

Questo messaggio si rivolge alla persona avente bisogno di prestito per affrontare le difficoltà finanziarie per uscire dal vicolo cieco che causano l'economia al giorno d'oggi. Siamo in grado di farvi prestiti in tutti i domini o che siate e con condizioni che vi faciliteranno la vita e un tasso annuale da partire dal 2%. se avete bisogno di prestito non esitate a contattarle per ulteriori informazioni sulle nostre condizioni.

Personale Mail: piombiipatrizia@gmail.com
Invia la nostra azienda loanprivate.invest@gmail.com
ecco il nostro numero di WhatsApp: +33755015299

Grazie e buona giornata.

Piombi 24.05.17 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Salve. Spero leggiate questo e gli altri commenti e soprattutto rispondiate sul blog. E' chiaro che molti sono delusi e questo non è un buon segnale. Caro Grillo & C. non si fa così . Su un problema di questo tipo non si scherza; qui stiamo andando dritti dritti verso una dittatura per compiacere ai poteri forti avverso i quali non c'è grillo che tenga. Non si può parlare bene e razzolare male come hanno fatto e fanno i politicanti che hanno svenduto l'Italia al peggior offerente. Non si può prima dire che i vaccini non sono necessari, criticando politici asserviti alle case farmaceutiche, e poi voltar bandiera ed arrivare a dire che siete per la massima copertura vaccinale obbligatoria quando questo non avviene in nessun altro paese europeo. Mi spiace dover constatare che si stanno scoprendo gli altarini ; penso che Grillo,Casaleggio ed altri stanno mostrando il loro vero volto :lo zio Sam ha colpito ancora (servi) . Non la voglio tirare per le lunghe, vorrei che almeno Di Battista prendesse una posizione chiara, ho fiducia in lui (almeno per ora) e non vorrei perderla. Se su questa questione non farete chiarezza subito , credo che perdere molti voti e addio velleità di governo. A proposito , ora capisco perché non avete voluto fare il governo con Bersani; non certo per questa strana storia del non volere fare alleanze, ma per il fatto che facendole dovevate realizzare anche i vostri programmi (cosa non gradita ai poteri forti) e quindi era ed è più comodo così. Belle roba. Illudete le persone, ma poi sulle cose importanti dove ci sono in giochi grossi interessi ecco che i cittadini non contano più. Cosa dire del fatto che non ho mai sentito parlare di tagli alle spese militari, delle scie chimiche (chiara manipolazione del clima ) di cui Grillo (grande scienziato) dice che è condensa,ma ci volete prendere per i fondelli?Avete fatto giuste lotte come quella per la Costituzione(stracciata con il trattato di Lisbona),ora però sembra che state sbandando. Sveglia.

severino raponi 22.05.17 00:48| 
 |
Rispondi al commento

ma perchè bisogna fare figli. Per farne servi di stato? per doversi vergognare di nonpotergli dare nulla? ma lasciamo perdere, non è l'italia ma il sud a doverli sopportare.

Raimondo M., C. C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 21.05.17 19:48| 
 |
Rispondi al commento

Non capisco perché per esprimere il proprio dissenso verso l'immigrazione bisogna giustificarsi dicendo di non essere razzisti.
E' una propria opinione esserne contrari e non c'è bisogno di giustificarsi assumendo atteggiamenti "pretini".
Hanno ragione i miei amici spagnoli a definire l'Italia "Stato pontificio".

Lorenzo Accornero 21.05.17 12:34| 
 |
Rispondi al commento

Non sono esodato ma sono pure io incazzato.

Ha ragione l'esodato incazzato sotto.

E M5S non prendendo posizione ufficiale sull'euro (o meglio sull'uscire dall'euro) fa cosa poco utile alla chiarezza.

Il che non significa dire di non fare il referendum ma schierarsi per il SI alla fine dell euro al referendum .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 20.05.17 22:18| 
 |
Rispondi al commento

Mandiamoli tutti a casa!!!

Zanotel Alessandro 19.05.17 19:08| 
 |
Rispondi al commento

Ciao Ecco la mia posta "prestitobancario2017@gmail.com" Caro Signor e la
signora desiderosi di fare un prestito, con un capitale di € 28.000.000, destinare ha privati prestiti di brevi e lungo termine da 2000 a € 500.000 ha tutte persone serie, affidabile e integrate, desiderano fare un prestito. "" Il mio tasso di interesse varia dal 2% all'anno a seconda della quantità in prestito e il termine del rendimento del fondo, come essere unico e avere una banca che non voglio violare la legge sull'usura. Si può rimborsare il 5 15 anni al massimo a seconda della quantità di pronto. Hai bisogno di fare un prestito: finanziamenti immobiliari prestiti sono prestiti personali si registra vietato bancario e non avete il favore delle banche, o meglio, si ha un progetto e necessità di finanziamento, bisogno di soldi per pagare le bollette, fondo per investire in società. La nostra organizzazione non è una banca, e non abbiamo bisogno di un sacco di documenti. Prestito giusto e onesto e affidabile. Cordiali saluti.. Quindi, se avete bisogno di prestito... Ok

corine bonucie Commentatore certificato 19.05.17 17:12| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oltre il Reddito di cittadinanza il M5S, quando sarà eletto al governo del
paese con le prossime elezioni nazionali, abolirà subito il Vitalizio che è
causa:

1) dell'immigrazione forzata di carne giovane, che verrà sfruttata solo per
rimpinguare le casse INPS in favore dei vitalizi.

2) degli Esodati voluti per non dare loro più una pensione e solo per la
salvezza dei loro vitalizi.

3) delle morti nelle case di riposo che tolgono dalle casse INPS
l'erogazione di pensioni e assegni di accompagnamento per salvaguardare i
vitalizi

4) dell'aumento dell'età pensionabile per far morire sul posto di lavoro il
popolo solo per non dargli più una pensione e, questo, per favorire i
vitalizi.

5) dei tagli sulle minime di pensione per far morire prima del tempo i
poveri
pensionati con la minima per salvare le casse INPS in favore dei loro
Vitalizi rubati.

Inoltre il M5S abolirà subito il gruppo misto che per affollamento è la
terza forza politica in parlamento di ladri schifosi messi lì in favore dei
ladroni dei governi golpisti!

Questi figli di puttana ( che Dio li fulmini loro e i loro famigliari e
discendenti in quanto usufruenti del vitalizio) a chi ha contribuito a
ricostruire il paese con 41 anni di
contributi e tasse versate: niente più pensione!
Loro che hanno contribuito come sanguisughe a divorarlo e portarlo alla
fame perché hanno
rubato come sciacalli: guai toccare i vitalizi!

Ma come!? Se tu ( politico) hai fatto qualcosa di valido per migliorare
questo paese ti si
può dare anche un piccolo premio di buona uscita ma non certamente a chi il
paese l'ha
distrutto e portato a questi livelli da terzo mondo!

Aldo B. 19.05.17 12:45| 
 |
Rispondi al commento

N°1 di credito tra particolare
Avete bisogno di un credito ? Un credito personale , un mutuo , una redenzione di credito, anche se proibito di credito o di sovra-indebitamento ?
La nostra Organizzazione è una piattaforma di credito tra privati. Per i prestiti tra particolare, creare la cartella sulla nostra piattaforma e prendere in prestito in modo sicuro.
Vi preghiamo di contattarci direttamente al nostro indirizzo di posta elettronica : chouinardromaine@hotmail.com

defri defri Commentatore certificato 19.05.17 11:01| 
 |
Rispondi al commento

La sinistra vuole così bene ai poveri che fa di tutto per aumentarli.
I. Montanelli
Mai verità è stata più assoluta.
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 19.05.17 10:57| 
 |
Rispondi al commento

QUESTI GOVERNI DI SINISTRA HANNO CONDOTTO IL POPOLO DI QUESTO PAESE NELLA MISERIA, DIVERSI MILIONI DI QUESTI CITTADINI, SONO IN CONDIZIONI PEGGIORI, SI TRATTA DI CITTADINI A CUI GLI E' STATO TOLTO IL LAVORO E AI PIU' VECCHI CHE DOVEVANO ANDARE IN PENSIONE DI VECCHIAIA A 60 ANNI ANCHE QUELLA, POICHE' QUESTI SPECIALISTI DELLA POLITICA L'HANNO PORTATA A 67 ANNI, CON UN RISULTATO CATASTROFICO, MOLTI DI QUESTI CITTADINI E' DA ANNI CHE SONO SENZA UN MINIMO DI REDDITO PER SBARCARE IL LUNARIO, NON MENO IMPORTANTE CATASTROFICO SONO MESSI I TERREMOTATI DEL CENTRO ITALIA, IL GOVERNO IN TUTTO QUESTO E' ASSENTE A QUESTI PROBLEMI, SI PREOCCUPANO A SALVARE IL CULO A RENZI, AL PADRE DI RENZI, MINZOLINI, MILIARDI PER IMMIGRATI NON AVENTI DIRITTO PER ENTRARE IN ITALIA.

cosimo calabrese, chiaravalle Commentatore certificato 19.05.17 10:38| 
 |
Rispondi al commento

il nostra Italia è a pezzi da quando Bettino Craxi dichiarò in Parlamento che tutti i partiti quindi i politici prendevano tangenti, da quel giorno 29 aprile 1993 nessuno dei RESPONSABILI ha preso provvedimenti per mitigare i danni, ma per aggravarli.

Clesippo Geganio 19.05.17 09:15| 
 |
Rispondi al commento

LA PICCOLA BORGHESIA E' DECLASSATA, LA SOCIETÀ' SI INVECCHIA IMMIGRANTI SOSTITUISCONO I GIOVANI IN FUGA...

Italia è cambiato, la disuguaglianza aumenta è legata in gran parte ai redditi, e alle pensioni. I figli della classe dirigente diventano classe dirigente, i figli dei laureati diventano laureati, gli altri lasciano la scuola.

La povertà assoluta riguarda 1,6 milioni di persone, il 6,1% delle famiglie, povertà assoluta individuale è più alta, arriva al 7,6% della popolazione.Il 6,5% della popolazione rinuncia a visite mediche.

Le disuguaglianze in Italia si spiegano soprattutto con il reddito, la mancanza di meccanismi di redistribuzione adeguati, cresce l'occupazione di bassa qualità e il lavoro part-time.

L'Italia ha perso 1,1 milioni tra 18-34 anni cioè la maggiore forza trainante per il paese, il 70% vive ancora con i genitori, fuggono dal Italia in media 40 mila all'anno i giovani spesso con la qualifica e istruiti per lavorare all'estero . Mentre l'Italia il Paese più vecchio d'Europa , al 1° gennaio 2017 la quota di individui con oltre 65 anni raggiunge il 22%.

40 MILA GIOVANI ALL'ANNO LASCIANO ITALIA ED ENTRANO 150 MILA IMMIGRANTI, LA SOSTITUZIONE DELLA FORZA DI LAVORO.

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 19.05.17 05:27| 
 |
Rispondi al commento

NON Ne possiamo di tutte queste RUBERIE che rimangono infinite.Non ci sono Mai condanne certe per RUBERIE,Capitali portati fuori.Tasse pagate da NOI cittadini con Ritenute alla FONTE.MENAGER CHE MANDANO IN ROVINA TUTTO quello che amministrano e Poi x BUTTARLI fuori diamo alti compensi ma GLIELO fate CAPIREEE che SE SCENDIAMO in PIAZZA Ci sarà di che BALLARE!!!! VOGLIO VOTARE .È UN MIO DIRITTOOO

GiancarlaDonnici 19.05.17 02:42| 
 |
Rispondi al commento

Per cambiare radicalmente la situazione serve sopratutto:

Sovranità Nazionale e Sovranità Monetaria.
Tutto il resto è "aria fritta"!

"Dire che uno Stato non può perseguire i suoi scopi per mancanza di denaro è come dire che un ingegnere non può costruire strade per mancanza di chilometri." (Ezra Pound)

“ Una volta che la gente ha capito il funzionamento della moneta moderna, il Governo non può più giustificarsi dicendo che non ci sono i soldi per implementare
i servizi pubblici, costruire ospedali, scuole e infrastrutture.
La capacità di spesa dello Stato a Moneta Sovrana è di fatto illimitata.”
Prof.ssa Stephanie Kelton

Potenzialità della Moneta Sovrana (MeMT)

-Lo Stato non può “andare in rovina” o “finire” il denaro.

-Lo Stato “non è” operativamente “vincolato alle entrate erariali”.

-Lo Stato “non ha bisogno di prendere in prestito” la propria valuta.

-Lo Stato “non ha vincolo di spesa” se non quello autoimposto.

-Lo Stato “può stabilire” il tasso d’interesse, a qualsiasi livello.

-Lo Stato “ha un ampio spazio” di politica economica.

-Lo Stato può perseguire politiche “di piena occupazione”.

Prof. Giacinto Auriti

“Senza la Sovranità Monetaria le nuove generazioni non avranno altra scelta che quella tra il suicidio e la disperazione.”

1 saluto a tutti.
1 Esodato Super-Incazzato.

Giovanni Antonio 18.05.17 22:56| 
 |
Rispondi al commento

Che schifo!andiamo presto al voto solo cosi possiamo dare una svolta...VIVA Grillo e il suo Movimento....io ci sono come cittadina Made in Italy

Sonia fulici 18.05.17 22:31| 
 |
Rispondi al commento

Non hanno vinto un bel niente.
Nulla sarà perdonato. La resa dei conti arriva per tutti.

Alberto Lupo 18.05.17 22:24| 
 |
Rispondi al commento

Sono sconsolato,arrabbiato, agguerrito contro questo continuo sfacelo . Dobbiamo divulgare lo scempio a tutti , anche coloro che non utilizzano la rete , quanti cittadini si accontentano dei giornali e delle TV di Stato che manipolano,occultato e sovverchiano la realtà perche manovrate ad arte dal potere finanziario e politico.
Dobbiamo mettere un punto a tutto ciò, fare tabula rasa e cominciare a costruire uno stato dove i cittadini possano riscoprire un futuro positivo.

Roberto marrocco 18.05.17 22:10| 
 |
Rispondi al commento

altro schifo (consolidato) da ricordare ed evidenziare: il silenzio e l'asservimento viscido dell'informazione di regime ! Tutti continuano a riportare enfatizzandoli, i proclami demenzial / fantasiosi dei buffoni di governo i quali continuano ad ignorare COMPLETAMENTE I TRAGICI DATI MACRO CHE GIORNALMENTE SI SUSSEGUONO e affermano invece, che le cose finalmente cominciano a funzionare per il meglio !!!! Purtroppo uno degli aspetti negativi che caratterizzano gli italiani... è l'insofferenza verso le fonti di notizie... soprattutto economiche !!! Ergo, basta che i TG nazionali ed i maggiori quotidiani nazionali, siano al viscido servizio dei saltimbanchi di governo... E IL GIOCO SPORCO DELLA DISINFORMAZIONE E' SERVITO !!!!! Ma questo è anche il paese di pulcinella... quindi... nulla cambia e nulla si evolve: CHI HA AVUTO HA AVUTO E CHI HA DATO HA DATO !!!!!!! Questa e' la meravigliosa e fulgida democrazia" che ha preso il posto del criminogeno fascismo !!!

Umberto Tordone Commentatore certificato 18.05.17 20:53| 
 |
Rispondi al commento

Non credo che le votazioni e il cambio dei politici sistemi di botto l'Italia che ha sulle spalle almeno 50 anni di debiti da pagare. Quanti vogliono cambiare sistema? Quanti sanno che puo' essere cambiato? Viviamo sottosopra ma mica tutti se ne rendono conto, interessa di piu' mantenere il loro status di privilegio.

EDI DURI 18.05.17 18:59| 
 |
Rispondi al commento

SONO ALQUANTO PERPLESSO CHE IL MIO MEDICO SIA COSTRETTO AD ACCERTARE CHE UNA PROTESI MAMMARIA SIA USURATA . MA CHE ITALIA SI STA FORMANDO CHE NON POSSA IMPEGNARE I SUOI IMPEGNI VERSO PERSONE CHE HANNO SUBITO L'AMPUTAZIONE PER MOTIVI LEGATI AL LAVORO. BASTEREBBE AVERE UN RESPONSABILE RAZIONALE E NON INETTO.

flavio guglielmetto mugion, Torino Commentatore certificato 18.05.17 17:53| 
 |
Rispondi al commento

E, quindi, si concretizza la sostituzione di civiltà.

Grazie ad una incontrollata "invasione" irregolare.

Un tempo le invasioni di altri stati sovrani si realizzavano con i militari, oggi, da noi, si sono cancellati i confini.

E guai a dire che ci sono responsabili di ciò: si è tacciati di razzismno, di intolleranza, di non voler aiutare, di poca umanità e così via.

... ma per il G8 gli sbarchi saranno bloccati...

Gian A Commentatore certificato 18.05.17 17:41| 
 |
Rispondi al commento

Siamo proprio alla frutta. Italia destati dal torpore a cui ti hanno costretta. Rendiamoci tutti conto che l'unica speranza è il M5S, altrimenti l'Italia muore.

Margot Perla Commentatore certificato 18.05.17 16:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

UKE,Ospedale universita di Amburgo,lavorano 500 italiani fra medici ed infermieri,il nostro paese li laurea e poi sono costretti ad emigrare.La morte dell`italia,urge il M5S al governo il prima possibile.

Franco Ranocchi, hamburg Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 18.05.17 16:38| 
 |
Rispondi al commento

vorrei soffermarmi in particolare sul dramma IN ESSERE delle pensioni: un dramma poco divulgato perché contempla QUANTO DI PIÙ ODIOSO E SCHIFOSO possa essere partorito da una "democrazia civile" : MILIONI di pensionati (a partire da quelli collocati in pensione molti anni fa) percepisco assegni vergognosamente alti rispetto a quanto versato di contributi !!! UN PAESE CIVILE DOVREBBE TAGLIARE DRASTICAMENTE DETTE PENSIONI A PARTIRE DA UN CERTO IMPORTO IN SU IN MANIERA PROPORZIONALE AL LORO IMPORTO. Eppure TUTTI (anche i 5stelle) tacciono su questa autentica vergogna di stato che costituisce LA CAUSA PRIMA della criminale diseguaglianza di reddito fra i pensionati... LA CLASSE PIÙ DEBOLE ED IMPOSSIBILITATA A TROVARE ALTERNATIVE. Eppure stiamo parlando di PESSIMA distribuzione di soldi pubblici perché ANCHE ALL'ASILO SANNO CHE PER IL PAGAMENTO DELLE PENSIONI RETRIBUTIVE (COMPRESE MOLTISSIME DI QUELLE INTERESSATE MOLTO PARZIALMENTE DAL CONTRIBUTIVO) INTERVIENE PESANTEMENTE IL DENARO PUBBLICO PRELEVATO DALLA FISCALITA' ORDINARIA. È ora che le persone serie che fanno capo A PARTITI E MOVIMENTI POLITICI SERI, comincino a parlare di questo miserabile sconcio sociale e soprattutto CHE IL LORO PROGRAMMA, CONTEMPLI LA SUA IMMEDIATA ELIMINAZIONE Per consentire ai milioni di pensionati retribuiti con assegni VERGOGNOSAMENTE BASSI, di approdare almeno ad un reddito che consenta loro di... morire in maniera degna e civile.

Umberto Tordone Commentatore certificato 18.05.17 16:37| 
 |
Rispondi al commento

La lotta di classe esiste, e come! Solo che l'hanno fatta i padroni contro la classe media, e l'hanno pure vinta. Questa è una delle analisi più interessanti degli ultimi anni, ci spiega la realtà del Paese e definisce il ruolo politico del M5S all'interno della dinamica dei blocchi sociali. Se solo riuscissimo a farlo capire alla maggioranza degli italiani ...

Luca 18.05.17 16:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

per sopperire alla disinformazione sui problemi economici-sociali bisogna ricorrere a slogan brevi, di semplice comprensione, di alta efficacia, anche attraverso manifesti murali, magari giornalieri. Non disdegnate l'idea del reddito al o alla casalingo/a, una categoria che sicuramente lavora molto, e per un modo strutturale di distribuire la ricchezza, alimentare la domanda di consumo e sostenere il deficit delle nascite.
Gradirei conoscere il vs/punto di vista in merito.

Giuseppe Medici 18.05.17 16:10| 
 |
Rispondi al commento

1697€ le famiglie a basso reddito! azz allora io con 1200€?

ant s., torino Commentatore certificato 18.05.17 16:02| 
 |
Rispondi al commento

SIAMO MESSI MALE CI VUOLE UNA RIVOLUZIONE MENO MALE CHE TRA NN MOLTO SI VOTA W 5STELLE

CAMILLO VALENTINI 18.05.17 15:28| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori