Il Blog delle Stelle
Nell'#Italia5Stelle c'è un sistema bancario più equo

Nell'#Italia5Stelle c'è un sistema bancario più equo

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 13

di Enrico Cappelletti, M5s Senato

A Italia 5 Stelle - Rimini 22, 23, 24 settembre 2017 parleremo anche di banche. È un argomento caldissimo, dato che gli ultimi governi hanno speso decine di miliardi di euro dei soldi dei contribuenti per salvare o per ricapitalizzare istituti di credito. Ma secondo voi è giusto salvare le banche regalandole a soggetti privati quando potremmo renderle invece pubbliche e tutelare il risparmio come vuole la nostra Costituzione? È giusto lasciare impuniti gli amministratori che hanno prodotto i crac di questi ultimi anni? Ovviamente no.

A Italia 5 Stelle parleremo della nostra idea, di una nuova idea per un sistema bancario nazionale, che sia più equo, più giusto e a misura delle imprese e dei risparmiatori. Vi ricordo, infine, che se lo riterrete potrete versare un piccolo aiuto economico per sostenere il nostro evento. Ci vediamo a Rimini. A presto!

I5S2017_460X230.png



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

28 Ago 2017, 10:21 | Scrivi | Commenti (13) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 13


Tags: banche, Enrico Cappelletti, italia 5 stelle, m5s

Commenti

 

E il cazzaro maledetto che doveva uscire dalla politica...parte sul treno per arginare i populismi e presentare il suo libro pulisci cu....che senza vergogna... che faccia di c.dice tutto e nega tutto..mi manda fuori di testa....rappresenta come la sua vecchia ombra il peggio del l'indole dell'italiano medio...incoerenza..spocchia..furbizia.contaballe .fancazzista cinismo e pelo sullo stomaco...cazzaro maledetto

Armando Pace 30.08.17 02:41| 
 |
Rispondi al commento

LA FALSA INFORMAZIONE DI TV E STAMPA DI REGIME SI PUO' SCAVALCARE E SENZA ALCUNA FATICA !!!
SCRIVETE TUTTO E SEMPRE SU MANIFESTI MURALI, IL WEB INFORMA UNA PICCOLISSIMA PARTE DI CITTADINI !!!
SE SI VUOLE STRINGERE E VERAMENTE GOVERNARE OCCORRE IL CONSENSO !!!
IL CONSENSO SI OTTIENE CON L'INFORMAZIONE !!!
CON IL WEB OCCORRONO 100 ANNI PER INFORMARE !!!
PER I SOLDI USATE QUELLI CHE RESTITUITE !!!
GOVERNANDO, DI SOLDI, SE NE POSSONO RISPARMIARE MOLTI DI PIU' !!!

Franco Della Rosa 29.08.17 18:47| 
 |
Rispondi al commento

Se sono aziende private,anzi molte privatizzate a favore dei soliti noti previo esproprio dei precedenti legittimi proprietari,devono fare utili.
Cosa significa "sistema bancario più equo" ?
Abbiamo la banca d'Italia che non è più d'Italia ma di un gruppo ristretto di banche(controllati e controllori pari sono).
Abbiamo una BCE che fà il QE,se non sbaglio 8 miliardi mese per l'italia,e dove sono finiti i soldi ? alle imprese per svilupparsi o alle società,emanazione delle banche,che fanno credito al consumo variabile dall'8 al 13 %.Timpiace vincere facile:compri a 1 vendi a 10.
Tirate fuori i dati di quanti soldi la BCE\Draghimammamia hanno "dato" all'Italia e quanti di questi sono andati a finire alle imprese che sono le uniche che creano lavoro.

franco selmin, montegrotto terme Commentatore certificato 29.08.17 16:01| 
 |
Rispondi al commento

Le banche devono far funzionare il sistema non fare utili da banche private per i loro azionisti ...
Sono le imprese che devono fare utili

Alessio. Santi., Vernio Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 29.08.17 07:19| 
 |
Rispondi al commento

LA PRIMA CASA NON SI TOCCA!
Regola molto equa e semplice che dovrebbe fare parte di una costituzione di un Paese Civile, ma che civile non è.
Quindi senza tante palle, vedete di togliere dagli artigli di questi cialtroni bancari quello che serve a un cittadino per essere un essere umano: LA DIGNITAì.

LUCA PAOLINO 29.08.17 00:27| 
 |
Rispondi al commento

E'possibile acquistare titoli fasulli con soldi pubblici??? e poi sanare le perdite sempre con soldi pubblici??? forse solo in questo paese e nessuno paga per questo...

sergio boscariol 28.08.17 20:12| 
 |
Rispondi al commento

L'idea potrebbe essere giusta. Ma siccome siamo inseriti in un sistema liberale dove il poter economico la fa da padrone, la vedo dura. Vedi Venezuela!

Roberto Maccione Commentatore certificato 28.08.17 17:56| 
 |
Rispondi al commento

( continuo dalla risposta di sotto delle 15,14 )

... LE BANCHE DEVONO RISPETTARE I CRITERI CONTABILI !! ( e non dei criteri a parte o di comodo ) .
Ovviamente per far rispettare le leggi/criteri ci vorrebbe una Magistratura indipendente e non corrotta , un Ministero dell'Economia & Finanze
non colluso , e ovviamente una volontà politica che non c'è .... almeno fino ad ora .

Lino V. Commentatore certificato 28.08.17 15:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sì , ma a parte il problema di rendere o avere
banche pubbliche ( compresa la Banca Centrale che è in mano ai privati . L'Italia è l'unica Nazione ad avere una B.C. al 100% privata ) .
Poi ,
IL privato che stampa denaro è considerato in tutte le leggi del Mondo un FALSARIO !!punto.

poi,
Dovete parlare anche del SIGNORAGGIO BANCARIO !!
Sia quello "classico" & sia quello contabile .

Quello classico ormai lo sappiamo ( un biglietto da 50E. ha un costo di stampa di 0,40 E. più o meno ) .

Quello contabile , invece NON ne parla mai nessuno !!
La Banca quando da , ad esempio per un prestito , crea denaro digitale
ma NON lo regista in ATTIVO ma in Passivo !!
In pratica vende/presta un bene CHE NON HA !!
E Che non risulta da nessuna parte !!

AD ES: :
se presta 100.000 E. e il cliente
ne restituisce 100.000 .... paga le tasse solo sugli interessi ;
Invece se :
ne riporta "solo" 80.000 E.
per la contabilità della Banca risulta una perdita di 20.000
e NON un guadagno di 80.000E.!! come dovrebbe
risultare in una contabilità normale ( e che se lo facessimo Noi l'Ag. delle Entrate Ci farebbe chiudere il giorno dopo !! ).


Lino V. Commentatore certificato 28.08.17 15:14| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Enrico!

Salvare le Banche, per salvare i risparmiatori, ok.
Ma punire in modo esemplare gli amministratori che hanno prodotto il crac, non lasciarli al loro posto.

E dato che i contribuenti, e in parte anche i cittadini, ci hanno messo decine di miliardi di euro per risanarle, l’unica cosa sensata è nazionalizzare le banche in questione, renderle pubbliche.

Qualcuno griderà stizzito contro questa proposta? Gli rispondiamo che in Germania ad esempio, come in altri Paesi, le banche pubbliche sono una realtà vincente da vari anni.

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 28.08.17 14:24| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Le rivelazioni costruttive, le proposte sagge e oneste, i ragionamenti rivelatori ed esplicativi di quanto siamo mal governati e di quanto la vecchia politica continua a gestire scorrettamente la Nazione e la remissività dimostrata nel rapporto Europeo, tutto ciò entusiasma per quell'orizzonte tanto sperato e che si realizzi, chiaramente visibile, un miglioramento generale del prossimo futuro della precaria situazione italiana per colpa di altri interessi, spesso e volentieri personali, chiaramente dimostrato da fatti provati.
Di fronte a commenti aventi questa tema, è allettabile procedere con il copia-incolla, e lo si fa per divulgare il vero a coloro che continuano a dare il potere, con il loro voto, a individui da scarto assoluto.
Forza Ragazzi del M5S, non arrendetevi mai!

Antonio Zanzarella 28.08.17 12:03| 
 |
Rispondi al commento

di maio e dibattista forever li voglio uno pres del consiglio e laltro ministro della giustizia perche se no questo ns paese sprofondera x lincapacita dei politici attuali io o fiducia il mio voto e assicurato a vita ciao

rancof loconte, riccione rn Commentatore certificato 28.08.17 11:43| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori