Il Blog delle Stelle
L'amianto è ancora intorno a noi

L'amianto è ancora intorno a noi

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 33

di MoVimento 5 Stelle

Tettoie di ondulino che si estendono a perdita d’occhio, acquedotti, pavimentazioni di palestre, tubazioni nelle navi, ceramiche contaminate: nonostante siano trascorsi 25 anni dalla legge 257 che lo ha messo al bando, l’amianto è ancora intorno a noi. Ci sono circa 30 milioni di tonnellate di fibre di amianto in giro, 2400 scuole da bonificare, circa 300 mila tra studenti e insegnanti esposti ogni giorno. La mappatura del rischio non è ancora completa: ci sono intere regioni che non hanno fornito i dati. E così anche il mesotelioma, il tumore da amianto che è la "pistola fumante" dell’avvenuta esposizione, non sempre è tracciato e registrato.

Dov’è l’amianto oggi? Viene ricercato, mappato? Quanti sono i decessi da amianto?
Come procedono le cause nel settore, quali diritti sono stati garantiti alle vittime? Come è maturata la giurisprudenza? Come sta cambiando la normativa e come dovrebbe evolvere?

Se ne parla alla Camera dei Deputati lunedì (dalle 9.30) in un importante convegno organizzato dal portavoce Alberto Zolezzi che farà il punto sulla situazione. Parteciperanno anche il ministero dell'Ambiente (dott.sa Laura D'Aprile), della Salute (dottor Mariano Alessi). Interverrà l'Ispra, nella persona del dottor Marco Giangrasso, l'epidemiologo Valerio Gennaro, l'Osservatorio Nazionale amianto con il presidente avvocato Ezio Bonanni, l'Afeva Sardegna con Salvatore Garau.

È in corso di realizzazione un testo unico sull’amianto che deve fare chiarezza anche sulle centinaia di norme esistenti sull’argomento. Ne parleremo con uno dei revisori del testo, il magistrato Giordano Bruno. Interventi anche dei deputati Alberto Zolezzi e Massimo De Rosa (Commissione ambiente). Nel corso della mattinata sarà proiettato in anteprima il documentario “AsbeSchool”, sulle scuole con amianto in Italia. E' prevista la diretta streaming sui canali Fb del M5S.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

26 Mar 2017, 09:21 | Scrivi | Commenti (33) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 33


Tags: amianto, bonifica, mesotelioma, MoVimento 5 Stelle, tumore

Commenti

 

serra, donno, crimi, cari miei cretinetti, parlamentari di merda, voi non mi rappresentate; voi non state rispettando il vostro mandato

cari miei cretinetti (serra, donno, crimi), parlamentari di merda, ve la metteremo nel culo; vi metteremo in grave imbarazzo

il mandato è soprattutto tradito per il seguente motivo

cari miei cretinetti, a proteggervi il culo in italia c'è un solo piccolo fatto: una legge referendaria con quorum del 50%

cari miei cretinetti, avete fatto l'errore di smentire il mandato talmente clamorosamente che un quorum del 50% non vi sarà sufficiente (a proteggervi il culo)

cari miei cretinetti, io so che in relazione all'immigrazione, seppure con un quorum pesante, l'italia è in tal caso come se svizzera fosse, poiché un 50% non sarà sufficiente a proteggervi il culo

l'elettorato vi smentirà, clamorosamente. Il vostro arbitrio verrà deriso e vanificato

cari miei cretinetti, sicuramente non verrete rieletti

cari miei cretinetti, siete la rovina di un movimento che seppe dare speranza

dicendosi democratico, mandò in parlamento gentaglia come voi: del solito tipo; del tipo che fa i soliti giochetti

ipocrisia di chi, dicendosi democratico, continua a ignorare la volontà del suo popolo
ipocrisia di chi pretende di essere lui a dover venire interpretato dal popolo (quasi che fossero preti)

cari cretinetti serra, donno, crimi. vi siete coperti d'infamia
cari cretinetti serra, donno, crimi, vi siete infilati in un mare di merda (e un cappio al collo)

Gino Sighicelli, Pontremoli Commentatore certificato 30.03.17 06:38| 
 |
Rispondi al commento

Grazie gentilmente entrare in contatto con questa donna, perché lei mi ha dato un prestito di 149.000 euro. Ecco il suo

indirizzo e-mail personale:...... beatriceballey@hotmail.com

dsdsds ghfrghfreza Commentatore certificato 29.03.17 16:45| 
 |
Rispondi al commento

Popolazione e circa. Passiamo per il vostro canale per lanciare una chiamata li ha. Non lasciate fuorviare più da parte dei suoi prestatori che pubblicano i loro avvisi. Secondo le verifiche, le persone che potevate contattare così realmente volete un prestito senza problemi sono:
- davilla.navarro@gmail.com
- andersen.oliver12@gmail.com
- developpement.aide@gmail.com
Ecco le persone capace di voi aiutate e riempirsi. Io dirvelo e ve lo ripeto. Si sono i veri prestatori ha che potevate fare fiducia ed avere ciò che chiedete. Grazie a voi e volete in parlate alla vostra conoscenza per ridurre insieme i prestatori falsi.

lauriane dupont Commentatore certificato 29.03.17 11:40| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
Sto gatuso grazie Josina Gomez Mrs corine è giusto. Posso ottenere un prestito di 100.000 euro per costruire la mia casa con un tasso del 2% in 72 ore, effettuato tramite bonifico bancario, ho avuto difficoltà a credere sono truffati più volte tutti questi documenti sono approvati in Europa America Asia e certificano perché le imprese europee signora Gomez vi offre qualsiasi tipo di prestito per il vostro progetto di viaggio finanziamento progetto , si prega di studiare nelle Università di contatti si sarebbe non essere delusi dalla posta prestitobancario2017@gmail.com

fidita gatuso Commentatore certificato 27.03.17 21:32| 
 |
Rispondi al commento

L'Euro sta uccidendo molto più dell'amianto ma di questo non si può parlare vero? Va bene continuate a parlare di amianto.

Alvaro Nannicini, Pisa Commentatore certificato 27.03.17 10:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ad oggi i rifiuti d'amianto smaltiti vengono messi in discarica, posti su bancali in legno rivestiti con teli in plastica.
Quando si arriverà ad una tecnologia di inertizzazione SICURA chi andrà a recuperare l'amianto sotterrato ?...nessuno...si lascerà inquinare il sottosuolo, si inquineranno le falde...pazzesco.
Esiste un nuovo sistema di messa in SICUREZZA dell'amianto, invece dei soliti bancali in legno rivestiti in plastica, e si tratta di uno "scatolone" in calcestruzzo con durabilità superiore ai 100 anni.
Con questo sistema si eviterà di continuare ad inquinare il sottosuolo e le falde.
Poi naturalmente quando ci sarà una tecnologia SICURA, i rifiuti d'amianto contenuti in questi scatoloni potranno essere recuperati e inertizzati.
Ma per rendere attivo, DA SUBITO, questo nuovo sistema serve una piccola modifica ad una norma del ministero della salute del 1994 !
Perché questa modifica NON VIENE FATTA ?...chi non vuole rendere attuabile da subito questa soluzione ?
E' pazzesco che nessuno si attivi da subito per fermare questo inquinamento...
Ripeto : SERVE UNA MODIFICA DEL MINISTERO DELLA SALUTE...non serve una legge ad hoc !
SERVE LA VOLONTA' POLITICA DI CHI CI AMMINISTRA.
Non possiamo permetterci di lasciare questo mondo inquinato ai nostri figli...sveglia...
Se qualcuno che mi legge ha la possibilità di fare qualcosa...mi contatti


Piccola tirata d'orecchie. L'Oratorio di Quartucciu, quotidianamente frequentato da ragazzi, ha il tetto in eternit. Recentemente si sono fatti lavori per rimbellettare la facciata, ma nessuno si é interessato ad eliminare l'amianto (tanto dalla strada non si vede). I Pentastellati del luogo possibile che non sappiano? Oppure la Chiesa é ancora un tabù, e andare contro fa perdere voti. Tutto tace, nella sonnacchiosa provincia.

laura a. 27.03.17 09:58| 
 |
Rispondi al commento

sono un coordinatore smaltimento amianto con patentino,l'amianto e un minerale che esiste in natura,quindi non lo puoi eliminare del tutto,per farlo diventare innocuo esiste la inertizazzione, che la fanno in germania, da noi un impianto in sardegna e stato chiuso non si sa il perche,proprietari una ditta di brescia.quando alla dottoressa dell'asla scuola gli ho fatto questa domanda ,visto che lei dice che e un minerale e quando e bagnato e innocuo e lo puoi mangiare basta non respirarlo,perche l'amianto non lo buttate nel mare che si crea anche un ecosistema x i pesci.non mi a saputo rispondere.

giovanni lavecchia 27.03.17 01:00| 
 |
Rispondi al commento

Cose dire del Canada (l'estrazione cesserà nel 2018) e degli Stati Uniti che continuano ad estrarlo ed a venderlo in gran parte ai Paesi poveri ? E cosa pensare di Trump che prima delle elezioni affermò pubblicamente che se fosse stato usato nei grattacieli oggetto di attentato aereo le fiamme che li hanno fatti crollare non sarebbero state così aggressive ?

francesco m., livorno Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 26.03.17 23:16| 
 |
Rispondi al commento

Si, è vero, l'amianto è ancora tra di noi e prima di essere totalmente distrutto e/o reso inefficace, passeranno anni ed anni.
Onestamente devo dire che quando fu messo in commercio nessuno pensava potesse essere così disastroso. La colpa quindi va fatta risalire a quando, venuti a conoscenza della sua pericolosità, non si provvide a toglierlo dalla circolazione e ad iniziare immediatamente la disinfestazione.
Ora, la vera vergogna è che nessun addebito è stato mosso all'autore del misfatto sopratutto per non averne immediatamente cessato la produzione, e neppure a chi lo ha ugualmente utilizzato, senza usare misure precauzionali (usandolo solo in modo che non potesse disperdersi nell'aria).
Ancor peggio aver utilizzato la scusa della "PRESCRIZIONE" per un reato che continua a mietere vittime. Un reato non si può prescrivere se si perpetua nel tempo. Scusatemi il vostro Ascoltatemi.

luigi dentico 26.03.17 19:04| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
Aiuto le persone che hanno bisogno di prestito
Offriamo prestiti a livello internazionale. Con il capitale da utilizzare per fare prestiti tra singoli breve - e a lungo termine di 1000 a 5.000.000 di euro per tutte le persone serie sono davvero bisogno:
-Fornire prestiti finanziari
-Prestito immobiliare
-Investimenti prestito
-Prestito auto
-Prestito personale
Vi preghiamo di contattarci via e-mail per ulteriori dettagli
E-mail: prestitobancario2017@gmail.com

rotine c. Commentatore certificato 26.03.17 18:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In natura è un materiale molto comune.
Dal greco Amiantos= incorruttibile.
Pertanto è bene sapere che non si distrugge..
Può essere bloccato con colle e vernici o acqua in maniera temporanea p.es durante il suo trasporto in discarica. L'utilizzo ovviamente è vietato, e quindi anche l'ulteriore estrazione dalle cave o miniere in cui si trova. Non è un prodotto fatto dall'uomo come a volte qualcuno crede. La sua eliminazione per quanto possibile, è solo legata alla capacità di accantonarlo bloccato, restituendolo alla natura, quindi in discariche create ad hoc.
N.B Le famose pasticche dei freni delle auto o ganasce in passato, erano tutte rivestite di amianto dall’origine dell’automobile. Pertanto le nostre strade ed autostrade per anni sono state invase da polveri di amianto che si sprigionavano ad ogni frenata…sic.

vincenzo p., napoli Commentatore certificato 26.03.17 18:31| 
 |
Rispondi al commento

LE VITTIME DELL'AMIANTO SONO MILIONI IN TUTTO IL MONDO, PURTROPPO I COLPEVOLI SVIZZERI, NON SONO STATI DICHIARATI COLPEVOLI DALLA MAGISTRATURA ITALIANA, SEMBRA CHE L'AMIANTO CON TUTTI I MILIONI DI MORTI, NON SIA MAI ESISTITO, TUTTE LE FAMIGLIE CHE HANNO DOVUTO AFFRONTARE LA MALATTIA E LE PERDITE DEI LORO CARI, SIA STATO COLPA DI QUEI LAVORATORI, CITTADINI CHE HANNO RESPIRATO L'AMIANTO, COME TUTTO IL RESTO DELL'ITALIA, PER LA MAGISTRATURA E' TUTTO FINTO.

cosimo calabrese, chiaravalle Commentatore certificato 26.03.17 17:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vorrei far notare che si continua a vivere anche questo problema nella totale ipocrisia. Purtroppo ci troviamo a costatare che quando si parla di smaltimento del cemento amanto, ci si riferisce alla rimozione dell'amianto e al suo trasporto e sepoltura in campi ( scavi destinati ), dove a discarica completa si riportano sopra materile circa 40 cm di terra e il tutto si abbandona alla mercé di qualcuno che ignorando il pericolo si mette a sassarese il terreno per seminario. ...... , forse sarebbe più opportuno costruire i 273 impianti necessari per la distruzione delle fibre di amianto In un periodo di 12 anni di lavoro. Purtroppo di impianti per la distruzione dell'amianto in Italia né abbiamo solo uno (alle porte di Torino vicino alla vecchia Eternit). In alternativa per non essere ipocriti penso sia proponibile la procedura di " incapsulamento" ossia il trattamento del cemento amianto con prodotti fissanti come il vinavil e poi isolandolo dal contesto, senza movimentarlo dal sito in cui si trova. Questo almeno finché non ci saranno gli appositi impianti per la distruzione dell'amianto.
Antonio Paulis di San Sperate

ANTONIO Paulis, San Sperate (CA) Commentatore certificato 26.03.17 16:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho smaltito da casa mia 2 serbatoi e una tettoia. Ho dovuto pagare più di 1000 eur. Assurdo...

donzello 26.03.17 15:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'amianto! !!! A noi marittimi che abbiamo convissuto x almeno 30 insieme con questo minerale ad oggi lo stato non ha voluto riconoscerci nemmeno un ora di contributi , e dire che ne abbiamo portato di prove ma come sempre accade grazie hai sindacati siamo stati venduti e lo stato con costoro ha guadagnato

locascio rosario 26.03.17 14:29| 
 |
Rispondi al commento

Centinaia di norme!? UNA direttiva della U.E. e conseguente legge n. 257/1992. PAZZIA!

Ezio D'Alessandro, Avezzano Commentatore certificato 26.03.17 12:56| 
 |
Rispondi al commento

PAZZIA! E dove volete che sia, se non lì dove è stato messo. L'amianto è un minerale: asbesto, solido che non sublima e non vaporizza; Le fibre di amianto per fluttuare nell'aria devono essere create e ci vuole lavoro; lavoro di frantumazione, frammentazione, segatura, trapanatura, di rottura e in modo concentrato. Quando lo hai ridotto in polvere o frammenti hai generato enormi quantità di fibre di amianto che al minimo soffio circolano nell'aria in ogni dove ricadendo come polvere di amianto pronto ha ricircolare. allora lo sotterriamo in immense discariche e permeano il terreno e vanno nelle falde acquifire.
PAZZIA frutto di miserrimi interessi economici che pretendono di trasformare il solido e innocuo amianto in polvere lontana dagli occhi, ma che è sempre lì, sotto il tappeto.

Ezio D'Alessandro, Avezzano Commentatore certificato 26.03.17 12:52| 
 |
Rispondi al commento

Vi meravigliate ? qui a Pisticci ce n'è molto e viene smaltito nelle campagne ma alla nostra sindaco 5stelle non interessa infatti in quasi un anno dall'elezione non ha fatto nulla

alberto piccinno 26.03.17 12:14| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sarebbe bastato"caricare" la bonifica sulle spalle dello stato! Mi spiego, se la rimozione fosse stata "gratuita" a quest'ora sarebbe solo un ricordo e non ci sarebbe stata "quella fai da te" con abbandoni di enormi quantità in discariche improvvisate (dopo frantumazione per evitare, durante il trasporto di essere individuati).
Inutile perder tempo con i soliti "simposi"

eugenio rega 26.03.17 12:08| 
 |
Rispondi al commento

anni fa c'era stato un ricercatore
che aveva trovato il modo di rendere profittevole
lo smaltimento dell'amianto
riciclandolo

usando gli scarti dell'industria casearia (formaggi)

era possibile trasformare in materie prime utili e non tossiche i derivati

Che fine ha fatto quella ricerca ?
sono stati fatti impianti sperimentali ?

o come tutte le buone idee , in Italia è finita nel dimenticatoio ?

meno leggi
meno politici
meno burocrazia

più investimenti
e più informazione
PER FARE !!

my 2 cent

Nello R., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 26.03.17 11:50| 
 |
Rispondi al commento

Via l'amianto dai tetti. Via l'amianto dai tubi .
Via l'amianto dalla vita dei ragazzi. Bonificare il mondo serve per eliminare ogni accusa.

flavio guglielmetto mugion, Torino Commentatore certificato 26.03.17 11:39| 
 |
Rispondi al commento

Me affaccio da 'a finestra de 'a scuola, e vedo centinaia de metri de ondulina vecchia e sbrecciata de l'anni '50/60 , 'i tetti de 'na vecchia fabbrica abbandonata, e sotto, i ragazzi che vanno e vengono, fanno 'a ricreazione, 'a educazzione fisica; 'a scuola, famo 'e esercitazzioni antincendio pe' sarva' 'a vita, e poi, a dieci metri, 'a morte invisibbile che te potrà pijà pure tra trenta-quarant'anni, perchè basta che 'na sola minuscola fibbra te se pianti ner pormone, perchè 'ncominci er processo infiammatorio che poi diventerà, cor tempo, er mesotelioma: eppure basterebbe poco, pe' ingiunge a 'i proprietari de smantella' quelle cagate, pe' obbligalli a vernicialle co' vernici pesanti e limità er rilascio de 'e fibre svolazzanti; ma 'i Comuni, che cazzo fanno???......

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 26.03.17 10:50| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori