Il Blog delle Stelle
#ProgrammaFisco - Fisco A++

#ProgrammaFisco - Fisco A++

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 73


di Ignazio Conte, responsabile area economica, finanza e tributi di Codacons Veneto

La tutela dell’ambiente, in quanto bene comune e patrimonio dell’intera collettività, rappresenta un obbiettivo irrinunciabile. A tal fine, il sistema fiscale può costituire un valido strumento per incentivare o disincentivare determinati comportamenti non sostenibili per l’ambiente. Sono però, così tante le analogie tra tutela dell’ambiente e tutela del lavoro che, nel contesto fiscale, non si può parlare dell’uno senza fare riferimento all’altro. Volendo introdurre nuove tasse in tale ambito, vale la raccomandazione di non ripetere l’errore già compiuto con la tassazione del lavoro. Il costo fiscale, applicato sulla produzione, per esempio il lavoro, è sempre e comunque una pericolosa zavorra economica che genera una burocrazia altamente tossica, costosa e nemica della qualità della vita.

Infatti, ogni aumento del costo di produzione, deve creare valore aggiunto e non soltanto un aumento di prezzo dovuto alle imposte. Alla riscossione delle imposte sull’inquinamento ambientale, per lo più applicate oggi sulla produzione attraverso specifiche accise, si potrebbe, in futuro, procedere a tassare esclusivamente il momento finale del consumo, salvaguardando accuratamente tutte le fasi della produzione.

Va però garantita l'invarianza del gettito tributario complessivo e l’invarianza dei singoli prezzi al consumo. Oggi è questo il vero nodo tecnico da sciogliere. Anzi, con l’auspicata nuova impostazione di trasferimento diretto delle tasse sui consumatori, senza l’ambiguità e senza le contraddizioni dell’attuale impianto tributario, si può agevolmente dare origine a un’armoniosa dinamica di progressivo passaggio delle tasse dal lavoro all’ambiente. Va però precisato che l’inquinamento ambientale, così come per il lavoro, deve limitarsi a svolgere il ruolo di parametro oggettivo, vale a dire, di semplice misurazione della tassa e non di presupposto soggettivo per applicarla.

Quando si decide di tassare le diverse tipologie di agenti inquinanti dell’ambiente e il lavoro, lo si faccia tenendo ben presente che il primo è fondamento della vita e il secondo lo è della Repubblica, e insieme rappresentano il fondamento dell’economia. E in economia è prioritario il principio del minimo sforzo per il massimo rendimento e non il suo contrario, vale a dire, il massimo sforzo, le tasse e la burocrazia, per il minimo rendimento, la crisi recessiva. Lo stato deve sforzarsi di utilizzare la misura di ambiente consumato e la misura di lavoro impiegato come informazione tributaria necessaria a costruire i parametri del loro consumo, per poi tradurre questi valori in capacità contributiva del consumatore e non più dei lavoratori e delle aziende. La tassazione come strumento per le tutele dell’ambiente, se fatta in capo alle aziende, potrebbe rivelare la cura peggiore della malattia con gli effetti che sono tragicamente sotto gli occhi di tutti, come già accade con la tassazione del lavoro. In alternativa, tassando i consumi e non le aziende, verrebbe attribuito, al consumatore, il diritto di scegliere di acquistare i beni e i servizi che inquinano meno pagandoli meno. Ai consumatori e non alle aziende produttrici va, in ultima analisi, la responsabilità di salvaguardare l’ambiente favorendo la scelta consapevole dei propri acquisti, anche attraverso agevolazioni fiscali. Il processo di tassazione sui consumi dovrà consentire di determinare il costo ambientale del prodotto. Esso viene evidenziato dall’ammontare stesso della tassa calcolata durante tutto il percorso produttivo e trasmessa come informazione tributaria fino a quando non venga applicata a carico del consumatore e in un'unica soluzione, durante, appunto, l’ultimo passaggio.

Tanto premesso, quali dei seguenti obbiettivi si ritengono prioritari?


A: introduzione di un tributo unico ambientale
, ad aliquote differenziate, sui consumi di beni e servizi, sia in sostituzione alla vigente normativa fiscale sulle accise e sia in compensazione, trasferendo progressivamente su di esso anche la tassazione sul lavoro.

B: promozione e diffusione di sistemi di certificazione basata sull’analisi di ciclo di vita, Life Cycle Assessment, che prevedano un adeguato indennizzo anche in forma di riduzione di imposte e agevolazioni fiscali da attribuire direttamente ai consumatori.

C: revisione organica delle imposte sussidi procedendo alle eliminazioni di quelle risultate non efficaci per la tutela ambientale e conseguente introduzione di misure che, attualmente, ancora mancano nel nostro ordinamento. Ad esempio la carbon tax.

D: incentivi fiscali a favore di coloro che consumano a minore impatto ambientale, ovvero, che con le proprie scelte nei consumi apportano benefici in termini di tutela dell’ambiente e riduzione degli agenti inquinanti, fra cui la promozione del riciclo, il riutilizzo di beni usati nonché l’uso delle fonti rinnovabili, delle produzioni a km 0, delle fonti alternative alle fonti fossili per l’autotrasporto.



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

4 Lug 2017, 10:18 | Scrivi | Commenti (73) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 73


Tags: a++, fisco, ignazio conte, m5s, programma, tutela ambiente

Commenti

 

Non ci sarà mai un Paese "normale" in cui siano garantiti: etica, giustizia vera, tassazione in base ai redditi reali di tutti, merito, istruzione, ecc. se non cambieremo tutti il ns. atteggiamento ambiguo.

I guai dell'Italia sono iniziati prima della sua presunta unità e sono continuati assai peggio subito dopo. Sono secoli che il Paese è in mano alle mafie di ogni genere con cui si spiegano molti dei vostri commenti nei vari blog. Se li cuciste insieme, avreste il quadro corretto della situazione reale.

Comunque:

Se qualcuno di voi non sapesse ancora cosa ci sia stato dietro l’Unità d’Italia, qui troverà la risposta che nessun libro di testo scolastico si è mai degnata di dare.

Se qualcuno di voi nutra dei dubbi sulle capacità e il potere delle organizzazioni mafiose, ‘Ndrangheta in testa, qui troverà solide argomentazioni al riguardo.

Se qualcuno di voi non sappia cosa sia il “Male Assoluto”, qui toccherà con mano a che livello di abiezione possa arrivare l’uomo pur di agognare fama, soldi e potere.

Se al prossimo terremoto di magnitudo maggiore o eguale a 6.0 al Sud (ma anche altrove) ci saranno molte migliaia di morti, qui troverà le ragioni per cui ciò è stato permesso.

I link in calce a questa nota sono riferiti alle lezioni che il Procuratore della Repubblica Nicola Gratteri - a cui andrebbe fatto più di un monumento in vita per la meritoria opera di divulgazione e i rischi mortali corsi finora – ha tenuto nel 2012 presso l’università LUISS “Guido Carli” e il 14 aprile 2016 presso l’Istituto “Majorana” di San Lazzaro di Savena

Basta avere il tempo di ascoltare, anche per pochi minuti, e la mente si apre verso orizzonti che quasi nessuno finora si è brigato di esplorare e tanto meno narrare così dettagliatamente e compiutamente.
AA

Nicola Gratteri – LUISS Guido Carli

https://www.youtube.com/watch?v=nEMgLER7FT8

https://www.youtube.com/watch?v=5DgumTSGjbM

Istituto Majorana 14 aprile 2016
https://www.youtube.com/watch?v=ipx6CF6vuU

Antonio Alei, Capena Commentatore certificato 18.07.17 14:11| 
 |
Rispondi al commento

Buongiorno a tutti. Non sono sicuro che il contenuto del mio messaggio sia pertinente.
Comunque, penso che: se il movimento 5 stelle, riuscisse, con leggi ad hoc. Ad anticipare l'ingresso in pensione dei vecchi e, riuscisse a garantire l'ingresso ai giovani nel mondo del lavoro,
VINCEREBBE A MANI BASSE.
Se poi, manterrebbe ciò che promesso, L'ITALIA SAREBBE A 5 STELLE.
Tra i tanti temi in ballo, secondo me, bisognerebbe mettere mano a questa disastrosa riforma pensioni.
Vi chiedo scusa e buona giornata.

Donato S. 10.07.17 16:03| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
Io sono un individuo che offre prestiti all'internazionale. Avete bisogno di un prestito? quanto avete bisogno e quanto tempo dopo il rimborso me questo importo? In attesa di leggere da voi al seguente indirizzo se l'applicazione è veramente grave: reicheldirk@libero.it

Cordialmente

Reichel dirk 10.07.17 12:14| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto con attenzione tutti i post che riguardano il punto di programma sul fisco e devo dire, con dispiacere, che sono soddisfatto solo in parte. Per rilanciare il Paese, recuperare la fascia di popolazione caduta sotto la soglia di povertà, far ripartire i consumi, non bastano una lotta (vera) alla corruzione, il reddito di cittadinanza e la semplificazione tributaria. Diciamo che queste ultime sono misure necessarie, ma non sufficienti. Si deve anche pensare alla enorme disuguaglianza sociale che provocano le tante forme di evasione e elusione fiscale, per abbattere le quali occorre una rivoluzione copernicana nel sistema tributario. A mio parere ci si dovrebbe ispirare al modello americano, i cui capisaldi sono pochi e molto semplici da comprendere: 1 - se evadi vai in galera 2 - dall'imponibile possono essere dedotte molte spese indispensabili per vivere. Basterebbe studiare un sistema con due sole aliquote secche (una per i privati e una per le imprese), in grado di garantire il gettito necessario per il mantenimento dei conti in ordine. In altri campi il M5S si distingue per capacità di innovazione politica e propositiva. Spero vivamente che anche in campo fiscale il M5S dia una svolta a questo Paese dove ci sono troppi furbi che fanno la bella vita e gli onesti vengono vessati oltre misura.

alessandro del grande Commentatore certificato 06.07.17 19:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

ELIMINIAMO
il fermo sulle automobily
fa solo ammalare la povera gente-
gli "altri" affittano suv da spa - g.e. capital ed simaliar

-----------------------
e' fondamenatle
garantisco al 100 %

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 06.07.17 05:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

GLI ONESTI DEL M5S RAPINANO GLI AUTOMOBILISTI ROMANI
A Roma è stata attivata la corsia preferenziale di via Portonaccio ma lo sapevano solo i Grillini. Multe a gogo per centomila Romani.
L'assessore Enrico Stefano ideatore della trappola li prende per il culo dicendo che è tutto regolare
la Raggi prevede un introito extra di 10 milioni di euro in multe e gongola.
Arriva il M5S ,occhio al portafoglio

Cristian G., rm Commentatore certificato 05.07.17 16:48| 
 |
Rispondi al commento

salve sono Papalini Aurelio nel 2008 ho investito i miei soldi circa Euro 180000 in 3 banche prima in banca Intesa poi in MPS, poi li ho trasferiti in banca popolare di Vicenza , li mi hanno prima fatto firmare dei finanziamenti poi nel 2012 causa crisi mi hanno fatto sparire circa Euro 35000 adesso la mia situazione è disperata perchè io percepisco Euro 620 di pensione Ioart pago Euro 150 di afitto più bollette e con moglie disoccupata mi dovete dire come si fa a campare : premetto che quei soldi li avevo presi causa incidente mortale a mio figlio , non è giusto che questi delinquenti delle banche fregano la povera gente, anche se siamo una Nazione come Italia governata da persone di merda io sono residente a Laterina in prov. di Arezzo(paese della sign.Boschi ex ministra) comunque se volete la mia storia guardate tramite Facebok disagi sportello reclami Teletruria

Aurelio Papalini 05.07.17 07:12| 
 |
Rispondi al commento

Qui si continua a parlare di nuove tasse quando la soluzione è esattamente l'opposto: abbattere drasticamente il prelievo fiscale e il mostro burocratico da un lato e dall'altro tagliare ferocemente tutti gli sprechi con tutte le aree di privilegio strapagato a masse sterminate di clientes, di nullafacenti che campano di politica e nel sottobosco della politica. Chiedete immediatamente tutte le autority con i loro mastodontici apparati inutili come minimo se non addirittura dannosi per il comune cittadino italiano, con tutte le leggi leggine e codicilli che strangolano chiunque tenti di lavorare in proprio. Qui gli unici che ci sguazzano in questa selva di burocrazia e tasse sono le organizzazioni malavitose perché tanto a loro ed alle loro aziende nessuno osa andare a controllare nulla e tantomeno a contestargli nulla: per tal motivo sono anche avvantaggiate rispetto a ditte non malavitose le quali ultime debbono pagare tutto in maniera spropositata e per ottenere un qualsiasi autorizzazione debbono penare

innavoiG ossuR, AS Commentatore certificato 04.07.17 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Fisiognomica...Tratti facciali di criminali..

http://bit.ly/2sHZPfe


http://bit.ly/2sIgn6V


http://bit.ly/2tMHa6N

Tony 04.07.17 14:21| 
 |
Rispondi al commento

Umile suggerimento: non inseguite il consenso a tutti i costi, gli elettori vogliono verità, anche scomode.
Portate avanti la buona battaglia contro il capitale ed i suoi molti servi, indicate chiara la rotta e le persone vi seguiranno, pronte anche a fare sacrifici se l'obiettivo è chiaro.
Vale per l'euro e per tutto il resto, parlare chiaro e percorso ed obiettivi ben definiti.

P.S. Di Maio ottima persona, continui dunque a fare il portavoce in parlamento anche al prossimo giro.

Federica S. Commentatore certificato 04.07.17 14:15| 
 |
Rispondi al commento

ho sempre più la certezza che , indirettamente , il M5S è stato la fortuna dei pensionati e statali, pur di mantenere il loro bacino elettorale , verranno ricoperti d'oro , a discapito di noi precari con figli da mantenere !

paolo b., ancona Commentatore certificato 04.07.17 13:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cina, carcere per chi sbaglia le parole dell'inno nazionale

Il partito comunista cinese introdurrà 15 giorni di carcere per chi sbaglia le parole dell'inno o lo canta mettendosi la mano sul cuore: "È un gesto occidentale"

***************

Mezza Italia dovrebbe stare in galera..... io però la so tutta!

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 04.07.17 13:18| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A Tallin, son pronto a scommettere che le cose andranno nel solito modo: parole di apprezzamento per l'Italia, generici impegni (bla bla bla), pacca sulle spalle, pasticcini, ciao...... (occorrebbe essere durissimi, ma di "oni" Gentiloni, ce n'ha solo nel cognome....)

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 04.07.17 13:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Perché Francia e Spagna possono chiudere i loro porti agli invasori e a noi è impedito?

Perché il presidente dell'INPS (messo lì da chi?) può dire che la nostra economia ha bisogno degli stranieri che lavorino (mentre tra gli italiani i disoccupati alla disperazione sono a milioni) e,se lo dicesse in un altro Paese europeo, lo arresterebbero seduta stante?

Per quale recondito motivo a noi è toccato un presidente del consiglio piagnucoloso che si fa prendere a pesci in faccia da tutta europa?

Perché quello che è normale negli altri stati (difendere i propri confini), da noi è regolarmente stigmatizzato dai benpensanti e dai mangiapane a tradimento sparsi tra le tv, i giornaloni, i numerosissimi enti inutili che succhiano soldi al contribuente?

Gian Paolo ♞ 04.07.17 13:01| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oltre 100 mila migranti in Europa da gennaio: l'85 per cento degli arrivi in Italia

Secondo i dati dell'Organizzazione internazionale per le Migrazioni, sono oltre 100 mila i migranti arrivati in Europa da gennaio: di questi l'85 per cento è sbarcato in Italia

A fornire i dati è stato l'Oim, l'Organizzazione internazionale per le Migrazioni, nell'aggiornamento al 29 giugno a Ginevra. Nello specifico, il numero complessivo di arrivi dall'inizio del 2017 è di 102.387 migranti, di cui 101.210 dal mare e 1.177 via terra.

Tra questi 85.183 hanno raggiunto l'Italia, 9.290 la Grecia, 6.464 la Spagna, 273 Cipro. L'Oim stima che nello stesso periodo 2.247 persone sono morte o risultano disperse in mare.

Proprio dell'emergenza creata da questi numeri nel Paese si parlerà giovedì: l’Italia si appresta a portare sul tavolo del vertice dei ministri dell’Interno europei di Tallin una serie di divieti e obblighi nel codice per le Ong.

Qualche giorno fa il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni aveva spronato l'Europa a fare la sua parte nella gestione dei flussi migratori che ad oggi, pesano per l'85 per cento sul nostro Paese, arrivando anche a ventilare l'ipotesi di negare l'accesso ai porti italiani delle navi delle ong che battono bandiera straniera.

*************

Più ne parlano e meno risolvono..... voglio le teste degli ideatori a tavolino di questo scempio.....

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 04.07.17 12:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione


Migranti, Austria minaccia l'esercito al Brennero. Schierati quattro mezzi corazzati
Lo sbarco in altri porti europei nodo a Tallin. Onu: nessun calo in vista dei flussi da Libia

Tensione in Europa sui migranti, con i governi di Francia e Spagna contrari all'idea di permettere lo sbarco delle persone soccorse nel Mediterraneo centrale nei loro porti e l'Austria che minaccia di schierare l'esercito al Brennero se "l'afflusso di migranti dall'Italia non diminuirà. Il ministro della Difesa austriaco Hans Peter Doskozil ha annunciato che "molto presto saranno attivati controlli alle frontiere e ci sarà bisogno di un dispiegamento dell'esercito fino a 750 uomini - indispensabile se l'afflusso di migranti dall'Italia non diminuisce".

In quest'ambito, sono già stati portati al Brennero quattro mezzi corazzati Pandur delle Forze armate austriache che potrebbero essere impiegati nelle operazioni di controllo sull'immigrazione. Come scrive l'agenzia austriaca Apa, il dispositivo potrebbe essere attivato nel giro di tre giorni e comprende 750 militari, 450 dei quali saranno messi a disposizione da reparti stanziati nella regione del Tirolo, mentre i restanti verrebbero dal comando militare della Carinzia.

************

Possibile che non si risalga ufficialmente ai responsabili di questa tragedia? Io voglio le loro teste, prima un regolare processo stile Norimberga.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 04.07.17 12:41| 
 |
Rispondi al commento

DOV'E' CHE I MIGRANTI PRENDONO I SOLDI DEL VIAGGIO?-Luca Licata (Sicilia)
Dal Corno d’Africa per arrivare in Italia si possono spendere dagli 800-900 € ai 1500-2000, mentre per chi parte dalla Siria la cifra può aumentare fino a raggiungere i 7000-8000 €.Dal Nord Africa intorno ai 1.500 €
Le organizzazioni criminali sono specializzate nelle diverse tipologie di trasporto
Anche se i prezzi in questo periodo si sono abbassati perché la domanda è aumentata e,quindi, i barconi vengono riempiti il più possibile,il guadagno dei trafficanti è sempre molto lauto.Il volume di affari si aggira intorno ai 30 mila € per viaggio.In una settimana,con più viaggi,si arriva a 700 mila euro.Il margine che ruota attorno a questo ignobile traffico rimane sempre un vero e proprio business.
I migranti lavorano,si aiutano,trovano il sostegno di parenti già all’estero,si prostituiscono, cercano ogni mezzo per trovare i soldi.Qualcuno, invece,ipotizza che,in realtà, paga chi ci guadagna.Dunque le mafie.La mafia del nostro Paese guadagna su ogni immigrato,attraverso i centri di accoglienza dei rifugiati,tra 1 e 2 euro al giorno.Un investimento di mille euro per il viaggio avrà una rendita di 12 mila euro l’anno. Un volume di affari superiore a quello offerto dal traffico della droga. Quindi, è altamente probabile, che gli scafisti siano pagati,almeno in parte, dalla mafia. Al connubio mafia-scafisti si aggiungono i politici che, dichiarando l’emergenza immigrati, spingono l’apertura di centri di accoglienza sui quali lucrare pure loro. Insomma, più affari di così. A questo, va aggiunto lo sfruttamento attraverso il capolarato e il lavoro nero. Non c’è dubbio, infatti, che che le mafie italiane speculano sulla situazione di precarietà degli immigrati e li utilizzano all’interno dei traffici illegali e dello spaccio.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.07.17 12:34| 
 |
Rispondi al commento

Grazie Sig. Conte, se devo votare una scaletta di priorità fra l’obiettivo A: B: C: ecc.,
voterei come prioritario l’obiettivo scritto nell’art. 4 del Non Statuto.

Riguardo poi all’intero programma economico finanziario, non ho capito cosa intenda Casaleggio per problema “strutturale” dell’euro e tanto meno ho capito con quale rivoluzionario programma il M5S voglia rovesciare la piramide del potere se poi il programma per l’Italia non lo scrivono gli italiani e nemmeno gli iscritti che in realtà decidono la scaletta di quanto già deciso da qualche“esperto” sotto l’egida dei Vertici del M5S o addirittura del triunvirato chiamato troika.

Comunque, a proposito di euro ripeto che nel Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea (art. 128) non c’è scritto che un popolo, definito dalla Costituzione sovrano, debba prendere denaro in prestito della BCE e non possa invece creare una propria Banca con un sottostante patrimonio di 256 miliardi, eleggerne democraticamente il Dirigente e stampare una propria moneta - diversa dall’ euro- con corso legale all’ interno della Repubblica italiana.

Come non è scritto da nessuna parte che non si può fare un referendum per chiedere ai 60 milioni di italiani se vogliono una quota nominale, non cedibile, di 4.266 euro e diventare così azionisti di una propria Banca.

Aggiungo che non è scritto nemmeno che con una moneta priva di corso legale nell’Unione (basata comunque su 256 miliardi di patrimonio) non si possa commerciare con Paesi esterni alla UE.

In conclusione direi che se la BCE vuole ancora stampare euro per l’Italia, può girarli direttamente ai Paesi creditori, fino ad estinzione del debito. Se poi non vuole più, la Banca del popolo sovrano può proporre ai creditori un concordato fallimentare che specifichi quanto eventualmente saldato in precedenza e quanto il popolo azionista intende offrire per concludere una vicenda nata male e governata malissimo.

Pami Pati 04.07.17 12:29| 
 |
Rispondi al commento

Questo lo scriveva Grillo nel 2015:

Giovanni Falcone diceva "Segui i soldi e troverai la mafia". Ogni immigrato che arriva in Italia ha diritto a 1.050 euro al mese per vivere. Di questi una quota va alla mafia. Dalle intercettazioni il tariffario è tra un euro e due euro al giorno. Per la mafia un immigrato è una rendita. Vale più della droga. Meglio un carico di africani che un carico di cocaina. E quindi ha tutto l'interesse a farne arrivare il più possibile. Ci sono poi gli scafisti che vengono pagati dagli immigrati, le cifre si aggirano intorno ai 1.000 euro per persona. Ma chi paga gli scafisti? L'immigrato che con quella cifra vivrebbe per anni al suo Paese? O qualcun altro? L'immigrato si indebita forse vita natural durante per ottenere il passaggio sul barcone? E in questo caso con chi? E' irrealistico pensare che gente che "ha perso tutto", indigente, senza neppure i soldi per un cambio d'abito possa disporre di 1.000 euro o più. Da dove arrivano questi soldi? La risposta più ovvia è che paghi chi ci guadagna e quindi le mafie. E in questo caso il cerchio scafisti-immigrati-mafie si chiude. Certo, ci sono anche i partiti politici che creano "le emergenze" in modo da aprire centri di accoglienza su cui lucrare insieme alle mafie. Mafiacapitale è solo la punta dell'iceberg. Dove c'è immigrato, c'è odore di soldi. E' una risorsa da mettere nel Pil con droga e prostituzione. Dopo Roma ci saranno altre città, altre tangenti, altri politici. E' solo questione di tempo. Per risolvere il problema immigrazione va prosciugato il fiume di soldi che si porta con sé."

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.07.17 12:20| 
 |
Rispondi al commento

Oggi 4 di Luglio, negli "States" si festeggia l'indipendenza: sin dall'inizio, un popolo di massacratori che ha ancora nella potenza militare, nel possesso delle armi e nella sopraffazione degli altri Paesi, il proprio intoccabile "totem" (il tutto condito, a parole, da una mostruosa ed ipocrita difesa della "libertà": ma potessero sprofondare domattina.....)

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 04.07.17 12:18| 
 |
Rispondi al commento

Innanzitutto mi auguro che la scelta degli autorevoli economisti chiamati a discutere ed elaborare il Programma Fisco del Movimento sia proporzionale alla competenza e non alla lunghezza della barba!
Per quanto letto finora ritengo ahimè più probabile la seconda ipotesi!
Cari i miei professori, il Fisco in Italia non funziona! Penso che su questo siamo tutti d'accordo. Il problema è: come farlo funzionare?
La mia risposta è semplice: copiare dagli altri Paesi dove il Fisco funziona! Semplice vero? O forse è troppo semplice?
Certo è conveniente per qualcuno tenere in piedi un sistema che permette ad una casta (quella dei commercialisti, tributaristi, fiscalisti e consulenti vari) di riscuotere lauti compensi, svolgendo il compito che invece dovrebbe essere svolto dal Fisco stesso: calcolare e compilare i moduli per versare il dovuto.
Certo è conveniente rendere sempre più complicate le dichiarazioni, affastellando di anno in anno nuove disposizioni e nuovi adempimenti, spesso modificando codici e riferimenti faticosamente acquisiti, con il solo scopo di facilitare l'errore (oltre 300 pagine di istruzioni per compilare il modello REDDITI 2017)!
Certo è conveniente prendersi 5 anni di tempo per verificare le dichiarazioni dei redditi, così oltre alle sanzioni si lucrano anche gli interessi!
Potrei andare avanti ancora ma ritengo che i cittadini abbiano diritto ad un Fisco semplice, trasparente e facile da comprendere, in grado di far pagare il giusto a chi guadagna e consuma più degli altri, in cambio di servizi adeguati, uguali da Nord a Sud.
Per questo si interpellino commercianti, artigiani, piccoli impresari che giornalmente devono combattere contro la burocrazia e non finti esperti che prosperano sulle nostre spalle!

Lorenzo B., Trieste Commentatore certificato 04.07.17 12:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

cafferino a 5 stelle qui!! :)

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 04.07.17 12:07| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT? volano gli stracci...

Ue, si parla di migranti ma l’aula è semi deserta. Scontro in diretta Juncker-Tajani: "Parlamento ridicolo". "Moderi i termini"

http://bit.ly/2sHLwHo

id &as Commentatore certificato 04.07.17 12:06| 
 |
Rispondi al commento

ilmionomeènessuno me lo ricordo
era un troll che ha molestato il blog per un certo tempo
forse i nick che citi erano quelli sotto cui ti nascondevi come troll
ma io parlavo degli amici del Movimento, non dei suoi molestatori

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.07.17 12:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cosa succede invece ora? Troviamo prodotti a basso costo di mercato, se non a prezzi
stracciati, provenienti dall'estero, Cina, Bangladesh, India ecc., dove le aziende non devono osservare regole contro l'inquinamento.
Se la nostra legislazione impone impianti per inquinare il meno possibile,
quindi costi per le aziende, in questi paesi, oltre a non tutelare i
lavoratori,le aziende non sopportano spese per la salvaguardia del pianeta.I danni all'ambiente saranno pagati, in un secondo momento, dalle comunità locali.
Ci è sempre stato detto che dare un prezzo all'inquinamento è abbastanza
difficile, quindi si dovranno fare indagini adeguate.
E' corretto individuare i costi nascosti e porli in carico a chi li produce, saranno i consumatori a non comprare il prodotto, punendo le aziende produttrici.
Ottimo articolo.

Rosa 04.07.17 11:59| 
 |
Rispondi al commento

Discorso in piazza del Dottor Gottarelli contro i vaccini

https://www.youtube.com/watch?v=sriCeICji-M

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.07.17 11:56| 
 |
Rispondi al commento

Gian Paolo,

Sono d'accordo ma credo che l'obiettivo finale sia distruggere la cultura. Un popolo culturalmente omogeneo e che la pensa in modo unanime, unendosi, può ribellarsi.
Una nazione con tanti popoli al suo interno tutti diversi per cultura e aspirazioni difficilmente riesce ad unirsi e quindi raggiungere quella massa critica necessaria per ribellarsi.
A questo puntano.

Ora Spiego Commentatore certificato 04.07.17 11:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se la risposta di Spagna e Francia sui migranti è di chiudere i loro porti e mandarci anche quelli che vogliono andare da loro e se la risposta dei Paesi membri dell'Ue è di chiudere le loro frontiere con un respingimento assoluto che rifiuta le quote, possiamo dichiarare morto il Trattato di Schengen e dichiarare morta l'Europa stessa.
E' tutto talmente chiaro che l'unica cosa che non riusciamo a chiarire è di che cavolo Gentiloni si rallegrava dopo aver visto Rajoy e Macron. Ma ci sta con la testa o cosa? E di cosa si rallegravano tutti quei media che gli hanno fatto coro festante neanche avesse raggiunto chissà che accordo. Qui l'unico accordo eclatante è quello del Menga: chi i migranti ce l'ha se li tenga.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.07.17 11:30| 
 |
Rispondi al commento

Ma è mai possibile che si dia retta ad individui che non capiscono nulla!!!!
Gente ricca che guarda dall'alto il mondo.
Spostare sul consumatore il peso dell'inquinamento, così può scegliere????
Ma che cavolo dice!!! Lui può scegliere ma la gran parte degli italiani non hanno molti margini di scelta.
Ad esempio se tutte le auto a benzina/gasolio ricevessero una grossa sovrattassa che le rende più costose che un veicolo elettrico, l'effetto non sarebbe di far comprare in massa auto elettriche perchè i soldi non ci sono. L'effetto sarebbe quello di appiedare milioni di persone con le inevitabili ricadute negative sull'economia.

Ora Spiego Commentatore certificato 04.07.17 11:22| 
 |
Rispondi al commento

Ma come fate a scrivere che l'Italia sta morendo...

e non comprendere che di questa agonia fa parte il buonismo dell'accoglienza?

Come fate a non accorgervi che c'è un piano ben preciso per distruggerci e che l'invasione programmata è uno dei tasselli di questa strage?

Nessuno che corra a strappare giovani dall'Africa per lucrarci sopra è buono.

Nessuna organizzazione fintamente umanitaria e realisticamente al servizio della finanza internazionale è buona.

Nessun politico che predichi accoglienza e che poi scacci i migranti da Capalbio borghese e pidduina è buono.

E nessuno che si riempia la bocca di accoglienza e poi lucri 1.000 euro al mese su ogni migrante, abbandonandolo fuori dalle stazioni, tra degrado, spaccio e furti è buono.

Nessuno che lasci morire gli italiani, impoveriti, abbandonati e vilipesi, è buono.

Il buonismo è l'esatto contrario della bontà.

Il mondialismo è nemico dei popoli. Il 99% dei poveri del mondo non sarà mai in grado di emigrare. Accogliendo barconi di maschi giovani, non si risolve assolutamente il problema della povertà. Ma si può distruggere un popolo, quello italiano.

Già oggi abbiamo milioni di disoccupati, milioni di poveri. Gli ultimi governi, traditori, scoraggiano le nascite, favoriscono l'emigrazione dei nostri ragazzi, incentivano lo sbarco di persone completamente estranee alla nostra cultura.

Vogliono distruggerci.

Voi che parlate di accoglienza e, allo stesso tempo, di consapevolezza che vogliano distruggerci, mi sembrate persi tra l'intuizione della realtà e la vostra antica utopia di quando eravate giovani e pensavate da marxisti.

L'unico marxiano che stimi, è Diego Fusaro. Lui ha compreso perfettamente che dietro la tratta dei nuovi schiavi c'è un piano per distruggere questo popolo. E null'altro.

Gian Paolo ♞ 04.07.17 11:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tanti bei discorsi sulle tasse eccetera ovunque, ma intanto qualcuno si è accorto che è stata deliberata l'aumento dell'iva al 25% dal 2018 e quella al 10 che passa al 11.50% ????

livio ridolfi 04.07.17 11:05| 
 |
Rispondi al commento

Quando studiavo economia alla Cesare Alfieri di Firenze, la prima cosa che mi fu insegnata era che l'economia era 'amorale', non poteva, cioè curarsi dei valori etici dell'uomo né del suo bene, in quanto era solo una tecnica strumentale che doveva limitarsi a dare a chi comanda i mezzi migliori per raggiungere i propri obiettivi.
E' stato così che l'odierna economica, che con Ford o Keynes aveva raggiunto anche un certo equilibrio, si è trasformata nello strumento perverso con cui una classe dirigente ha imposto il dogma neoliberista all'Europa (o al mondo) per far sì che la ricchezza fosse ripartita in modo che essa fosse quasi interamente nelle mani di poche centinaia di persone a detrimento dei sei miliardi rimanenti.
Il fisco segue questo precetto, per cui si tasseranno molto i poveri, che sono tanti, e quasi per niente le grandi società multinazionali che sono pochissime, mentre i capitali in nero o i prestiti dei capitalisti morosi rimarranno impuniti e intoccabili.
Il circuito è perverso e porterà solo alla distruzione del mondo e, alla fine, anche di quella classe di super ricchi che danno ordini ai governi affinché strozzino i loro popoli, con l'aiuto di un sistema mediatico ilgannevole e mendace, fatto apposta per annebbiare le conoscenza e ndebolire le coscienze, per cui, oggi, non è più la religione l'oppio dei popoli, ma il capitalismo, che ha imposto al Pianeta il dio profitto, come un dio geloso che ama solo i pochi che lo venerano, distruggendo, in modo del tutto criminoso, la sopravvivenza di tutti gli altri.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.07.17 10:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

In un momento in cui servirebbe un nuovo piano marschall per cercare di far riprendere la debolissima economia del nostro paese, parlare di imposte...........

Penso sia inutile parlare di che colore dipingere il soggiorno se poi quando piove entra acqua dal tetto!

Max P., BG Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 04.07.17 10:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"Il corpo del popolo cadrebbe in mille pezzi se non fosse lagato ben stretto dal filo dei sogni"

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 04.07.17 10:47| 
 |
Rispondi al commento

come ho già detto in passato.... l'italiota medio che si alza alla mattina per andare a guadagnare 50 euro al giorno nella realtà ne produce 100 di debiti.... forse sarebbe meglio che non lavorasse.

verità pura 04.07.17 10:33| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori