Il Blog delle Stelle
Il latte finto è l'ultima battaglia sull'etichettatura del cibo

Il latte finto è l'ultima battaglia sull'etichettatura del cibo

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 18

traduzione di un articolo pubblicato sull'Associated Press News

I produttori di latticini chiedono un giro di vite per il 'latte' prodotto dalle mandorle, soia e riso. Sostengono infatti che mascherare questi prodotti come 'latte' danneggia l'immagine ed il significato del termine 'latte'. Ciò nonostante, un gruppo che sostiene l'uso dei prodotti a base vegetale, The Good Food Institute, ha contrattaccato chiedendo al 'Food and Drug Administration' (FDA) di certificare che l'uso di termini come 'latte' e 'salsiccia' possano essere usati fino a che sull'etichetta sia specificato cosa questi prodotti contengano.
Questa è l'ultima disputa sul significato di autenticità del cibo, discussioni che spesso nascono dall'uso di nuove tecniche di produzione o introduzioni di diete specializzate. Qualche esempio? Il pollo congelato 'Wyngz' prodotto da DiGiorno era continuamente preso di mira dal comico Stephen Colbert. Un altro, una sostanza spalmabile priva di uova che si chiamava 'Mayo' ha provocato le ire dei produttori di uova. Ed anche nel passato, già nel 1880, la margarina veniva dimessa da un legislatore del Wisconsin come 'burro contraffatto'.Già oggi gli Stati Uniti indicano chiaramente, per una gamma di prodotti come salse per condimenti, piselli in scatola e pane all'uvetta, quali siano le caratteristiche richieste per la loro immissione nel mercato interno. Sono questi standard di qualità che spesso innescano le battaglie alimentari.

MUCCHE, NOCI E FAGIOLI
Anche se il latte di soia e latte di mandorla sono diventati termini banali quest'oggi, lo standard di definizione base di 'latte' sostiene che il latte sia un prodotto derivante dalla "mungitura completa di una o più vacche sane". Questo è il punto che l'industria dei latticini sta ora enfatizzando, avendo anche dalla loro parte i legislatori che solo il mese scorso hanno introdotto una legge che forzi la FDA a far rispettare le linee guida di etichettatura dei prodotti alimentari. "I mammiferi producono il latte, le piante no", ha detto Jim Mulhern, presidente della Federazione nazionale produttori di latte Americana. La stessa Federazione sostiene di aver chiesto alla FDA di far rispettare lo standard di etichettatura almeno dall'inizio degli anni 2000 e che la mancanza di una applicazione certa delle linee guida per l'etichettatura dei prodotti alimentari ha portato ad una proliferazione di imitatori che hanno approfittato di questa rilassatezza sulla definizione di cosa sono o non sono i latticini.

I prodotti spesso al centro delle battaglie alimentari riguardanti il latte, fanno spesso riferimento a se stessi come "latte di soia" o "latte di mandorla". Singole parole che l'industria lattiero-casearia indica come ad un modo ingegnoso per aggirare le linee guida relative alla definizione di cosa sia il "latte".
The Plant Based Foods Association, che rappresenta aziende come Tofurky e Milk Alterantives, sostiene che gli standard di identità siano stati creati per impedire alle imprese di usare ingredienti meno costosi a scapito dei clienti. Ma lo stesso gruppo sostiene che i produttori di latte di soia, mandorle e riso non stanno cercando di approfittarsi dei clienti. Queste aziende fanno pagare più soldi a chi è attratto da questo tipo di prodotti, dice Michele Simon, direttore esecutivo dell'associazione. Mentre la FDA ribadisce che si mobilita "in accordo con le priorità delle priorità della salute e pubblica e a seconda delle proprie risorse".

COMMESTIBILE MA SENZA LE UOVA
La poca conosciuta Associazione dei condimenti e salse ha dimostrato tutta la sua forza nella battaglia della maionese del 2014. Il gruppo ha più volte denunciato alla FDA che una salsa priva di uova venisse chiamata 'Just Mayo', facendo notare alla FDA che in base alle norme federali la maionese è un prodotto definito dal fatto di contenere nelle sua ricetta dell'uovo. La casa di produzione Unilever, che produce la maionese Hellmann ed è uno dei membri dell'associazione, aveva citato in giudizio il produttore della salsa 'Just Mayo' con la stessa motivazione. Anche se la querela è stata abbandonata dopo che Unilever ha subito la protesta da parte dei sostenitori della suddetta salsa vegana.

L'associazione dei condimenti e salse non è stato l'unico gruppo infastidito dal brand 'Just Mayo'. L'amministratore delegato della American Egg Board, che rappresenta l'industria delle uova, tramite un consulente esterno ha tentato senza successo di fermare la vendita di 'Just Mayo' nei supermercati Whole Foods. Questo fatto ha portato all'apertura di un'indagine da parte del Dipartimento statunitense dell'Agricoltura. Poco dopo l'apertura delle indagini, l'amministratore delegato della American Egg Board è andato in pensione prima del previsto. Per quanto riguarda 'Just Mayo', l'azienda produttrice ha trovato un accordo con la FDA per mantenere il nome del brand - accettando alcune modifiche sulla etichetta del prodotto 'Just Mayo' che rendessero chiaro il fatto che il prodotto non contiene uova.

IL FALSO YOGURT
Centro della battaglia legale riguardante il prodotto Yoplait Greek c'era un concentrato di proteine ​​del latte. Questo ingrediente non era elencato nella lista della FDA per la classificazione dello yogurt. In più, la causa legale sosteneva che la General Mills usava questo concentrato di proteine per addensare il suo yogurt, invece di produrlo nel modo classico in cui gli yogurt greci sono prodotti.

Il caso fu infine respinto dal giudice, sostenendo che la FDA avrebbe potuto gestire la diatriba in maniera migliore. Gudmundson dichiarò che tentò invano di contattare l'agenzia dopo l'emissione della sentenza, ma nulla fu fatto. Il produttore di Yoplait Greek, General Mills, ad oggi sostiene che ha modificato la ricetta dei propri yogurt e non utilizza più nel suo prodotto il discusso concentrato di proteine del latte. La General Mills, comunque, aveva sottolineato nei documenti presentati durante la causa legale che la aveva detto durante un seminario che il concentrato di proteine ​​del latte poteva essere utilizzato nello yogurt.

Nel 2002, la presenza del concentrato di proteine ​​del latte nelle sottilette Kraft ha portato all'invio di una lettera di avvertimento da parte della FDA alla Kraft stessa. La lettera sottolineava come il concentrato di proteine del latte non fosse elencato come ingrediente nella definizione di " formaggio pastorizzato". Kraft ora nelle etichette delle sottilette inserisce la definizione di "formaggio fuso".

I TRUCCHI COMMERCIALI
Il prodotto "Wyngz" ha ottenuto un gran successo pubblicitario in Tv non molto tempo dopo che DiGiorno ha lanciato i suoi pasti surgelati nel 2011, prodotti come la pizza ed i pezzi di pollo disossati. "The Colbert Show" ha denunciato come il brand 'Wyngz' abbia usato delle autorizzazioni governative per aggirare il fatto che le 'Wyngz' non fossero fatte di carne di ala di pollo. Colbert ha citato nel suo show una pagina del sito web del USDA che permette l'uso di nomi strani per prodotti che hanno "la forma di un'ala o di stuzzichini" ma che non sono fatti interamente da carne dell'ala di pollo. "Per altri prodotti, non sono ammessi errori di ortografia", dice il sito.

La storia dietro questa definizione dell'USDA rimane un po' un mistero. La Nestlé, proprietaria della DiGiorno, ha detto che voleva chiamare i pezzi di pollo disossati "Wings" (ali), dal momento che riteneva i clienti in grado di capire che le ali senza osso non sono le ali intere vere e proprie. L'azienda sostiene che è stata invece l'USDA a proporre "wyngz." Nestle con orgoglio ha osservato che a suo avviso è stata la prima, e forse unica, società ad avvicinarsi all'USDA per esporre il problema che ha portato a chiamare il prodotto "wyngz". L'USDA dice che già un'altra società aveva fatto la richiesta di usare questa parola per descrivere un suo prodotto, e non ha ritenuto opportuno il dover elaborare un risposta più precisa.

IL BURRO CONTRAFFATTO
Non sono solo il latte di soia ed il latte di mandorle ad aver attirato le ire del settore lattiero-caseario. Nel 1886, i produttori di latticini introdussero una tassa federale sulla margarina che all'epoca era soprannominata dal rappresentante William Price del Wisconsin, un importante Stato per quanto riguarda la produzione di latticini, "il burro contraffatto". Nel 1902, questa legge fu modificata per aumentare la tassazione sulla margarina tinta che era considerata un prodotto che cercava di assomigliare al burro, dice Ai Hisano, storico del commercio presso la Harvard Business School.

Alcuni Stati arrivarono al punto di vietare la vendita di margarina tinta, che naturalmente presentava un colore bianco. Fatto che si può anche riscontrare in un vecchio annuncio della Parkay Margarine che recita "Giallo dorato e pronto ad essere spalmato!" - con un asterisco a precisazione "in 26 Stati." Hisano ci dice che per aggirare i divieti statali, alcuni produttori margarina davano delle capsule con una soluzione gialla ai propri clienti, in modo che potessero tingere la margarina da soli.

Arrivando ad oggi, l'etichettatura e la composizione degli alimenti rimane un argomento polarizzante. Gruppi come la federazione dei latticini sostengono che gli standard federali di etichettatura alimentare garantiscono alla gente di comprare ciò che si aspettano da prodotti che presentano nell'etichetta termini come "latte". I difensori dei diritti degli animali che sostengono alternative di origine vegetale si chiedono se gli standard di etichettatura hanno ancora senso. Matt Penzer, un avvocato per la Humane Society degli Stati Uniti, sostiene che alcuni standard sono obsoleti, ma che vengono utilizzati da chi comanda il mercato per respingere la concorrenza ed innovazione.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

24 Apr 2017, 10:13 | Scrivi | Commenti (18) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 18


Tags: burro, etichetta, latte

Commenti

 

Ciao
Ho preso di contattare ms. Chouinard Romaine se avete bisogno di prestito per te ancora una volta. È una signora molto seria, ho ottenuto un prestito di 45.000€ perché la mia banca ha già rifiutare il mio file ed è questa signora che ci hanno dato aiuto. Se siete in bisogno di un pronto contatti it. Ecco la sua e-mail: chouinardromaine@hotmail.com

Dupa12 daniel Commentatore certificato 28.04.17 08:04| 
 |
Rispondi al commento

Se ho ben capito qualche giorno fa è entrato in vigore l'obbligo per legge di indicare su latte e derivati la provenienza; se ho ben capito, però, basta indicare "Italia" e non il comune e la zona specifica di raccolta. Io, dopo i casi riportati dai media di zone italiane inquinate in vari modi, desidererei invece sapere la zona esatta da dove proviene il latte e il suo derivato; prima spesso la zona e il comune erano indicate sia sul latte che sul formaggio e spero che si continui a fare; se non sarà così, nel dubbio della provenienza, "Italia" mi sembra generico, sarò costretto a comportarmi di conseguenza.
Se, invece, quanto ho capito che viene indicato solo Italia è errato e si specifica la zona esatta allora sono contento.

GC 27.04.17 16:05| 
 |
Rispondi al commento

e ' giusto chiamarlo bevanda di soia, di mandorle, di riso età, molti lo usano già , non è latte , quindi obbligate a togliere atte dalle confezioni che mettono la finitura " latte"

giulietta pavanello 26.04.17 13:07| 
 |
Rispondi al commento

buongiorno, vorrei porre una questione riguardo l assistenza agli anziani, proprio in questi giorni ho assistito a una trasmissione che parlava di anziani, perché non proponete al governo, che piuttosto di spendere tanti soldi per assistenza in una casa di riposo, e delle volte sappuamo che i nostri anziani sono anche maltrattati, non diamo la possibilità a chi può rimanere nellapropria cada a una badante pagata dallo stato, costerebbe molto meno che l assistenza nelle case di riposo, e sarebbero trattati meglio nella casa propria, e occuperemo molte persone bisognose di lavorare ,
Mi sembra una idea da proporre, grazie

giulietta pavanello 26.04.17 10:58| 
 |
Rispondi al commento

Ciao


da prestito di due anni, la banca Crédit Mutuel è brio di fare di buona cosa nel nostro paese l'Italia. questa banca è brio di fare di prestito ha tutto i nostri cittadini che sono nella necessità di prestito. Allora io presi di condividervi questo messaggio, la questa azione di questa banca non è riconosciuta il nostro stato. Allora se avete realmente bisogno di prestito, vi chiedo di contattarli su questa mail poiché, hanno già fanno di prestito ha molta persona ed anche.


Ecco la mail: creditmutuelbanquetransfertrap@gmail.com

rolaznde danderas, molise Commentatore certificato 26.04.17 08:40| 
 |
Rispondi al commento

infatti sulle confezioni c'è scritto bevanda di riso, soia, mandorla e non latte

Giordano Di Matteo 25.04.17 23:23| 
 |
Rispondi al commento

BASTA. .RIAPRIAMO LE NOSTRE STALLE E I NOSTRI PASCOLI. .TORNIAMO ALLA NORMALITÀ. .DAREMO ANCHE LAVORO. .E MANGEREMO LATTE GENUINO LATTE VERO 😊😊

ANNA TUZZOLINO, Trino Commentatore certificato 25.04.17 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Probabilmente il numero di vegetariani e vegani fortunatamente sta cominciando a salire in modo esponenziale e questo incomincia a preoccupare gli industriali della carne e dei latticini.

fabrizio M. 25.04.17 12:03| 
 |
Rispondi al commento

si d'accordo ma quando la smettete di tradurre con i piedi o farli tradurre da chi non conosce le principali regole della grammatica e della sintassi ? Fosse una traduzione automatica potrei capire, ma non lo è !

Clark R., Palermo Commentatore certificato 25.04.17 00:34| 
 |
Rispondi al commento

allora chiamiamo la salsiccia " maiale morto salato" e il latte "escreto di ghiandole di bovide"

giovanni 25.04.17 00:11| 
 |
Rispondi al commento

Sul latte di mucca c'è da fare una battaglia alla grande
Per distinguere quello di allevamenti intensivi da quello di mucche al pascolo
Poi che gli ignoranti non intendano i vari succhindi estratti vegetali da quello
Be pace e bene ai soliti cretini

Rosa Anna 24.04.17 22:50| 
 |
Rispondi al commento

Però, secondo me,sarebbe meglio parlare di succo di soia, riso o mandorle, e non di latte.

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 24.04.17 17:37| 
 |
Rispondi al commento

Daccordo sul principio e sul latte di soia, MA il latte di mandorla è un prodotto tradizionale che si è sempre chiamato così e, se fatto come si deve, è buonissimo!

Art Tatum Commentatore certificato 24.04.17 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Dire "latte di soia" e` un trucco per attirare, ad esempio, quei consumatori che non digerendo bene il latte di vacca si illudono che quel prodotto produca gli stessi benefici. Poi ci sono quelli che ritengono dannoso il lattosio e altre idee di questo genere.
E` un sistema per illudere i consumatori tenendoli nell'ignoranza su cio che mangiano.
Dovrebbe essere vietato un uso improprio, illusorio e speculativo del nome di una sostanza ben definita come, ad esempio, il latte.

Italo Pelizzola Commentatore certificato 24.04.17 12:29| 
 |
Rispondi al commento

le industrie multinazionali pur di lucrare su tutto e tutti producono ogni schifezza possibile ed immaginabile, sarebbero capaci di smerciare carne umana con l'etichetta carne di maiale!

Se non si ha contezza o coscienza di quel che ha causato la liberalizzazione in ogni settore è inutile discutere sul nome da attribuire a questo i quel presunto genere alimentare.

Clesippo Geganio 24.04.17 11:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

scusate ma... chi se ne frega di come lo chiamiamo?
perché ci perdiamo in queste sciocchezze?
questa cosa mi fa venire il latte alle ginocchia: si può ancora dire?

Simone Malossi Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 24.04.17 11:19| 
 |
Rispondi al commento

Sono mesi che bevo solo latte di riso, in effetti è vero bisogna etichettare con il nome appropriato ogni prodotto, il così detto latte di riso si potrebbe chiamare ESTRATTO DI RISO o BEVANDA A BASE DI RISO.

Bisogna poi vedere se il riso ci è passato vicino o lontano.

Vincenzo A., Verona Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 24.04.17 11:10| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori