Il Blog delle Stelle
Lo Stato innovatore

Lo Stato innovatore

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 32

di MoVimento 5 Stelle

La politica si deve occupare delle prossime generazioni. E’ inevitabile. Ma come? Ad esempio ragionando di Stato Innovatore con Mariana Mazzucato e Giovanni Dosi, economisti di fama internazionale, il 24 maggio prossimo, in un evento pubblico organizzato alla Camera dei Deputati.

Perchè “noi non abbiamo bisogno di frigoriferi, macchine, caldaie, lampadine, abbiamo bisogno di freddo, tepore, luce e mobilità!” (B. Grillo). Per fare ciò, abbiamo bisogno di visioni a lungo periodo e non di sperare che il lucro di qualcuno porti il benessere degli altri.
Non bisogna mai dimenticare che le teorie economiche servono a studiare dei fenomeni: ogni teoria è uno strumento per analizzare e risolvere un pezzettino del problema, non delle squadre per cui tifare.

Le teorie neoliberiste hanno generato politiche di austerity, basandosi su un mercato privo di regole e di autorità pubblica. Hanno bloccato gli investimenti pubblici, concentrandosi su un capitalismo finanziario che non interviene sull’economia reale. Queste semplicemente non funzionano, non hanno funzionato e non possono funzionare. Lo dice forte e chiaro anche il mondo della ricerca economica, che non può più rimanere inascoltata.
Lo Stato non è un nemico da cui difendersi, ma può fornire supporto nei momenti di bisogno e guidare lo sviluppo tecnologico ed economico.

Come ci insegna il libro della professoressa Mariana Mazzucato, “Lo Stato Innovatore”, edito da Laterza, solo lo Stato, a differenza dei privati, dispone delle risorse, del tempo e della visione d’insieme per affrontare il rischio di investire in tecnologie ancora inesplorate. Dunque può e deve rivestire un ruolo imprenditoriale nella società, che incoraggi i privati a essere interventisti, assumendo insieme un ruolo chiave nello sviluppo e nella commercializzazione delle più importanti innovazioni.

L’economista ci fa notare che se diamo uno sguardo a quanto accaduto con le recenti “rivoluzioni” che vanno dai computer a Internet, non possiamo far altro che notare che dietro tali sconvolgimenti altro non c’è che la ricerca, sviluppata in gran parte tramite investimenti pubblici, ovvero Internet, il Gps, il touch-screen e le comunicazioni in genere. Lo stesso possiamo dire per Google, il cui algoritmo è stato finanziato dai fondi pubblici americani.
E tutto questo era già ben espresso da Keynes nella sua celebre frase: “La cosa importante per un governo non è fare le cose fatte dai privati, un po’ meglio oppure un po’ peggio, bensì fare le cose che al momento nessuno fa”.

Dobbiamo solo scegliere se vogliamo invertire la rotta e far si che sia in Italia che in Europa lo Stato non sia più quell’inutile fardello burocratico che priva le future generazioni di qualsiasi sogno, ma uno Stato Innovatore capace di creare nuovi mercati e di darci “freddo, tepore, luce e mobilità” nel pieno rispetto dell’ambiente.
Ragioniamo insieme di politiche espansive mirate, mission oriented e sul ruolo di uno “Stato innovatore” che deve avere una visione di politica industriale fondata su quei settori e quelle pratiche che possono davvero far ripartire la nostra economia, avvicinando la svolta produttiva di cui abbiamo estremo bisogno e che ci porta in direzione della sostenibilità ambientale e del benessere dei cittadini.

Questi sono certamente obiettivi ambiziosi, ma la ricerca deve essere la stella polare portata in palmo di mano dallo Stato, in simbiosi con le imprese e i privati, per sviluppare, nuove competenze, aumentare la produttività, creare nuove imprese e mercati.
Di tutto questo, come accennato, il M5S discuterà con esperti di fama internazionale e confrontandosi anche con i diversi partiti, nel convegno citato in apertura, momento di approfondimento importante, che si terrà mercoledì 24 maggio, dalle ore 15, nell’Aula magna del Palazzo dei Gruppi parlamentari Camera, in via di Campo Marzio 78, a Roma.

Oltre ai nostri portavoce Luigi Di Maio, Laura Castelli e Nunzia Catalfo, saranno presenti, tra gli altri, i già citati Mariana Mazzucato dell’University College London e Giovanni Dosi della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, Pasquale Tridico dell’Università Roma Tre, Andrea Roventini della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, Paolo De Ioanna dell’OIV, Corrado Spinella del Centro Nazionale delle Ricerche.

Per partecipare all’evento compila questo form.

Qui trovi i materiali dell’evento.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

21 Mag 2017, 10:00 | Scrivi | Commenti (32) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 32


Tags: giovanni dosi, investimenti, lo stato innovatore, marianna mazzucato

Commenti

 

LA TRUFFA DELL’ EURO

- La “BCE” stampa Euro senza stampare l’interesse
( quindi Euro – interesse )

- Poi vuole indietro il Prestito più l’Interesse
( quindi Euro + interesse)

ORA DOMANDA:

Se tutta la Moneta in circolazione l’ ha stampata la BCE e se la BCE ha stampato il Denaro senza stampare anche il Denaro per pagare l’INTERESSE,
come fa il DEBITORE a pagare l’INTERESSE se la quantità Monetaria dell’INTERESSE non è mai stata stampata?

E’ talmente facile capirlo che la vostra mente fatica a comprenderlo.
(Claudio De Marco)

Giovanni Antonio 24.05.17 18:18| 
 |
Rispondi al commento

Ho trovato in Internet questa tabella (utile come memo)che sottopongo alla v/s attenzione:

DOGMI NEOLIBERISTI DELL'UNIONE EUROPEA
Questo è ciò che avremo dall’Unione Europea, sempre e soltanto questo !!

A)-Tagliare la Spesa Pubblica in Servizi, Sanità, Istruzione e Infrastrutture.

B)-Tagliare i Salari e le Pensioni.

C)-Privatizzare tutto ciò che è rimasto Pubblico, inclusa l’Acqua e le Infrastrutture vitali del Paese.

D)-Licenziare sempre più Dipendenti Pubblici, anche fra gli impieghi vitali come Insegnanti,
Vigili del Fuoco, Polizia e Sanitari.

E)-Liberalizzare ogni settore dell’Economia, anche quelli strategici per l’Interesse Pubblico.

F)-Ridurre al minimo il Welfare e gli Ammortizzatori Sociali.

Giovanni Antonio 24.05.17 17:59| 
 |
Rispondi al commento

"Dire che uno Stato non può perseguire i suoi scopi per mancanza di denaro è come dire che un ingegnere non può costruire strade per mancanza di chilometri" (Ezra Pound).


Conosciamo il denaro?

Che cosa è veramente il denaro? Quasi nessuno sa che cosa esso sia veramente e quali siano le sue reali proprietà, che in effetti sono le conoscenze meglio custodite.
Neanche nelle facoltà vengono insegnate.

Soprattutto niente viene rivelato circa il potere di creare denaro: la Sovranità Monetaria.

E su chi lo esercita in concreto, al di fuori di qualsiasi regola e controllo democratico, arricchendosi con una tassa occulta che si porta, anche in Italia, un’ampia fetta dei nostri denari sotto forma di tasse.

Tasse per pagare gli interessi sul DEBITO PUBBLICO e per colmare il Deficit di Bilancio.

Ma né il Debito Pubblico né il Deficit di Bilancio esisterebbero se lo Stato non avesse ceduto la Sovranità Monetaria alle Banche Private, rinunciando gradualmente alla propria libertà politica e indebitando sempre di più la Nazione, invece di “stamparselo in proprio a costo zero”.

Giovanni Antonio 24.05.17 17:42| 
 |
Rispondi al commento

IN TEMA DI SOVRANITA’ MONETARIA

“ Una volta che la gente ha capito il funzionamento della moneta moderna, il Governo non può più giustificarsi dicendo che non ci sono i soldi per implementare i servizi pubblici,
costruire ospedali,scuole e infrastrutture.

La capacità di spesa dello Stato a Moneta Sovrana è di fatto illimitata.”
Prof.ssa Stephanie Kelton

Potenzialità della Moneta Sovrana (MeMT)

-Lo Stato non può “andare in rovina” o “finire” il denaro.

-Lo Stato “non è” operativamente “vincolato alle entrate erariali”.

-Lo Stato “non ha bisogno di prendere in prestito” la propria valuta.

-Lo Stato “non ha vincolo di spesa” se non quello autoimposto.

-Lo Stato “può stabilire” il tasso d’interesse, a qualsiasi livello.

-Lo Stato “ha un ampio spazio” di politica economica.

-Lo Stato può perseguire politiche “di piena occupazione”.


Prof. Giacinto Auriti

“Senza la Sovranità Monetaria le nuove generazioni non avranno altra scelta che quella tra il suicidio e la disperazione.”

“Ci hanno regalato la crisi ed è la più grossa truffa che potevano farci, perché ci hanno tolto la serenità, i sogni, la voglia di agire, il piacere di lavorare, il piacere di vivere. Oggi si sta sopravvivendo, si tira a campare e si spera che succeda qualcosa che cambi la situazione.
Meritano la galera.” (Dario Fo)

Giovanni Antonio 24.05.17 17:34| 
 |
Rispondi al commento

Noto, con disappunto, che nel Movimento ci sono ancora molti sostenitori dell’euro e della UE (Usura ed Estorsione)…come se non fosse ancora chiara l’attuale disastrosa situazione socio/economica in Italia!

Con l’occasione riporto alcune citazioni di stimati economisti:

Uscire dall’Euro: parla l’economista Jacques Sapir

“Le catastrofiche conseguenze passate e future dell’Euro devono essere costantemente ricordate
per convincere i cittadini che restare nell’Euro offre loro solo un futuro di restrizioni e di miseria.”


Paul Krugman (premio Nobel per l’Economia)

“Adottando l’Euro l’Italia si è ridotta allo stato di una nazione del Terzo Mondo che deve
prendere in prestito una moneta straniera, con tutti i danni che ciò implica.”

Alain Parguez (Economista francese)
“L’Euro fu creato per imporre austerità, lo smantellamento degli Stati, il dominio della finanza”

Diego Fusaro (Filosofo)
“Riprendiamoci tutto!”
“L’Euro è una moneta privata e sopranazionale gestita dalle banche e non dalla politica statale.
Tutela gli interessi di pochi a discapito di quelli dei tanti.
Non mira a servire i Popoli ma a renderli schiavi.”

Giovanni Antonio 24.05.17 17:28| 
 |
Rispondi al commento

In tema di Sovranità Monetaria:

Maurice Allais (premio Nobel per l’Economia 1988)

“L’attuale creazione di denaro dal nulla operata dal sistema bancario, è identica alla creazione di moneta da parte di falsari.
La sola differenza è che sono diversi coloro che ne traggono profitto.”


John Kenneth Galbraith (Economista)

“Il procedimento di creazione del denaro è talmente semplice, che la mente fatica ad accettarlo”
“Con la moneta emessa a DEBITO lavoriamo 8 mesi per pagare le tasse di cui 2 per pagare i beni e i servizi, il resto per pagare gli interessi di un Debito creato in modo truffaldino, anticostituzionale, criminale ed immorale.
Con la moneta di PROPRIETA’ lavoriamo 2 mesi per pagare le tasse cioè i beni e i servizi che lo Stato offre.”

Henry Ford (industriale, ingegnere e progettista statunitense)

“Meno male che la popolazione non capisce il nostro sistema bancario e monetario, perché se lo capisse, credo che prima di domani scoppierebbe una rivoluzione.”

Giovanni Antonio 24.05.17 17:26| 
 |
Rispondi al commento

(scritto da veritanwo)

Il Signoraggio Bancario spiegato in modo semplice

La vera causa e origine della crisi che attanaglia tutto il mondo occidentale sta nella gestione dell’emissione Monetaria, che è affidata e demandata a banchieri privati e non alla collettività come dovrebbe essere.

Uno Stato dovrebbe avere la facoltà di stampare denaro per avvalorare le produzioni, per misurare il valore del lavoro e favorire gli scambi.

Uno Stato Sovrano emette moneta quando ne ha bisogno e la ritira (mediante le tasse) quando ce n’è troppa in circolazione e vuole evitare svalutazione.

Il nostro sistema monetario invece non è così. L’emissione della moneta è gestita da banchieri che
stampano e creano dal nulla le banconote, e le PRESTANO alle Nazioni esigendo un interesse annuale sulle stesse!

Le Nazioni non emettono denaro, ma Titoli di Stato. Le banche “investono” sui Titoli di Stato e
forniscono liquidità alla Nazione, che allo scadere del titolo rimborsa alla banca i soldi più gli interessi.
Oppure si limita a rimborsare gli interessi, generando o alimentando il Debito Pubblico, che man mano che gli interessi richiesti aumenteranno (di pari passo con l’entità del debito) porterà
alla rovina lo Stato,
strozzato dal DEBITO PUBBLICO.

Una vera e propria truffa mediante la quale i banchieri stampano carta, nella migliore delle ipotesi, o inseriscono una somma in un sistema informatico (senza necessità di stampare) dopodiché si impadroniscono di beni reali e tangibili,frutto del nostro lavoro.

Il signoraggio è una truffa “ più difficile da credere che da capire “, per citare una definizione dell’avvocato Marra.

http://youtu.be/VGXEV03MI0M) - Apocalisse mordida 1998

Questa bambina di 12 anni spiega il signoraggio bancario: assolutamente da vedere ! (ca. 6 min.)

https://www.youtube.com/watch?v=wYdAnlm8NTg


Giovanni Antonio 24.05.17 17:23| 
 |
Rispondi al commento

Per capire in due parole la schiavitù dell’Euro:

Quando uno Stato non ha più la possibilità di battere moneta, ogni centesimo che arriva è a Debito e i debiti vanno pagati con gli interessi.
Oggi gli Stati economicamente più deboli vengono dissanguati solo per arrivare a pagare gli interessi mentre il Debito continua a salire.

Questa è la politica monetaria dell’Euro:
lucrare sugli interessi e tenere i cittadini alla fame!”

Giovanni Antonio 24.05.17 17:18| 
 |
Rispondi al commento

Per coloro che si ostinano a difendere l’euro.

Cercate di capire questo semplice concetto:

l’Euro non è stato un errore, ma un piano studiato nei minimi dettagli per togliere la
Sovranità ai Popoli.

Le decisioni impopolari della politica, non sono errori, ma strategie per ridurre il Popolo
alla miseria e alla sottomissione.

Appena ti accorgi di un errore fai il possibile per correggerlo, mentre, se non provi a rimediare ...è evidente che il tuo scopo è un altro.

Giovanni Antonio 24.05.17 17:14| 
 |
Rispondi al commento

Ho trovato in Internet questa tabella…sinteticamente efficace, o efficacemente sintetica: fate voi.


LA TRUFFA DEI BANCHIERI E DELL’ EURO

E’ una truffa di una linearità e di una semplicità incredibile. Forse è per questo che milioni di persone non ci arrivano: perché è troppo semplice, è talmente semplice che la gente non ci crede!

SITUAZIONE PRIMA DELLA TRUFFA:
Lo Stato stampava in proprio (si chiamava Sovranità Monetaria) la CARTA (Moneta) di cui esso e i cittadini necessitano.

ECCO LE CINQUE FASI della TRUFFA dei BANCHIERI:

FASE 1
-Togliere allo Stato la possibilità di stampare Carta Moneta.

FASE 2
-Forzare lo Stato a togliere più Moneta dalla circolazione di quella che reimmette in circolo (=aumento dei tassi d’interesse sui titoli pubblici, aumento delle tasse, spending review, ecc…)

FASE 3
-A furia di togliere Carta Moneta dalla circolazione si crea una situazione di SCARSA LIQUIDITA’:
:ossia finisce che dopo un po’ di tempo lo Stato, le imprese, i cittadini non hanno più la Moneta
necessaria per proseguire nelle loro usuali attività.

FASE 4
-A questo punto parte il RICATTO allo Stato ed ai CITTADINI , ossia chiedere allo Stato, alle imprese, ai cittadini di cedere beni reali ( immobili, oro, imprese ) in cambio della CARTA (Moneta)
di cui essi necessitano per andare avanti.
In altre parole cedere BENI REALI in cambio di CARTA (Moneta): cioè cedere BENI REALI in cambio di BENI FINANZIARI…

FASE 5
-Finita la spoliazione, dopo che cioè che lo Stato e i Cittadini hanno venduto tutto ciò che potevano vendere, la Nazione viene espulsa dall’EURO.
Tanto oramai non c’è più ricchezza da estrarvi. Oppure RESTA nell’EURO, come zona sub-coloniale, e allora per questa Nazione restare nell’Euro è comunque peggio che uscire dall’Euro.

LA TRUFFA E’ TUTTA QUI. Informate la gente.

Un saluto a tutti.
Un Esodato Super-Incazzato.

Giovanni Antonio 24.05.17 17:08| 
 |
Rispondi al commento

Molto soddisfatto con il trattamento della mia applicazione di prestito di 80000 a 200.000 euro con un tasso basso di 2%.
Raccomando a chi vuole un prestito in gravi condizioni per l'acquisizione della sig. ra Beeliada POUPARD (prestitobancario2017@gmail.com). Una seria concorrenza e velocità. Da non perdere non, ma molto sincera gratitudine sul seguito dato al mio account fino al rilascio dei fondi. L'ha fatto a tempo di record. Questo messaggio è per voi e va al posto di qualsiasi richiedenti credito al fine di risolvere tutte le vostre preoccupazioni finanziarie.
E-mail: prestitobancario2017@gmail.com

rolita maldini Commentatore certificato 24.05.17 12:05| 
 |
Rispondi al commento

Questo messaggio si rivolge alla persona avente bisogno di prestito per affrontare le difficoltà finanziarie per uscire dal vicolo cieco che causano l'economia al giorno d'oggi. Siamo in grado di farvi prestiti in tutti i domini o che siate e con condizioni che vi faciliteranno la vita e un tasso annuale da partire dal 2%. se avete bisogno di prestito non esitate a contattarle per ulteriori informazioni sulle nostre condizioni.

Personale Mail: piombiipatrizia@gmail.com
Invia la nostra azienda loanprivate.invest@gmail.com
ecco il nostro numero di WhatsApp: +33755015299

Grazie e buona giornata.

Piombi 24.05.17 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Keynes è l'asino a cui si appellavano i democristianiquando i comunisti usavano Marx,oggi lo usano i comunisti o pd o dir si voglia per fare quello che ha fatto la dc: 2300 miliardi di debito pubblico , Marx resta solo a Fusaro e Maduro.


Il punto è' la supremazia della politica sull'economia e in particolare sulla finanza. Solo così' si potrà avere uno Stato innovatore o quantomeno uno Stato degno di questo nome, il che oggi non è'.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 22.05.17 15:41| 
 |
Rispondi al commento

Lo stato deve regolamentare l'economia, e fare in modo che il più forte non schiacci il più debole, la tanto decantata "competitività" non è altro che "vita mia, morte tua"
Lo stato deve tutelare la scuola pubblica, la sanità pubblica, i beni pubblici come l'acqua, fare politiche che proteggano la famiglia, e non costringere le persone a diventare nomadi senza stabilità affettiva, senza stabilità data dalla casa e da un lavoro stabile.

Donata Saggiorato, Vicenza Commentatore certificato 22.05.17 09:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Rivolgete sempre lo sguardo al futuro!"
- gridano spesso i furbi, che così ci rubano il presente.

Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 22.05.17 02:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Dimenticato: "le politiche neoliberiste hanno.." .
NO
L'entrare nei trattati e nell'euro ha generato gli squilibri che stiamo vivendo.

Chi ci ha fatto entrare ed ha firmato tutti i trattati non furono governi di centrodestra ma le piu' belle anime del PCI e del PD attuali.


La sinistra italiana e' la responsabile della situazione che stiamo vivendo .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 22.05.17 02:20| 
 |
Rispondi al commento

a)"Solo lo stato...": falso : in USA 3 aziende private assicurano la prersenza nello spazio , tutte le aziende piu' innovative sono private.

b)L'investimento statale di cui vagheggia l'articolo fu "MILITARE" da cima a fondo, e relativo alla guerra fredda: comunque approvo l'idea di finanziare la ricerca per costruire ordigni nucleari tattici di piccola potenza (sto pigliando per i fondelli l'estensore del post) .

c)Noto con delusione che nessuno degli artefici italiani della fusione fredda (Deninno per es.) e' invitato ma si invitano esperti di professione esperti e non scienziati che fanno gli scienziati .

d)Per mettere in pratica la frase di Keynes (cosa buona e giusta) non dobbiamo fare quello che dicono gli esperti ma fare cio' che essi non dicono perche' contrario ai loro interessi di esperti al soldo di lobby. Infatti se un esperto (che di fatto e' un mercenario) ti dice di essere innnovativo facendo questo o quello come posso essere innovativo se lo sanno tutti ?

Io ripropongo: robotica per l'agricoltura, trasporti marittimi automatici, industria pesante e militare.


Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 22.05.17 02:06| 
 |
Rispondi al commento

FINALMENTE SI PARLA DI KEYNES.
LE POLITICHE KEYNESIANE, DA ROOSVELT FINO AGLI ANNI 70, HANNO PORTATO BENESSERE IN TUTTO L'OCCIDENTE, ITALIA COMPRESA.
DA QUANDO SI E' TORNATI AL LIBERO MERCATO SONO INIZIATI I GUAI.
EURO ED EUROPA HANNO AGGRAVATO LA SITUAZIONE.
SE VOGLIAMO USCIRE DALLA CRISI DOBBIAMO TORNARE A KEYNES, ALLA SOVRANITA' MONETARIA, POLITICA ED ECONOMICA.

Santo Nalbone 21.05.17 20:48| 
 |
Rispondi al commento

Cari Amici
sarebbe possibile seguire in diretta l'incontro del 24 maggio organizzato presso la camera dei deputati?

Grazie e buon lavoro.
G. Balzi Torino 21 05 2017

Giovanni Balzi , Torino Commentatore certificato 21.05.17 19:57| 
 |
Rispondi al commento

il rapporto tra politica ed economia è un fatto complesso, lo Stato Imprenditore ha creato delle degenerazioni notevoli dove la politica e i partiti decidevano cos'era l'economia e come svilupparla in certi territori naturalmente in maniera clientelare, è stato un cavallo di battaglia del Craxismo e ancora adesso al Sud si pagano le conseguenze, lo stato INNOVATORE può essere diverso però nel caso della PEDEMONTANA tutti gli imprenditori privati aspettavano lo Stato INVESTITORE e poi si sarebbero aggiunti con lo scopo assieme di distruggere un territorio. La questione è colma di insidie

giancarlo sartoretto 21.05.17 19:41| 
 |
Rispondi al commento

ER POPOLO ha bisogno di un canale di comunicazione televisivo! ALMENO UNO !!!! Gli altri ne hanno tanti: le pecore vonno l'erba......magneno tutto !!

terenzio eleuteri Commentatore certificato 21.05.17 18:39| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Finora sotto il nome dell'INNOVAZIONE, o AMMODERNAMENTO (come da qualcuno definito), ho visto solo TOGLIERE DIRITTI.
Per il cambiamento ho visto DIRITTI CONQUISTATI CON DECENNI DI LOTTE DI CIVILTA' TRASFORMATI IN PRIVILEGI O CARAMELLE DA DISTRIBUIRE.
HO VISTO DISTRUGGERE I PROGETTI DI VITA DI FAMIGLIE CHE SI SONO VISTE TRASFERIRE IL PENSIONAMENTO DI SETTE ANNI E LA LIQUIDAZIONE DI NOVE E, a volte, secondo l'importo, UNDICI ANNI!
HO VISTO DEFINIRE, E ADDITARE DA CHI, PURTROPPO, NON LA ABBIA, LA NORMALITA' DI UNA VITA NORMALE COME VITA DA CONDANNARE DI PRIVILEGIATI!
Ho visto travisare il cambiamento, come ce lo si aspetterebbe, in meglio, in cambiamento in peggio.
Ho visto l'imbarbarimento e la lotta tra poveri, giovani contro anziani, pensionati a retributivo contro pensionati a contributivo, giovani e disoccupati o sottoccupati contro pensionati, lavoratori del settore pubblico contro quelli del settore privato, una categoria di lavoratori in lotta contro l'altra per decidere quale sia la categoria più usurante e che possa andare in pensione MENO TARDI:
"DIVIDI ET IMPERA".
SE QUESTA E' INNOVAZIONE PREFERISCO TORNARE AL MEDIO EVO.
Dimenticavo: qualche importantissimo cambiamento è stato fatto: quando ti eri finalmente imparato, che ne so, a fare la dichiarazione dei redditi, hanno cambiato tutto e hai dovuto imparare da capo; quando era semplicissimo pagare il bollettino postale per il canone TV, te lo hanno messo nella bolletta della luce e, in molti casi, hai dovuto fare dichiarazioni che ti hanno fatto perdere tempo; e, per caso, naturalmente non c'è nessun nesso tra le due cose, poi la bolletta è aumentata per "spesa per oneri di sistema"; ma, perché, prima, questi oneri non li pagavo?

Giuseppe Casagrande 21.05.17 17:55| 
 |
Rispondi al commento

“Lo Stato non è un nemico da cui difendersi, ma può fornire supporto nei momenti di bisogno e guidare lo sviluppo tecnologico ed economico.”

Dipende. Personalmente riterrei un nemico da cui difendermi uno Stato che mente e mi imbroglia.
Uno Stato che ad esempio affermasse: “la sovranità appartiene al popolo” mentre di fatto il potere decisionale sulla Cosa Pubblica fosse in mano a pochi.
Pochi che gestissero uno pseudo-sviluppo con l’intento di guidare il popolo verso falsi bisogni, usando tecnologia ed economia per propri fini speculativi, ovvero per fornire supporto ai propri interessi, infischiandosene dell’interesse e dei reali bisogni del popolo “sovrano”.

Barbalella B. 21.05.17 12:59| 
 |
Rispondi al commento

le uniche cose nuove sono le tasse e qualche legge contro i lavoratori ma non sono cose nuove, il similperiodo storico buio chiamato 'feudalesimo' colla differenza che poi ci fu il rinascimento mentre ora prevedo il buio più buio.

mario di genova 21.05.17 12:54| 
 |
Rispondi al commento

Per riassumere si può sostenere che sia il tempo di Più Stato e Meno Mercato. Siamo giunti alle stesse considerazioni del secolo passato, con alcune sostanziali differenze: molto a pochi e poco a molti, la differenza sta nella consapevolezza che tutto può stare insieme solo se avere "freddo, tepore, luce e mobilità" starà in sintonia con le immutabili leggi della natura. E qui comincia la parte più difficile.

Roberto Rainoldi 21.05.17 12:11| 
 |
Rispondi al commento

suggerirei di mettere un filtro per tutti coloro che inseriscono degli indirizzi e-mail, oppure "minacciare" le persone che inseriscono questi post pubblicitari (per le loro tasche) di inviargli come richiesta di conferma del post inserito un bel "ransomware" (come i vari cryptolocker I, II e successivi e l'ultimo "wannacry" docet).

luigi 21.05.17 11:12| 
 |
Rispondi al commento

ma cosa è tutto questo "fiorire" di filantropi nel blog, non c'è un solo e, ripeto, UN SOLO tread che non abbia al suo interno almeno una 10ina di proposte di prestiti economici.
Dopo quello che si inizia a capire in merito alla ONG, leggere qui di chi scrive di poter fare prestiti fa INORRIDIRE.

luigi 21.05.17 11:07| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori