Il Blog delle Stelle
Ilva, un film già visto

Ilva, un film già visto

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 3

di MoVimento 5 Stelle

Quello che da mesi viene sussurrato, poi detto senza peli sulla lingua, quindi smentito poi ancora confermato, sembra che ora diventi realtà: il gruppo Ilva è pronto a procedere con i 4mila esuberi che già a luglio furono oggetto di un'interrogazione del Movimento 5 Stelle a prima firma Davide Crippa.

Come dicemmo allora, confermiamo oggi: è il solito fallimentare modello di good e bad company. Mancavano i dettagli, che ora sono stati svelati. Parliamo di circa 25 milioni l'anno di cassa integrazione straordinaria che moltiplicato per i 6 anni fa circa 150 milioni.

Allora come oggi è un mistero di cosa accadrà per quelle aree che non saranno oggetto della transizione al nuovo investitore ma rimarranno anch'esse in capo all'amministrazione straordinarie. Parliamo di aree non produttive come le discariche. Quale sarà il loro destino? L'unica certezza è che a pagare saremo noi, mentre ad arricchirsi saranno loro, gli investitori mentre in mezzo come al solito ci saranno i cittadini e i lavoratori.

Risulta che il 20 luglio ci sia stato un tavolo delle istituzioni con i sindacati, proprio quei sindacati che lunedì minacciano di bloccare Genova e Taranto. Avranno discusso in quella sede il tema degli esuberi? E perchè arrivare oggi con la protesta?

L’impressione è quello di un film già visto, un vestito cucito sulle forme dell'acquirente favorito e lo si va attuando step by step fino ad arrivare alla soluzione concordata in origine: non ci stupirebbe vedere a breve una trattativa che riconsidera nell'immediato il numero degli esuberi e spalmandoli su un maggior orizzonte temporale (in ogni caso restano a carico dell'amministrazione straordinaria e non dell'acquirente), poi un nuovo ricatto salute/lavoro e magari una riconsiderazione del piano ambientale per carenza di risorse oppure, se un domani ritenuto troppo oneroso per l'aggiudicatario, la richiesta di ridiscussione. Tutte cose già viste con il placet delle Organizzazioni sindacali che ora giocano la carta della piazza dopo aver contribuito negli anni a determinare questa situazione negli anni. Non saremo accanto a coloro che riteniamo corresponsabili di queste tragedie, individuali e collettive. Non faremo sfilate. Ma saremo al fianco dei lavoratori concretamente, tutti i giorni, come lo siamo stati fino ad oggi.



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

8 Ott 2017, 10:42 | Scrivi | Commenti (3) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 3


Tags: cassa integrazione, esuberi, ilva, investitori

Commenti

 

L'ILVA andava nazionalizzata sin da subito. Lo Stato ha i capitali per risanare e modernizzare secondo i più moderni criteri di tutela dell'ambiente e risparmio energetico. Lo si dichiarava polo strategico e chiusa la partita.
Certo ci vuole uno Stato che non sia in mano ai criminali eurocratici di provenienza massonica, ed ai loro lacchè dislocati in Parlamento.

Alberto O., Bergamo Commentatore certificato 09.10.17 15:46| 
 |
Rispondi al commento

NON SI TRATTA SOLO DEGLI ESUBERI. I DIPENDENTI CHE RIMARRANNO SARANNO LICENZIATI E RIASSUNTI COL JOBS ACT PERDERANNO TUTTA L'ANZIANITA' E MOLTI ALTRI DIRITTI. IL GOVERNO HA PREPARATO BENE UNA LEGGE CHE COLPISCE I LAVORATORI E, IN QUESTO CASO FAVORISCE UNA MULTINAZIONALE INDIANA CONCORRENTE DELL'ILVA CHE, ORMAI E' CHIARO MIRA A DISTRUGGERE..IL GOVERNO ITALIANO LUNGI DAL FARE COME MACRON CHE HA DICHIARATO STRATEGICI I SUOI CANTIERI NAVALI E' INVECE COMPLICE DELLA MULTINAZIONALE INDIANA E VOI DEL MOVIMENTO TACETE O AL MASSIMO ACCUSATE I SINDACATI?

lucia calvi 09.10.17 10:50| 
 |
Rispondi al commento

Malgrado due pronunce della Corte Costituzionale, che hanno pesantemente censurato il porcellum e l’italicum facendo sorgere la necessità che il Parlamento intervenga per far sì che sia restaurato un sistema elettorale omogeneo per le due Camere e coerente con la Costituzione, il disegno di riforma elettorale attualmente in discussione ripropone il carattere oligarchico e manipolativo della volontà popolare che viziava i precedenti sistemi.

Ho firmato la petizione "Capigruppo di Camera e Senato: Lasciateci scegliere i parlamentari" su Change.org. È importante. Puoi firmarla anche tu?
Ecco il link:
https://www.change.org/p/capigruppo-di-camera-e-senato-lasciateci-scegliere-i-parlamentari?utm_medium=email&utm_source=petition_signer_receipt&utm_campaign=triggered&share_context=signature_receipt&recruiter=780507088

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 08.10.17 11:01| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori