Il Blog delle Stelle
Il Tar ci dà ragione: l’ordinanza contro le slot machine è legittima

Il Tar ci dà ragione: l’ordinanza contro le slot machine è legittima

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 17

Ogni euro gettato nel ‘buco nero’ dell’azzardo, è un euro sottratto alle famiglie e all’ economia sana e produttiva del commercio e della piccola impresa. La sentenza del Tar del Piemonte che ripristina l’ordinanza ‘anti-slot’ di Torino è una grande vittoria. Come prevedono già le nostre proposte di legge il MoVimento 5 Stelle al Governo tutelerà e rafforzerà il potere di Comuni e Regioni per contrastare questa piaga. Non solo, come votato su Rousseau metteremo in campo tantissime altre azioni. Al primo punto l’abolizione di ogni forma di pubblicità. L’azzardo è come il fumo. Non si può promuovere ciò che è dannoso.

di Chiara Appendino

È notizia di ieri sera che il Tribunale Amministrativo Regionale ha respinto il ricorso di alcuni esercenti che si erano opposti ai limiti per gli orari delle sale gioco e delle VLT, definiti da un’ordinanza firmata da me lo scorso ottobre - la quale recepiva una direttiva della Regione - e che nel frattempo era stata sospesa dal Consiglio di Stato.

Personalmente ho accolto questa notizia con grande soddisfazione. Quella contro il gioco d’azzardo patologico è una piaga contro cui il Movimento 5 Stelle si batte da anni e che ha un impatto devastante sul territorio.

Se i dati ci dicono che il costo annuale per la sanità pubblica è di oltre 10 miliardi, questi numeri, per quanto grandi, non rendono comunque l’idea del dramma di famiglie che si presentano agli sportelli del comune perché la loro vita è stata letteralmente rovinata dal gioco d’azzardo patologico. Si tratta di una realtà propria di molte città e che sindaci e servizi sociali conoscono molto bene.
Non sono solo numeri: sono volti di cittadine e cittadini, con storie drammatiche alle spalle e nessun futuro davanti a loro.

Ribadisco, dunque, la necessità di una limitazione dell’attività delle sale slot e delle classiche “macchinette” che si possono trovare in molti bar e tabaccherie.
Limitazione che tuttavia da sola non porterà alla soluzione del fenomeno, la quale passa da una consapevolezza del problema e da una sensibilizzazione a tutti i livelli, in particolare in età scolastica.

Il sostegno a questa posizione è confermato dall’attività della Giunta. Pochi mesi fa infatti, abbiamo approvato una delibera, su proposta dell’assessorato al Commercio di Alberto Sacco, nella quale sono previsti sconti sulle tasse comunali per le nuove aperture che presentino determinati criteri qualitativi e, tra questi, vi è proprio l’assenza di apparecchi per il gioco d’azzardo.

Aggiungo inoltre, e credo sia un punto importante, che gli sforzi in questo senso debbano essere intentati a ogni livello di Amministrazione e di Governo. Questa è una battaglia che si vince solo collaborando.
Come tutti sanno, il gioco d’azzardo non si esaurisce alle sale slot e alle macchinette nei locali ma, purtroppo, ha uno spettro estremamente più ampio.
Penso, ad esempio, al gioco online. Oggi è sufficiente avere uno smartphone mediamente evoluto e una connessione ad internet per avere accesso a un’infinità di siti dedicati al gioco d’azzardo, con la differenza che in tantissimi casi si tratta di siti illegali dove la possibilità di essere truffati (anche dopo aver finito di “giocare”) è pressoché certa.

Il pensiero consequenziale, però, non deve essere: “Allora tanto vale non mettere divieti alle slot”, bensì incrementare gli sforzi affinché il buco nero del gioco d’azzardo venga controllato e regolamentato dalle Autorità competenti. Ripeto, a tutti i livelli.

Ringrazio infine i Giudici del TAR per il lavoro svolto, le Autorità che vigileranno sul rispetto dell’ordinanza e tutte le cittadine e i cittadini che fino ad oggi hanno dimostrato una grandissima sensibilità su questo tema. Fatti salvi i tempi tecnici, l’ordinanza tornerà subito in vigore e la nostra attenzione continuerà ad essere massima: la salute dei cittadini è una priorità.



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

12 Lug 2017, 15:17 | Scrivi | Commenti (17) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 17


Tags: appentino, azzardo, m5s, slot, slot machine

Commenti

 

e soprattutto niente pubblicità: facile da controllare e da eseguire! Brava Appendino.

guido ligazzolo, merano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 14.07.17 17:03| 
 |
Rispondi al commento

non avevamo alcun dubbio...

pasquino 13.07.17 22:51| 
 |
Rispondi al commento

Riportare il gioco d'azzardo ad essere un prodotto “di nicchia”, tipico dei casinò, il cui approccio presuppone una dinamica del tutto diversa sul piano emotivo, mentale del comportamento, limitandolo in luoghi ad esso dedicati, contingentati ed interconnessi tra di loro. Provvedere alla stesura di una legge quadro, che preveda la rimozione coatta di tutte le macchine da gioco all’interno dei bar, ristoranti, tabaccherie, … e che prenda spunto dal modello francese, per permettere l’istituzione di sale dedicate, attualmente in Francia ne esistono circa 200, che vengono autorizzate a seguito della richiesta dei Comuni che soddisfano le condizioni fissate dalla legge. La legge indica quali giochi possono svolgersi all’interno delle sale, le quali detengono anche il monopolio della gestione degli apparecchi automatici. Il Comune di ubicazione concorda con la casa da gioco l’elenco degli obblighi nel quale viene fissata in particolare l’aliquota sul prodotto lordo dei giochi da versare direttamente al Comune, il quale la utilizza per incrementare la propria attrattiva turistica e/o il proprio welfare. L’elenco degli obblighi precisa inoltre i requisiti legali e la casa da gioco deve organizzare spettacoli, attività culturali e animazioni oltre a offrire un servizio di ristorazione di livello. L’attività delle sale da gioco è sottoposta alla supervisione del Ministero dell’Interno ed eventuali investimenti da parte di operatori stranieri devono essere autorizzati anche da altri dicasteri. L’autorizzazione all’apertura delle sale è rilasciata dal ministro degli Interni, su richiesta dei comuni, dopo attente indagini ed in considerazione di un capitolato d’oneri molto rigido. A sorvegliare il gioco legale così come a reprimere quello clandestino, provvede la polizia dei giochi, le 200 sale, costituiscono il primo campo d’intervento di questo corpo di polizia, ritenuto efficientissimo, Un altro controllo viene esercitato da un organo ispettivo del Ministero delle Finanze ...

cristiano i. Commentatore certificato 13.07.17 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Avanti tutta!!!

oreste giudice 13.07.17 09:21| 
 |
Rispondi al commento

le vittorie dei cinque stelle continuano perche' sono tutte cose di buon senso e vanno nella direzione del bene dei cittadini. appendino lei e' grande e lo sono tutti i cinque stelle-
ringrazio il movimento e grillo che lo ha reso possibile. abbiamo bisogno di un'italia a cinque stelle come l'aria che respiriamo. con gli altri partiti stiamo morendo e, purtroppo, troppe persone sono gia' morte.
ho ascoltato anche la cinque stelle in europa che parlava dei migranti che e' un altro argomento urgentissimo e scottante. non l'avevo mai sentita e devo dire che non ce n'e' uno che non sia bravo, capace, intelligente, volonteroso, serio, onesto, e chi piu' ne ha piu' ne metta. grazie a tutti.

rosanna scarpa 13.07.17 09:19| 
 |
Rispondi al commento

Al pari dei tabacchi, vogliamo che non sia consentita la pubblicità attraverso insegne o altro che richiamino al gioco d’azzardo ed obbligando i titolari degli esercizi ad apporre, all’interno, dei cartelli ( modello pacchetto sigarette) che segnalino la possibilità di assuefazione e di abuso che può derivarne dal gioco”. E “per i locali che non ospitano nel proprio esercizio le apparecchiature per il gioco d’azzardo proponiamo che venga istituito a livello comunale, provinciale o regionale un marchio “NO SLOT” con annesse agevolazioni e riconoscimenti”.

http://www.atuttadestra.net/index.php/archives/201926?fb_action_ids=696814623858757&fb_action_types=og.likes

So solo coincidenze .. un vero confronto democratico al di fuori dei legami associativi e partitici .. riconoscendo alla totalità della rete il ruolo di indirizzo e decisionale normalmente attribuito a pochi .

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 13.07.17 02:52| 
 |
Rispondi al commento

Nella sera di martedì 25 giugno i militanti della sezione Forza Nuova Desenzano-Salò (Brescia) hanno esposto gli striscioni “Gioco d’azzardo tassa degli ignoranti” e “Abbindolati dalla lotteria, rovinati dallo Stato” nelle sale da gioco “Green Royale” e “Las Vegas” di Moniga, Manerba e Lonato “per denunciare la situazione che ha visto negli ultimi tempi il dilagare delle sale slot e del gioco d’azzardo nella zona tra Desenzano e Salò, portando alla dipendenza ed alla rovina giovani, pensionati ed intere famiglie! Riteniamo che il successo di tali attività sia la conseguenza di un impoverimento della società in termini economici ed etico-culturali che vedono la stato italiano e le amministrazioni come principali responsabili”.
“Secondo il Decreto Legge n. 164 del 31 maggio 1991″, si legge in una nota di Fn, “al comune sede della casa da gioco spetta il cinquanta percento degli utili netti, con vincolo di destinazione ad investimenti nel settore turistico e nel campo sociale; fa riflettere amaramente il fatto che lo stato si prefigga di regolamentare questo genere di esercizi, con la finalità di utilizzarne i proventi proprio per “utilità sociale” (a favore delle medesime vittime del gioco e per finanziare le stesse Forze dell’Ordine quotidianamente chiamate a reprimere truffe, gioco illegale e strozzinaggio), facendo presente che il gioco d’azzardo è la terza causa per la diffusione del fenomeno dell’usura. Non stupisce, dunque, la presenza delle mafie che controllano il 100% del gioco clandestino”.
Forza Nuova chiede quindi, alle amministrazioni, “di regolamentare la presenza di “giochi” come slot machine negli esercizi e bloccare l’apertura di nuove sale slot (riteniamo siano già in esubero), che sia fatto rispettare il divieto dell’utilizzo dei giochi ai minori di 18 anni, esigiamo di stabilire una distanza minima di 500 metri dai centri abitati..

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 13.07.17 02:50| 
 |
Rispondi al commento

Sono del mestiere. Ho sintetizzato i 7 punti del programma 5 Stelle Riforma Giustizia. Eccoli. RIFORMA DELLA GIUSTIZIA
7 Proposte del Movimento 5 Stelle

Prescrizione – Prevedere la sospensione del corso della prescrizione in tre alternative: dal momento in cui inizia il processo o da quando l'indagato diventa imputato o dal momento della sentenza di primo grado, sia essa di condanna sia essa di assoluzione.

Magistratura e politica - Un magistrato è certamente libero di dedicarsi alla politica, ma al termine dell’esperimento (durante il quale, come assente, non può essere valutato e promosso nella carriera), considerato l’ormai avvenuto disvelamento pubblico del proprio orientamento politico, non deve poter tornare alla magistratura o quanto meno poter tornare trascorso un termine di 5 anni

Certezza della pena – Prevedere che per ogni alleggerimento della pena detentiva inflitta sia assegnato al condannato un lavoro serio e continuativo nell’ambito della pubblica utilità per eguale periodo.

Intercettazioni - Regolare e ampliare l’utilizzo delle video-riprese come strumento investigativo; ampliare l'utilizzo delle intercettazioni estendendolo a tutti i reati commessi contro la Pubblica Amministrazione come commessi contro la collettività.

Denunciante - Proteggere il whistleblower (informatore di illeciti) dai pericoli che corre e compensarlo con un riconoscimento economico o assumendosi, attraverso un fondo specifico, le eventuali spese da lui sostenute dopo la segnalazione o a causa di essa.

Appello dell’imputato - Anche nel caso in cui a proporre appello sia il solo imputato, prevedere la possibilità che allo stesso possa essere inflitta una pena maggiore di quella del primo grado, oggi assurdamente vietato con il risultato di un ingolfamento delle Corti d’Appello (“appello sempre, tanto può andarmi solo meglio”), e rischio di quasi certa estinzione di tutto il processo per prescrizione.

Criminalità mafiosa – Prevedere che tutti i processi legati alla cri

Giuseppe Alù 12.07.17 23:54| 
 |
Rispondi al commento

Sindaco Chiara Appendino,
Mi é bastato ascoltarla una sola volta, per innamorarmi..
Lo so che é sposata, ma se ci ripensasse….joke.
Adoravo la Torino degli anni '60. Bella città, in odore di Francia.
Torino merita un sindaco come Lei, M5S. La Torino assopita, Le
risponderà positivamente. Lei capirà. E non aggiungo altro.

Alessandro Poggi 12.07.17 20:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravi. State andando molto bene.

Se volete vincere anche le prossime elezioni vi conviene (velocemente) risolvere il problema della movida in città. Dovreste, ad esempio, dirottarla (ove possibile) verso i principali parchi di Torino. Ne avete uno in centro che è gigantesco (Il Parco del Valentino). Spostatela lì.

I torinesi plaudiranno se riuscirete nell'impresa. Fidatevi.

Diego Rossi 12.07.17 16:24| 
 |
Rispondi al commento

il parassitismo di questo paese e' legale come i suoi statisti!!!

sergio boscariols 12.07.17 16:22| 
 |
Rispondi al commento


"Noi diciamo no alla legalizzazione della cannabis e deve essere l'occasione per mettere al centro dell'agenda italiana la lotta alle dipendenze: alcol, droga, gioco": potrebbe essere il refrain populista e superficiale di qualche integralista qualsiasi e invece la frase è scritta da ..

continua su: http://www.fanpage.it/diciamo-no-ad-alcol-droga-e-gioco-la-favoletta-ipocrita-della-ministra-lorenzin/
http://www.fanpage.it/

Chiara >> Lorenzin .. No pardon .. Appendin

La proposta di Legge per il nostro Parlamento è stata votata per essere discussa dai cittadini del MoVimento 5 Stelle e recepita nelle Sedi Istituzionali di competenza ..

Con questi interventi possiamo concludere che questo M5S una volta raggiunto il POTERE non è altro che autoreferenziale e proibizionista come un qualsiasi partitello catto - fascista ..

che nulla ha a che vedere con la partecipazione diretta e attiva del cittadino alla vita Pubblica delle nostre Istituzioni ..

- Si definisce :

Sistema Regolamentato Scommesse e Giochi dello Stato Italiano -

Meglio investire qualche soldo per tentare la vincita che destinare anche solo un'euro alla chiesa Parassitaria Italica

Saluti Cari

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 12.07.17 16:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Bravi... e grazie perché tenete la barra dritta.

Ivan Solinas, Scandicci Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 12.07.17 15:44| 
 |
Rispondi al commento

Evviva! Continuiamo la lotta al gioco d'azzardo ad ogni livello a tutela dei cittadini .

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 12.07.17 15:29| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori