Il Blog delle Stelle
Libertà in Rete: la stretta in atto negli Stati Uniti

Libertà in Rete: la stretta in atto negli Stati Uniti

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 85

di MoVimento 5 Stelle

In una risoluzione adottata a Strasburgo il 23 novembre (304 voti a favore, 179 contro e 208 astensioni), il Parlamento Europeo ha "invitato" gli Stati membri a contrastare la "disinformazione e la propaganda" proveniente dalla Russia e dall'ISIS.

Il giorno dopo, il 24 novembre 2016, il Washington Post ha pubblicato un articolo sul lavoro svolto da quattro "gruppi di ricercatori" che hanno esaminato i risultati degli "sforzi propagandistici russi per minare la democrazia e gli interessi degli Stati Uniti". Uno di questi gruppi di ricerca si è raccolto intorno al sito "PropOrNot" che ha pubblicato un elenco di 200 siti web che sarebbero colpevoli della pubblicazione di «fake news» e di notizie "di propaganda russa".

Il Washington Post ha dovuto poi prendere le distanze dagli "esperti" citati nell’articolo ammettendo anche di non poter garantire "la validità delle scoperte di "PropOrNot".

Ma il giornale di Amazon non si è arreso. E dalla "cyber propaganda russa attraverso fake news", il WP è tornato alla carica il 9 dicembre riproponendo un vecchio tormentone "hacker russi che hanno determinato la vittoria di Trump". Per sintetizzare la seconda "inchiesta" del WP: una "riunione a porte chiuse", un "rapporto segreto" di agenti segreti della CIA con pochi e "selezionati senatori". Tutte le fonti del WP rigorosamente anonime, come si addice ad ogni inchiesta che si rispetti.

Risultato: unica "fake news" certa al momento delle elezioni statunitensi è quella di tutti quei media che davano a pochissimi giorni del voto Hillary in vantaggio anche di 12 punti. Lo ha certificato anche uno studio della Standford University che - con uno con uno studio intitolato “Social Media and Fake News in the 2016 Election” - ha sancito come l’accusa a Trump di aver vinto le elezioni attraverso le “fake news” fosse essa la bufala di questi mesi.

Le "inchieste" del Washington Post hanno prodotto zero prove, ma tante dichiarazioni di Obama, una stretta legislativa crescente ed una pressione sul mondo di internet che gettano ombre inquietanti per il futuro della libertà d'espressione in rete.

Il 30 novembre, con 390 voti favorevoli, la Camera degli Stati Uniti ha adottato la "H.R. 6393, Intelligence Authorization Act for Fiscal Year 2017", che chiede al governo di "contrastare misure attive da parte della Russia di esercitare influenza occulta". Se approvata dal Senato questa legge sarà usata per colpire, minacciare o eliminare quei siti che gli "esperti" del WP giudicano di "fake news" - un'etichetta oggi utilizzata per definire arbitrariamente qualsiasi sito web o blog non allineato.

Intanto il "Bill HR 6393", approvato al Senato degli Stati Uniti l'8 dicembre, chiede al governo di "sviluppare una strategia per contrastare la propaganda estera e di disinformazione" di attori statali come la Russia e la Cina, oltre a estremisti violenti. È stato creato un Centro per combattere la disinformazione estera e sarà guidato dal Dipartimento di Stato, ma con la partecipazione attiva del Dipartimento della Difesa, dell' USAID, del Consiglio dei governatori Broadcasting, della Comunità di intelligence e altre agenzie competenti.

I colossi di internet della Silicon Valley,
intanto, hanno unito le forze per creare un database centralizzato che gli permetterà di bloccare contemporaneamente e in maniera "efficiente" contenuti su più piattaforme. Secondo Yahoo News, il database dovrebbe essere installato e funzionante nei primi mesi del 2017 e più aziende potrebbero unirsi. "I giganti del web,YouTube, Facebook, Twitter e Microsoft intensificheranno gli sforzi per rimuovere i contenuti 'estremisti' dai loro siti web con la creazione di una banca dati comune". Naturalmente, mentre il database è venduto come un modo per censurare "contenuti terroristici" (chi non vorrebbe fermare i terroristi?!), cresce il sospetto che una volta stabilite le definizioni soggettive di "terrorista" ed "estremista", queste, gradualmente, potrebbero presto trasformarsi in censura per tutto ciò che non è allineato e quindi "fake" secondo gli esperti del Washington Post.

Del resto, come spiega Daniel McAdams, Facebook ha annunciato che assumerà una varietà di organizzazioni di "fact-checking" per contrastare la disinformazione e bloccare le "bufale". Il social utilizzerà, in particolare, Snopes, PolitiFact, Factcheck.org, ABC News e l'Associated Press.

Un problema sorge
: queste organizzazioni sono tra i più grandi rifornitori di notizie false che esistono al mondo.

PolitiFact ha un'intera parte del sito dedicata ad esporre i difetti dell'organizzazione.

Snopes è gestito da marito e moglie dalla loro casa in California senza alcuna esperienza in tecniche di ricerca e di indagine.

Su Associated Press e ABC News cosa aggiungere, sono quei media tradizionali che hanno rilanciato tutte le fake news che abbiamo denunciato qui.

Intanto, un gruppo di filantropi "disinteressati e imparziali" ha offerto milioni di dollari al nuovo sistema "anti-bufale" annunciato da Facebook. Chi sono? George Soros, che non ha bisogno di presentazioni. Il fondatore di Ebay, Pierre Omidyar, che ha versato oltre 30 milioni ai Clinton e alle loro associazioni di beneficenza. Poi ci sono Google, La Bill e Melinda Gates Foundation e il National Endowment for Democracy (che, come entità finanziata dal governo con i soldi dei contribuenti americani, censurerà le notizie che riterrà dannose per la popolazione).

Le "fake news" e la "cyber propaganda", sono il canto del cigno delle corporazioni mediatiche, letteralmente disperate perché non riescono più a manipolare l'opinione pubblica come in passato. Milioni di persone grazie a Internet non credono più alle menzogne di chi ha in parte sulla coscienza la distruzione dell'ex Jugoslavia, dell'Afghanistan, dell'Iraq, della Libia e della Siria. Questo li spaventa al punto che hanno deciso di demonizzare e censurare la rete attraverso la bufala delle "fake news e della cyber propaganda".

Negli Stati Uniti il meccanismo si era messo in moto prima dell’elezione di Trump. E in Italia cosa dobbiamo aspettarci?

P.s Una giornalista ha spiegato in questo modo tutta la vicenda fake news e cyber propaganda. Non ci sono parole migliori.

"Credere a qualcosa che dice la CIA è come fidarsi di lasciare la vostra macchina a un tossicodipendente di anfetamine.
Credere alla CIA quando lavora insieme al Washington Post è come fidarsi di lasciare a quello stesso tossicodipendente la vostra auto con il vostro bambino sul sedile posteriore insieme alle chiavi di casa e il denaro per Taco Bell."



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

2 Feb 2017, 10:08 | Scrivi | Commenti (85) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 85


Tags: censura, clinton, facebook, fake news, post verità, USA, wp

Commenti

 

Un plauso a Di Battista che ieri, è stato ospite di Lilli Gruber, una delle persone più istigatrici che si trovano in questo mondo di "giornalismo", ha mantenuto un grande self control, visto che spara a zero ogni sera nelle sue trasmissioni del M5S...!!!
Bravi, bravi, bravi...! Continuate così

Raffaele Rambone 09.02.17 11:07| 
 |
Rispondi al commento

Cari fratelli e sorelle ! Il nuovo e reale per voi. Questa volta, se c'è una persona che può aiutare a uscire dalla povertà. Non hai a sostenere in banche e volete creare la vostra impresa o società o fare un mestiere, Dio mi sul vostro modo di ms. ANISSA KHERALLAH , una donna completa di bontà e di saggezza che fornisce il denaro necessario per il suo aiuto a qualsiasi persona onesta e saggia. Non ti illudere più di indirizzo, che quel discorso unico che può salvare :developpement.aide@gmail.com .
PS : La soluzione ai tuoi problemi è questa signora che non cessa mai di aiutare le persone in tutti i continenti.

mario durant Commentatore certificato 05.02.17 14:01| 
 |
Rispondi al commento

Ciao signore/signora,
Cercavo un prestito di denaro per diversi mesi che ho avuto debiti e bollette da pagare. Pensavo fosse finita per me, ma per fortuna ho visto la testimonianza fatta da molte persone su Mm Josina gomez, un italiano, che è come ho contattato mio creditore per pagare i miei debiti e il mio progetto. e signora Josina mio concede un prestito di 60,000 euro sul mio conto, posso assicurarvi che tutti i questi suoni carta generalmente lei mio aiuto per pagare il mio debito contattare la e vorrei dire la verità se avete bisogno di finanziamenti. prendere in prestito denaro o qualsiasi progetto ti rendi conto che questo vi aiuterà a raggiungere e sostenere finanziariamente la posta
octaviorodrigo15@gmail.com

josie altina Commentatore certificato 05.02.17 10:06| 
 |
Rispondi al commento

Sono una cittadina onesta cerco di aiutare sempre il prossimo pur guadagnando un modesto stipendio......dopo l'intervista che ho visto della sindaca Raggi la sera del 03/02/2017 al canale 7...mi sono sempre convinta di più di aver votato bene nei confronti della medesima sindaca....se avessimo l'opportunità di sentirla più spesso in televisione o in radio per poi poterla chiamare e suggerirgli qualcosa in più da cittadini sarebbe il massimo.In tanto per citare un qualcosa che possa suggerire da cittadina di Roma... alla sindaca ....è una richiesta molto semplice,è il rifacimento stradale all'interno del cimitero di prima porta a roma....perché ogni qualvolta che mi capita di andarci rischio grossi danni alla mia auto per le buche tremende che ci sono.....e spesso tante macchine riportano danni....in alcune strade non ci si può accedere più......sarei molto grata se questa mia richiesta venisse accolta.....o avere almeno una risposta da parte vostra ....mi scuso se aspettavate un altro tipo di commento. Ma come prima volta che vi scrivo ho voluto comunicare in questo modo....poi se avete un altro sito per collaborare con voi su suggerimenti pregherei di mandarmelo..grazie...augurandovi un buon lavoro a tutti vi saluto

Luciana volpe 05.02.17 09:46| 
 |
Rispondi al commento

Ciao

dal prestito di due anni, la banca Credit Mutuel sta facendo una buona cosa nel nostro paese l'Italia. questa banca sta facendo tutto pronto per i nostri cittadini che hanno bisogno di prestito. Quindi ho preso a condividere questo messaggio, questa azione della banca non viene riconosciuto il nostro stato. Quindi, se si ha realmente bisogno di prestito, vi chiedo di contattare in questa e-mail perché hanno pronti a fare diversi persona troppo.

Ecco l'e-mail: creditmutuelbanquetransfertrap@gmail.com

romaine pinna, roma Commentatore certificato 05.02.17 07:06| 
 |
Rispondi al commento

Invocare una informazione libera e democratica è una gran bella cosa, ma nessuno ce la regalerà.
Dobbiamo usare il cervello e distimguere, confrontare, studiare .... non c'è altra via. Ci sarà sempre qualcuno che sparerà notizie utili e sè ed addomesticate o che ne tacerà o minimzzerà.
La conoscenza è un bene che nessuno vuole venderci.
Siamo svegli , amici! Ciao. Anna

Anna Rebecchi 04.02.17 13:48| 
 |
Rispondi al commento

QUESTA E' UNA BELLISSIMA NOTIZIA, SI SPERA CHE CI SIA VERAMENTE UNA LIBERA E DEMOCRATICA INFORMAZIONE PER TUTTO E PER TUTTI, MOLTI COLOSSI CHE SI SONO ARRICCHITI CON LA INFORMAZIONE CONTORTA CADRANNO A PEZZI.

cosimo calabrese, chiaravalle Commentatore certificato 03.02.17 16:23| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Io credo che Putin utilizzi anche l'informatica per sostenere tutti quei movimenti separatisti in Europa e antidemocratici nel mondo. Viene dal KGB ed è abituato usare tutti i mezzi per procurarsi potere e alleanze con Stati dove ci sono regimi totalitari o quantomeno con una democrazia molto limitata vedi Turchia Iran. Pensato molto anche il voto negli stati uniti per portare al potere Tramp. Anche oggi c'è un giornalista e Russia in pericolo di vita grazie a un attentato con veleno. Pochi giorni fa la duma approvato una legge che in Russia non è più reato picchiare la propria moglie. Io credo che sempre più vergognoso nel sito del movimento cinque stelle si difenda un regime totalitario come quello di Putin e non si prendano distanze pericolosi personaggi come tramit Putin e non si prendano distanze da pericolosi personaggi come Tramp


Probabilmente, come direbbe di Pietro,non ci azzecca;in ogni caso peccato che i meet-up non sono stati utilizzati a fondo per creare una classe dirigente del movimento. Anzi a me sembra che sono stati osteggiati, preferendo un unica fonte di verità cui abbeverarsi come è questo sistema.
Con il che siamo riusciti a prendere quella formidabile "tramvata" come conseguenza di aver appoggiato il gruppo Marra-Raggi-Orfeo-Frongia nel prendere il controllo del comune di Roma con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti: boicottaggio del de Vito, eliminazione dei competenti e degli onesti etc.
Solo ora stiamo correndo ai ripari ma non in maniera sufficiente, Per dimostrare le nostre capacità è necessario creare un piccolo gruppo di capaci ed onesti per prendere tutte le decisioni e la Raggi, atteso che sia impossibile o controproducente cacciarla, deve essere messa in condizioni di non nuocere = non deve decidere nulla che non sia prima approvato dal comitato.
Vero è che la maggior parte dei nostri potenziali elettori,disgustati dagli altri, non ci abbandoneranno ma un certo franamento nella zona dei più informati e competenti ci sarà e questo non ci deve fare per niente gioire visto che sono quelli che ci potrebbero supportare con maggiore professionalità di quanta non abbiamo.
un saluto a tutti


Gli U.S.A. e la C.I.A. due FACCE della stessa Medaglia, in negativo!!! Almeno, fino all'Elezione di Donald Trump, criticatissimo da quella parte della Sinistra Idiota Americana, e NON, soltanto perchè il Presidente sta portando avanti bene, ciò che diceva in Campagna Elettorale. Ma anche Noi in Italia, possiamo essere così cretini a dare addosso a Persone Coerenti? Che facce da culo!!!!!
#FalsiIpocriti, questi Italiani!!

Maurizio De Tomasi, Alghero Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 03.02.17 00:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non accontentiamoci di godere delle loro “temporanee” difficoltà, non serve a niente.
Saranno anche disperati, ma un disperato organizzato, con mezzi illimitati è in grado di stroncare qualsiasi “speranzoso” disorganizzato e senza risorse. La discussione, se mi consentite, mi sembra la scoperta dell’acqua calda. Ma credevate davvero che i proprietari dei grandi motori di ricerca, social e messaggistica, si sarebbero schierati contro la censura o il controllo? La reazione, dei padroni del vapore, è, dal loro punto di vista, più che legittima. Aggiungo che era più che prevedibile. Coloro che per decenni si erano abituati a inondarci dell’unica “incontrastata” verità, la loro verità piena di menzogne, si trovano a dover fronteggiare una serie d’informazioni che, o smentiscono le fonti dell’assoluta verità, o rivelano notizie che non dovevano essere di pubblico dominio. Più volte ho scritto, su questo blog, andate a vedere chi sono i proprietari di questi grandi veicoli d’informazione/comunicazione. Cercate di verificare da chi sono stati sostenuti e finanziati in fase di star up. Capirete rapidamente le ragioni del loro schieramento. Del resto, se il loro sistema di comunicazione crolla o non ha più efficacia, a seguire crollerebbe anche il sistema così come è strutturato. Dato che le cose sono di una chiarezza abbagliante, quali potrebbero essere le armi per poter arginare la censura del WEB? Questo è l'unico quesito da porsi seriamente.

Saluti
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 02.02.17 23:28| 
 |
Rispondi al commento

A Clark P.

La Russia, l'unico Paese del mondo che può tenere testa agli Usa nel campo informatico, ha già sviluppato i propri sistemi, guarda yandex.ru come portale e come il browser, vk.com al posto di Fake book, e già citato da te Telegram, e pure il laboratorio Kaspersky.


Quando fu eletto Obama (che era graditissimo al Sistema delle elite) si diceva che la sua fama, gradimento popolare e successiva elezione erano dovuti proprio principalmente alla rete.

ERANO BALLE.

Adesso che Trump, sgraditissimo al Sistema, ha vinto grazie ad internet e contro il suo stesso partito (i repubblicani che proprio non lo volevano)tutti contro il web e le "fake news".

Ma le vere fake news sono sempre le loro.

Nicola Nicolini Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 02.02.17 19:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dopo la globalizzazione anche Facebook è' sfuggito di mano agli apprendisti stregoni della politica. Riprenderne il controllo sarà' difficilissimo, forse impossibile. Per fortuna.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 02.02.17 16:01| 
 |
Rispondi al commento

Il pericolo è serio e grave. Credo che l'unico modo per garantire l'attuale libertà si dovrebbe coinvolgere la Russia spingendola a creare in breve tempo nuovi Browser e Social che ci sgancino dai soliti Chrome, Firefox, Facebook e Twitter. Con l'impegno dichiarato e totale che rimangano SEMPRE liberi e privi di qualunque censura.
Oggi anche WathsApp ha il suo antagonista russo con Telegram e questa alternativa deve estendersi anche nel mondo WEB.

Clark R., Palermo Commentatore certificato 02.02.17 15:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dove siamo, lo sanno già:
Cellulare ( anche se spento ) agganciato alla cellula x.
Carta di credito
Telepass
Centinaia di telecamere che ogni giorno ci riprendono ..

Rimane il problema di cosa diciamo o meglio ancora di cosa riempiamo le ns conoscenze. La rete è troppo libera , è un mare aperto . La rete ha maglie larghe e i pesci scappano.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 02.02.17 15:36| 
 |
Rispondi al commento

É inutile chiedersi cosa potrebbe accadere in Italia, dal momento che qualcosa si é giá mosso, vedi il caso Messoro con Byoblu... Il problema é che l´informazione alternativa, piú o meno seria, ha bisogno di quei servizi e piattaforme fornite dalle stesse persone che ora stanno cercando di mettere il bavaglio. Chi potrebbe davvero stupirsi del fatto che google abbia giá limitato gli introiti di byoblu? o che facebook limitará la diffusione di tutto cio che viene definito falso? Insomma, é anche ora di aprire gli occhi: Google, facebook, eBay e molte altre, quelle che contano, sono tutte sotto il controllo dei soliti ignoti, che qualcuno chiama elite, il famoso 1%. Bisogna tornare alla carta, io non vedo alternative.

Riccardo F., Londra Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 02.02.17 15:24| 
 |
Rispondi al commento

http://katehon.com/it/article/breve-riassunto-delle-attivita-dei-rothschild-medio-oriente-e-nel-resto-del-mondo

http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=51947

Due esempi collegati sul ruolo dei media.
Per inciso , AP e Reuters sono controllate dalla famiglia Rothschild.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 02.02.17 15:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

E' come essere in Oceania di George Orwell (1984).

Genny G., LECCE Commentatore certificato 02.02.17 15:04| 
 |
Rispondi al commento

In questo momento la mia attenzione è rivolta con moilta preoccupazione allo "stato delle cose" nel nostro Paese allo scatafascio. Ch a fronte della nostra condizione ci sia ovviamente una serie interminabile di concause internazionali è scontato, però come M5S mi dedicherei a pugni stretti e cervello fresco a trovare URGENTISSIMAMENTE UNA LEGGE ELETTORALE NON PER ANDARE A VOTARE SUBITO MA SOPRATTUTTO PER ESSERE CERTI CHE I CITTADINI POSSANO SCEGLIERE UNA FORZA POLITICA CHE SIA IN GRADO DI GOVERNARE senza trucco e senza inganno. Sara' mai possibile questa semplice condizione in un paese allo sbando politico e morale come il nostro? Dedichiamoci prima di ogni akltra valutazione sui drammi del mondo ai nostri oppure ci penserà Salvini che mi sembra quello più "deciso" a perseguire questa strada. Ci vogliamo far fare le scarpe dalla Meloni & C. a spese dell'Italia? Facciamo giusto come Trump e che il M5S per favore ogni giorno, ogni santo giorno, si dedichi a trovare il bandolo della matassa eletorale e politica, perno della vita o la morte imminente della nostra democrazia! GRAZIE!

rino lagomarino Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 02.02.17 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Sta accadendo anche in Italia, ma quando ti accorgi che il banco è truccato, non vale forse la pena di rovesciarlo in faccia a chi lo controlla?

I 5 Stelle e l'illusione del 40%
https://www.luogocomune.net/LC/index.php/17-politica-italiana/4591-i-5-stelle-e-l-illusione-del-40

Genny G., LECCE Commentatore certificato 02.02.17 14:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le leviamo queste sanzioni alla Russia cosi magari smettono di boicottare i nostri prodotti e le nostre aziende a cominciare da Saipem a cui devono 600 e rotti milioni dopo aver annullato dei lavori.

Marcello P. 02.02.17 14:43| 
 |
Rispondi al commento

L'informazione libera, l'unica vera rivoluzione di questo nuovo inizio secolo. Senza confini, senza restrizioni, condivisa, disponibile ovunque e per tutti. Inarrestabile. Nel corso dei decenni futuri potrebbe essere l'elemento primario che distingue le nazioni libere verso nuovi modelli di sviluppo di società oppure le nazioni con politiche autoritarie e totalitarie, legate a modelli storici già vissuti i cui effetti tutti conoscono. L'informazione e quindi il sapere globale avrà un valore al pari delle risorse energetiche e delle scoperte scientifiche. Per questo potrebbe essere anche fonte di guerre e strumento di repressione di milioni di persone. La verità delle informazioni è legata direttamente alla sopravvivenza della Democrazia come espressione migliore,fino ad ora, di convivenza degli esseri umani.

davide di noia, Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 02.02.17 14:42| 
 |
Rispondi al commento

Per questo è indispensabile allontanarsi da questa Europa di folli. Ognuno padrone a casa sua.

ilPedante 02.02.17 14:42| 
 |
Rispondi al commento

In risposta al commento di Pietro Z., Padova

Sì, penso proprio che metteranno la tassa sulla proprietà della vita.

Ma la pagheranno solo i proprietari. Tutti coloro che, per debiti, diventeranno schiavi (delle banche, che li useranno come investimento rifugio) non saranno tenuti a farlo.

Quest'ultimi pagheranno soltanto la tassa sul respiro. L'aria, quantunque inquinata, verrà privatizzata e chi la usa sarà giusto che paghi almeno un ticket, eccheccavoli.

GIAN PAOLO 02.02.17 14:22| 
 |
Rispondi al commento

non essere schiavi vuol dire possedere la tecnologia. le trattenute sui
parlamentari 5s dovrebbero servire a creare un sistema informatico alternativo
al mainstream. Anche google ha deviato dal don't be evil. Sarebbe interessante
creare un polo informatico che possa attrarre tutti gli italiani espatriati o quelli
che stanno per farlo. In fondo si tratta di pochi algoritmi da gestire in
maniera ottimale e di fare ricerca intorno a questi.

Creare poi un polo italiano alternativo ad Amazon. Vogliamo finire a fare gli
autisti che consegnano le merci ? Una volta che avremo esaurito i depositi in
banca o ci saranno decurtate le pensioni non potremo fare altro. Propongo
pertanto un sito, gestito da 5s che sia alternativo ad Amazon.

Io sono un informatico. Non sono un granche' pero' capisco che la padronanza
della tecnologia e' fondamentale per essere liberi.

Walter Borchia 02.02.17 14:18| 
 |
Rispondi al commento

Bolletta Enel da 146 € totali
Consumo effettivo 50 €
Oneri di sistema 36 €
Spese per trasporto e gestione contatore 28 € a bimestre.
Residuo canone tv 9 €
Resto iva.

La gestione contatore sarà la lettura automatica del consumo ma il trasporto contatore che significa? M5S interpellate qualcuno dell'enel o qualche garante che sentiamo quante fandonie riuscirà a trovare.
In pratica se vado in ferie due mesi, stacco il contatore e quindi non consumo devo pagare lo stesso una ottantina di euro. Fra non molto metteranno la tassa sulla vita, solo perchè uno è vivo dovrà pagare una tassa, la chiameranno tassa sulla proprietà della vita. Speriamo che l'italia cambi col prossimo voto, rè george permettendo, altrimenti il popolo si ribellerà più o meno democraticamente.

Pietro Z., Padova Commentatore certificato 02.02.17 14:14| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Che se ne fanno di internet?! Della libertà?! Dagli la religione, la televisione, i supermercati e stanno apposto!

undefined 02.02.17 13:57| 
 |
Rispondi al commento

Continua domani pioverà da occidente
Esecutori materiali dell'assurdo teorema liberalista di un folle economista austriaco, queste persone passeranno alla storia come i distruttori di intere civiltà e non illudetevi fra i Reagan e le Thatcher metterete i pure gli Obama e nell'atto finale anche i Trump e non giustificateli perché avrebbero potuto esercitare un potere di veto Tralasciando i nostrani imbecillì europei
L'imbuto creato accattivante come una trappola mielata per mosche ha da un lato spronato privati e aziende ad ipotecare
il futuro lavoro condannandoli ad un eterno presente subordinato e allettato gli Stati a cedere i beni che erano patrimonio comune
Perché non parliamo pure delle espropriazioni delle sementi e di conseguenza la subordinazione di intere popolazioni all'acquisto di cibo
Nei recenti trattati persino gli immateriali beni derivati dalla coltura sono stati elencati come spendibili ed acquistabili con la moneta del nulla
Quando invito a riflettere in ogni azione che determina una transazione in denaro che tradotto al cittadino comune significa rifiutare il mercato della grande distribuzione o non pretendere di anticipare una spesa importante con la creazione artificiosa dello stesso attraverso mutui e prestiti vi invito ad usare l'unica arma che possedete per salvaguardare la vostra dignità di essere uomini

Rosa Anna 02.02.17 13:53| 
 |
Rispondi al commento

La stretta alla rete grazie a questi imbecilli cristiano musulmani. Ma chi se ne fotte ?! Tanto per quel che gli serve (stragi, suicidi, kamikaze, stalking , pedo, omicidi, esecuzioni ) ... si suicidassero pure tutti, altro che internet, vorrà dire che ne faremo a meno.

undefined 02.02.17 13:50| 
 |
Rispondi al commento

DOPO L'ELETTRODOMESTICO TV DIVENUTO ORMAI UN'ARMA DEL DOPOGUERRA DI DISTRUZIONE DI MASSA AL NEURONE IMPOVERITO, ORA STANNO PREPARANDO UNA NUOVA ARMA LETALE PER IL CONTROLLO E LA SOPPRESSIONE DELLE LIBERTA' DI PENSIERO DELLA MASSA.

PROVE TECNICHE DI DITTATURA INFORMATICA!

Aldo B. 02.02.17 13:49| 
 |
Rispondi al commento

La religione?! La religione è quell'imbecille di Vasto che dopo sei mesi ha sparato a un ragazzo di vent'anni perche' la moglie è morta. Venite tarati di testa da piccoli, siete degli ossessionati mentali.

undefined 02.02.17 13:26| 
 |
Rispondi al commento

Qual'è il problema morto un papa se ne fa un altro, meglio si ritorcerà contro questi colossi del web, la rete non può essere fermata. Nasceranno nuovi social(già esistenti tra l'altro ) e nuove piattaforme Video. e se tutto questo non dovesse bastare rimangono tor e VPN ormai li sanno usare tutti.

NO N. Commentatore certificato 02.02.17 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Questa mattina su LA7 c'è stato Toninelli ed Esposito a parlare di legge elettorale e come al solito, si è parlato di Roma.
Vergognoso, aggressivo Esposito nel voler parlare male del governo di Roma.
Indecente il pd stesso. Infatti questa mattina si leggono articoli su Odevaine, braccio destro di Veltroni, che spiega come veniva finanziato, da cooperative ecc., per pilotare per esempio nel caso di immigrazione. Era a libro paga dei corruttori. Ma volete che Veltroni fosse all'insaputa di tutto?
Quindi Esposito non dovrebbe neppure avere il coraggio di presentarsi in tv ed essere aggressivo, offensivo come invece è.

Rosa 02.02.17 13:17| 
 |
Rispondi al commento

Domani pioverà da occidente
L'ambiguità del liberismo Illude che la proprietà privata abbia tutti i diritti escludendo i doveri verso la società e la civiltà
Nella nostra costituzione ciò non è permesso: Articolo 42
( .....La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti.......) Queste pochissime parole sono state da alcuni decenni stuprate senza ritegno e nessuno è intervenuto
Con il referendum abbiamo riconfermato la costituzione: dobbiamo protestare immediatamente il diritto del bene comune
Il territorio appartiene al popolo e monetizzare i diritti come ormai avviene, privatizzando l'acqua o i litorali o subordinando i servizi di welfare dovrebbe interessare anche chi ha il dovere di far rispettare la costituzione
Ma da tempo i dormienti che siedono a quel tavolo si sono ridotti a passacarte
Stamane il ministro Padovan conferma di voler svendere altro patrimonio comune
Una tragedia annunciata
Piccola stupida di provincia intuivo già a fine anni settanta del secolo scorso, quando le aziende venivano assorbite attraverso i gruppi cannibali del nulla che, dopo l'assassinio di Kennedy e di Moro il teorema creato da cambiali in bianco utilizzate per appropriarsi di beni reali
La sovranità costituzionale di ogni nazione deve tagliare la testa a questo mostro di cui i trattati europei sono una espressione
Iniziata in Italia da Ciampi con la mutazione della banca d'Italia
e la privatizzazione di Prodi continuata ininterrottamente da Berlusconi e dai successivi governi sotto la presidenza di Napolitano sono stati i capi saldi della distruzione del nostro tessuto sociale ben peggiori della corruzione

Rosa Anna 02.02.17 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Bravissimi!!!
Sono d'accordo!

Paolo V. 02.02.17 13:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Nel '800 quando erano tutti analfabeti e campava Marx forse, ma che nel 2017 avete tutti almeno due tre PC e ancora piagnucolate con sta religione quando vi fanno la bua... e vi incollate alla TV.

undefined 02.02.17 12:53| 
 |
Rispondi al commento

A Trump va riconosciuto il merito di aver promulgato
le stesse leggi di Bush senza il bisogno di tirar giù due grattacieli. :)))

[©LucaAkira - Arsenale K]

Ferruccio Perry, Woodstock Commentatore certificato 02.02.17 12:41| 
 |
Rispondi al commento

Travaglio 3
Nei paesi civili il ministro dei Trasporti non interferisce nel processo al capo di Finmeccanica, definendo “sproporzionate” le richieste di pena della Procura di Lucca per l’imputato Moretti, come fece nel settembre scorso Graziano Delrio a Otto e mezzo, e il governo non esenta colossi pubblici come Eni e Finmeccanica dalle clausole di onorabilità per salvarne i dirigenti imputati per reati gravissimi.
Nei paesi civili la prescrizione si interrompe al momento del rinvio a giudizio e non continua a decorrere fino alla sentenza di Cassazione, mandando liberi e impuniti fior di criminali, come invece accade solo in Italia (e come purtroppo presto accadrà, almeno in parte, per il processo sulla strage di Viareggio, ed è già accaduto per le stragi impunite di Moby Prince, Eternit e San Giuliano di Puglia).
Questo scandalo avrebbe dovuto occupare almeno uno degl’innumerevoli moniti di Napolitano per ottenere dal Parlamento una riforma urgente e doverosa.
Invece è praticamente l’unico tema dello scibile umano mai sfiorato dall’incessante incontinenza verbale di Re Giorgio, forse perché l’Ancien Regime di cui è il santo patrono si regge sulla prescrizione.
Quindi, ex Sire, si dia pace: se l’Italia fosse un paese civile lei non avrebbe potuto dire né fare quasi nulla di ciò che ha fatto e ha detto.
Se proprio non sa come impegnare il tempo libero, dia retta all’ultimo monito di Osho:
“Ma perché ‘n te trovi ‘n bel cantiere stradale come tutti l’anziani normali?”.


viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.02.17 12:36| 
 |
Rispondi al commento

Travaglio 2
Nei paesi civili il presidente della Repubblica non interferisce continuamente nelle campagne elettorali, raccomandando agli elettori per chi votare e per chi no.
Nei paesi civili sarebbe impensabile quanto rivela Panorama, citando intercettazioni dell’inchiesta a Bergamo sul banchiere Giovanni Bazoli.
E cioè che Napolitano telefonò (per giunta da un’utenza del Quirinale, due mesi dopo le sue dimissioni da presidente) all’anziano patron di Banca Intesa, indagato per associazione per delinquere, per impicciarsi nella battaglia finanziaria per il controllo di Rcs-Corriere della Sera, mettendolo in guardia dall’appoggiare “un nome folle, ovvero di quel signore che si occupa o meglio è il factotum di La7”, cioè Urbano Cairo
Nei paesi civili un ex presidente della Repubblica si guarda bene dal denunciare il presunto “abuso del ricorso alle elezioni anticipate”, visto che l’ultimo capo dello Stato a sciogliere anzitempo le Camere fu proprio lui nel 2008, alla caduta del governo Prodi-2 dopo due anni di logoramento a cui aveva contribuito – come racconta l’allora ministro dell’Economia Tommaso Padoa Schioppa nel suo diario – anche l’uomo del Colle, già allora innamorato delle larghe intese con Berlusconi.
Nei paesi civili – ma questo esula dalle responsabilità dirette del deposto Re Giorgio – un manager pubblico come Mauro Moretti non viene promosso da Fs a Finmeccanica dopo aver definito la strage di Viareggio (32 morti) “uno spiacevolissimo episodio” ed essere stato rinviato a giudizio per disastro ferroviario, omicidio colposo plurimo e altri reati.
E non resta al suo posto dopo che il Tribunale di Lucca l’ha condannato a 7 anni per quei gravissimi delitti e i suoi avvocati (pagati da chi?) hanno insultato i giudici e le vittime, definendo “scandaloso” il processo e “populista” la sentenza.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.02.17 12:36| 
 |
Rispondi al commento

1
Nuntereggaepiù
Travaglio
Basta,pietà,ci arrendiamo.Dinanzi all’ultimo monito di Napolitano(“Nei paesi civili alle elezioni si va alla scadenza naturale”),che rischia di farci tornare simpatico persino Renzi, siamo colti da impotenza.Qui ci vorrebbe Rino Gaetano con una riedizione di Nuntereggaepiù,o Jannacci con una rivisitazione di Quelli che…Noi alziamo le mani.Anche perché, appena sentiamo evocare un “paese civile” da Re Giorgio,subito ci assale il pensiero di tutto quello che accadrebbe,e soprattutto non accadrebbe,se l’Italia fosse un paese civile
Nei paesi civili la data delle elezioni la decide il pres. della Rep. che forse Napolitano non se n’è accorto,ma non si chiama Napolitano:si chiama Mattarella
Nei paesi civili un pres. della Rep. che giura per mesi di rifiutare la rielezione non si fa rieleggere in un quarto d’ora
E i governi li scelgono gli elettori,dando la maggioranza a un partito o a una coalizione in base al loro programma,e non il capo dello Stato estraendo nomi a caso per ribaltare il risultato del voto mettendo insieme partiti e pezzi di partiti avversari che voltano gabbana,come fece Napolitano nel 2011 con Monti,nel 2013 con Letta,nel 2014 con Renzi e come ha rifatto Mattarella con Gentiloni nel 2016
Nei paesi civili il presid. della Rep. giura di difendere la Costituzione e poi non lavora per demolirla,né impone al Parlamento né tantomeno al governo di riscriverla a suo gusto
Nei paesi civili il presid. della Rep. non avalla una legge elettorale come l’Italicum, palesemente incostituzionale e monca(cioè valevole solo per la Camera),ma la respinge alle Camere prima che cada sotto la tardiva mannaia della Consulta
Nei paesi civili il pres. della Rep. non telefona a un vecchio politico indagato per aver mentito ai giudici sulla trattativa Stato-mafia,non si attiva per spostare l’indagine dalla sua sede o punire i magistrati che la conducono e,scoperte le sue telefonate,non chiede alla Corte di farle distruggere per nasconderle ai cittadini

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.02.17 12:35| 
 |
Rispondi al commento

Negli Stati Uniti il meccanismo si era messo in moto prima dell’elezione di Trump. E in Italia cosa dobbiamo aspettarci?????

La stessa cosa , anzi : PEGGIO !!!

(tanto per cominciare vogliono far chiudere BYOBLU' )

Lino Viotti Commentatore certificato 02.02.17 12:32| 
 |
Rispondi al commento

ricordo che finanza, mutinazionali e militari si stanno facendo le seghe tanto sono euforici.

carlo 02.02.17 12:16| 
 |
Rispondi al commento

per il discorso bufale, ammesso che quelle dette sopra siano bufale, anche trumo non scherza. ha dichiarato che obama non e' cittadino americano ed e' islamico. "notiziona" riportata da tanti media. e il bello e' che qualcuno ci crede.

altra "meganotizia": il riscaldamento globale non esiste.
altra "verita'" spacciata da trump.

e vado a memoria, chissa' quante altre ne avra' sparate.

carlo 02.02.17 12:06| 
 |
Rispondi al commento

Sono ateo quindi libero, non mi frega nulla. Se siete cattolici, quindi con un'intelligenza purtroppo limitata vi do una dritta toccateli nel portafoglio:

Usate VKontakte al posto di Facebook

IMO Messenger per le videochiamate al posto di WhatsApp Messenger

Yandex al posto di GMail

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.imo.android.imoim&hl=it

http://duckduckgo.com/html/?q=&kl=it-it

http://mail.yandex.com

E buttate la televisione

O almeno non comprate le marche famose che fanno la pubblicità in televisione

Non comprate più nulla online a parte oggetti, abiti e hardware usato.

(non vi dico anche di non andare in chiesa a pregare un miracolo che la stretta non vi stringa perché tanto ci andate lo stesso).


che poi il "sistema" sia contro trump, quella si la considero una bufala.

la finanza e' "euforica". la borsa americana non aveva mai raggiunto certi picchi.
gli imprenditori fanno la ola. trump praticamente gli sta dicendo: ma non c'e' mica bisogno di andare in cina. facciamo la cina qui'. via lacci e lacciuoli, riduzione delle tasse, ecologia cos'e'? inquinamento? ma viva il carbone.
non ha parlato degli stipendi, ma se fossi negli americani un po' di strizza l'avrei.

e il "sistema" e' quella roba li'. finanza, grande imprenditoria e politici compagni di merende. da li' arrivano i danni.

puo' essere che gli usa si sono accorti che d asoli non possono "magnarsi" il mondo. ci hanno provato (la guerra preventiva, la crisi, i trattati), ma non ce la fanno.

e puo' essere che l'asse trump-putin sia proprio in funzione di questo.

poi, compiuta l'opera, casomai sara' come highlander, "ne rimarra' uno solo". fatti loro. ma intanto ci avranno gia' schienati da tempo.

e' un'ipotesi.

ma che trump sia "antisistema" non mi sembra.

carlo 02.02.17 11:55| 
 |
Rispondi al commento

il 49% degli abitanti degli USA sono malati di ingordigia( cibo, bevande, psicofarmaci, figa e cazzo, tanto per essere discreto).
La CIA è la selezione di quella gente li.

severino turco, bressanvido Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 02.02.17 11:52| 
 |
Rispondi al commento

I giganti del web vogliono fare la fine dei giganti della carta stampata? si accomodino! Finche' c'e' voglia di conoscere le notizie ci sara' qualcuno che le dara'. la rete non si ferma.

GP 02.02.17 11:30| 
 |
Rispondi al commento

c'e' poi da dire che trump ok disgela da una parte (russia) ma congela dall'altra (europa, paesi islamici, iran, messico).

tanto pacifista non sembra. le sue paturnie sembrano piu' "politico-ideologiche" che dettate dal pacifismo.

e non credo che tanti cittadini usa si sentano contenti di essere "alleati" con la russia, la turchia e/o la siria. penso che anzi lo temano.

carlo 02.02.17 11:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

dire sempre la verità
non bull shit (stronzate)per fare colpo e soldi


https://www.facebook.com/391266544402788/videos/559879404208167/

Nello R., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 02.02.17 11:16| 
 |
Rispondi al commento

Il potere ha paura della rete.

Questa è una sacrosanta verità, altro che bufala.

Le bufale le hanno sempre dette loro. Noi, popolo, le si poteva soltanto subire.

Oggi, tutti abbiamo il diritto di parola. Questa cosa manda in panico i professoroni delle menzogne mediatiche e tutto il loro ciarpame reietto.

Faranno di tutto - dico, di tutto, senza esclusione di colpi - per tappare la bocca al popolo.

Diranno arbitrariamente che chi non la pensa come loro è terrorista e lo "neutralizzeranno".

Oggi, non è più guerra fra destra e sinistra, ma fra la libertà dei popoli e la dittatura degli 8 uomini più ricchi del mondo e del loro lurido esercito di lacchè.

Liberiamoci di Microsoft, di Google, di Facebook e compagnia bella, creando piattaforme libere e indipendenti.

Mandiamoli in fallimento. W la libertà!

GIAN PAOLO 02.02.17 11:15| 
 |
Rispondi al commento

Un primo risultato l'hanno già ottenuto:
hanno sostituito nella lingua italiana "bufale e propaganda" con "fake news e cyber propaganda" cioè vocaboli chiari come fosse antani.
Parliamo italiano che è meglio.

Zittire chi dice cazzate su internet è censura (magari anche buona ma sempre censura) e come tale va trattata:
incostituzionale perché viola direttamente la libertà di espressione.
Chi la propone è un nemico pubblico che attenta ai più fondamentali diritti umani.
Se io sono proprietario di un sito ci dico quello che mi pare e (se non diffamo o rubo) ho diritto di continuare ad esprimermi liberamente.

Quando i colossi informatici inizieranno davvero a bloccare arbitrariamente contenuti allora dovremo iniziare a incentivare le altre strade per la diffusione di contenuti:
reti senza server e con firma digitale...
tor onion è un famoso sistema di comunicazione che rende anonimi i navigatori ma può rendere anonimi pure i server (e in tal caso la certezza di attribuzione dei contenuti deriva dalla firma digitale).
Ci salverà la rete paritaria (peer to peer) che quindi dobbiamo iniziare ad utilizzare.

Alessandro P., Alano di Piave Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 02.02.17 11:14| 
 |
Rispondi al commento

mi sembra abbastanza logico che in un paese storico nemico della russia sorgano dubbi sulla tanta (non sto dicendo troppa) vicinanza tra il suo presidente trump e il presidente putin, ex agente kgb e poi ex direttore del kgb.

basta che qualcuno in alcuni ambienti (ad es cia) tiri fuori qualche notizia (falsa o no non si sa, lo stesso post non parla di notizie che sono state sbugiardate, ma che emplicemente non e' possibile confermarle ufficialmente, cioe' non ci sono le prove provate al di fuori di ogni ragionevole dubbio), e mi sembra anche abbastanza logico che non saltino fuori i nomi degli spifferatori, un giornalista non e' tenuto a fare i nomi dei suoi confidenti, che i media usa ci ricamano sopra.

ben venga il disgelo dei rapporti usa-russia, chiaro.
quello che alcuni ambienti (e cittadini) usa temono, forse, e' una convergenza esagerata di intenti, modus operandi e finalita'.

gli usa non sono la russia e penso che non vogliano diventarlo.

immagino che un dubbio che gira in tanti cittadini usa, e': dove ci sta portando trump? dubbio legittimo.

ok, distruggiamo il "sistema", ma per andare dove? dal momento che al peggio non c'e' fine. cosi' come al meglio, chiaro.

carlo 02.02.17 11:13| 
 |
Rispondi al commento

Come al solito perdono tempo. La rivoluzione è iniziata,con miliardi di siti a disposizione,con il deep web tramite il portale Tor,con la facilità di aprire blog su blog su sito su sito ecc ecc internet rappresenta la morte delle lobby. La gente sa che basta tradurre al contrario qualsiasi cosa tv/giornali cercano disperatamente di far passare come vero.
I vaccini fanno bene? Invece fanno male.
Vince lesbo clinton? Vincerà Trump.
Grazie alla Cia che ha inventato internet. Coglioni.

Taipan X Commentatore certificato 02.02.17 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Il servizio che la rete ci offre e' indispensabile per noi....invece di ristoro berlo, a mio avviso, si dovrebbe addirittura amplificare. Intendo dire che dovrebbero essere controllate solo quelle persone che usano la rete per scopi illeciti. Dovremmo essere TUTTI certificati in modo da non avete alcuna possibilità di scrivere sotto falso nome. Non è poi così difficile.....visto che quando vogliono sanno persino contare i peli che abbiamo. Possibile che non abbiano un'intelligenza sufficiente a capire come controllare le comunicazioni fatte in malafede?

VERA G., ROMA Commentatore certificato 02.02.17 11:02| 
 |
Rispondi al commento

Beppeeeeee ferma Berdini del PD sennò ti ritroverai alle elezioni con un milioni di voti in meno


Ho omesso: e' proprio la rete che consente agli elettori di esprimersi in liberta' tutte le volte che lo desiderano, a prescindere dalle circostanze e dai "temi" . E' evidente che qualsiasi restrizione alla rete costituisce una minaccia per la gente. Di conseguenza, sicuramente non avrei potuto inserire un commento come quello appena inviato.

Francesco C. Commentatore certificato 02.02.17 10:50| 
 |
Rispondi al commento

RaiNews24, Mi piacerebbe intervenire e dire: voi, con questa tassazione del cazzo, voi avete bloccato la nostra economia perche' l'economia non si blocca da sola. Gli inglesi non sono "piu' furbi" di noi, a differenza di noi hanno dimostrato di saperci fare. Non si puo' sempre intervenire sui meccanismi di spesa perché ormai ci avete ridotti alla cinghia. Del lavoro il Pd se ne e' sempre fregato ed oggi siamo come siamo e non potete pretendere di accorgervene solo oggi. Adesso vi riempite la bocca con la parola populismo e commettete l' ennesimo errore perché populismo non e' un concetto astratto, e' la disperazione della gente. Adesso vedremo se saprete accogliere l' invito della Ue e predisporre il reddito di cittadinanza. La gente e' ancora sotto le macerie e nella neve: neanche i prefabbricati siete stati capaci di far arrivare in tempo. Adesso, nelle zone terremotate, vi preoccupate di allestire invece
le postazioni elettorali e neanche i sindaci sanno come fare. Tutti chiacchiere e distintivo, chiacchiere e distintivo, chiacchiere e distintivo, chiacchiere e distintivo.

Francesco C. Commentatore certificato 02.02.17 10:37| 
 |
Rispondi al commento

Commento fuori tema.
Perchè Bugani parla a nome del Movimento, dicendo tra l'altro un bel numero di cazzate.
E' stato eletto come consigliere a Bologna, che parli in veste di consigliere.
Critica Pizzarotti, ma dovrebbe prima guardare in casa sua tutti i danni che ha fatto al Movimento.
Non è accettabile. Dovete prendere provvedimenti

Laura D., CESATE Commentatore certificato 02.02.17 10:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori