Il Blog delle Stelle
Il Reddito di Cittadinanza in Alaska raccontato da Mark Zuckerberg

Il Reddito di Cittadinanza in Alaska raccontato da Mark Zuckerberg

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 31



di MoVimento 5 Stelle

Due delle menti più brillanti dei nostri giorni, Mark Zuckerberg e Elon Musk, parlano continuamente della necessità dell'istituzione di un Reddito di Cittadinanza Universale. I motivi sono tanti, e sono validi. E' necessario sperimentare forme di Reddito di Cittadinanza per aiutare i cittadini che non ce la fanno e per immaginare un nuovo mondo. Il MoVimento 5 Stelle lo ha fatto in alcune delle città che governa (come Livorno e Pomezia) e ha presentato una legge in Parlamento per applicare il Reddito di Cittadinanza su tutto il territorio nazionale, perchè nessuno deve rimanere indietro. Di seguito un breve post di Mark Zuckerberg che racconta la sperimentazione del Reddito di Cittadinanza in Alaska. Buona lettura.

di Mark Zuckerberg

Io e Priscilla abbiamo trascorso il weekend a Homer, in Alaska, come parte della nostra sfida “Un anno in viaggio”. È un posto molto bello.

Una cosa che ci è saltata all’occhio è quanto siano diversi i programmi di sicurezza sociale, qua, in Alaska. Una diversità che fornisce alcune buone lezioni che potremmo applicare al resto del nostro paese.

L'Alaska ha una forma di reddito di base denominato “Permanent Fund Dividend”. Ogni anno, una parte delle entrate derivanti dal petrolio statale è messa in un fondo. Il governo piuttosto che spendere quel denaro, lo restituisce ai residenti dell'Alaska attraverso un dividendo annuale che normalmente è di $ 1000 o più a persona. Questo può essere particolarmente utile se la tua famiglia è composta da cinque o sei persone.

Questo, per certi versi, è un nuovo approccio al concetto di reddito di base. In primo luogo, è finanziato da risorse naturali piuttosto che tramite un aumento delle tasse. In secondo luogo, deriva da principi conservatori di un governo locale, piuttosto che da principi progressisti che mirano a costruire programmi di sicurezza sociale su larga scala. Il fatto che questa idea venga da un governo conservatore, dimostra che il reddito base è un'idea bipartisan.

Vedendo come l’Alaska ha organizzato il reddito di base mi ha ricordato una lezione che ho imparato velocemente ai tempi di Facebook: certi tipi di organizzazioni pensano in maniera profondamente diversa a seconda che producano reddito o che abbiano debiti. Quando stai perdendo soldi, ti concentri principalmente sulla tua sopravvivenza. Ma quando produci reddito, hai fiducia nel futuro e cerchi opportunità per investire e per crescere ulteriormente. L'economia dell'Alaska ha storicamente creato questa mentalità vincente, che ha portato alla creazione del reddito di base. Questa può essere una lezione anche per il resto del paese.

Un altro esempio di reddito di base in Alaska
sono le corporazioni dei nativi americani. Abbiamo cenato con alcuni nativi dell'Alaska, a Anchorage, e ci hanno spiegato come il loro sistema sia diverso dalle riserve dei nativi americani negli altri 48 stati. In Alaska, la terra dei nativi è di proprietà e sviluppata da società private, gestite e detenute dalle popolazioni native del luogo. Queste società pagano anche dividendi annuali ai loro azionisti, che sono in gran parte nativi, basandosi sulle risorse che sviluppano. Quindi, se sei un nativo dell'Alaska avrai due dividendi: uno dalla tua “Native Corporation” e uno dal “Permanent Fund Dividend”.

L’Alaska ha altri programmi sociali innovativi, ad esempio il modo in cui sostengono la pesca di sussistenza. Ogni anno, lo stato rilascia salmoni sia nei fiumi che nelle baie. Il salmone prima nuota verso l'oceano per cibarsi, cresce e poi risale il fiume, assicurando agli abitanti del luogo la possibilità di poter catturare e sostenere le loro famiglie grazie a questo pesce. Siamo andati con un gruppo di gente del posto per guardarli pescare i salmoni con una rete da pesca, e ognuno di loro ha preso sei salmoni a testa in circa un'ora. Una quantità che sarà più che sufficiente per nutrire le loro famiglie per almeno un paio di settimane.

Quando si pensa al modo in cui, in Alaska, sostengono la pesca di sussistenza come un programma di rete di sicurezza sociale, si possono notare alcune interessanti caratteristiche. Primo, un problema comune dei programmi di sicurezza sociale è la stigmatizzazione che produce il partecipare a certi programmi. Al contrario, in Alaska tutti coloro che abbiamo incontrato sono orgogliosi di fare parte di questi progetti - sia per il mantenimento del patrimonio culturale del luogo e sia per la realizzazione personale che si ottiene nell’imparare a catturare e preparare il proprio salmone. Secondo, i programmi di sicurezza sociale più efficaci creano un incentivo o una necessità di lavorare piuttosto che ritirare solamente dei soldi mensilmente. Sostenere la pesca di sussistenza implica supportare l’idea che si debba lavorare per ottenere quello che si vuole. Infatti in Alaska se vuoi i pesci devi pescarli e poi prepararli, questo ti assicura che impegnandoti avrai il cibo che ti occorre per vivere.

Questi sono solo alcuni esempi che ci hanno fatto vedere come i programmi sociali dell'Alaska potrebbero ispirare miglioramenti in tutto il paese. C'è molto più di questo in Alaska e forse pubblicherò un post al riguardo più tardi. Vi consiglio di venire qui in estate se ne avete la possibilità. È un posto meraviglioso e vedere il sole ancora in cielo alle 23:00 è una bella esperienza.



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

9 Lug 2017, 15:08 | Scrivi | Commenti (31) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 31


Tags: alaska, elon musk, m5s, reddito di cittdinanza, zuckerberg

Commenti

 

Premesso che Zuckerberg è nella mia lista dei nemici, le cose che scrive in questo post mi farebbero ridere se non avessi voglia di piangere.

Io sono per un reddito universale di cittadinanza (poi chiamatelo come vi pare, chi se ne frega), che non ha a che vedere con le amenità del miliardario Zuckerberg, il quale, come è noto, ha fatto i soldi allevando polli in batteria: ad ogni pollo ha dato un accesso a FB, e quelli smettono di vivere per fare arricchire lui. Questo si colloca a metà strada tra il cinismo e la furbata contadinesca, altro che "mente superiore".

I numeri contano. Le parole, invece, ingannano.
Se mi dai un reddito di 1000 $ all'anno, allora bastava l'imbonitore di Rignano sull'Arno, coi suoi 80 €.

Stiamo parlando di cifre ridicole.
Chiunque può riempirsi la bocca di socialità e poi offrire il nulla.

Ogni reddito di base che non consenta di vivere in una casa anziché sotto i ponti...
che non consenta una valida alternativa al pasto consumato alla Caritas...
che, in pratica, non consenta una vita dignitosa,
è solo una presa per i fondelli.

Gian Paolo ♞ 12.07.17 17:39| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è le offerte di Lady Josina gomez di prestito diversi per vostri progetti prima fino a 100.000 euro con un tasso del 2% di contattare il servizio prestitobancario2017@gmail.com

gatuso dinatale Commentatore certificato 11.07.17 22:42| 
 |
Rispondi al commento

prestitobancario2017@gmail.com
Ciao
Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è che la signora Josina gomez offerte di prestito diversi per i vostri progetti prima fino a 70.000 euro con un tasso del 2%
-Viaggi e project financing per studi all'estero
-costruzione sfondo imprese e gli investimenti in vari commercio e costruzione progetto e altro
-Acquisto di affitto casa e appartamento
-Acquisto di auto e prestito per la salute e l'educazione dei vostri figli
-pronto soccorso per chiunque in pericolo
-settore agricolo e mondo degli affari
-finanziamento del progetto milioni
Contattare il nostro servizio e-mail prestitobancario2017@gmail.com

antonella25 marhez Commentatore certificato 11.07.17 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Bravi, queste sono le posizioni che una volta che decido di fidarmi del m5s mi ritrovo a rimangiarmi tutto: infatti se quello che dite é vero ciò avviene con l'estrazione del petrolio: non siete voi, m5s, che non volete le trivellazioni nel mar Adriatico?Come volevasi dimostrare il reddito di cittadinanza può venire solo dall'abbondanza di un paese deciso a sfruttare giustamente le risorse territoriali, cosa che voi, con la vostra retorica ambientalista, bloccate. E poi chi vi trovate a lodare? L'Alaska che vive di petrolio: senza parole.

Franco 11.07.17 09:28| 
 |
Rispondi al commento

Max Stirner, non hai capito nulla. quella di cui parli tu (la redistribuzione che fanno in alaska) è un'altra idea ancora. mi sa che sei poco informato su tutte le varianti proposte, esistenti e sperimentate in passato, su questo tema.

frigo rifero 10.07.17 17:43| 
 |
Rispondi al commento

mente brillante Mark Zuckerberg? No!!! Per favore non scivolate anche voi sulla fittizia intelligenza e cultura, questo tizio come S. Jobs sono dei furbi che utilizzano la tecnologia realizzata da altri per fare unicamente business speculando sull'ignoranza del 99% della popolazione.
Per favore non confondete la furbizia con l'intelligenza, perchè attribuireste al termine furbizia un significato positivo, altro non è che il termine esatto per definire qualcuno che fotte il prossimo.

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 10.07.17 09:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Zuckemberg, con ogni probabilità, si candiderà alle prossime elezioni presidenziali USA. Di fatto già sta facendo campagna elettorale.
Non c'è da fidarsi di quello che dice. Se lo fanno presidente è più probabile que in Alaska perdano il reddito di cittadinanza a che lo introducano nel resto degli USA.
La storia recente insegna che i ricconi al potere sempre favoriscono le elites, mai la popolazione.

Jorge C. Commentatore certificato 10.07.17 09:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PERCHE NON LA TERZA GUERRA MONDIALE DEL 99% DEI CITTADINI CONTRO L'1% CHE DETIENE IL 99% DELLA RICCHEZZA ???
E' PRESTO ???

Franco Della Rosa 10.07.17 08:09| 
 |
Rispondi al commento

Solo per Max:

http://goofynomics.blogspot.com/2015/06/il-reddito-della-gleba.html

Non si puo' pensare in termini marxiani e sostenere il reddito di cittadinanza in quanto esso e' funzione di distribuzione dei proventi in favore del capitale .

I paperoni USA vogliono il reddito di cittadinanza universale (con i soldi pubblici pero' , perche' le loro aziende di tasse ne pagano meno che possono ) perche' cosi' hanno ha disposizione un mercato di consumatori garantito.

Naturalmente anche io penso che il marxismo sia un errore e per questo tifo per il reddito di cittadinanza dei paperoni USA .


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 10.07.17 02:41| 
 |
Rispondi al commento

Tutti gli stati hanno un reddito ma l'italia ha un debito paghiamo troppe tasse e non avanza niente sperperano i soldi sulle banche sugli emigranti e per sostenere l'europa per queste spese i soldi ci sono in abbondanza ma per un reddito per i cittadini bisognosi non ci sono ...

salvatore umana 09.07.17 23:12| 
 |
Rispondi al commento

Per i coglioni che imperversano:

file:///G:/blog/DISEGNO%20DI%20LEGGE%20REDDITO%20DI%20CITTADINANZA.pdf
...s0' 49 paggine...leggete ,leggete,e poi aprite la fogna!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 09.07.17 21:01| 
 |
Rispondi al commento

PARE CHE IL BLOG SIA PIENO DI RIMBAMBITI! DATEGLI NULLA! ANZI DATE LORO LA DOLCE MORTE

iL REDDITO... Sì, MA...

"il reddito universale di cui parlano musk e zuckerberg non è quello che proponete voi."

Già, infati se parliamo di bistecche, neppure la bistecca che mangio io è quella che mangi o mangeresti tu.


"In Alaska è reddito di cittadinanza quello del M5S è reddito minimo garantito calcolato sui componenti del nucleo familiare e legato al lavoro. Sono due cose ben diverse."

AZZ...! Ci era sfuggito! Se non ce lo ricordavi tu, ci saremmo convinti di essere in alaska, soprattutto in questi giorni. L'IDEA! SI PARLA DI UNA IDEA CHE PUO' AVERE MOLTE SFACCETTATURA, MA E' UNA IDEA SIMILE NELLA ESSENZA!


"Il mio 5 stelle é incredibilmente contro lo ius soli- Stiamo incominciando a pagare troppo salatamente la scomparsa di Casaleggio- E' vero allora che si nasce rivoluzionari e si muore reazionari- Peccato, ero sicuro che avremmo fatto eccezione!"

Tu intanto preoccupati di morire, poi ti diremo noi se sarai morto da rivoluzionario o da reazionario. La cosa più importante, però, e che devi morire!

UNA IDEA!
L'idea è che nascere cittadini di uno Stato (quello italiano), significa esserne "AZIONISTI" fin dalla nascita e lo si resta fino alla morte.
Questo non significa che vorremmo uno stato/azienda! Significa solo che come una società per azioni distribuisce utili tramite dei dividendi (se vi sono), ad un cittadino italiano si vorrebbero distribuire dei "dividendi" rendendo tutti molto interessati a che l'"azienda" Italia funzioni bene e che questi "dividendi" non vengano arraffati dai soliti "amministratori"

DI QUESTO SI DISCUTE!


@ ROBBE DA MATTI! MOH TE LE PAGO IO E FAMO A META'; E' UN AFFARE!


Ad una disoccupata che non ha neanche la possibilità di pagare le tasse di successione sulla eredità del defunto marito, a reddito ZERO ed invalida,,,, pare che non toccherà neanche il
:::::::::::::: REDDITO di INCLUSIONE:::::::::
di cosa e dove;
me lo spiegheranno!

Graziella Tartaglia 09.07.17 16:03

Max Stirner Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 09.07.17 18:43| 
 |
Rispondi al commento

chiariamo una volta per tutte che il reddito universale di cui parlano musk e zuckerberg non è quello che proponete voi.

il vostro è un sussidio di disoccupazione con obblighi a formazione e lavoro, quello che propongono loro è universale per tutti, senza obblighi.

frigo rifero 09.07.17 18:21| 
 |
Rispondi al commento

OT? Sondaggio IPSOS su Basic Income

IPSOS PUBLIC PERSPECTIVES

pdf http://bit.ly/2rAPu45

id &as Commentatore certificato 09.07.17 16:58| 
 |
Rispondi al commento

Faccio un esempio nel mio ramo: si cercano molti cablatori elettrici ma non si trovano. C'è una nevrosi e una disorganizzazione nel mondo del lavoro spaventosa. Le aziende vogliono persone esperte, le scuole insegnano metodi di lavoro che poi a conti fatti non servono alle aziende stesse. Non c'è più un "garzone"in giro per imparare il mestiere a pagarlo oro. Non c'è collegamento tra mondo del lavoro e formazione. I corsi fatti con fondi Europei, a parte qualche piccola realtà, vengono fatti a random, quindi sprecati.
In iTalia la pianificazione del lavoro è scarsa, ti dicono arrangiati in tutto e per tutto, l'importante è che quando passiamo ci garantisci l'obolo.

Marco Sale 09.07.17 16:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Anche in Libia c'era un Reddito di Base impostato sulla suddivisione degli utili della vendita del perolio, poi la "libera informazione" nostrana si è messa a gridare che Gheddafi "stuprava bambini" (a 70 anni?), che costringeva il suo Popolo a pene incredibili e bisogava andare a salvare il popolo libico. Come? Bombardandolo!!

Soluzione ineccepibile, per chi capisce niente.

Purtroppo sostenuta dalla nostrana "libera informazione" che si erge quotidianamente come "Maestro di Pensiero".

Sorge spontanea una domanda: chi l'ha pagata?

giorgio peruffo Commentatore certificato 09.07.17 16:36| 
 |
Rispondi al commento

Nel testo del reddito di cittadinanza del M5S (in realtà è un reddito minimo garantito calcolato in base ai componenti del nucleo familiare e legato al lavoro) si parla in effetti, che in futuro la soluzione ottima sarà l'introduzione di un reddito di cittadinanza garantito a tutti indipendentemente dalla propria situazione economica e patrimoniale in modo da slegare il reddito dal lavoro. Beppe Grillo puoi aiutarmi circa la mia proposta di legge arrivata seconda alla sesta votazione di Lex Iscritti? Sono passati oltre 4 mesi ma conosco solo il nome del tutor e non ho saputo più nulla. Grazie.

Lucas Fusaro, Rende (CS) Commentatore certificato 09.07.17 16:33| 
 |
Rispondi al commento

mi dite come fare per comunicare con i vertici ci sto provando da diverso tempo con risultati scadenti se questo e lA PROSTETTIVA DEI 5 STELLE STIAMO FRESCHI VOGLIO AVERE UN CONTATTO CON BEPPE GRILLO FATEMI SAPERE COME FARE PER ME R IMPORTANTE GRAZIE

Alfredo Picciafoco, NAPOLI Commentatore certificato 09.07.17 16:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un piccolo Stato petrolifero come l'Alaska se lo può permettere, almeno finché Trump non ne viene a conoscenza. Noi contentiamoci- e sarebbe un enorme successo- di applicare il reddito di cittadinanza in Italia. Quello universale al momento è' una chimera perché mette in discussione uno dei pilastri del sistema capitalistico che si basa sulla distinzione tra ricchi e poveri . Nella convinzione ideologica che i poveri sono funzionali ai ricchi. È' sulla disuguaglianza che si fonda l'ideologia capitalistica; coniugata con la cultura religiosa di tipo puritano degli USA porta a credere che la povertà sia una colpa è come tale da espiare.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 09.07.17 16:25| 
 |
Rispondi al commento

In Alaska è reddito di cittadinanza quello del M5S è reddito minimo garantito calcolato sui componenti del nucleo familiare e legato al lavoro. Sono due cose ben diverse.

Lucas Fusaro, Rende (CS) Commentatore certificato 09.07.17 16:24| 
 |
Rispondi al commento

Ad una disoccupata che non ha neanche la possibilità di pagare le tasse di successione sulla eredità del defunto marito, a reddito ZERO ed invalida,,,, pare che non toccherà neanche il
:::::::::::::: REDDITO di INCLUSIONE:::::::::
di cosa e dove;
me lo spiegheranno!

Graziella Tartaglia 09.07.17 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Il mio 5 stelle é incredibilmente contro lo ius soli- Stiamo incominciando a pagare troppo salatamente la scomparsa di Casaleggio- E' vero allora che si nasce rivoluzionari e si muore reazionari- Peccato, ero sicuro che avremmo fatto eccezione!

antonio abbagnano 09.07.17 15:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori