Il Blog delle Stelle
Il nuovo regolamento per i campi Rom a Torino che ripristina la legalità

Il nuovo regolamento per i campi Rom a Torino che ripristina la legalità

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 12

di Chiara Appendino

Quello dei campi nomadi a Torino è un tema che si protrae da diversi anni e che, ad oggi, non ha mai visto una reale soluzione. In Città si stimano circa 1.500 persone appartenenti alle comunità Rom e Sinti che vivono in quelle che – anche recependo una mozione del Consiglio Comunale – sarebbe più opportuno definire “baraccopoli” piuttosto che campi. La situazione di questi luoghi è tristemente nota per i livelli di degrado in cui versano e per le difficoltà di convivenza con i cittadini delle zone limitrofe all’area. In realtà, negli ultimi anni, a subire i danni di quanto avviene nelle baraccopoli sono cittadine e cittadini che risiedono anche a diversi chilometri dalle baraccopoli, e ciò è dovuto all’accensione di roghi, fuochi illegali alimentati con materiale di varia natura che creano fumi tossici, provocando danni ambientali e sanitari.

È evidente che la situazione – per questi ed altri episodi di illegalità – è insostenibile e che, per quanto difficile sia, è necessario mettere in campo tutte le risorse possibili per affrontarla e arrivare quanto prima possibile al definitivo superamento delle baraccopoli Rom.
Si tratta innanzitutto di un obiettivo di civiltà. Per questo motivo gli assessorati e gli uffici del Comune si sono messi al lavoro per realizzare un nuovo regolamento, nel contesto più ampio di un Progetto Speciale. Il regolamento è stato illustrato nelle sue linee salienti ieri sera in Circoscrizione 6 in occasione di un Consiglio aperto. Colgo qui l’occasione per ringraziare la Presidente Carlotta Salerno e tutti i Consiglieri per averci ospitato.
L’evento è stato partecipato, intenso, a tratti teso, ma considero sia stato fondamentale per avere un confronto franco con la cittadinanza e con i suoi rappresentanti. Trovate qui sotto le slide che abbiamo illustrato ieri ma, prima di scorrerle, vi chiedo ancora qualche minuto di pazienza per leggere alcune premesse e risposte a quelle che sono state le domande più frequenti.

Deve essere chiaro un punto: il principio cardine che guida questa prima fase è il ripristino della legalità. Noi non possiamo permettere che in Città esistano aree dove gli abitanti possano affrancarsi non solo dalla legge, ma anche dalle più basilari regole di civiltà che soggiacciono al vivere comune. Per questo motivo il regolamento dà una serie di norme chiare che sarà necessario rispettare per proseguire la permanenza nell’area e avviare progetti di inclusione. Credo sia importante dire che tutto è perfettibile, compreso questo testo, però da qualche parte bisogna iniziare, e bisogna farlo seriamente. Continuare a dire che “tanto non si può fare niente” non ci porterà da nessuna parte, se non a un peggioramento della situazione.

Qui arrivo dunque al secondo principio. Con questo strumento si crea una netta linea di demarcazione tra chi ha intenzione di impegnarsi per integrarsi e far parte della nostra Comunità e chi invece pensa di poter vivere ai margini abdicando alle regole che ognuno di noi rispetta (o dovrebbe rispettare). Infatti, insieme al principio di legalità di cui sopra, ve n’è un altro parallelo che è quello di inclusione. E su questo punto i Servizi Sociali sono alacremente al lavoro da diversi anni per individuare progetti, anche puntuali, che siano sostenibili.

Vi è stata un’obiezione frequente che si può sintetizzare così: "questo regolamento dice cose ovvie, esistono già leggi che prevedono sanzioni per questi comportamenti." Vero, ma stiamo parlando di un passo ulteriore. Qui non si tratta genericamente di sanzionare un comportamento scorretto, bensì di definire attraverso il rispetto di queste regole un perimetro – anche fisico – all’interno del quale si dà la possibilità di permanere. Se non lo rispetti si dispone la revoca del permesso e l’allontanamento dal campo.

Mi spiego con altre parole. Accendere roghi è un reato. Se un cittadino assegnatario di casa popolare accende un rogo verrà giudicato secondo la legge, ma nessuno metterà in discussione il suo diritto ad abitare una casa popolare. Con questo regolamento invece è diverso. Il diritto alla sosta è vincolato al rispetto del regolamento, che in alcuni casi definisce sì quanto è già previsto dalla legge, ma associandovi delle specifiche conseguenze diventa, di fatto, uno strumento in più per intervenire.

Una seconda obiezione pervenuta è la seguente: "che senso ha dare un permesso per stare nei campi Rom se avete dichiarato l’intenzione di superarli?"
Come sempre accade processi di questo tipo, affinché siano sostenibili, richiedono un tempo di applicazione. E ci tengo a specificare il termine sostenibile perché è di fondamentale importanza. A ogni piè sospinto da varie parti si invocano soluzioni drastiche che prevedano l’uso della forza, ma il compito di un Amministratore credo sia anche quello di dire le cose come stanno e che interventi di questo tipo non solo non sono possibili, ma non sarebbero risolutivi in alcun modo perché il problema verrebbe semplicemente spostato e non risolto. Ma torniamo alla domanda. Come detto poco sopra, il regolamento segna una linea di demarcazione. Iniziando a definire chi avrà i requisiti per stare all’interno del campo, automaticamente noi abbiamo anche una base di persone con cui abbiamo una maggiore probabilità di affrontare un processo di inclusione che le porti ad uscire da questa situazione. Ripeto, non è una guerra, è un obiettivo di civiltà.

Rispondo poi a coloro che chiedono, giustamente: "il regolamento valga solo per i campi autorizzati o anche per gli altri?"
Dunque, il regolamento vale per tutti i campi autorizzati. Tuttavia la sua applicazione puntuale può giovare alla situazione complessiva dei campi, autorizzati e non, la cui complessa gestione è da affrontare con la massima collaborazione ed il supporto di tutte le Istituzioni

Infine – sulla stessa falsariga – un regolamento per essere credibile deve essere fatto rispettare. Per farlo è necessario che la Città e la Prefettura collaborino nel miglior modo possibile. In questi giorni abbiamo avuto diversi confronti con il Prefetto di Torino, Renato Saccone – a cui va il nostro più profondo ringraziamento – che ci ha dato tutta la sua disponibilità e il suo sostegno per perseguire l’obiettivo del superamento delle baraccopoli..

Ora il testo del regolamento dovrà attraversare i normali passaggi istituzionali per l’approvazione, dopodiché verrà divulgato integralmente. Quello che abbiamo voluto fare ieri è illustrare i punti salienti, spiegare quali sono i principi che hanno guidato la stesura e in ultimo, ma non per importanza, far vedere che ci siamo, che questo è un tema che consideriamo prioritario e che, nel bene e nel male, continueremo a presentarci davanti alle cittadine e ai cittadini per dire in maniera chiara le cose come stanno. A volte le risposte piaceranno, altre volte no, ma è il nostro compito e ci assumiamo tutta la responsabilità delle nostre scelte.

Forse per molti avrà poco valore, ma essere presente ieri insieme a gran parte della Giunta credo sia stato un segnale importante. Per questo motivo voglio ringraziare l’assessora al Welfare, Sonia Schellino, l’assessore con deleghe alla Sicurezza, Roberto Finardi, l’assessore all’Ambiente, Alberto Unia, l’assessore alle Pari Opportunità, Marco Alessandro Giusta, l’assessora ai Servizi Educativi, Federica Patti e l’assessora all’Innovazione, Paola Pisano.
Oltre a loro voglio ringraziare tutti gli Uffici che hanno lavorato e stanno lavorando intensamente su questo progetto, in particolare gli uffici dei Servizi Sociali e della Polizia Municipale.
Un ringraziamento particolare a tutte le Autorità e le Istituzioni che stanno collaborando e che hanno dato la loro disponibilità.

Infine un ringraziamento a tutte le cittadine e i cittadini, ai Comitati e alle Associazioni che da anni si occupano di questo problema e che ieri hanno partecipato e presentato anche diverse proposte. Proposte che ascolteremo e che valuteremo attentamente al fine di trovare soluzioni che siano in linea anche con le esigenze dei residenti.

Grazie a tutte e a tutti.
L’appuntamento è per il prossimo autunno.

I5S2017_460X230.png



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

27 Lug 2017, 09:31 | Scrivi | Commenti (12) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 12


Tags: campi rom, Chiara Appendino, inclusione, legalità, MoVimento 5 Stelle, regolamento campi rom, rom, Torino

Commenti

 

Per fortuna ci sono i 5 stelle ,forza cittadini svegliatevi !!

elena guerini, bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 28.07.17 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Cari Amici,
Grazie per quello che state facendo.
Attenzione ai nuovi arrivi!
Cercate di censire strettamente tutti gli abitanti Rom attuali, e controllare continuamente che, con la sistemazione di questi non ne arrivino altri da ogni parte, i quali non vanno accettati assolutamente, con regole severe, altrimenti siamo da capo. Ciao a tutti.
G.Balzi 27 07 2017

Giovanni Balzi , Torino Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 27.07.17 19:47| 
 |
Rispondi al commento

Bene brava ! Un PASSO alla volta IMPERTERRITI e SOTTO CONTROLLO CONTINUO per ottenere risultati SERI, deve finire questo lasciar fare e ricordarsene soltanto per PROPAGANDA ELETTORALE....chi verrà dopo dovrà avere L' UMILTA' di continuare il PROGETTO DI CHI E' STATO PIU' INTELLIGENTE non disfare tutto solo perchè è UN'IDEA DEL M5STELLE.

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 27.07.17 15:53| 
 |
Rispondi al commento

Ottimo Chiara. Forza!

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 27.07.17 14:58| 
 |
Rispondi al commento

Parole e regolamento semplici e chiari.

Due suggerimenti:

-nei campi rom devono poter accedere tutti senza alcun problema di sicurezza come si fa nelle vie cittadine;

-deve essere certo qual'è l'organismo responsabile della sicurezza e di verifica del rispetto del regolamento dei campi;

-i dirigenti ed il personale che devono verificare il rispetto del regolamento, devono assumersi la responsabilità (di fronte ai cittadini anche con pagamento di multe) e non giustificarsi con le solite scuse: carenza di personale, mancanza di risorse o scaricare la responsabilità su altri enti, altrimenti lasciate perdere e impegnatevi per una migliore causa.

Il vostro lavoro non deve ricadere nell'errore delle solite belle parole, parole, parole... senza fatti.

Grazie del vostro impegno, Beppe B.

giuseppe belotti, ranica -bg- Commentatore certificato 27.07.17 14:31| 
 |
Rispondi al commento

Ecco, basta multe. Iniziamo con le azioni legittime!
Se uno pensa di fare ciò che vuole, e lo stato costringe chi lavora onestamente a sostenere i "bisogni" di chi ama oziare senza fare un cazzo, e delinquere a suo piacere, vivendo da parassita, si interviene espropriandolo di ogni diritto, visto che dei doveri se ne frega ampiamente.
Fatti concreti, azioni contro chi approfitta della collettività per ottenere vantaggi non dovuti. Non multe che i soliti parassiti non pagheranno mai e che si trasformano in ulteriore costo tra carta, raccomandate e movimento di agenti di polizia, carabinieri e polizia municipale che spendono benzina e mezzi, per andare a notificare ai soliti noti verbali che non pagheranno mai.
Se vuoi stare in Italia, per avere una casa Popolare devi possedere requisiti che dimostrano la tua integrazione, e i necessari anni di contributi fiscali versati allo stato italiano, altrimenti ti paghi un affitto e se non puoi farlo te ne torni al tuo Paese e ti fai aiutare dal tuo governo.
Se sei Nomade, passi, prendi l'acqua e te ne vai!
Se hai i requisiti accedi ai sussidi, rispetti le leggi e ti cerchi un lavoro, Altrimenti Raus!
Se danneggi la comunità in cui vivi producendo: sporco, inquinamento, furti, rapine, minacce contro i cittadini e soprattutto contro i più deboli, truffe, raggiri, allora dopo aver pagato i danni, a costo di farti fare i lavori forzati, te ne vai fuori dai coglioni con le buone o con le cattive, seguito da tutti i delinquenti che dietro la copertura delle cooperative sociali ti proteggono, scaricando i costi sui redditi dei cittadini italiani che faticano ad arrivare a fine mese!!!
Fine dello stato parassita!!!

Sebastiano Rachele, Brescia Commentatore certificato 27.07.17 13:33| 
 |
Rispondi al commento

quindi in questo periodo avete lavorato sodo evitanto il solito bla bla ...e pure "le soluzioni facili" ...certo vi hanno accusato di abbandono ..gli esperti ..ma è lo scotto da pagare per fare cose di buon senso bene buon lavoro

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 27.07.17 13:04| 
 |
Rispondi al commento

Grazie per quanto state facendo a Torino.
Certamente è un primo passo importante,ma solo un primo passo.
Si tratta di mettere dei "paletti" ad una convivenza mai cercata dalle altre forze politiche.
Chissà perchè????
Sono sicuro che ci riuscirete coinvolgendo la cittadinanza.
Grazie di nuovo per il grande e civile lavoro che state facendo.

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 27.07.17 11:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

piccole notazioni:
- chi è senza titolo di permanenza in Italia può entrare nei campi (!!)
- l'affitto di 50€ per nucleo è estremamente basso confrontato ai prezzi piazzole sosta caravan/tende attuali (sarebbe meglio un prezzo meno simbolico anche considerando i disagi e danni che provocano a tutti... e niente cauzione per eventuali problemi di bollette/multe/inadempienze??? sempre tutto gratis??)
- impedire l'accesso ai campi è semplicemente impossibile (o costosissimo) senza almeno prevedere l'obbligatorietà di un sistema di telecamere (ma attenti che ve le rubano/rompono)
- secondo voi l'accattonaggio dei quindicenni non è motivo di allontanamento??? sul serio??

e se, come tutti si aspettano, non verrà rispettato il regolamento e si rivolgeranno al tribunale per evitare l'allontanamento?

Attendo non troppo fiducioso la teorica cacciata (comunque si sposteranno in un comune limitrofo) ma devo comunque ammettere che la strada scelta è quella migliore possibile visto che il comune non ha altri modi per risolvere un problema che è di vergognose norme nazionali.

p.s. cercate di non spenderci sopra soldi perché sarebbe uno spreco inutile.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 27.07.17 10:28| 
 |
Rispondi al commento

BASTA ESSERE UN SINDACO DEL M5S X FARE LE COSE GIUSTE X I PROPRI CITTADINI!!!

LUCIA MARINO 27.07.17 10:28| 
 |
Rispondi al commento

Come si dice "a parlar chiaro si va"
avanti tutta

sergio gilioli 27.07.17 10:25| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori