Il Blog delle Stelle
Il 5 novembre sarà un referendum: l'intervista di Beppe Grillo a La Sicilia

Il 5 novembre sarà un referendum: l'intervista di Beppe Grillo a La Sicilia

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 115

Oggi Beppe Grillo è in Sicilia, oggi a Catania e domani a Palermo. Dalle 16:00 fino alle 23:00 di oggi ci sarà il Catania Day, che inizierà con una passeggiata di 10 chilometrie, a cui parteciperanno Beppe e vari parlamentari nazionali e siciliani, con partenza alle 15.30 da Acitrezza, Via Lungomare dei Ciclopi (altezza Porto Nuovo) e arrivo alle 19 circa in Piazza Università, dove ci incontreremo tutti alle 21 per il comizio. Di seguito l'intervista che Beppe ha rilasciato a Mario Barresi de La Sicilia

Grillo, com’è cambiata la Sicilia dalla sua traversata a nuoto dello Stretto? E com’è cambiato il movimento da quel 10 ottobre 2012?

La Sicilia ha resistito al vuoto pneumatico di Crocetta, niente male, un popolo che si è sempre auto-organizzato poteva superare l’ultima sfida: un rappresentante della sinistra. Era inedita questa situazione per i siciliani, ma ce l’hanno fatta.
Noi non siamo cambiati, stiamo vivendo l’avventura che abbiamo sognato e poi promesso ai cittadini: restituirgli il paese. Chissà perché esiste questa specie di tabù riguardo i cambiamenti del movimento: viviamo in mezzo al travestitismo morale, l’Italia è paralizzata da questo fenomeno: guai a pensare che l’avversario porti una certa divisa perché la cambia di continuo, come i virus più resistenti. Noi siamo gli unici a mantenere la stessa divisa, è stato questo il nostro modo di cambiare nel tempo, crescere senza inquietanti trasformismi. Gli elettori avranno da scegliere in mezzo ad una nube di trasformisti l’unico movimento che è qui, come me adesso a rispondere alle sue domande.

Le Regionarie hanno incoronato Cancelleri candidato presidente con percentuale bulgara. Qualcuno, non solo fra gli avversari, contesta il suo curriculum. E’ davvero il meglio che può esprimere il M5S in Sicilia?

Chiedermi se Cancellieri è il meglio che il Movimento poteva tirare fuori è un pò bizzarro. Potrei dirle “no, avevamo una top ten ma abbiamo scelto l’ultimo, il decimo, il peggiore” così per fare un pò di caciara, in risposta a quella degli “altri”, per confondere le idee alla gente. Ma è ovvio che sto scherzando, certo che è il nostro migliore elemento per questa sfida! Sa, gli esseri umani hanno tantissimi curriculum, non solo quello modello CE. Se tu vuoi farti un’idea di una persona leggi il curriculum del suo volto, la sua espressione, quello della sua storia recente ed ascolti quello che dice. Questa è la base della fiducia. La base della competenza? In questa regione l’unica competenza dimostrata dalla politica è sempre stata la collusione, convivenza o complicità vera e propria con la mafia e a subire sono sempre stati i cittadini. Questa regione ha bisogno, prima di ogni altra cosa, di un governo che non sia il “centro benessere” dei criminali, autoctoni e no, i peggiori vengono dal Nord, ma non vengono… ce li soffiano qui un condannato in via definitiva per frode fiscale e uno spergiuro. Se Giancarlo vincerà, e ha ottime possibilità (lo sento), l’anima brutta del territorio comincerà a comportarsi come abbiamo già avuto modo di vedere a Roma, ma qualunque porcata dicano in città non si può più rubare: abbiamo tolto l’ossigeno al malaffare, era il primo passo. E qui succederà lo stesso, le infamie loro sono medaglie sul nostro petto.

In queste Regionali, il movimento in Sicilia sta dimostrando una certa apertura. Molti degli assessori designati non sono attivisti, Cancelleri è molto rassicurante col mondo delle imprese e dei lavoratori, proponendosi come uomo di governo, oltre che di rottura col passato. E’ una scelta di campo o una necessità darwiniana? Potrebbe essere un modello anche per Di Maio alle Politiche?

La risposta sta nella domanda: “proponendosi come uomo di governo, oltre che di rottura con il passato”. Non è una necessità darwiniana ma semplicemente ciò che abbiamo promesso ai cittadini: rompere con il passato e restituire la regione ed il paese ai cittadini.

Cancelleri aveva fatto una timida apertura sulle alleanze post-voto, poi smentita da Di Maio oltre che dallo stesso candidato. Ma davvero non si può sfatare il tabù delle alleanze in caso di vittoria per dare un governo più stabile alla Sicilia?

Questa è la domanda TOP che ci viene fatta, perché continuate a confondere la condivisione di proposte nell’interesse dei cittadini con le alleanze? Accidenti: ma se non ci alleiamo con nessuno prima delle elezioni, pur di vincerle, perché mai dovremmo farlo dopo? Se i siciliani vogliono cambiare non possono certo immaginare che ci metteremo con i nipotini di Cuffaro.

Il candidato di centrodestra, Musumeci, ha fatto un appello sul voto utile agli elettori del Pd: “Chi vota Micari vota Grillo, quindi scegliete me”. Eppure ci sono anche molti siciliani, tutt’altro che grillini, pronti a votare il proprio partito ma Cancelleri come presidente. Saranno decisivi?

Musumeci è un kamikaze che fa da copertura a personaggi incredibili, ma si tratta di un coraggio impossibile, già da queste dichiarazioni è evidente che è un coraggio confuso, come quello di una pietra che rotola verso il basso. Lui mi indica come una sorta di male assoluto, implicitamente dice ai siciliani che sono peggio di Riina, credo sia un pò esagerata come cosa.
Diciamo che la vedo così: parte davvero male.

La classe dirigente siciliana del MoVimento, negli ultimi cinque anni, è cresciuta. Non sono più i pionieri che l’aspettavano a Cariddi dopo la nuotata. Perché i siciliani dovrebbero fidarsi del MoVimento 5 Stelle?

Esattamente per la stessa ragione che li ha portati a sostenerci sino ad ora, come le dicevo non siamo cambiati, siamo cresciuti. Penso che anche questa sia una cosa facile da capire per le persone, difficile per i media, nonper la gente.

Ma c’è stato più di un problema: il processo sulle firme false di Palermo, l’indagine sul sindaco di Bagheria, il ricorso sulle Regionarie, l’epurazione di alcuni sindaci e parlamentari... Soltanto incidenti di percorso o sintomi di immaturità politica?

Ma vede questa domanda torna spesso. I problemi quando si lavora, e sopratutto in certi ambienti, ci sono sempre. L'importante è come si affrontano. Noi li affrontiamo sempre con responsabilità e trasparenza. E’ la prima volta che i siciliani hanno la possibilità di mettere al governo della regione qualcuno che, al minimo, non centra nulla e nulla vuol centrare con il malaffare.

Una buona parte del dibattito in campagna elettorale s’è incentrato sui cosiddetti “impresentabili”. Che sono tutti candidabili e candidati, nel centrosinistra e soprattutto nel centrodestra. Non teme una “sindrome di Tomasi di Lampedusa”? Tutto cambia affinché nulla cambi: tanto vincono sempre loro perché hanno i voti…

Per me i siciliani sono un popolo davvero stupefacente, hanno una capacità di cavarsela invidiabile. Così non ho questi timori, sono certo che è possibile vedere molto chiaramente chi siamo noi e chi sono loro. Questo voto sarà un referendum sulla voglia di cambiare in meglio una regione che ha tantissime cose da dare al resto del paese.

Parliamo di mafia. Fece discutere quando disse che Cosa Nostra in Sicilia “non esiste”. Poi, in una successiva intervista, definì l’inconsistenza di Crocetta un “messaggio alla mafia” da parte del Pd, ovvero: “non disturbiamo”. In campagna elettorale la sinistra di Fava ha detto che il M5S sul tema mafia è “omertoso”. Come risponde?

Che è un’idiozia, chissà quando smetteranno di credere che ripetendo simili calunnie si ottengano risultati? E’ impressionante questa granitica continuità di atteggiamenti, come se le persone non capissero niente. Chiedo scusa ai cittadini a nome di Fava.

La Sicilia è terra d’accoglienza, nonostante i tanti affanni nel gestire il flusso di sbarchi. Cambierà qualcosa col Movimento al governo a Palermo e magari poi anche a Roma?

Non confondiamo la civiltà dei siciliani con il freddo cinismo del governo e dell’Europa. Questo non lo posso ammettere! Noi saremo impegnati affinché finisca al più presto l’ambigua “politica” del nostro governo. E faremo in modo che coinvolga almeno chi li ha votati, qui in Sicilia sono già stati sconfessati.

Renzi derubrica le Regionali a “voto locale”. E nel programma del tour nazionale in treno non c’è traccia di tappe siciliane prima del 5 novembre. Paura di un flop clamoroso, come annunciato dai sondaggi, e della resa dei conti con la sua opposizione interna?

Ogni comportamento di Renzi è determinato dalla paura, come vale per tutti i poveri disgraziati con ambizioni infinitamente più grandi di loro, è costretto ad evitare piuttosto che fare. Sa che il vero scontro in sicilia è fra la vecchia cultura e la nostra nuova idea di politica, non sa come mettersi in mezzo e riesce solo a dire e fare cose fastidiose. Per il resto si limita ad evitare in anticipo la sua sconfitta. Ma come si può evitare una sconfitta? Si fantastica di cambiare le regole del gioco, e poi (una volta trovati altrettanti poltronisti) si cambia la legge elettorale con un colpo di mano degno dei peggiori personaggi della nostra storia.

Doveva incrociare Berlusconi sabato 28 a Catania, ma lui non ci sarà. Sarete entrambi a Palermo, il 29. Lei, sul palco del nuovo spettacolo, ha detto: “Siamo due buffoni, uno dei due è falso. Bisogna vedere qual è”. Scherzi a parte, come vede questo confronto a distanza? E come spiega il fatto che il centrodestra in Italia abbia bisogno ancora di un leader che lei ha definito “Tutankhamon”…?

La situazione di Berlusconi fa tenerezza e fastidio epidermico al tempo stesso, io non stavo scherzando affatto. E’ un uomo che, per ragioni sfuggenti (ma di certo inquietanti) lancia un’immagine apparentemente rigenerata di se sperando che oltrepassi l’ostacolo del buon gusto e della decenza ancora una volta. Una scommessa davvero al limite del credibile, eppure sta succedendo. Colgo l’occasione per ricordargli che confusioni fra egitto e marocco, come quelle per la nipote di Mubarak, non credo se le possa più permettere. Se si lascerà incrociare ne vedremo delle belle

Come immagina la Sicilia del 6 novembre, a spoglio ultimato?

La immagino chiarificata, come le ho detto: niente alibi, abbiamo fatto il possibile perché la posta in gioco fosse chiara e limpida; non c’è più nessuna figura “mezza”, come crocetta, a coprire la coscienza di chi farà scelte timidamente insignificanti: la sfida è chiara e non fraintendibile. Con noi inizierà un percorso difficile ma di cui i siciliani potranno andare orgogliosi , anche partecipando. Con loro, comunque si camuffino, resterà tutto com’è, non impressioniamoci: è forse l’ultima votazione non precondizionata in Italia, e per questo è importante.
I siciliani devono andare a votare. Lo devono alla loro storia.

Ps: sostieni la campagna in Sicilia con una donazione ---> http://www.giancarlocancelleri.it/donazioni/

ECCO TUTTE LE TAPPE DEL TOUR IN SICILIA #SCEGLIETEILFUTURO. PASSATE PAROLA E RAGGIUNGETECI!

28 ottobre
Ore 16:00 fino alle 23:00 Catania Day
Il #Cataniaday inizierà con una passeggiata di 10 chilometri, a cui parteciperanno Beppe e vari parlamentari nazionali e siciliani, con partenza alle 15.30 da Acitrezza, Via Lungomare dei Ciclopi (altezza Porto Nuovo) e arrivo alle 19 circa in Piazza Università, dove ci incontreremo tutti alle 21 per il comizio.
Ore 18:00 Augusta
Piazza Duomo
Ore 21:00 comizio a Catania
Piazza Università

29 ottobre
Ore 9:00 fino alle 22:00 Palermo Day
Un’intera giornata per le vie della città, saremo in tutte le piazze, strade e mercati per incontrare il maggior numero possibile di persone

30 ottobre
Ore 21:00 Trapani

31 ottobre
Ore 18:00 Alcamo
Corso VI Aprile (attraverso Piazza Ciullo d’Alcamo)
Ore 21:00 Sciacca

1 novembre
Ore 21:00 Agrigento
Piazza Cavour

2 novembre
Ore 18:00 Niscemi
Ore 21:00 comizio a Caltanissetta

3 novembre
Ore 21:00 comizio finale a Palermo
Piazza Verdi



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

28 Ott 2017, 09:55 | Scrivi | Commenti (115) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 115


Tags: Beppe Grillo, MoVimento 5 Stelle, regionali, Sicilia, voto siciliane

Commenti

 

LE REGOLE del M5S: Benissimo le regole inerenti il rispetto dello statuto, dei programmi, degli organigrammi, della comunicazione pubblica univoca, ecc.. I risultati dimostrano l'importanza dello stare uniti su tutti i versanti specie quello della comunicazione. Occorre tuttavia introdurre dei "premi" di meritismo a coloro che hanno operato bene nei loro incarichi; cioè la regola dei 2 mandati in certi casi va rivista, sia per l'aspetto di marketing politico (per avere più adesioni possibili nel futuro) sia per non rischiare di perdere il consenso medesimo (anche se il comune è sostituito con altro "grillino"). Ad esempio il sindaco di Pomezia è stato votato dai pometini che hanno riposto in lui la loro fiducia; adesso gli stessi pometini potrebbero rivotarlo per le cose che ha fatto nella realtà nel primo mandato ma non potrebbero perchè lui sta al secondo mandato politico (prima era consigliere); aggiungo che il suo buon operato (o di chiunque altro in altro luogo) raggiunge anche Roma (e non solo). Grazie dello spazio.

Andrea Brachi 06.11.17 09:15| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, signor e signora

Offerta di prestito di denaro tra un privato di 5000€ 30. 000. 000€
Tutte le persone che sono in grado di rimborsare con interesse la percentuale del 2%. Grazie
Vuoi essere contattato da persone seri, per poter rimborsare i prestiti. Vi preghiamo di contattarci via e-mail
- posta per ulteriori informazioni
ecco il mio sito web :
Numero Whatsapp: +1 504 699-0910
Al mio indirizzo e-mail :
yvesmontero10@outlook.fr
yvesmontero10@outlook.fr

yves montero 02.11.17 05:50| 
 |
Rispondi al commento

SI VUOLE O NON SI VUOLE GOVERNARE ???

SCRIVETELO SUI MANIFESTI MURALI IN TUTTE LE CITTA’, IL BLOG È LETTO SEMPRE DALLE STESSE PERSONE NON HANNO BISOGNO DI QUESTE INFORMAZIONI GIA SI FIDANO DEL M5S !!!

SENZA INFORMAZIONE IN STRADA NON SI VA DA NESSUNA PARTE !!!
IL CONSENSO SI OTTIENE CON L'INFORMAZIONE !!!
CON IL CONSENSO SI GOVERNA !!!

DI QUESTO PASSO E CON QUESTI MEDOTI OCCORRONO 100 ANNI PER CAMBIARE LE COSE !!!

INVECE DI RESTITUIRE I SOLDI RESTITUITELI AI CITTADINI IN INFORMAZIONE !!!

Franco Della Rosa 01.11.17 07:53| 
 |
Rispondi al commento

Caro Beppe, cari Siciliani, la gente ha capito che il voto regionale, come quello nazionale è un vero referendum tra il nuovo (5 Stelle) e i vecchi (tutti gli altri) e tra persone per bene e "furbi" o peggio ancora "disonesti"..... Non esistono 3, 4 movimenti/partiti o coalizioni, ma solo 2! o 5 Stelle o i soliti. Chi vuole cambiare sa cosa fare e chi votare, ma chi non ha interesse verso questa competizione elettorale, per favore, domenica usi 15 minuti del proprio tempo e vada a votare e sostenga chi per la prima volta nella storia della bellissima e grandissima Sicilia si candida per guidarla e aiutarla. Siciliani siate davvero protagonisti! Siate i protagonisti di una svolta, di un segnale, di una scossa che sarà così forte che da lunedì cambierà l'Italia, perché dal giorno dopo le elezioni vedrete come gli altri inizieranno a preoccuparsi. Sarà panico! E sapete cosa faranno? Inizieranno a fare regali ai cittadini perché avranno paura di perdere anche le Nazionali. Siciliani votate bene , votate 5 Stelle e aiuterete non solo la vostra magnifica terra, ma l'Italia tutta.....un abbraccio Mario

Mario Pastore 31.10.17 18:47| 
 |
Rispondi al commento

GRILLO HA LE IDEE MOLTO CHIARE E SEMPRE LE STESSE, NON CAMBIANO I SUOI OBBIETTIVI NE QUELLE DEL MOVIMENTO CHE HA CREATO DAL NULLA, ARRIVANDO A QUESTO PUNTO IN SOLI POCHI ANNI, QUESTO PUNTO E' MOLTO IMPORTANTE, VUOLE DIRE CHE I CITTADINI IN POCHI ANNI HANNO RECEPITO E CONDIVISO PERCHE', SARA' CONDIVISIBILE DA TUTTI E NON PASSERANNO ANCORA MOLTI ANNI, SPECIALMENTE, SE ANDRA' AL GOVERNO E AVERE FINALMENTE UNA INFORMAZIONE PUBBLICA UGUALE PER TUTTI, ANCHE PER IL MOVIMENTO 5 STELLE, A QUEL PUNTO, APRITI CIELO, NON RIMARRA' TRACCIA DI TUTTI I BUFFONI CHE SONO AL GOVERNO.

cosimo calabrese, chiaravalle Commentatore certificato 30.10.17 18:57| 
 |
Rispondi al commento

Quando riprendiamo a votare gli ultimi 6 punti del programma di governo nazionale?

paolo p. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 30.10.17 13:56| 
 |
Rispondi al commento

Tutti coloro che andranno in TV devono comunicare il programma elettorale in quanto non lo possono conoscere in quanto non idonei a usare il Facebook quindi non fermarsi a poche parole ma far comprendere che saranno cancellati i VITALIZZI PENSIONI DI ORO BENEFICI E QUANTO ALTRO SI SONO APPROPRIATI IN QUESTI ANNI À DANNO DEL POPOLO ESISTE UNO SPRECO DI DENARO CHE RECUPERATO E SONO MILIARDI PER NON PARLARE DELLE CORRUZIONI SULLE OPERE CHE NON VENGONO COMPLETATE E I SUBAPPALTI DEVONO ESSERE ELIMINATI E CAMBIARE LA COSTITUZIONE NON CI DEVONO ESSERE STIPENDI A SECONDO DELLA APPARTENENZA MA UNO UNICO PER TUTTA LA NAZIONE

Vittorio Rogliani 30.10.17 08:38| 
 |
Rispondi al commento

E ora cari Siciliani che famo?
Tanto si sapeva già...in Liguria e a La Spezia è già successo...cinque anni a me e cinque anni a te...tanto per non cambiare nulla...
^^^^^^^^^
Elezioni Sicilia, il governo Renzi-Berlusconi c’è già: dopo le regionali pezzi del Pd pronti a sostenere Musumeci
^^^^^^^^
E stavolta non avete tanto da lambiccarvi il cervello cercare chi votare: o il Vecchio o il nuovo!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 28.10.17 21:56| 
 |
Rispondi al commento

OT

Lotito cambia il nome della società :

da "S.S. Lazio" a "S.S." e basta.

vincenzodigiorgio 28.10.17 21:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Manca una legge per carcerare anche con effetto retroattivo tutti i politici, quelli del PD in primis, che hanno esposto consapevolmente e con dolo allo sfacelo dell'immigrazione per costruirsi un elettorato straniero, contro gli interessi del popolo italiano, come la Boldrini, Renzi & c. oppure qualcuno che faccia pagare il dolo di ministri come Marianna Madia che tagliando il personale della polizia penitenziaria, fino a sguarnirne la sorveglianza delle mura di cinta ad esempio del carcere di Favignana, causando un record di evasioni (66 nell'ultimo anno). Per questa malagestio impossibile da non considerare dolosa, vanno processati e carcerati. E' possibile farlo? Ora no. Ma se si comincia a parlarne sì, come tutte le cose: Renzi & c. devono essere carcerati per aver favorito l'invasione pacifica di popoli stranieri a favore dei loro interessi elettorali ed economici, svilendo il codice penale con depenalizzazioni gravissime, e esponendo con politiche di tagli alle forze di polizia, il popolo italiano a gravi rischi e naturale mortificazione e demotivazione delle forze dell'ordine. VANNO PROCESSATI.

Franco L. 28.10.17 21:46| 
 |
Rispondi al commento

IL GRUPPO MISTO(senza i nominativi)
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
In data 21 marzo 2013 è stata autorizzata, nell'ambito del gruppo Misto, la formazione della seguente componente politiche: Centro Democratico. La componente è cessata in data 19 novembre 2014.
In data 21 marzo 2013 è stata autorizzata, nell'ambito del gruppo Misto, la formazione della componente politica denominata MAIE-Movimento Associativo italiani all'estero che, in data 3 luglio 2013, ha mutato la denominazione in MAIE - Movimento associativo italiani all'estero - Alleanza per l'Italia (API). La componente, in data 24 settembre 2015, ha mutato nuovamente la precedente denominazione in "Alleanza liberalpopolare autonomie Ala-Maie-Movimento associativo italiani all'estero. La componente è cessata in data 13 ottobre 2016" .
In data 21 marzo 2013 è stata autorizzata, nell'ambito del gruppo Misto, la formazione della componente politica denominata Minoranze Linguistiche.
In data 11 giugno 2013 è stata autorizzata, nell'ambito del gruppo Misto, la formazione della componente politica denominata Partito Socialista Italiano (PSI) - Liberali per l'Italia (PLI), che - in data 15 settembre 2017 - ha mutato la denominazione in "Partito Socialista Italiano (PSI) - Liberali per l'Italia (PLI) - Indipendenti".
In data 7 luglio 2014 è stata autorizzata, nell'ambito del gruppo Misto, la formazione della componente politica denominata libertà e Diritti - Socialisti europei (LED). La componente è cessata in data 17 novembre 2014.
In data 5 febbraio 2015 è stata autorizzata, nell'ambito del gruppo Misto, la formazione della componente politica denominata "Alternativa libera" che, in data 17 novembre 2015, ha mutato la denominazione in "Alternativa Libera-Possibile". La componente è cessata in data 20 marzo 2017.
In data 19 novembre 2015 è stata autorizzata, nell'ambito del gruppo Misto, la formazione della componente politica denominata "Conservatori e Riformisti"che, in data 28 giugno 2017, ../::

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 28.10.17 21:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

hahahha...scusate il riso... alle prossime elezioni mi dite quale logo,quale nominativo,quale statuto,quali organi,quale capo politico presenterà il GRUPPO MISTO"...perchè con la nuova legge potrebbe non potersi presentare!
C'è da sbellicarsi....^.^

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 28.10.17 21:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In Caso di "vacanza" di un seggio le due leggi a cui si fa riferimento.... fanno a cazzotti per lo spirito e le tecniche che riguardavano le votazioni nei due rami del Parlamento.

Per la camera la vecchia legge 30 Marzo 1957 nr.361
ART. 86. (T. U. 5 FEBBRAIO 1948, N. 26, ART. 61, E L. 16 MAGGIO 1956, N. 493, ART. 38).

IL SEGGIO CHE RIMANGA VACANTE PER QUALSIASI CAUSA, ANCHE SE SOPRAVVENUTA, È ATTRIBUITO AL CANDIDATO CHE, NELLA STESSA LISTA E CIRCOSCRIZIONE, SEGUE IMMEDIATAMENTE L'ULTIMO ELETTO NELL'ORDINE ACCERTATO DALL'ORGANO DI VERIFICA DEI POTERI.

Per il Senato la vecchia legge20 Dicembre 1993 ne 276
ART. 19. (LEGGE 4 AGOSTO 1993, N. 276, ART. 5, COMMA 1; LEGGE 14 FEBBRAIO 1987, N. 31, ART. 1, COMMI 2 E 3, E ART. 3)

1.QUANDO, PER QUALSIASI CAUSA, RESTI VACANTE IL SEGGIO DI SENATORE IN UNO DEI COLLEGI IN CUI LA PROCLAMAZIONE ABBIA AVUTO LUOGO CON SISTEMA MAGGIORITARIO, IL PRESIDENTE DEL SENATO NE DÀ IMMEDIATA COMUNICAZIONE AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI ED AL MINISTRO DELL'INTERNO PERCHÉ SI PROCEDA AD ELEZIONE SUPPLETIVA NEL COLLEGIO INTERESSATO, CON LE MODALITÀ DI CUI ALL'ARTICOLO 15.
^^^^^^^^^^^^
?????????????...roba da manicomio,non so come la pensiate voi!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 28.10.17 21:05| 
 |
Rispondi al commento

Ma come li scegliamo i nostri amministratori? guardiamo a torino...

http://www.lastampa.it/2017/10/28/cronaca/si-dimesso-paolo-giordana-capo-gabinetto-della-sindaca-appendino-9C3romjYHItPfOKVAgV50O/pagina.html

valeria scollata 28.10.17 21:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

vedo Grillo, novello Colombo, che attraversa lo stretto alla conquista della Sicilia su una barca a vela con le insegne del M5S..
in alto i cuori e coraggio, ce la faremo!

pasquino 28.10.17 19:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Leggetevi ,se ne avete il coraggio il Rosatellum...credo che potrebbe andare bene come sedativo per un reparto neuropsichiatrico.
E' in PDF,e ci vuole dopo i risultati elettorali un laureato in Matematica quantistica per stabilire il numero dei collegi Uninominali e plurinominali.
Quindi non si tratta di fare solo dei disegnini sulla scheda di come votare.. l'inculata viene dopo!
Cittadino vai a votare... poi ci sarà da ridere.
Non sono un giurista ma credo che molti avvocati esperti in diritto pubblico,si stiano già strappando i capelli.
Belin, che cazzo di legge hanno votato... questi sono dei pazzi da legare.

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 28.10.17 19:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quindi, stando a quanto dice la legge si dovrebbe andare a nuove elezioni per eleggere una sola persona?
Mi sembra grottesco e anacronistico

VINCENZO ANTONA, Vercelli Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 28.10.17 19:40| 
 |
Rispondi al commento

Scusate se vado fuori tema, ma vorrei fare alcune riflessioni sulla nuova legge elettorale (sempre che il Presidente della Repubblica la firmi).
- Collegio uninominale: sappiamo che per questa quota viene indicata una sola persona; ammettendo che questa venga eletta e dopo qualche tempo (speriamo di no) passi a miglior vita oppure si dimetta per motivi di salute (o viene arrestato), da chi viene preso il seggio visto che nella legge elettorale non è previsto un secondo o un terzo nome?
- Nel caso di cui sopra, il seggio, da chi viene occupato, dal primo degli esclusi del proporzionale?, non penso, dato che per l'uninominale bisogna essere in quella lista e quindi non si può attingere dal proporzionale.
Queste valutazioni devono far pensare che questa legge fa acqua da tutte le parti, a meno che, se un eletto nell'uninominale viene meno, il seggio rimanga vuoto (cose dall'altro mondo).
Non prevedere una situazione del genere fa capire l'approssimazione dei nostri "legiferatori" che hanno pensato solamente ad accaparrarsi un posto pensando di essere immortali.
Se sbaglio, sarei contento di essere corretto.

VINCENZO ANTONA, Vercelli Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 28.10.17 18:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

'O CESS' DINT'O 'A CHIESA
Dint'o 'a chiesa, c'è l'altare,
tre navate senza voce,
'nu rosone a illuminare
'nu l'ambone e Cristo 'ncroce.
Ma c'è sta 'na nuvità
che si nota dall'accesso,
tanta gente pè' guardà
no 'o talare, ma 'nu cess'!
TRADUZIONE
IL CESSO DENTRO LA CHIESA
Dentro la chiesa c'è l'altare
tre navate senza voce,
un rosone a illuminare
un l'ambone e Cristo in croce.
Ma ci sta una novità,
che si nota dall'accesso,
tante gente per guardà,
no un talare, ma un gran cesso!

Bruno Fusco .

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 18:23| 
 |
Rispondi al commento

E dunque cosa mangerete?
L'antipasto misto di centrodestra?
L'antipasto misto di centrosinistra?
L'antipasto misto del gruppo misto?

Ve lo dico io cosa mangerete: nulla, assisterete solo all'abbuffata generale.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 18:15| 
 |
Rispondi al commento

http://trapani.gds.it/2017/10/28/stanotte-tre-detenuti-evasi-dal-carcere-di-favignana-hanno-segato-le-sbarre_747148/

No, non sono le comiche, segare le sbarre e calarsi con le lenzuola annodate, è il sistema carcerario italiano. Orlando ha niente da dire? È roba sua..
Segano le sbarre e nessuno sente niente?
Come funzionano i controlli?
Quante guardie ci sono?.
Il numero è sufficiente?
Il direttore aveva segnalato eventuali difficoltà a gestire la struttura?
Se si, ha ricevuto una qualche risposta?

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 28.10.17 18:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Gossip
Ma è vero che Calderoli è passato al gruppo misto??
Da quando hanno bloccato il malloppo alla Lega , non c'è più amore per il partito ..

è proprio vero
non c'è più Lega
non c'è più religione

Ma che vogliano far vincere il gruppo misto?
tanto.. misto per misto!

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 18:11| 
 |
Rispondi al commento

Un'appello a tutti gli attivisti e simpatizzanti del m5s.
Passaparola.
Il passaparola serve moltissimo.
Forza e coraggio Siciliani.
Estendiamo questa pacifica rivoluzione evolutiva.

salvatore castellano, genova Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 28.10.17 18:07| 
 |
Rispondi al commento

Mi avete convinto ....non ci sono alternative....m5s per sempre ...vi aspetto a Firenze.


Mauro ballerini 28.10.17 18:06| 
 |
Rispondi al commento

Stefano Bucci

PD: anche #Grasso abbandona.
Resteranno solo Boschi, Renzi, Collodi, Mangiafuoco, il Gatto e la Volpe.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 18:06| 
 |
Rispondi al commento

FUORI I PROCI ....dalle pubbliche istituzioni !!

terenzio eleuteri Commentatore certificato 28.10.17 17:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vogliono far passare la visita di Renzi nella chiesa di Pestum come un puro caso. Passava di lì con le altre autorità... la chiesa era aperta...era bella... loro ci sono entrati....
Sì, però, mettersi dietro l'altare con le braccia aperte e dire: "Ite, Pd est!"....

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 17:36| 
 |
Rispondi al commento

Renzi: "Abbiamo una chiesa!!"


😂😂😂😂😂😂😂

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 17:31| 
 |
Rispondi al commento

Mariapia Caporuscio

Gli italiani non avevano alcun bisogno di avere una marionetta più giovane al governo per continuare la devastazione iniziata venti anni fa da quel vecchio imbroglione, prestato alla politica dalla malavita organizzata. L’Italia aveva una necessità vitale di poter contare su una persona seria, capace, intelligente e soprattutto onesta che prendesse in mano la situazione. Questo paese aveva bisogno di un governo che non odiasse l’Italia come i precedenti, tanto da averla portata sull’orlo del precipizio e gli italiani alla disperazione se non persino al suicidio! Era impellente avere gente qualificata oltre che pulita, per recuperare non solo la dignità, (finita sotto le scarpe di quell’accozzaglia politica, ancora presente in Parlamento), ma anche per restituirle la sovranità nazionale e monetaria e strapparla dalle fauci di quel mostro chiamato “potere finanziario”, che sta stritolando non solo l’Italia ma l’Europa intera, trascinando nella miseria la popolazione colpevole di non essersi mai ribellata a questi abusi.
Il nostro era un paese con una qualità di vita invidiabile, prima che questi farabutti la sradicassero dalle fondamenta. Una popolazione civile, che non amava gli sprechi, ma oculata e capace di grandi sacrifici per pagarsi una casa, mentre questi usurai stanno togliendole persino quella, come se gli fosse stata regalata ad insaputa come succede a lor signori.
Come si può dopo aver assaporato la libertà, dopo aver passato anni sui libri di testo, dopo due guerre mondiali per creare una società più civile, tornare “pacificamente” al feudalesimo, dove i “signorotti” avevano il potere di vita e di morte sui sudditi, i quali dovevano lavorare tutto il giorno, in cambio di una scodella di lenticchie? Questi “potenti” che hanno studiato anni per raggiungere questo scopo, dovrebbero ricordare anche (oltre ai feudi ove imperavano) che quei “nobili potentissimi” furono decapitati nelle piazze parigine nel 1789

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 17:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Speriamo che il 6 novembre ci sarà bisogno di scopa e paletta per togliere la spazzatura.

Dario L. Commentatore certificato 28.10.17 16:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una testimonianza sulle incapacità soc del Paese puo’ essere in 2 modi :

- da un quadro europeo : allora avremmo coscienza civile e responsabilità di fronte a figli e nipoti, valuteremmo il danno rovinoso del ragionamento all’italiana (“spallucce, lascia perdere”) (il ragionare politico all’italiana ha portato il Paese al disastro e lo spingerà + in basso per il manco di azioni correttive ). E attueremmo un’azione adeguata con coscienza civile, dicendo “Salviamo il Paese, cambiamogli il destino attuale !”.

- dall’Italia, cioé da un Paese che da almeno 5 anni si è spostato su una dimensione surreale (quella di tramutare le menzogne in realtà. La sindrome Barzini è chiara. E allora faremo gli Italiani, lascia perdere, come fan tutti i VIPs, sulla base della mentalità del tornaconto (che porta presto l’Italia al fallimento, osservi l’andamento dei bilanci dello stato, per capire quando la Commiss. Europea non ne potrà più e dira la verità..) E sulla base anche della mentalità che ci portiamo da decenni e che ci porta, con determinazione, in America Latina....., o a subire una cura greca.

Quel che gli Italiani tipo non capiscono : l’assenza dei sentimenti e carattristiche di popolo civile conduce, inevitabilmente al Terzo Mondo. Veda le 2 valutazioni autorevoli all. “Anafabet...” e “Valutazione Brit”. E’ solo adottando una mentalità europea che l’Italia potrebbe salvarsi. Gli imprenditori lo sanno ? E dove la prendete la mentalità europea (pratiche e metodi di gestione avanzate), per salvarvi ? Un sociologo qualificato le propone : solo su base testimonianze di persone qualificate che vivano in Paesi positivi ! Se questo non si fa, l’Italia sempre basso volerà !
E’ stato scritto “Futuro di un Paese è la sua Cultura”. Aggiungo “...e mentalità”. Ambedue, in Italia, sono cadute nel fosso. Il futuro è conseguente... !

Se gli Italiani avessero Realismo sociale, avrebbero capito che la vera politica, quella che serve il cittadino con servizi di qualità
Ulrico

Ulrico Reali 28.10.17 16:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Moseneva
Renzi parla dall’altare.
Il Cristo dalla croce: "Papà, a tutto c'è un limite!"

George Clone
Renzi ha tenuto un comizio in una chiesa. Ora pure Nostro Signore si è iscritto al gruppo misto.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 16:34| 
 |
Rispondi al commento

OT " la Principessa sul Pisello, è triste."


"Oggi alcuni giornalisti mi attaccano (gnè gnè gnè, ndr) perché un dirigente (Il sindaco PD, ndr) del Comune di Ercolano, dove ho prenotato un albergo per andare a dormire durante la conferenza programmatica del Pd, ha chiesto di pulire le strade limitrofe dopo che si era sparsa la voce che avevo prenotato lì. Prenotato a mie spese, naturalmente, trattandosi di incontro di partito".

"Prenotato a mie spese", ma ce mancherebbe artro: dopo quello che ce costa 'a sua Grazziosa Maesta', armeno 'ste piccolezze, che se 'e paghi; nun faccia come er servizzio fotografico in Canada, che c'è costato mille euri (poca robba, solo du' pensioni ar minimo).......

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 28.10.17 16:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Rivoluzione si fa nelle piazze con il popolo, ma il cambiamento si fa dentro la cabina elettorale con la matita in mano. Quella matita, più forte di qualsiasi arma, più pericolosa di una lupara e più affilata di un coltello. (Paolo Borsellino)

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 28.10.17 15:37| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 4)
 |
Rispondi al commento

rosatellum ?
ce lo spiega Crozza

https://www.youtube.com/watch?v=5FWoTUw3Dxo

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 28.10.17 14:49| 
 |
Rispondi al commento

2014 - UN PARLAMENTO CHE DIFENDE I REI
Alessandro Di Battista, Portavoce M5S Camera
“Negli ultimi 17 anni, prima dell’arrivo del M5S in Parlamento, la Camera si è espressa 21 volte per la richiesta di arresto per un suo componente. Sei volte nella XIII legislatura durante la quale vennero “graziati” un tal Cesare Previti (poi condannato in via definitiva nel 2006 per corruzione in atti giudiziari nel processo IMI-SIR e nel 2007 nel processo Lodo Mondadori e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici) e un certo Marcello Dell’Utri, ormai pregiudicato per concorso esterno in associazione mafiosa. Il 12 luglio 2006 (XV legislatura, Governo di csx) venne salvato un tal Raffaele Fitto, uno dei nomi più gettonati alla successione del “mariuolo brianzolo” in FI, mister preferenze in Puglia nonché condannato in I grado a 4 anni per corruzione, abuso d’ufficio e finanziamento illecito ai partiti. Nella scorsa legislatura la Camera respinse la richiesta d’arresto per Cosentino (graziato ben 2 volte) e per un certo Milanese, ex-deputato del PDL recentemente arrestato nell’ambito dell’inchiesta MOSE. La Camera ha votato 21 volte e per 20 volte ha respinto la richiesta di arresto avanzata dalla magistratura. Solo nel caso di Alfonso Papa votarono a favore della custodia cautelare, 1 su 21, lui sì che dovrebbe parlare di “fumus persecutionis”.
Poi sono entrati i cittadini nelle Istituzioni. Avremo i nostri difetti, avremo sbagliato qualche parola, ma nessuno ci comanda, nessun inciuco piduista ci influenza, nessun potentato ci ricatta. Combattiamo affinché il sacro principio del “Tutti sono eguali di fronte alla legge” trovi soprattutto nel Parlamento italiano lo spazio che merita. Abbiamo combattuto per costringere la Camera a votare prima delle elezioni l’arresto del deputato PD Genovese. Abbiamo fatto pressione perché non si votasse con il voto segreto. Lo stesso è accaduto oggi. FI le ha tentate tutte per far slittare il voto su Galan.

segue sotto

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 14:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

UN SORRISO PER MUSUMECI
Giancarlo Cancelleri
Oggi Musumeci mi ha dato dell’imbecille. Ormai non passa giorno senza che qualcuno sfoghi la propria afflizione contro il MoVimento. Ci hanno paragonato all’Aids, hanno detto che mi nutro di sangue come un vampiro, sbeffeggiano il mio passato da geometra. Hanno detto che sono un cialtrone, un ignorante, un incapace. Oggi mi prendo pure dell’imbecille. Volevo rispondergli, volevo “difendermi” ma poi ho visto (casualmente) un video di Musumeci e ho capito che forse non è il caso. È un uomo a cui non va rivolta nessuna acredine. Perché è un uomo che soffre. Trabocca d’odio. Non sorride mai. È disperato, sa che non è bastato pompare i sondaggi per sbarazzarsi di noi. Per questo motivo gli voglio regalare un sorriso. Dalla piazza di Milazzo. E consigliargliene la pratica quotidiana.
È semplice: basta inarcare le labbra e fare entrare la vita.
Sorridi Nello. Sorridi...

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 14:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

3
L’altroieri,idea geniale:qual è l’unico luogo dove nessuno oserà sputargli e imprecargli in faccia? Una chiesa!Come non averci pensato prima?Detto, fatto.Il segretario ferroviario occupa militarmente la basilica paleocristiana di Paestum all’insaputa dell’arciprete e del vescovo,monta sull’altare e improvvisa dal pulpito un’omelia-comizio per le truppe cammellate di don Vicienzo De Luca e del fido Franco Alfieri,quello che doveva offrire fritture di pesce in cambio di Sì al referendum.Aveva anche pensato di indossare i paramenti sacri,ma poi è rimasto in borghese Prossimamente don Matteo celebrerà anche messa, darà la comunione,confesserà i penitenti e forse impartirà qualche estrema unzione.Nell’attesa, inaugura a Portici la “conferenza programmatica” del Pd,talmente programmatica che non c’è nemmeno il programma(in compenso nel “comitato scientifico” c’è Maria Elena Boschi,libera docente di Diritto bancario).Intanto a Roma succede di tutto.La Boschi cerca di farsi pagare dal governo un servizio fotografico da mille euro scattato in un viaggio privato in Canada.Verdini annuncia l’ingresso nella maggioranza,da cui peraltro non era mai uscito.I ministri renziani,Boschi inclusa, sono colti da un’epidemia collettiva di dissenteria diplomatica(no vax pure loro?)e disertano il Consiglio dei ministri che conferma Visco alla facciazza loro.La Boschi dà buca anche alla commemorazione di Tina Anselmi,temendo che questa resusciti apposta per gonfiarla di botte Il presid.del Senato Piero Grasso molla il Pd dipingendolo come un’orda di lanzichenecchi violenti ed eversivi:ma che sarà mai, tanto poi l’ultimo spegne le luci.Infatti i sondaggi danno il Pd in ulteriore picchiata
Ora il Frecciarenzi è parcheggiato alla stazione di Napoli,in attesa di nuove mirabolanti avventure.Sempre più simile a quello cantato in Generale da Francesco De Gregori:“Segretario dietro la stazione,lo vedi il treno che portava al sole,non fa più fermate neanche per pisciare,si va dritti a lavorare...

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 14:29| 
 |
Rispondi al commento

2
a “riconoscere le nostre radici e individuare in Annibale e nella sua genialità un punto di riferimento”: auspicio a dir poco azzardato, visto che Annibale era nordafricano, mentre le nostre radici sono sepolte lì sotto impastate al sangue dei Romani massacrati dai Cartaginesi (ora non vorremmo che il Frecciarenzi facesse tappa a Caporetto o dirimpetto a Lissa, magari il 4 dicembre, per riconoscere le radici del suo trionfo al referendum). A quel punto, per Matteo Granturismo, si è resa necessaria, su consiglio dei sanitari, una breve sosta ristoratrice. I medici hanno suggerito almeno un’intera giornata senza sentire una sola volta “buffone”: lui infatti si è barricato in casa per 24 ore. Poi è ripartito, più intrepido che pria, verso lidi più propizi: la Calabria e la Campania.
Ma già a Reggio sono ripartiti i tumulti e gl’insulti, che hanno costretto lui e i suoi cari a riguadagnare frettolosamente la stazione dall’ingresso secondario. E imposto un piccolo ritocco prudenziale al programma, onde evitare che ogni tappa del tour diventi una stazione della Via Crucis: entrare in clandestinità, segretando la tabella di marcia non solo sul sito del partito e dunque agli eventuali militanti, ma anche all’organizzazione del Pd (come ha scoperto Thomas Mackinson sul sito del Fatto). Nessuno deve sapere dove fermerà il convoglio maledetto. Si naviga a vista e si ferma a sorpresa, come i cellulari che traducono i boss al 41-bis dal carcere all’aula bunker. Una versione ferroviaria del vascello fantasma. E pazienza se, non sapendo del suo arrivo, quando Renzi scende non c’è nessuno ad attenderlo: anzi molto meglio, almeno risparmia sugli sputi, tanto ha già fatto il pieno nelle prime due settimane (per il prossimo giro sta pensando, anziché al treno, a una metropolitana: almeno viaggia sottoterra).

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 14:26| 
 |
Rispondi al commento

1
Il treno fantasma -Frecciarenzi
Marco Travaglio
Da quando, alla stazione romana Tiburtina, è salito sul “Treno dell’Ascolto” alla volta delle 107 province italiane che voleva abolire, Matteo Renzi ha ascoltato più fischi, pernacchie, maledizioni e insulti (il più gettonato, fino alla monotonia, è “buffone”) dei già molti che meritava. Forse anche a causa dell’itinerario, non proprio felicissimo: ma benedetto ragazzo, sai bene che i terremotati laziali, umbri, marchigiani e abruzzesi non vedono l’ora di scuoiarti vivo per le promesse tradite sulle casette e la ricostruzione, e tu da dove cominci il tour “Destinazione Italia”? Da Lazio, Umbria, Marche, Abruzzo e Molise. Poi sai che vorrebbero farti la pelle anche i pugliesi, fra gasdotti, xylelle e veleni targati Ilva ed Enel, e tu dove prosegui? In Puglia. Per dire: in Lombardia, in Veneto e in Sicilia, dove si vota, manco una capatina. Risultato: urli e strepiti a Spoleto (“buffone, vergogna, Pinocchio!”), dure contestazioni ad Ascoli Piceno (“buffone, vai a lavorare!”), feroci anatemi a Vasto (raggiunta peraltro in auto per non compromettere il materiale ferroviario: “Buffone!”), urla belluine a Termoli (con scorta della forza pubblica: “Buffone!”), strilli assordanti a Polignano a Mare (“vergogna, buffone!”, con variazione vernacola sul tema: Renzi domanda a una signora “Come sta?” e lei, prontissima: “Com’ammamete”), stato d’assedio sui binari di Brindisi (presidiati dalla Digos che si porta via un contestatore: “Vattene, buffone!”).
Unica eccezione, senza rivolte né maleparole, la tappa al sito archeologico di Canne, luogo della storica battaglia fra Romani e Cartaginesi, ma solo perché la città non esiste più. Lì (lo rivela La Verità), in quell’insolito silenzio dovuto esclusivamente alla mancanza di abitanti, si è sentita una sola voce: purtroppo era quella di Renzi, che esortava gli immaginari ascoltatori..

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 14:25| 
 |
Rispondi al commento

Per il Bomba, è grasso che cola per catturare i transfughi.

antonnio d., carrara Commentatore certificato 28.10.17 14:18| 
 |
Rispondi al commento

Forse non sono abbastanza acuto, ma le dimissioni "ritardate" di Grasso non le ho capite. Egli ha affermato di aver vissuto come un affronto alla istituzione, l'impossibilità di apportare la benché minima modifica, da parte del Senato, alla legge presentata e di aver dato le dimissioni proprio per il rispetto che egli ha verso l'istituzione presieduta. Ecco il punto è questo: sapendo già in partenza che il Senato non avrebbe potuto minimamente modificare la legge, avrebbe dovuto dimettersi non appena avesse sentito parlare di fiducia. O no?


La signora meloni giorgia ieri era intervistata sui problemi che la politica deve risolvere in Sicilia. Parlava anche dei giovani e della loro precarietà nel mondo del lavoro. Coloro che sono tentati dal votare la signora, lo sanno che ha detto "si" alla legge fornero? Ha aumentato l' età pensionabile, quando casso entrano i giovani nel mondo del lavoro ? Poi viene lì a proporre soluzioni , vi prega di votarla..

La lega ora toglie il "nord" nel nome e diventa amica del sud, non è successo niente in passato..
Siciliani, ecco a voi la lega nord:

http://www.facemagazine.it/25-anni-di-insulti-leghisti-che-il-sud-non-dimentica/

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 28.10.17 14:03| 
 |
Rispondi al commento

SICILIA, POTENZIALMENTE RICCA

La Sicilia è una regione a statuto speciale, ha la propria autonomia, come quella che vorrebbero in Veneto e in Lombardia. Purtroppo, oltre a ciò, la Sicilia ha un tumore in seno che si chiama Mafia.

Con la Mafia, che si è da sempre sostituita allo Stato, poco conta lo statuto della regione.

Fino ad ora la Sicilia è stata una regione a statuto mafioso.

E' sempre stata lì per prendere e mai per dare. Ha scippato libertà e dignità alle persone, ripagandole con una vita d'inferno.

Ora i siciliani hanno in mano l'ultima occasione per decidere di cambiare aria, di dare una spallata alla Mafia e far si che la loro regione, con tutti i privilegi che ha, possa essere finalmente ben amministrata, per restituire dignità e il rispetto dovuto.

Siciliani andate in massa a votare per il cambiamento e per la legalità, votate M5S.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 28.10.17 13:46| 
 |
Rispondi al commento

Credo che se vincessimo in Sicilia ,le cose all'inizio sarebbero molto difficili ,tra bastoni tra le ruote e sabotaggi ,tra critiche immense ,ma poi come sta succedendo a Roma ,tutto rinascerebbe ,come a Roma che si vede il lavoro dei 5 stelle e devo fare dei grandi complimenti a Virginia e alla giunta romana ,Roma è bellissima e pulita

elena guerini, bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 28.10.17 13:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La stratificazione degli interessi illeciti in Sicilia dura da troppo tempo per poter tentare di ripulirla in poco tempo in caso di vittoria . Troppa gente vive da parassita , dalla povera gente impiegata fasulla ai consiglieri che non consigliano nulla ma che incassano assai . Poi , se non prima , c'è la legione degli uomini d'onore : la mafia ! Se con gli altri potrebbe essere possibile fare qualcosa creando vero lavoro ( e le possibilità sono veramente tante a partire dal turismo ) , con questi sarà dura , molto dura .

vincenzodigiorgio 28.10.17 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Quando si parla di Mafia, si sottindende, quella siciliana. Nella realtà si equivoca.

La Mafia vera è quella romana, per la precisione, quella che si trova in Parlamento.

Quella siciliana è manovalanza al servizio di Mafia-parlamentare.

Una prova? Tutti gli attentati compiuti da manovalanza siciliana sono stati eseguiti su ordini "esterni" (eufemismo di Mafia-parlamentare)

giorgio peruffo Commentatore certificato 28.10.17 13:27| 
 |
Rispondi al commento

L'alta finanza ( casta - PD ) sta scaricando Renzi troppo sputtanato e pappone palese ! Con l'abbandono di Grasso e l'imprevedibile offesa di Mentana sul libro di Renzi abbiamo la certezza che il buffone è finito ! Dobbiamo approfittare di questo momento di debolezza del PD e dei suoi padroni e calcare la mano sulle principali colpe e disastri di questi traditori ! Parliamo dell'Expo , della Consip , della MPS che nasconde crimini molto sottovalutati ! Che dire poi di Sala e degli innumerevoli conflitti di interessi della Boschi ? Di carne da mettere al fuoco ce n'è in abbondanza !

vincenzodigiorgio 28.10.17 13:20| 
 |
Rispondi al commento

Spero solo che Cancelleri e soprattutto il movimento 5 stelle siciliano in primis si rendano conto di quali difficoltà vanno ad incontrare...Spero che non stiano viaggiando a vista, come temo, ma siano una squadra coesa, competente e che se già cosa affrontare e come risolvere....ci vogliono mesi di preparazione e mesi di organizzazione preparatoria per governare davvero e bene una regione difficile come la Sicilia...Spero che il Cancelleri e il movimento 5 stelle siciliano lo sappiano e se ne rendano almeno conto...Le campagne elettorali va bene ma poi ricordatevi, almeno quando si vince, i fatti...Per dirne una: si sa che la Sicilia ha il problema dell'acqua...come si pensa di affrontarlo?

Tiziano B, Brindisi Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 28.10.17 13:06| 
 |
Rispondi al commento

PIETRO GRASSO E LA SECONDA CARICA DELLO STATO. QUESTA USCITA DAL PD DOVREBBE FARE RIFLETTERE ANCORA DI PIU' IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA (MATTARELLA)AL DI LA DELLE BELLE MANIFESTAZIONI CHE SI SONO SVOLTE A CAUSA DELLA LEGGE ELETTORALE SIA ALLA CAMERA CHE AL SENATO. IL PRESIDENTE MATTARELLA DOVREBBE METTERE A CONFRONTO LA LEGGE ELETTORALE CON LA COSTITUZIONE E CONTROLLARE SE VI SIANO ARTICOLI CONTRO LA COSTITUZIONE. A QUESTO PUNTO VISTO CHE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E IL GARANTE DELLA COSTITUZIONE NON DOVREBBE FIRMARLA.
UN'ALTRA SOLUZIONE CI SAREBBE IL GIORNO PRIMA DELLA FIRAMA DEL PRESIDENTE MATTARELLA FARE UNA GROSSA MANIFESTAZIONE ALL'IVELLO NAZIONALE CONTRO QUESTA LEGGE ANTICOSTITUZIONALE E CONTRO IL POPOLO.
TI SALUTO BEPPE MARIO MOSCA

Mario Mosca 28.10.17 13:01| 
 |
Rispondi al commento

Sono giorni decisivi. Questa volto o i siciliani cambiano registro oppure affogheranno definitivamente nella mer..., non ci sono altre vie.

gianluigi f., pandino Commentatore certificato 28.10.17 12:58| 
 |
Rispondi al commento

AVVISO:
Oggi quelli di Standard & Poor's hanno alzato il rating dell'Italia (che era già ai minimi ed un ulteriore abbassamento significava catastrofe).
La decisione è inspiegabile visti i disastri dell'economia italiana e del vertiginoso aumento del debito pubblico.
E' UNA GUERRA. Stanno piazzando le mine.
Qualora il M5S vincerebbe le elezioni poco dopo quelli di S&P hanno la possibilità di abbassarlo al fine di dare in pasto, alla già tanto precaria opinione pubblica, il fatto che non sappiamo governare (in questo caso amministrare l'economia nazionale).
Come disse il nostro garante preparatevi e mettetevi l'elmetto che spareranno di tutto.
*****URGE TV a 5 Stelle (sbrigatevi a capirlo)

osservatore 5 stelle 28.10.17 12:47| 
 |
Rispondi al commento

che vergogna per un partito di 'sinistra' usare come stampella un partitucolo di destri della libertà di fare quello che cazzo vogliono. e bravo al rottamatore, ma finirà anche lui rottame come stanno finendo i suoi.

Giovanni F. 28.10.17 12:21| 
 |
Rispondi al commento

Con la premessa che se intercettassero me non me ne fregherebbe nulla, mi chiedo
COME SIA ANCORA POSSIBILE CHE SI USI LO SMARTPHONE
in politica, per motivi diversi da quelli istituzionali o per dire alla moglie di buttare la pasta.
Indipendentemente da chi lo usi, sia uno del M5S o sia chiunque altro.

GIORGIO S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 28.10.17 12:13| 
 |
Rispondi al commento

VORREI CHE VENISSE ANCHE AD OSTIA....

Sito 28.10.17 12:13| 
 |
Rispondi al commento

Credo che il capo di gabinetto della giunta Appendino, Paolo Giordana, intercettato mentre chiede favori con l’ad dell’azienda dei trasporti Gtt debba dimettersi, per rimanere fedele ai principi del M5S.


Per il 5/11 forza M5S.
Un fuori tema, ma forse non tanto.
Ho letto (ovvio che aspetto smentite) che un dirigente del Comune di Torino (M5S), si sarebbe dato da fare per annullare una multa per mancata obliterazione del biglietto del bus. Siccome per cose del genere, se accertate, defenestrerei chiunque, fosse mia madre, vorrei conoscere la verità http://www.corriere.it/politica/17_ottobre_28/torino-capo-gabinetto-sindaca-intercettato-puoi-far-togliere-multa-mio-amico-2765c1be-bbc1-11e7-b9f3-82f15d252a79.shtml

GIORGIO S. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 28.10.17 11:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL 5 NOVEMBRE SARÀ UN REFERENDUM

Dalla Sicilia partì tutto,

dalla Sicilia deve partire la giusta via.

Fu dalla traversata a nuoto di Beppe( per quelli che dicono che non serva, anzi, che danneggi il M5S) che ebbe inizio la grande avventura politica del M5S.

Quell'enorme quantità di voti per un soggetto politico "di primo pelo", non s'era mai vista!

È dalla Sicilia che sono partite le nostre gioie e i nostri dolori.

Perché se è vero che da lì in poi il Movimento ha avuto una crescita fantastica, è anche vero che, vedendo la possibilità di "entrare", c'è stato un assalto alla diligenza che ancora se portamo appresso.

Siamo in pieno ballo, e mollare adesso sarebbe da stupidi, ma c'è da fare chiarezza e essere determinati verso" l'obiettivo finale".

Una cosa Beppe:

STAI A BORDO CAXXO!

Arrivederci e grazie.

Nando da Roma.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 28.10.17 11:44| 
 |
Rispondi al commento

..chissà perchè esiste la convinzione che se tutti andassero a votare cambierebbero le percentuali di consenso per i vari partiti.
Secondo ME NO.
Per un fattore matematico di rappresentatività,..secondo me non cambierebbe nulla in tali percentuali.

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 28.10.17 11:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il mio amico , con tono pacato, fermo e deciso, mi ha detto: “Io sono realista, perché chiunque vada al potere, non cambia nulla” e, in altre parole: “ i partiti sono tutti uguali”.
Dietro ogni cosa ci sono le sue ragioni. Dietro ogni ragione c’è la sua forza. Dietro ogni forza ci sono le sue ragioni. Il presente viene dal passato ed è il presupposto del futuro. Il presente esiste perché c’è stato il passato , quindi possiamo dire che il futuro dipende dal passato.
Se si vuole un altro futuro, ovvero un cambiamento della propria personale condizione (il presente), è ragionevole cambiare, la propria politica, ovvero la propria condotta, e modificare il proprio comportamento nel presente per migliorare la condizione futura.
Se si continua a ragionare dicendo “sono tutti uguali” e quindi “non cambia nulla”, allora è inutile schierarsi e dunque non serve a nulla andare a votare.
Questo è proprio quello che vogliono le forze della conservazione , far prevalere la convinzione che votare o non votare non cambia nulla.
La conservazione, oggi , in Italia, sta stravincendo perché il 50% degli elettori non va a votare o vota scheda bianca o nulla. Politicamente rappresenta il partito dell’indifferenza , dell’insipienza, del qualunquismo nichilista chiuso ad ogni forma dell’essere nel presente e dell’ avere un futuro migliore.
Il passato, l’abbiamo già visto, chi vuole il cambiamento deve scegliere di votare il M5S, non ci sono alternative alla conservazione, voluta dagli altri partiti, i quali, bene o male, sono tutti stati al Governo, compresi i Radicali Pannelliani e della Bonino.

salvatore carboni, oristano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 28.10.17 11:13| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' un pò fuori tema, ma .....
Oggi, 28/10/2017, le operazioni postali, versamenti e prelievi, possono essere fatte da chiunque possieda una connessione a internet e un ccp!!! Il cittadino che necessita del servizio , pensionato o altro , potrebbe benissimo, per ricevere la pensione, o un altro servizio di pagamento, riscossione o prelievo, rivolgersi a chi ha una connessione a internet e se ha bisogno di contanti può mettersi d'accordo con un amico o in condivisione con altri!!!!! Apriamo la mente, con tanti saluti, a chi li gradisce!!!!!!!! Se 20.000 impiegati Poste Italiane SPA posssono essere spostati in altri settori dell'economia , gioverebbe al sistema e all'ambiente. Se ci sono 20.000 addetti all'implementazione di boschi e foreste, piantando alberi dove è possibile io credo che gioverebbe al clima, all'ambiente, alla salute e alle tasche della gente.

salvatore carboni, oristano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 28.10.17 10:52| 
 |
Rispondi al commento

1
GRASSO ESCE DAL PD
Sono rimasta molto colpita dall'uscita di Pietro Grasso dal Pd. Non si tratta di una persona qualunque, è la seconda carica dello Stato, quello che, in caso di scomparsa del Presidente della Repubblica, prenderebbe immediatamente il suo posto. Una cosa simile non era mai successa nella storia della Repubblica e ritengo che sia un fatto clamoroso, tanto più che mai finora Grasso aveva dato prova di frenare in alcun modo l'operato piratesco di Renzi, anche se non è caduto negli errori clamorosi, faziosi e si basso rango della Boldrini, che ha violato ogni crisma di legittimità e dignità. Grasso ha tenuto fede al suo alto incarico istituzionale con prudenza, riserbo e stile, così da non guadagnare l'odio assoluto che spetta alla Presidente della Camera e da apparire morigerato, conforme all'apparato, serio ma senza strafare. Grasso è una persona prudente che si muove dopo riflessione e sa quello che fa.
Siciliano dalla nascita, ha sempre operato in ambienti difficili. A 12 anni, la vista di morti per mafia in pozze di sangue gli fa decidere di diventare magistrato. Per 12 anni sarà Sostituto procuratore della Repubblica a Palermo occupandosi di indagini sulla pubblica amministrazione e sulla criminalità organizzata. Nel 1980 ha l'inchiesta sull'omicidio del Presidente della Regione Siciliana, Piersanti Mattarella, che voleva legalizzare gli appalti siciliani strappandoli dalle mani della mafia.
Ho sempre cercato di figurarmi quale sia potuta essere la vita di un uomo ambizioso e intelligente, ma anche cauto e prudente, che vuol far carriera, ubbidire alle leggi dello Stato, difenderlo ma nello stesso tempo destreggiarsi in una posizione difficilissima, tra due poteri implacabili: da una parte la Mafia e dall'altra la Casta, entrambi capaci di decretare il tuo successo o la tua rovina.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 10:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

*2
Personalità ben diversa dall'immediata passione civile di un Falcone o di un Borsellino, penso che Grasso sia stato un concertatore, come lo era Andreotti, attento alla propria carriera come al proprio ruolo, personalità complessa, giocatore di scacchi in una difficile partita di cui ogni mossa tiene conto di una strategia e ogni errore può comportare la retrocessione o la morte.
Nel 1985, il tribunale di Palermo lo mette come giudice a latere nel primo maxiprocesso a Cosa Nostra con 475 imputati e Falcone e Borsellino. Per 35 giorni vissero come in un bunker isolati dal mondo, producendo 19 ergastoli e 2.665 anni di reclusione e dimostrando per la prima volta l'esistenza della Cupola attraverso la via giudiziaria.
Nel 1989 Grasso è nominato consulente della Commissione parlamentare Antimafia, presieduta da Gerardo Chiaromonte prima e da Luciano Violante poi. Nel 1991 viene nominato consigliere alla Direzione affari penali del Ministero di grazia e giustizia, il cui "guardasigilli" era Claudio Martelli, che chiamò anche Giovanni Falcone, e componente della Commissione centrale per i pentiti. In seguito fu nominato procuratore aggiunto presso la Direzione nazionale antimafia (guidata da Pier Luigi Vigna), applicato nelle Procure di Palermo e Firenze dove ha seguito e coordinato le inchieste sulle stragi del 1992 e del 1993.
Riina aveva deciso di vendicarsi e la Mafia compì la strage di Capaci, nel quale morirono Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e tre agenti di scorta e quella di Via D'Amelio nella quale rimasero vittime il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti di scorta. Tra gli obiettivi che erano stati identificati dalla Cupola c'era anche Pietro Grasso.
Dall'agosto del 1999, Grasso ricoprì l'incarico di Procuratore della Repubblica di Palermo, immediatamente dopo la conclusione del 1° grado del processo Andreotti.Sotto la direzione di Grasso,furono arrestate 1.779 persone per reati di mafia e 13 latitanti inseriti tra i 30 più pericolosi

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 10:39| 
 |
Rispondi al commento

*3
Nello stesso arco di tempo la procura del capoluogo siciliano ottenne 380 ergastoli e centinaia di condanne per migliaia di anni di carcere.
L'11 ottobre 2005 Grasso fu nominato procuratore nazionale antimafia, subentrando a Pier Luigi Vigna.
Ma perché la Casta preferì il suo nome a quello di Caselli che sarebbe stato il legittimo designato? An fece una legge apposta ("Riforma Castelli", poi dichiarata incostituzionale) per effetto del quale Caselli non poté più essere nominato procuratore nazionale antimafia per superamento del limite di età (un limite di età che è stato più volte variato indebitamente per nominare questo o quello). Sia Caselli che Grasso avevano lottato contro la mafia, ma perché la Casta di dx (AN, Fi e Lega) ci teneva tanto che fosse nominato Grasso? Forse perché nella lotta alla mafia Grasso non aveva mai fatto emergere i collegamenti tra mafia e politica? Forse perché nella lunga lotta dello Stato contro Cosa Nostra c'erano fatti che qualcuno aveva lasciato nel cassetto? C'è una cosa che lascia qualche dubbio: com'è possibile che un magistrato combatta contro un potere così terribile senza ricevere danno e senza essere attaccato dalla politica?
Comunque fosse, il lavoro di Grasso permise nel 2006 la cattura di Provenzano a Corleone. Ma, anche qui, com'è stato possibile che uno dei più grandi boss della mafia restasse 43 anni negli stessi posti senza mai essere preso? E come è stato possibile che nel processo ad Andreotti un tribunale dichiarasse che non era perseguibile per i fatti successivi al 1980 e ci fosse il non luogo a procedere per prescrizione per i fatti anteriori?
Nel 2012 Grasso si dimette da magistrato e viene eletto nel Pd.
Ora io mi chiedo: com'è possibile che un uomo delle istituzioni lavori per 44 anni per combattere la mafia e da una parte non riceva mai nessun attacco dalla parte corrotta dello Stato e dall'altra non subisca nessun danno serio da parte della mafia? E' solo fortuna? Io non credo.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 10:39| 
 |
Rispondi al commento

*4
C'è sotto una facoltà straordinaria di sapersi destreggiare tra due opposti nemici che possono diventare due opposte opportunità. C'è sotto la capacità del giocatore di scacchi professionista, solo che qui è in gioco la vita.
Il 16 marzo 2013, Grasso viene eletto al ballottaggio Presidente del Senato con 137 voti, contro i 117 per Renato Schifani (PdL).
Il 27 ottobre 2017, dopo 8 fiducie incostituzionali imposte in modo dittatoriale da Renzi per un sistema elettorale assolutamente incostituzionale e barbaro per delegittimare il voto elettorale e dare il potere a un'accozzaglia che nessun italiano ha scelto, senza essersi mai opposto in ogni sua fase a questo attentato alla democrazia, senza aver fatto nulla per frenarlo o contestarlo, limitando la sua parte alla mera esecuzione del suo ruolo super partes, con un vero colpo di scena, Grasso dichiara di uscire dal gruppo Dem con parole durissime:
"Il fatto che il Presidente del Senato veda passare una legge elettorale redatta in altra Camera senza poter discutere, senza poter cambiare nemmeno una virgola è stata una sorta di violenza che ho voluto rappresentare. Mi dimetto dopo questo voto e non prima per rispetto delle istituzioni. E' stata una scelta molto sofferta. Ho ritenuto di lasciare il Pd perché non mi riconosco più né nel merito né nel metodo. Ho deciso di aspettare l'approvazione della legge elettorale per rispetto del ruolo istituzionale. Per tutta la mia vita ho rispettato le istituzioni e l'indipendenza delle istituzioni. E continuerò a farlo".
E' un colpo di pugnale a Renzi.
Grasso crea un precedente clamoroso, come osserva anche Di Battista, perché nella storia repubblicana non si era mai visto un Presidente del Senato lasciare il gruppo di appartenenza a fine legislatura.
Il fatto è di una gravità enorme. L'accusa a Renzi e ai suoi metodi antidemocratici è lampante. Tutti i giornali dovrebbero esplodere in un boato.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 10:38| 
 |
Rispondi al commento

*5
Invece la notizia viene soffocata nei fatti della Catalogna, i tg ne parlano in modo soft. Renzi, che dovrebbe essere messo sotto accusa, non viene intervistato e continua i suoi ripetitivi comizi come se non fosse successo nulla, inghiottendo con apparente nonchalance un rospo enorme che dovrebbe strozzarlo. Come se queste dimissioni non segnassero in modo implacabile una diaspora dentro il suo stesso partito e non fossero una dichiarazione in faccia al mondo che in Italia si sta compiendo un colpo di Stato, in cui un'accozzaglia di spregiudicati sta uccidendo le istituzioni democratiche e in cui Renzi stesso e la sua banda sono degli usurpatori.
Intanto il pivello continua con le sue sporche manfrine da scolaretto viziato e fa mancare al Consiglio dei Ministri per la nomina di Visco i 'suoi' Ministri come a dire a Gentiloni che il Governo non è di Gentiloni è ma è 'roba sua'. Ma la storia corre più veloce dei suo intrallazzi da ragazzetto viziato.
E ora il giocatore di scacchi che farà?
Renzi in Sicilia non c'è nemmeno voluto andare. In Sicilia il 5 di novembre si vota. E la Sicilia è sempre stata la cartina di tornasole del voto nazionale.
Il treno di Renzi è stato un fallimento. Tutta la politica di Renzi è stata un fallimento. Ma il fallimento non va percepito, va conclamato.
E il gesto di Grasso che esce dal Pd segna una svolta nuova, inaspettata, è la conclamazione del fallimento di Renzi e dei suoi giochetti da studentello ripetente.
Solo un grande giocatore alla fine vince la partita.
E Grasso lo è.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 28.10.17 10:38| 
 |
Rispondi al commento

OT "servile"...


"Si porta a conoscenza che nei giorni 27,28 e 29 ottobre soggiornerà presso l’Hotel Miglio d’Oro l’on. M.E.Boschi sottosegretario alla Presidenza del Consiglio della Repubblica Italiana. Pertanto si dispone a codesta società di provvedere ad una accurata pulizia (spazzamento, rimozione dei manifesti funerari ed eventuale scerbatura) a partire dal giorno 23 e fino al giorno 26 p.v.”, si legge nel documento. Che indica le strade da pulire e privare anche dei manifesti funerari : “Corso Resina, via roma, via A.Consiglio, corso umberto, via G.Niglio, via dei Papiri Ercolanesi, via plinio, via A.Moro e corso Italia".


Manco se trattasse de l'arivo der Duce.....
(mancava che ce scrivessero pure " è severamente vietato morire durante il periodo di soggiorno della Principessa sul Pisello"..(sur pisello de tanti..).

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 28.10.17 10:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

BERLUSCONI IN GALERA CON TUTTA LA SUA BANDA !!!
BERLUSCONI E TUTTA LA SUA BANDA CON CRAXI, PREVITI FINO AL PD DI R. NE HANNO FATTE DI TUTTI I COLORI; HANNO RUBATO , HANNO CORROTTO, HANNO EVASO E FRODATO IL FISCO, HANNO FATTO RICATTI , SONO AMICI DEI MAFIOSI ED IN DEFINITIVA HANNO TOTALMENTE ROVINATO E DISTRUTTO IL NOSTRO POVERO PAESE ITALIA ANCHE CON L’AIUTO DELLA INFAME MASSONERIA DEVIATA E DEGLI INFAMI SERVIZI SEGRETI DEVIATI !!!

ORA TUTTI QUESTI INFAMI , CON LE BUONE O CON LE CATTIVE MANIERE, DEVONO ASSOLUTAMENTE RESTITUIRE TUTTO IL MALOPPO CHE HANNO RUBATO COMPRESI GLI INTERESSI, POI DEVONO PAGARE TUTTI I DANNI CHE HANNO CAUSATO ED INFINE DEVONO ESSERE PROCESSATI CON URGENZA E BUTTATI TUTTI IN GALERA AL CARCERE DURO E PER TUTTA LA VITA COME SI MERITANO!!!

COSI’ DOBBIAMO FARE SUBITO PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI SE VOGLIAMO SALVARE IL NOSTRO POVERO PAESE ITALIA E GLI ITALIANI PER BENE CHE SONO MOLTI!!!
GRAZIE E CORDIALI SALUTI.

Franco Rinaldin 28.10.17 10:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori