Il Blog delle Stelle
Il Reddito di cittadinanza soluzione alla povertà

Il Reddito di cittadinanza soluzione alla povertà

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 21

di Nunzia Catalfo

Attualmente in Italia 17 milioni di persone sono a rischio di povertà, 8 milioni sono le persone povere, 4 milioni e mezzo sono le persone in povertà assoluta, 1 milione 250 mila bambini sono in povertà assoluta. Non si può più attendere. Troppe persone in Italia non vivono una vita dignitosa. C'è una soluzione a tutto questo. È il reddito di cittadinanza. Vi aspettiamo il 20 maggio a Perugia per combattere questa battaglia per la dignità in Italia.

Banner_marcia_460x230.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

10 Mag 2017, 09:26 | Scrivi | Commenti (21) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 21


Tags: 20 maggio, catalfo, m5s, perugia, reddito di cittadinanza

Commenti

 

il reddito di cittadinanza non e una soluzione anche perche i fondi non sono sufficenti, e poi e difficile controllare chi ne ha diritto e chi no basta guardare le varie trasmissioni televisive su i falsi invalidi. E poi il primo articolo della costituzione dice L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

ANTONIO GEREMIA, anzio Commentatore certificato 12.05.17 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Il reddito di cittadinanza , benchè necessario, è comunque insufficiente a far ripartire l'economia.
Sarebbe doveroso far ripartire la crescita demografica per un obiettivo a lungo raggio. Come è stato fatto in Francia, introduciamo il reddito di maternità. Lo Stato darebbe 1 anno di stipendio che avrebbe avuto qualsiasi lavoratrice, sia pubblica che privata con contratto indeterminato, nel caso volesse astenersi dal lavoro per crescere il figlio. Questo farebbe sì che le donne non siano più emarginate, andrebbe introdotto il divieto di licenziamento per almeno 3 anni, altrimenti il datore di lavoro dovrà rifondere lo Stato. Nell'anno di assenza, il datore di lavoro dovrebbe assumere a tempo determinato un sostituto che, magari, sarà mantenuto anche dopo perchè potrebbero migliorare le condizioni economiche dell'azienda; se no, avrà acquisito comunque delle competenze. Dopo 1 anno, ci sarà bisogno di: baby -sitter, asili nido, ed a catena, insegnanti, attività sportive, ecc. Ecco lì che si è smosso qualcosa. Consideriamo sull'intera popolazione quant'è la % di donne fertili, e che per 3 mesi, i costi della maternità sono coperti dall'INPS o da altre forme di previdenza, la cosa è più che fattibile.

Paola S. 12.05.17 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Il reddito di cittadinanza è una balla colossale funzionale alla massa di ignoranti che non conoscono
il funzionamento micro e macro economico se si vuole salvare l'Italia bisogna puntare sul lavoro ,sullo sviluppo turistico, sviluppo agricolo, ricostruire le città ,eliminare gli sprechi e sopratutto insegnare a ragionare con metodo scientifico e cioe prima di aprire bocca su qualsiasi argomento ,studiare e non fare come fà gigino o ripetente!

PIETRO B., CARINI Commentatore certificato 12.05.17 09:44| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è la signora Josina gomez offerte di prestito diversi per i vostri progetti prima fino a 60.000 euro con un tasso del 2% per il vostro viaggio e di project financing studi per le imprese di costruzione d'oltremare e fondo di investimento in commercio vari di progetto e costruzione e altre l'acquisto di auto a noleggio a casa e Appartamento acquisto e pronto per la salute e l'educazione dei vostri figli pronto sollievo per chiunque nel settore agricolo pericolo e affari milioni project financing
Contattare il servizio di posta elettronica prestitobancario2017@gmail.com

gracia maltida Commentatore certificato 11.05.17 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Gentilissima Senatrice,del programma 5S condivido molti punti.
Sul cd."reddito di cittadinanza" però ho molte perplessità,assistenza e PREVIDENZA sono argomenti "diversamente complessi"la commistione moltiplica le aberrazioni,francamente m'appare dannosa utopia.
QVanto poi al punto sui cosiddetti referendum SENZA QVORUM penso che "SENZA MAGGIORANZE" tali strumenti siano del tutto insignificanti.
QVANDO,nelle democrazie rappresentative si chiama il Popolo Sovrano a decisione in VECE dei delegati a tale compito a maggior ragione serve PARTECIPAZIONE a MAGGIORITA' e ben Ne erano consapevoli i padri Costituenti che lo codificarono in modo UNIVOCO con l'art.75...altre cose sono le consultazioni di parti di Popolo quale che ne sia la tecnica e/o la tecnologia.

Con molti saluti e cordialità a Voi ed Tutti i Frequentatori del sito dalla Romagna.

enzo bargellini, Santarcangelo di Romagna Commentatore certificato 11.05.17 09:53| 
 |
Rispondi al commento

Quello del reddito di cittadinanza è indubbiamente un proponimento encomiabile, ma dubito si possa attuare nella realtà. I fondi statali sono insufficienti, anche perchè i nostri "cari" governi in carica arraffano tutto quello che possono, qualunque nuova entrata passa nelle loro grinfie quindi è praticamente impossibile stabilire un serio piano di welfare. E comunque per rilanciare questo paese, oltre a una politica seria, servirebbe anche un cambio radicale di mentalità a livello popolare, servirebbe sviluppare una cultura del lavoro, dell' innovazione e dell' impresa che attualmente manca. Psicologicamente l' Italia è un paese assistenzialista e fatalista, ha perso negli anni la sua proverbiale arte di arrangiarsi trasformandosi in un ibrido senza energie, senza nuove idee, senza spinta propulsiva. Io direi che sarebbe ora di rinfrescare un pò l' aria stantìa e di darsi una bella scossettina. In primis cacciando chi tiene il nostro Paese sotto sequestro! In una morsa di inagibilità con conseguenze letali per il futuro dell' Italia.
Maria Grazia. Sito web: http://commenticensurati.altervista.org/

la pecora nera 10.05.17 23:56| 
 |
Rispondi al commento

Ho già fatto questa osservazione una volta, il tempo di voto è troppo breve. Se uno sta lavorando e non esce prima delle 19:00 non può esprimere le sue preferenze. io mentre lavoro non navigo sul blog e non leggo la mail e quindi spesso rimango escluso.

IVANO MARIOLINI 10.05.17 19:38| 
 |
Rispondi al commento

Il reddito di cittadinanza è la fondamentale "medicina" di una precisa patologia: la mancanza di LAVORO.
La soluzione della patologia è il LAVORO.
Bisogna farsi guidare dagli artt. 41, 42 e 43 della Costituzione, altrimenti sopravviene la distruzione della DEMOCRAZIA costituzionale.
Programma prossima legislatura:
1) legge elettorale proporzionale senza sbarramenti in basso e senza premi di maggioranza; questo è il baluardo contro la dittatura delle multinazionali.
La governabilità è sempre garantita dal Governo in applicazione delle leggi vigenti, scegliendo tra esse secondo l'indirizzo prescelto.
Il Parlamento è deputato allo scontro delle idee che agitano la società; quando un'IDEA si società prevale allora il Parlamento legifera.
2) LAVORO, LAVORO, LAVORO.
PREVIO pagamento del debito; se non si comprende il perché è vano spiegarlo al popolo di Rapa Nui.

Ezio D'Alessandro, Avezzano Commentatore certificato 10.05.17 18:19| 
 |
Rispondi al commento

Per far ripartire l'Italia:
-condizione necessaria ma non sufficiente: uscire da Euro(pa) e WTO (non dalla NATO che non ha effetti economici diretti)

-oltre alla precedente: disintermediazione di TUTTA la P.A. con ri-aggregazione funzionale a base di informatica e robotica

-a questo punto reddito di cittadinanza basato sul reddito e non sull'ISEE per motivi di macro-economia.

A questo punto i soldi ci sono .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 10.05.17 14:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Diretta testimonianza offerta prestito privatamente
Molto soddisfatti con l'elaborazione della mia domanda per un prestito di 35.000euro con un basso tasso del 2%.
Raccomando a chi vuole un prestito in gravi condizioni per l'acquisizione di prestitobancario2017@gmail.com la signora Josina. Una seria concorrenza e velocità. Da non perdere non, ma molto sincera gratitudine sul seguito dato al mio account fino al rilascio dei fondi. L'hafatto a tempo di record. Questo messaggio è per voi e va al posto di qualsiasi richiedenti credito al fine di risolvere tutte le vostre preoccupazioni finanziarie.
Come il direttore del fondo la banca BNP Paris Francia prestitobancario2017@gmail.com

martha bunici Commentatore certificato 10.05.17 14:02| 
 |
Rispondi al commento

Sono d'accordissimo da sempre sul reddito di cittadinanza ma ci vogliono mal contati circa 100 miliardi l'anno se non si vogliono fare preferenze e lasciare qualcuno indietro.
Prima è necessario trovare le coperture e possono arrivare solo da due fronti.
la prima è il rilancio dell'economia tramite una forte riduzione fiscale.
La seconda è tagliare la spesa pubblica che inevitabilmente passa per licenziamenti di persone assunte per favoritismi vari.

Solo dopo ciò si può attivare il RDC altrimenti il paese va allo sfascio in pochi mesi.

Il Condottiero (fu il guerriero) Commentatore certificato 10.05.17 11:51| 
 |
Rispondi al commento

Ci hanno regalato la crisi ed è la più grossa truffa che potevano farci, perché ci hanno tolto la serenità, i sogni, la voglia di agire, il piacere di lavorare, il piacere di vivere. Oggi si sta sopravvivendo, si tira a campare e si spera che succeda qualcosa che cambi la situazione.
Meritano la galera. (Dario Fo)

In Italia sembra proprio che i problemi non si vogliano mai risolvere!!
Basta con le chiacchiere inutili: Movimento5S...muoversi! muoversi!
Dalle "politiche" del 2013 sotto passati 4 anni...l'Italia è ferma e gli
Italiani sempre più alla fame!
-Al Voto Subito !!
-Uscire da UE ed €uro il più presto possibile
-Sovranità Monetaria e Sovranità Nazionale
-Separazione Bancaria (Glass Steagall Act)
-Fuori dalla NATO
-Applicare alla lettera la Costituzione a partire dall'Art.1: i traditori
della Carta Costituzionale e del Popolo Sovrano vanno messi sotto processo!
-Reddito di Cittadinanza subito a partire da: Pensionati "al minimo" -
Disoccupati – Esodati
-Aiuti adeguati (non elemosine) alle PMI e alle famiglie per far ripartire
il lavoro e il mercato interno, ecc...
-Stop alla tratta degli schiavi: Rimpatrio immediato di tutti gli immigrati
clandestini e/o "non aventi diritto".
Grazie per l'attenzione, un saluto a tutti.
Un Esodato Super-Incazzato.

Giovanni Antonio 10.05.17 11:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ciao a tutti!
Hai dubbi, non si vuole rimanere
single?
Essa vi darà la spinta è necessario mettere l'amore nel vostro cammino. *
Discrezione e serietà assicurato.
Contatto, si vedrà di persona la potenza dei suoi riti e le sue previsioni

Queste sono le aree dove mi trovo:
-Rituel emozionante ritorno
-Protezione merci
Vendite del cliente -Attirance
-Désenvoutement
-Torna alla amore per la casa
-Back dell'amato (riportare la sua ex, ottenere la sua ex)
giochi -Chance
-Prendi una promozione al lavoro
-Problemi legale, la giustizia
Incantesimi -Éloigner cattivi
-Guérison

PS: Per ulteriori informazioni o la comprensione, vi prego di contattarmi sul mio indirizzo (alafia.yoyant@gmail.com)
Tel: +229 66 77 69 39 Parlo solo francese

abiosse fad Commentatore certificato 10.05.17 10:59| 
 |
Rispondi al commento

Il varo ipotetico di norme che introducano il reddito di cittadinanza va accompagnato necessariamente con provvedimenti atti ad evitare che i soloiti furbetti possano beneficiarne per vie traverse. Un provvedimento "urgentissimo", in Italia, dovrebbe prevedere un "potenziamento" dell'organico degli ispettorati del lavoro, elevando l'ispettore del lavoro al grado di Pubblico Ufficiale. Oggi, un ispettore del lavoro non ha la facoltà di richiedere ad un lavoratore un documento di riconoscimento, ma deve farsi accompagnare da Carabinieri o Agenti di polizia. Gli ispettorati NON hanno i mezzi necessari per svolgere il loro lavoro ed il sistema di controllo è ancora cartaceo. La concessione del beneficio del reddito di cittadinanza va adeguatamente monitorata ed anche l'efficienza delle agenzia di collocamento va rivista. I fondi utilizzabili, oltre a quelli già previsti nella proposta del M5S, potranno essere integrati con i risparmi dal welfare.

luca C. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che ha donato a Rousseau 10.05.17 10:57| 
 |
Rispondi al commento

FAMIGLIE ITALIANE INDEBITATE IN MEDIA PER € 20.300
IMPOVERIMENTO PROGRESSIVO...

I passivi con le banche a quota 529 miliardi di euro, in aumento dell'1,6%.
Le famiglie alle banche e principalmente, ai debiti contatti per acquisti di abitazioni, ossia i mutui, che rappresentano il principale spese, oggi abitazione è un costo per via delle continue tasse non è più un investimento per una famiglia.
L’alto indebitamento deve preoccupare la situazione delle famiglie italiane è molto difficile, Quasi 400 imprese chiudono ogni giorno, i tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 supera quota 40%, aumento progressivo dell'IVA sarà ultimo colpo alla crescita e al consumo.
Tutto questo rappresentano una grave minaccia alle famiglie che vengono progressivamente impoverite con aumento dalle spese e i debiti verso le banche e il fisco.

IMPOVERIMENTO PROGRESSIVO DELLE FAMIGLIE....

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 10.05.17 10:23| 
 |
Rispondi al commento

Ciao

Aiuto è il modo migliore per condividere il suo amore eterno, che è ciò che ci spinge a rendere disponibili prestiti rimborsabili da 500 a 1.000.000 EURO e anche più; in termini molto semplici a tutte le persone che possono rimborsare indipendentemente dalla razza. Facciamo anche investimenti e prestiti tra individui di tutti i tipi. Offro prestiti a breve, medio e lungo termine in collaborazione con il Ministero delle finanze e dell'economia e un periodo di rimborso a prezzi accessibili. I trasferimenti sono forniti da una banca per la sicurezza della traduzione. Per tutte le vostre richieste. proposte rispetto con le tariffe e le procedure dei pagamenti.
. Per ulteriori informazioni si prega di contattare
da e-mail:infos@cibanque.com

Numero WhatsApp: + 330644146852

FRANCK dencil, rome Commentatore certificato 10.05.17 09:45| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori