Il Blog delle Stelle
Rabbia e dolore. Ma ora i nomi dei responsabili

Rabbia e dolore. Ma ora i nomi dei responsabili

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 104

di MoVimento 5 Stelle

In questi giorni di emergenza, dramma e dolore, il M5S esprimere la vicinanza commossa e sincera alle famiglie delle vittime del crollo dell'Hotel Rigopiano, così come alle famiglie delle altre vittime causate dal maltempo.

E' a loro che vanno i nostri pensieri e alle migliaia di uomini e donne che da giorni lavorano senza sosta per salvare vite umane e per portare soccorso alle tante famiglie ancora isolate: i volontari della Croce Rossa, del Soccorso Alpino, della Protezione Civile, cittadini, medici, infermieri, e tutti gli operatori meritano solo ammirazione, plauso ed è un dovere stringersi intorno a loro.

L'Italia Centrale è stata messa in ginocchio da una violenta ondata di maltempo.

Alla neve e al gelo, si sono aggiunte le violente scosse di terremoto dei giorni scorsi, che hanno infierito sui territori già colpiti dal sisma di agosto e ottobre, e che hanno provocato la slavina che ha travolto l'Hotel Rigopiano a Farindola, in provincia di Pescara.

Ma la commozione e la solidarietà non possono cancellare la rabbia e l'indignazione per quanto è accaduto. Non si può rimanere in silenzio e far finta di nulla.

C'è chi pretende che l'indignazione, la rabbia, la richiesta di individuare e denunciare responsabilità istituzionali, siano accantonate. Pretende che vengano rimandate ad un generico dopo. Ma è proprio in ragione del rispetto per i cittadini e per le vittime che bisogna da subito chiedere chi sono i responsabili di questa situazione.

Oggi contiamo 13.523 sfollati nelle zone colpite dal sisma, quasi mezzo milione di persone rimaste senza luce e senza riscaldamento a causa di un blackout elettrico ancora oggi non del tutto risolto; interi Comuni, specie nel Teramano, frazioni e aziende agricole sono rimasti isolati, con le strade non percorribili e i sindaci abbandonati, senza mezzi per poter spalare la neve e liberare le strade.

La colpa non è della neve. Il centro Italia è stato sommerso da una serie di errori, sottovalutazioni, ritardi, incompetenze. E il fallimento di chi doveva prevenire questo disastro e soccorrere le popolazioni in difficoltà, è sotto gli occhi di tutti.

Il Paese ha assistito allibito ad una generale e complessiva impreparazione delle istituzioni, a partire dal sistema organizzativo della Protezione Civile e della Regione, che hanno dimostrato di non essere in grado di affrontare emergenze di questo tipo mostrandosi completamente impreparati, incapaci di attivarsi in tempi rapidi e di garantire i mezzi e gli uomini di cui c'era bisogno.

Tutto questo nonostante l'arrivo della fortissima perturbazione fosse nota almeno con cinque giorni di anticipo e l'inverno in generale non possa certo essere considerato un evento imprevedibile.

Allora che cosa non ha funzionato? Di chi sono le responsabilità?

Queste le domande che poniamo al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni:

1 - Sono state predisposte senza indugio tutte le misure e le attività previste a seguito delle allerte pervenute?
2 - Quali informazioni sono state comunicate fra i vari livelli relative ai rischi valanghe?
3 - Quali motivazioni e responsabilità ci sono sulla insufficienza di mezzi?
4 - Quanti mezzi effettivi ed attrezzature sono a disposizione sia di enti locali che nazionali, nonché di tutti i Corpi di Polizia Civili e Militari e Corpi di Soccorso per situazioni di questo genere?
5- quali sono stati i motivi, le cause delle interruzioni e del mancato tempestivo ripristino di erogazione dell'energia elettrica alle utenze anche per 7 giorni?
6 - quanti investimenti relativi alla manutenzione delle linee e della rete di distribuzione elettrica vengono fatti?

Con la riforma Madia il precedente governo ha contribuito a creare una situazione di confusione, in cui non è chiaro chi debba fare cosa; hanno privato questo Paese del Corpo Forestale dello Stato, sottraendo alla collettività un corpo che aveva mezzi e conoscenze per fare moltissimo in situazioni come queste. E così in piena emergenza ci siamo ritrovati con l'ex base operativa degli elicotteri del Corpo Forestale di Rieti chiusa e ben tre elicotteri fermi a terra.

Con la riforma Delrio hanno fatto finta di abolire le Province, e hanno lasciato loro funzioni fondamentali, come la viabilità, ma senza i soldi per gestirle.

E intanto questo Paese soffre. Soffre per la burocrazia, che impedisce di spendere i 28 milioni di euro in donazioni raccolti dal Dipartimento della Protezione Civile per le popolazioni colpite dal terremoto. Soldi che si potevano utilizzare per aiutare gli sfollati e per le emergenze di questi giorni e che invece sono ancora fermi.

Soffre per l'incuria e per anni di scellerate politiche che hanno reso fragile e vulnerabili i nostri territori. Le scuse non bastano. Non bastano a risarcire il dolore dei tanti cittadini lasciati al freddo, bloccati nelle loro case o morti sotto una slavina. E non bastano a prevenire che ciò che è accaduto, non succeda di nuovo.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

26 Gen 2017, 10:04 | Scrivi | Commenti (104) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 104


Tags: centroitalia, delrio, disagi, madia, maltempo, vittime

Commenti

 

that's horrible!

Gustavo Woltmann Commentatore certificato 30.01.17 20:02| 
 |
Rispondi al commento

Le responsabilità?
Credo che per trovare i responsabili dovranno partire da lontano ma quando sento che ci sono stati dei problemi di abitabilità andata in prescrizione vedrete che finirà anche questa come?? Ma in prescrizione in questo paese tante responsabilità vanno in prescrizione dopo aver fatto arricchire una macchina già collaudata che non si permette nessuno a contrastare questa maledetta prescrizione in questo caso fa comodo a chi?
All'assicurazione che putativo caso non a mai nome..........


Mi chiedo come mai una pattuglia della polizia, nonostante le condizioni metereologiche pessime stava accompagnando alcuni ospiti all'hotel? E' servizio spettante alle forze di polizia? Non è che questo servizio veniva ricompensato in qualche maniera dai proprietari dell'hotel.

giancarlo s., Taranto Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 27.01.17 18:14| 
 |
Rispondi al commento

Prendersela con il maltempo non è saggio; prendersela con il governo, a mio avviso, pure: in specie pensando cosa si sarebbe saputo e potuto fare essendo al loro posto.
Le valanghe sono abbastanza imprevedibili, lo dimostrano le varie sciagure, nel tempo, in tutto l'arco alpino: Francia, Svizzera, Austria compresa, Norvegia, Stati Uniti. Tutti bravi - in specie gli scienziati svizzeri di Davos che da decenni ne studiano scientificamente il fenomeno sotto il profilo fisico-matematico, sia i francesi di Grenoble, maestri di fotointerpretazione e delimitazione dei bacini valanghe sulla base dei segni lasciati sul territorio dagli scorrimenti a valle - ma tutti con lutti e disastri annuali, in specie dove si pensa di essere così esperti da potersi "allargare" e, poi, c'è il fenomeno anomalo, imprevisto. Le popolazioni montane sono le prime a convivere, da sempre, con detti fenomeni, in specie se frequenti e, sovente, hanno memoria corta o fatalismo, non sanno cosa sia un coefficiente di sicurezza, un'area polmone. Per contro, in montagna il terreno a disposizione, per costruire, coltivare è poco e si sono sempre presi e tollerati dei rischi, salvo ricostruire il tetto, l'anno dopo la valanga polverosa che ha risalito la valle opposta, dove non era mai arrivata. Quello che le comunità montane sanno, però, che oltre rintanarsi nel rifugio, sperando che la tempesta passi, bisogna organizzarsi tra cittadini per fare in modo che se cade la neve sulle strade, ci sia un servizio di spalaneve che non permetta alla neve di accumularsi, altrimenti si rimane bloccati. Sono le comunità ed il loro senso civico, che dovrebbero essere efficienti in tali campi, non - solo - aspettare che qualcuno provveda, o che passi la perturbazione, poi si vedrà !

Paolo B. 27.01.17 16:16| 
 |
Rispondi al commento

Certe scene che si vedono tra i paesi del teramano sembrano venire dagli anni quaranta, quando gente con la valigia i figli scappavano dai tedeschi. Si vedono tende rabberciate improvvisate alla meno peggio, persone anziane abbandonate lunga la strada. Un paesaggio di miseria e disperato con gente che non sa dove andare e continua a maledire tutto e tutti.
Io sono nato da quelle parti e se Ennio Flajano vedesse come è ridotto il nostro Abruzzo oggi imprecherebbe con la sua amara ironia contro quelli che hanno perso il minimo pudore e aspettano di intervenire per ricostruire...si ricostruire per allargare le loro ville con piscina e mandarci le loro puttane e i loro leccaculi.

nevio de luca, brescia Commentatore certificato 27.01.17 15:03| 
 |
Rispondi al commento

Le responsabilità?

Intanto di chi ha rilasciato I permessi x costruire l'hotel. Idioti.

La mancanza di energia elettrica ha deviato o ritardato la posta elettronica.
Prima I forestali, in mancanza di altri contatti, percorrevano I sentiri + impervi x comunicare a tutti le previsioni del tempo, fino a quando, altri idioti non hanno soppresso il corpo forestale.

Contatti presi stupidamente alla leggera.

Mezzi meccanici in grado di superare la bufera e liberare le strade, ASSENTI.

SOCCORSI NON TEMPESTIVI.

Fra gli Enti interessati il solito scarica/barile.

Ecc. Ecc.

La tragedia di molti, è stata quella di ritrovarsi vivi, di capire che la tempestività e l'intelligenza degli italiani è spesso latitante e... di vedere la morte in faccia e lasciarsi andare con rabbia. Dolore. Disperazione.

L'Italia che ho conosciuto da piccola (mare, pizza, sole e allegria) non esiste più.

È sbriciolata, distrutta, svuotata dai suoi giovani ( mio figlio partirà a Maggio all'estero...) e lentamente anche dagli anziani. (Stiamo accarezzando l'idea di seguire I nostri figli, per non morire anzitempo.)

Tanti martiri fecero lItalia e tanti idioti la stanno cancellando.

Addå passà 'a nuttat!

Paola

Paola Zito 27.01.17 13:32| 
 |
Rispondi al commento

Riflettete il Presidente Gentiloni "Porta Jella" da quando c'è lui è accaduto di tutto .......credavamo che il peggio fosse passato.invece. Ricordate Burlando e tutti gli incidenti ferroviari?................portano sfiga

walter tiani 27.01.17 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Perché non chiediamo a tutte le squadre di calcio di A B C di devolvere l'incasso di una partita per la ricostruzione di un paese terremotato? Il mondo del calcio a ogni livello sguazza indegnamente nel denaro?

undefined 27.01.17 12:04| 
 |
Rispondi al commento

Il governo si riempie la bocca dicendo che i soccorsi sono un'eccellenza.
Un'eccellenza dovrebbe essere la prevenzione.

Lino 27.01.17 08:44| 
 |
Rispondi al commento

io non li posso neanche più sentire parlare
ci sono delle cose che dicono, e come le dicono, che mi danno proprio fastidio fisico
ad esempio le "CASETTE"
forse non esiste un altro modo per chiamarle, non lo so so, quello che so è che ogni volta che sento la parola le "CASETTE" mi inc@zzo.
Sembra che li stiano prendendo per il kulo
"Pensate sono già pronte 3 "casette" e adesso si farà una riffa e le assegneranno tirandole a sorte"
Ma cos'è? Ma che stiamo a Topolinia?
Ma perchè non ci va Padoan nella casetta e mandiamo un terremotato a casa di Padoan ?????

maria t., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 27.01.17 00:28| 
 |
Rispondi al commento

QUANTO MANCAAAAAAAAAA ?????????

maria t., roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 27.01.17 00:20| 
 |
Rispondi al commento

Dal mio punto di vista mai come in questa occasione si è dato prova di essere un paese quasi civile, lo sarebbe del tutto se non fosse per i soliti sciacalli che da queste parti abbondano.

Silvano Giorgi 26.01.17 23:26| 
 |
Rispondi al commento

E' probabile che la funzionaria della prefettura, ora in causa di omissione di servizio o di soccorso per la valanga abbattutasi sull'Hotel Rigopiano, quel giorno, come è solito fare ai fannulloni assenteisti in collusione con il direttivo, ha fatto una deviazione automatica di chiamata dal suo telefono di ufficio della prefettura al suo cellulare personale e, nel mentre, Quintino Marcella, pensando di essere in contatto diretto con la prefettura e con la funzionaria d'ufficio preposta alle emergenze, la stessa funzionaria molto probabilmente si trovava fuori dall'ufficio per altre sue faccende personali o magari tranquillamente a casa oppure si trovava ( come da prassi di questi fannulloni) addirittura in zona relax fitness.

Nulla di più facile che la "colpa" di Quintino Marcella probabilmente è stata quella di aver interrotto una lampada, un idromassaggio o una seduta di bagni di sale alla funzionaria della prefettura che lo ha liquidato nel modo imbecille che abbiamo sentito tutti.

NON SI PUO' DELEGARE L'EMERGENZA( maltempo, migrazione ecc) AI FANNULLONI ASSENTEISTI, ASSISTENZIALISTI E FRAUDOLENTI !

E' COME SE, DIFRONTE AD UNA APOCALISSE GLOBALE SI SALVASSERO SOLO GLI STATALI: OLTRE IL DANNO LA BEFFA!

Aldo B. 26.01.17 22:33| 
 |
Rispondi al commento

i nomi? e keccefate poi coi nomi?
fin quando il popolikkio italiota non inizia a rendersi conto che i mali della i-taglia non sono solo la mandria di porci politici bastardi che ci amministra, ma i magistrati dove li mettete??
siete proprio convinti che l'unico magistrato corrotto sia solo quello del berluska nell'affaire mondadori? C'è tanto ciarpame anche nel mondo togato, agli 'scordarelli'- l'esempio del cavaliere di (s)ventura 'von petrus' dovrebbe bastare !!
Intollerante il teatrino della prokura di pescara che apre il suo 'fascicolo',.. e per farci che? Per inserirci dentro i nomi dei giudici kompari del civile che hanno anch'essi sulla coscienza quelle vittime?? Ma quando maiiii!!
C'è un conflitto di interessi gigantesco, quella prokura non può fare un beneamato cat.zo, tranne che ..., perdere tempo!! Ed è questo quello che succederà, NON CI SARANNO KOLPEVOLI NEMMENO STAVOLTA, LA STESSA MAGIS-TRATTURA E' COINVOLTA, DOVREBBE INTERVENIRE IL TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA, LA PROKURA DI PESCARA NON HA NESSUNA LEGITTIMAZIONE A .... COPRIRE LE STRONZATE SENTENZIATE DAI KOMPAGNONI DI MERENDE DEL CIVILE!!
MI CHIEDO, MA IL CESSO-EMME, 'NDO' STA??
E IL KAPO DEL CESSO-emme, ER MATTARELLO, C'HA TANTO DA FA' - nevvero?
Si stanno mettendo le basi per una kolossale ed INFAME PRE-ISCRIZIONE ....( agli albi dei figli de mig.notta!!) lo vedremo tra 8-10 anni!!
SONO PRONTO A SCOMMETTERCI!!


romaniko 26.01.17 22:29| 
 |
Rispondi al commento

E' interessante notare che il numero delle vittime di questa tragedia equivale a quello che avviene ogni 3 giorni nelle strade con gli incidenti stradali, ma in quel caso nessuno batte ciglio.
Inoltre, non ci vuole un arco di scienza per capire che se si continuano a fare tagli senza fine su tutto prima o poi crolla tutto. E' una serie di follie che si sono sommate, non da ultimo il fatto di costruire in posti non adatti, ma l'Italia ha decine di migliaia di queste situazioni. Non credo ci sia molta speranza per evitare che riaccada a breve. Del resto solo gli eventi atmosferici eccezionali saranno sempre piu' in aumento, e noi saremo sempre meno preparati. Basta una pioggia piu' abbondante del solito per uccidere tutti...

Saluti,
STEFANO

Stefano 26.01.17 22:00| 
 |
Rispondi al commento

La natura va rispettata sempre ,mai sfidarla, siamo piccoli uomini una nullità al confronto e bisogna stare al proprio posto,l'albergo andava evacuato il giorno prima della nevicata se non lo ha fatto il gestore lo doveva fare il sindaco che deve conoscere il territorio e i punti critici ,un locale che si raggiunge solo con una stradina in caso di tre metri di neve previsti non può rimanere aperto non per pericolo valanghe ma per un banale soccorso di qualche ospite o dipendente chi ci arriva in tempo,i soccorritori non son superman sono uomini normali seppur valorosi e coraggiosi e non possono rischiare oltre il lecito ,adesso siamo in inverno ma sapete quanti incoscienti in estate si avventurano in montagna in bermuda e scarpe da ginnastica e si perdono o si infortunano, quanti imbecilli vanno per mare e rimangono senza benzina o rimangono nella tempesta e pretendono che qualcuno li vada a raccattare rischiando la pelle.Quando le condizioni atmosferiche non lo permettono bisogna rinunciare ,il caso dell'elicottero all'Aquila è emblematico con quel tempo non si deve sciare,non si può chiamarel'elisoccorco per una frattura e con tutto quello che era successo era il caso di fare un passo indietro l'egoismo ormai regna sovrano, e siccome pago ho tutti i diritti, questa deriva deve finire ci stiamo rovinando.

ALBERTO G., Teolo Commentatore certificato 26.01.17 20:33| 
 |
Rispondi al commento

La ringrazio, signora. Anissa KHERALLAH ( developpement.aide@gmail.com per il vostro gentile aiuto oggi.All'inizio non avevo preso sul serio il vostro business, ma oggi quando ho visto il credito che ho voluto nel mio account , grande è la mia gioia e sinceramente chiedo scusa per aver dubitato di te e la tua abilità per aiutare le persone. Grazie e grazie per la vostra attenzione. Grazie a voi ho dovuto pagare i miei debiti .

.pablo portugal gomez Commentatore certificato 26.01.17 20:27| 
 |
Rispondi al commento

cosa ne facciamo dei nomi di chi non ha fatto il propio lavoro alla fine non paga nessuno siamo in italia fanno le solite indagini processi decennali poi tutti assolti ricordiamoci che in questo paese chi ci rimette è il poveraccio

chiari a. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 26.01.17 19:54| 
 |
Rispondi al commento

mi chiedo una cosa dopo quello che successo in questi giorni in Abruzzo.
Ma .... è mai possibile che oggi come .... con tutta la tecnologia che sembra esserci negli smartphone .... con la geolocalizzazione degli stessi che momento per momento dicono dove siamo ed ancora un pò quello che facciamo (pure se siamo al bagno per "bisogni impellenti") ..... ed ancora oggi ... nel 2017 per chiamare i numeri di emergenza ci si debba "appoggiare" ai gestori telefonici che, chiaramente, quando succedono cose come quelle successe ....... non riescono a garantire nulla??
Ricordiamoci che i trasmettitori telefonici per funzionare USANO L'ENERGIA ELETTRICA e quando questa viene a mancare MANCA PER TUTTI (cittadini e servizi).
Logico che se in una località vanno in tilt le linee elettriche non ci sia campo per le telecomunicazioni, se non vi è energia per il proprio gestore non c'è e non ci sarà neppure per gli altri gestori e quindi le CHIAMATE D'EMERGENZA SONO IMPOSSIBILI da INOLTRARE.
Allora chiediamoci questo , perchè per le chiamate di emergenza, ancora al giorno di oggi, non ci si può "appoggiare" sui satelliti??????

mario 26.01.17 18:39| 
 |
Rispondi al commento

Chi ha sbagliato deve pagare:qui ci sono 30 morti che gridano giustizia! Non è possibile che in Italia ci sia sempre lo scaricabarile delle responsabilità a maggior ragione di fronte a una tragedia come questa che si poteva evitare se ognuno avesse fatto la sua parte:è folle che ogni nevicata diventi un emergenza.E nei paesi nordici come fanno allora che la neve ce l hanno per mesi.Chiudono strade e aereoporti?Non escono di casa per mesi?

Rino Siconolfi, Ferrara Commentatore certificato 26.01.17 18:08| 
 |
Rispondi al commento

https://www.youtube.com/watch?v=V2RzeJe3tUM
Buona Visione, siate Uomini non siate PECORE!!!!!

NO NWO 26.01.17 16:51| 
 |
Rispondi al commento

ma cosa si vuole...!
cosa frega a chi prende 2/300mila euro all'anno (senza sapere come e perché li prende) della gente che non arriva a fine mese e muore sotto le preannunciate...valanghe ...?
tonino basile - roma

tonino.b 26.01.17 16:47| 
 |
Rispondi al commento

'Sto disinteresse da parte de 'a Casta pe' 'e imponenti nevicate, nun me 'o so spiega': 'na vorta, quanno je dicevano sussurrando "è arrivata la "neve", erano sempre tutti così contenti.....Bah, valli a capi'........

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 26.01.17 16:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

http://www.newspedia.it/m5s-puo-farcela-da-solo-si-ma-a-una-dura-condizione/

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 26.01.17 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Per un governo dignitoso.

Si potrebbe dire che il primo grande passo in avanti sia stato fatto passando dal Porcellum al Consultellum :{

Francesco C. Commentatore certificato 26.01.17 16:35| 
 |
Rispondi al commento


Lieve carenza di governo:
E' quasi fatta. Resta da vedere se chi si siede al tavolo per vedere se chi deve decidere sul da farsi sia legittimato a decidere, sia a sua volta legittimato a decidere se chi deve decidere sia legittimato o no! :(

Francesco C. Commentatore certificato 26.01.17 16:16| 
 |
Rispondi al commento

PER COSTRUIRE UN ALBERBO OCCORRE UNA PREVISIONE DI ZONA TURISTICO RICETTIVA IN UN PIANO REGOLATORE COMUNALE !!!
ESISTE IN QUESTO CASO ???
SONO STATI VALUTATI I RISCHI IDROGEOLOGICO, VALANGHE, SIMICO ECC. DAL PIANO REGOLATORE ???
GLI ALBERGHI NON PIOVONO DAL CIELO, SONO PROGRAMMATI !!!
LE DIFFICOLTA' ECONOMICHE ITALIANE ???
CERTO CHE IL GOVERNO HA LA SUA GRANDE RESPONSABILITA', MA QUELLA DEI CITTADINI É PARI !!!
SOLTANTO CON 40.000.000 DI AUTOMEZZI ACQUISTATI ALL'ESTERO HANNO BUTTATO TRA I 5-6.000 MILIARDI DI EURO, 200 ANNI DI FINANZIARIE NAZIONALI ..... DISTRUTTO LA PROPRIA ECONOMIA ECC. !!!
OGNUNO SI ASSUMA LA PROPRIA RESPONSABILITA' !!!

Franco Della Rosa 26.01.17 16:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Cosa non ha funzionato? Ma il sistema Paese che nessuno è' finora riuscito a rendere funzionante tra riforme sbagliate o lasciate a metà' . L'impegno dei singoli operatori non può' sopperire alle mancanze organizzative, di gestione, di mezzi e finanziamenti. Ci saranno le solite inchieste con i soliti risultati ma ai morti e ai loro parenti non glienepuofregaredimeno.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 26.01.17 16:04| 
 |
Rispondi al commento

io sono tra quelli che sosteneva, alla Raggi ci sarebbe voluto una tiratina d'orecchie

ma mi piacerebbe sapere dai suoi detrattori xchè è inquisita la Raggi

e non Alfa..no

e non Sala

e mo mi fermo subito se no occupo tutto lo spazio
a mia disposizione

saluti ai monelli del blog

▌│█║▌║▌║ σℓ∂ ∂σg ║▌║▌║█│▌

old dog 26.01.17 15:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ci sostiene ancora la Raggi accetta che si possa mentire impunemente e assumere parenti ed amici a spese dei contribuenti.
L'esatto contrario di ciò che difende il M5S che ho conosciuto e votato.
Ma come si fa a difenderla ancora! Bisogna proprio essere degli smidollati senza una propria idea.

Rob Roy Commentatore certificato 26.01.17 15:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non può pagare la RAGGI anche x i morti di RIGOPIANO fuori i colpevoli, è il popolo che lo chiede ,falsi del governo fate un giro x le strade il popolo a già sentenziato,ve ne accorgerete al voto animali

maurizio b., roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 26.01.17 15:33| 
 |
Rispondi al commento

UFFA!!!!!
SE QUESTO SIGNORE CHE PROPONE PRESTITI VUOLE EFFETTIVAMENTE RENDERSI UTILE, FACCIA UNA LETTERINA ALLA CASALEGGIO E SI PROPONGA COME FINANZIATORE E FORMALIZZI IL SUO DESIDERIO.
SE LA COSA E' "REALMENTE SENZA RECONDITI SCOPI", CHI DI DOVERE DECIDERA' SE DARGLI ASCOLTO: MA NON ROMPI CON I PRESTITI IN QUESTO SITO.
QUI SI PARLA DI ALTRE COSE!

VINCENZO ANTONA, Vercelli Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 26.01.17 15:20| 
 |
Rispondi al commento

E' giusto interrogarsi su chi ha sbagliato, ma è altrettanto necessario interrogarsi sui problemi strutturali che, anche con tutta la buona volontà di chi ha operato, non avrebbero consentito una maggiore efficacia. Per capire bisogna distogliere lo sguardo dal contingente, se per esempio sul problema della mancanza di elettricità ci soffermiamo solo sulle immagini o le dichiarazioni di principio, vedremo solo personale Enel che opera in condizioni estreme o strutture di supervisione e controllo della rete all'avanguardia mondiale, non vedremo mai che per effetto della trasformazione dell'ENEL in S.p.A, la maggior parte del lavoro sulle linee elettriche è stato esternalizzato con conseguente riduzione di organico (professionale) e ridimensionamento delle dotazioni tecniche (mezzi operativi specifici) e di materiali. Senza poi trascurare il taglio degli investimenti in tema di rialimentabilità (magliatura della rete) inquanto si tratterebbe di ridondanze, necessarie per aumentare la continuità della fornitura, ma non remunerative. Per quanto rigurda il fronte dei soccorsi le immagini parlano chiaro, senza nulla trogliere all'opera dei volontari, l'unica struttura veramente operativa è quella dei Vigili del Fuoco. Un corpo che negli hanni si è visto sottrarre continuamente risorse e strutture.Ho visto popolazioni sollevarsi per la chiusura di un'ufficio postale periferico, non ho sentito nulla quando sono state chiuse le caserme dei Vigili del Fuoco.Non sento ancora nulla sul fatto che il corpo opera con un'organico sotto strutturato di circa 8000 unità, che l'età media si avvicina ai 50 anni, che continuano a doversi avvalere di personale precario con contratti da 15 gg ciscuno, personale che secondo la normativa europea dovrebbe essere stabilizzato dopo 3 anni di tale servizio. Cerchiamo pure i colpevoli ... ma a tutti i livelli e cominciamo anche ad interrogarci sulle cose che non vediamo o che lasciamo andare

Giovanni Velato, Roma Commentatore certificato 26.01.17 15:09| 
 |
Rispondi al commento

Si sono macchiati le mani con il SANGUE degli Italiani, e hanno anche il coraggio di chiamarci SCIACALLI e GIUSTIZIERI. Ebbene GIUSTIZIA , proprio questa è la parola giusta , nel paese in cui la mafia, la corruzione e il malaffare è all'ordine del giorno, nel paese in cui ancora non si conoscono i colpevoli delle stragi che in passato hanno lasciato profonde FERITE ancora da rimarginare, Nel paese in cui non si parla mai di forze dell'ordine , magistrati, medici, giornalisti, banchieri ammazzati o perseguitati e fatti rinchiudere in psichiatrie grazie ai loro tentacoli che si estendono e infettano le istituzioni a tutti i livelli. Una giustizia forte con chi abbandonato dallo Stato è costretto a vivere la propria esistenza nell'umiliazione e nell'impotenza più totale. Sono riusci a dividerci, con le vecchie ideologie, con la promozione di uno stile di vita individuale ed egocentrico, e a metterci l'uno contro l'altro anziché promuovere tutte quelle occasioni in cui L'UNIONE ha portato benefici non per il singolo ma per la comunità. QUANDO MAI IN QUESTO PAESE AVREMO GIUSTIZIA?
Bisogna UNIRSI, informare chi non sa , finirla di nasconderci e uscire allo scoperto , ognuno deve impegnarsi a farsi promotore del cambiamento. Sarà difficile, loro hanno la mafia, i poliziotti, e le bombe tra le loro armi preferite, ma noi dalla nostra abbiamo il NUMERO e i lor signori lo sanno benissimo e temono che possa accadere ciò.W la democrazia w la comunità

NO NWO 26.01.17 14:56| 
 |
Rispondi al commento

**V***

L' informazione il nuovo Leviatano


Rispetto

Purtroppo le tragedie risucederanno di nuovo, purtroppo!
Indipendentemente dall' informazione che, con i suoi biechi interessi di parte ed economici, rende le tragedie più o meno tragiche.
Ormai da molti anni, con queste classi di boiardi, i problemi da politico-amministratici stanno diventando quasi antropologici.


Rispetto

L' informazione in un primo, eccessivo, voluto e pedante porre l'accento sulla esclusiva casualità degli eventi, ha poi cercato di mal celare, e quindi voler far trapelare, responsabilità non sempre collettive e generali.


Rispetto

Un pensiero a coloro che non ci sono più ed al dolore devastante dei loro familiari.

Si legge nel S. Vangelo in Luca 23,34 :


" Gesù diceva:- Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno.-"

Aldebrando Fitozzi Commentatore certificato 26.01.17 14:50| 
 |
Rispondi al commento

Il "sig" gentiloni che, in parlamento, rivendica per il suo governo, il merito dei soccorsi umanitari a Rigopiano, mi ricorda quel gerarca fascista che, alla fine dell'operazione svolta dal prefetto Mori,dirigendo un reggimento di Carabinieri, in Sicilia vs la mafia di Cangemi, arrivo' sul posto, al comando di un drappello di squadristi, se ne usci' con la famosa frase "Bellisima azione, degna del Fascismo"

Er Caciara ..... Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 26.01.17 14:13| 
 |
Rispondi al commento

pe' i 400 e dispari parlamentari de primo pelo...

pjetave sti 50.000 euro der cazzo (soldi rapinati), levateve dalle palle, e annamo a vota'...

l'anima de li mejo mortacci vostra e de chi ve cia' messo........

Er Caciara ..... Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 26.01.17 13:55| 
 |
Rispondi al commento

Gli italiani devono capire una cosa: finché c'è in circolazione il PD di questi eventi se ne presenteranno a migliaia.
Cosa si può pretendere da chi ha violentato e stuprato il paese. I responsabili di questa specie di partito devono andare in galera. Sono loro che hanno permesso di costruire nei posti più impensabili. Errani deve dimettersi perché è stato raccomandato dal PD che ha distrutto il paese.
Il PD e tutti coloro che hanno governato sono i veri sciacalli di questa ennesima tragedia.

saverio battaglia 26.01.17 13:50| 
 |
Rispondi al commento

caro buffone di corte. Il codice etico che la Raggi ottempera è quello che ti sei inventato alcuni giorni fa' per pararti il deretano dalle critiche.
Non ci prendere per i fondelli

maurizio marcolongo 26.01.17 13:47| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il Paese soffre per la burocrazia che impedisce di spendere venti milioni di euro raccolti con le donazioni !!! Venti milioni che sono la duecentesima parte del denaro speso annualmente per i clandestini ! La millesima parte dei venti miliardi messi a disposizione dell'MpS ! Cosa si vuole che ci arrabbiamo ? Già fatto , siamo arrabbiati e vogliamo e dobbiamo trovare una soluzione al più presto ! Si profilano all'orizzonte le sospirate elezioni che potrebbero ridarci dignità e libertà , democrazia e sicurezza e non possiamo farci scappare questa occasione . Dobbiamo allearci anche con Satana per vincerle ! Beppe crede che da soli potremmo raggiungere il 40 per cento , è impossibile ! Se fossimo in un Paese normale ce la potremmo fare , ma siamo in Italia dove le urne e i risultati sono ballerini , dove per vincere dobbiamo arrivare al 50-60 per cento ! La Lega e FDI hanno gli stessi nostri obbiettivi all'ottanta per cento e sono certamente i meno sporchi dei nostri politici , non perdiamo questo treno porca putt....!!!!!!!

vincenzodigiorgio 26.01.17 13:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Beppe sono un cittadino di Civitavecchia e sono profondamente deluso,dalla linea del movimento e dalle persone che lo rappresentano,non aggiungo altro,ma ti dico che così non va bene,a buon intenditor poche Parole

Roberto Chizzoniti cico 26.01.17 13:16| 
 |
Rispondi al commento

Che brillino le 5 stelle!

Nicola ferri torino 26.01.17 13:06| 
 |
Rispondi al commento

a questi dei terremotati non frega nulla ...devono giocare sui problemi del mov ....tutto qui

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 26.01.17 13:05| 
 |
Rispondi al commento

Fino a che verranno messi a dirigere i raccomandati dalla Politica, le cose successe, succederanno ancora.

Un cervello che ha bisogno della raccomandazione per svolgere un lavoro lo svolgerà con il cervello che ha a disposizione.

giorgio peruffo Commentatore certificato 26.01.17 13:03| 
 |
Rispondi al commento

l’Italia è un Paese che si sposta di alcuni cm. ogni anno per un processo di avvicinamento ai Balcani che durerà millenni, ormai lo sanno anche Qui Quo Qua e le Giovani Marmotte ma non i nostri governanti. Il pronto intervento in caso di calamità naturale deve essere coordinato e affidato ad un solo numero telefonico e tutti dovranno conoscerlo a memoria, questa è una priorità assoluta. Naturalmente mi rivolgo al futuro governo sperando che sia diverso dall’attuale.

Franco Mas 26.01.17 12:58| 
 |
Rispondi al commento

continua precedente post: La Provincia ,in quanto organo non tecnico dovrebbe provvedere a fornire di mezzi ed esaudire le richieste dei VIGILI DEL FUOCO , unica istituzione con la responsabilità del comando.

paolo d., Pescara Commentatore certificato 26.01.17 12:47| 
 |
Rispondi al commento

Innanzi tutto bisogna ripristinare la PROVINCIA con tutte le sue prerogative ,in quanto è la cellula base ideale per dimensione per operare sul territorio. Eliminare le regioni che sono ricettacoli di inquisiti ed altro, ed inutile doppione sia per lo STATO che per le PROVINCIE. Eliminare la protezione civile costituita essenzialmente da pensionati. Ripristinare la leva obbligatoria estesa anche alle donne ,durata un anno, in cui si svolgano oltre temi istituzionali di difesa anche temi inerenti alla protezione dagli eventi ;naturalmente con esercitazioni. In caso di eventi catastrofici(terremoti ,inondazioni ,grandi nevicate ed altro)i suddetti militari si mettano a disposizione del comando unico attribuito al corpo dei vigili del fuoco provinciale , il quale risponderà in in toto.

paolo d., Pescara Commentatore certificato 26.01.17 12:39| 
 |
Rispondi al commento

L'ho già scritto in un'altra discussione in merito : più che rispettoso silenzio , a me sembra che il Governo stia chiedendo complice omertà su questa vicenda .

Le responsabilità per quanto accaduto sono troppo gravi per poter essere taciute , silenziate .

A riveder le stelle .

Gianfranco .

Gianfranco 26.01.17 12:33| 
 |
Rispondi al commento

Opinionisti in Tv

"bisogna che la protezione civile abbia più poteri"

certo un capo che ha una squadra di persone capaci funziona meglio

ma il capo e la squadra devono essere composti da persone oneste

assai difficile in questa nazione

saluti ai monelli del blog

▌│█║▌║▌║ σℓ∂ ∂σg ║▌║▌║█│▌

old dog 26.01.17 12:31| 
 |
Rispondi al commento

la parte da leone in questa vicenda è dei governi precedenti

il taglio delle province

se si taglia una provincia bisogna che il governo che lo ha deciso stabilisca a chi vanno le competenze sulle cose che la provincia doveva curare

strade edifici mezzi e uomini

naturalmente mettendo denari nelle mani di chi se ne deve interessare controllando che i prezzi x la manutenzione non siano gonfiati, cosa alquanto probabile in questa nazione

saluti ai monelli del blog

▌│█║▌║▌║ σℓ∂ ∂σg ║▌║▌║█│▌

old dog 26.01.17 11:59| 
 |
Rispondi al commento

Sappiamo che il M5S è nel mirino di tutte le istituzioni perchè appunto distura tutti e la R...i assume il fratello di M..a senza valutare altri curriculum, ma si può essere così politicamente ingenui? Forse adesso aspetta l'avviso di garanzia del ministro A....o che ha fatto assumere il fratello allle poste e non si sà con quali incarichi: forse l'avviso arriva in giornata. Sveglia anche se che è ormai tardi.

Pietro Z., Padova Commentatore certificato 26.01.17 11:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Italiani ma non avete ancora capito che non ci saranno responsabili per questa tragedia: quanti responsabili hanno pagato per tragedie di qualinque tipo ben più gravi avvenute nei decenni passati? L'italia è fatta in modo che non si trovi mai il responsabile in quanto ci sono decine di responsabili, sottoresponsabili, addetti, ecc. una folta rete per clientelismo politico. Se ci fosse stato il numero unico che solo in italia non esiste in quanto credo non si riesca a mettere d'accordo Carabinieri, polizia di stato, vigili del fuoco, protezione civile, ecc. i soccorsi sarebbero stati coordinati da un solo responsabile quindi sicuramente più efficaci.

Pietro Z., Padova Commentatore certificato 26.01.17 11:29| 
 |
Rispondi al commento

Con SOBRIETA', con DISCREZIONE, senza tanto CLAMORE, con COESIONE, senza RISSE, e senza NULL'ALTRO in GALERA questi BANDITI AGUZZINI LADRI PORCI VERMI SCHIFOSI, che continuano ad arrecare DANNI notevoli alla Nazione da anime innocenti ma VIGLIACCHI sino all'inverosimile. VIA A CASA e restituire il MALTOLTO. IMMEDIATE VOTAZIONI. ORA o MAI PIU'. PROTESTATE col VOTO senza farse in piazza e cartoni animati. Hanno goernato a sufficienza per distruggere la Nazione, ORA BASTA, ci siamo. BIG BEN a detto STOP.Fine alle RAPINE con MORTI legalizzate.

Emilio C., MILANO Commentatore certificato 26.01.17 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Il terremoto non si può prevedere, ma la neve sì. Sulle strade pubbliche che portano ad abitazioni, quando nevica è indispensabile che ci sia continuamente lo spazzaneve (o la turbina) per non permettere alla neve di accumularsi impedendo la circolazione. A chi è affidato questo servizio? Ai responsabile delle strade: comuni, province... e questi sono dotati dei mezzi necessari? Oppure hanno la possibilità di noleggiare i mezzi necessari?

Maria P., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau 26.01.17 11:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

era prevedibile che dopo la riforma della signora Madia
Avremmo avuto una situazione di questo tipo
Lo dicevo già in tempi non sospetti
Verificatene tutti i dettagli
Se poi aggiungete le deficienze nelle disposizioni dovute alle mutazioni delle province ci si trova in caotiche combinazioni
C'è chi può spalare la neve solo fino ad un determinato chilometro di strada e non può intervenire nel successivo che non è più di sua competenza Se per spirito di iniziativa personale lo fa asse vedendo la contingenza correrebbe grossi rischi sanzionati in caso di un piccolo incidente sul percorso
Per la serie del risparmio del "jacudara" restano fermi i mezzi spalaneve dove non servono ( competenze regionali e relativi appalti a privati ) e si privano i comuni di alta montagna di attrezzature salvo comunità montagne disubbidienti che praticano il fai da te fregandosene della burocrazia
E adesso signora Madia e compagni di merende
Denunciate chi ?
I disubbidienti che salvano le vite dei cittadini o gli imbecillì
che si salvano la poltrona

E non spariamo sulla povera presuntuosa del 112 più di quello che le compete a cui provvederà la magistratura
Avrà già a che fare con il suo rimorso personale
Un ora non mutava la tragedia ormai accaduta
Serva comunque da monito ad altri operatori
Io ho sempre incontrato persone molto responsabili che non danno mai nulla per scontato ma scrupolosamente intervengono
Se è un procurato falso allarme non importa ci sono le sanzioni


Rosa Anna 26.01.17 11:09| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A seguito di disgrazie come questa, ci si interroga sempre (dopo) se si poteva evitare.
Senza dubbio le concause che hanno portato a questa situazione non sono da ricercare solo nella singola noncuranza o disattenzione (voglio essere gentile), ma in una serie di mancanze, anche piccole, che vengono chiamate "la catena degli eventi".
Quando feci il corso di sicurezza volo e prevenzione incidenti presso lo Stato Maggiore dell'Aeronautica, ci fecero vedere, senza ombra di dubbio, che anche una piccola mancanza o noncuranza, se trasportata nelle operazioni di routine, poteva causare errori e disastri irreparabili.
Ecco, il faro bisogna puntarlo sull'organizzazione, sulla preparazione di chi decide ma non è mai stato in una calamità, su chi, da dietro una scrivania, non riesce a capire, a cogliere al volo la gravità di quello che sta succedendo.
Errori ne sono stati fatti, ma siamo sicuri che chi ha fatto questi errori era preparato adeguatamente per affrontare il problema?, siamo sicuri che chi ha ricevuto la chiamata di soccorso aveva la necessaria preparazione tecnico/operativa e l'autonomia per mettere in moto la macchina dei soccorsi?.
Purtroppo ho avuto modo di operare in eventi calamitosi, e posso solo dire che fin quando l'organizzazione verrà demandata a chi il soccorso lo fa solo quando necessita, non si andrà da nessuna parte e saremo sempre qui a disquisire su cosa si poteva fare.
Abbiamo un Corpo dello Stato, i bistrattati Vigili del Fuoco, che il soccorso lo fanno giornalmente e che, seppur con le limitate risorse fanno miracoli: perchè, in una seria riforma della protezione civile, non affidare a loro la responsabilità ed il coordinamento delle operazioni?
Forse, e dico forse per non essere accusato di essere di parte (data la mia lunga permanenza nei Vigili del Fuoco) questa classe politica, togliendo potere alla protezione civile ha paura di perdere voti e consensi (o altro!!!).
Le cose bisogna dirle chiaramente, a costo di provocare risentimenti.

VINCENZO ANTONA, Vercelli Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 26.01.17 11:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ho sentito i soldi per gli sms alla protezione civile sono fermi. Soldi degli italiani. E' vera la notizia? Approfondire e chiedere ai responsabili....grazie. Saluti a tutti.

Monica. Vicenza. 26.01.17 10:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Concordo “le scuse non bastano”.

o.t. x Max,
dato che sono trascorse dieci ore e ancora non vuoi o non sai entrare nel merito delle mie 6 domande e darmi -le tue- 6 risposte, provo a darmele da sola. Avrei piacere di sapere se concordi.
- c’è un sistema grazie al quale noi sappiamo che i dati delle votazioni sono validi? NO, non c’è.
- c’è un rendiconto di come sono stati impiegati i 4 milioni che a fine 2014 risultano “Avanzo Finanziario”? NO, non c’è.
- quando saranno rendicontate le spese sostenute per Rousseau? A PIACERE, un termine massimo c’è solo per il rendiconto dei Portavoce.
- dove “verranno regolarmente recepiti i miglioramenti richiesti dagli utenti iscritti al M5S che saranno gestiti per ogni funzione da responsabili eletti nel M5S” ? NON lo so, so solo che per ora NON c’è stata alcuna elezione dei responsabili.
- quando verranno effettivamente eletti i responsabili di ogni funzione, inclusa la funzione Vota? IDEM come sopra.
- è possibile proporre la candidatura di Federico Pistono come responsabile tecnico della funzione Vota? IDEM come sopra.

Buongiorno

Eva Adami Commentatore certificato 26.01.17 10:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Un giornalista in televisione ha già ammesso che l'Italia è fatta in modo tale che la responsabilità per definizione non è mai di nessuno. Perla: molti anni fa ci fu il colera a Napoli. Come finì? Semplice, l'unico che ha pagato è stato il medico provinciale che denunciò la faccenda! Cmq, le rare volte che ho avuto bisogno ed ho chiamato i "centralinisti" addetti mi sono sempre dovuto scontrare con un'ottusità diffusa.

Oronzo Barberio, Mesagne (Brindisi) Commentatore certificato 26.01.17 10:55| 
 |
Rispondi al commento

LEGGETEVI L'EDITORIALE ODIERNO DI TRAVAGLIO SULLA RAGGI CHE POSTO QUI SOTTO : E' STUPENDO!


PRIMA PARTE (LE ALTRE PARTI SEGUONO NEI COMMENTI)

“Ora ci divertiamo”: l’editoriale di Marco Travaglio


Evviva evviva! Da 23 anni, da quando B. scese in campo, martelliamo la classe politica perché proibisca duramente per legge i conflitti d’interessi. E ora scopriamo che non c’è bisogno di leggi: il conflitto d’interessi è già severamente punito. E sul piano penale. È infatti per non aver impedito il conflitto d’interessi di Raffaele Marra, capo del Personale che seguiva i concorsi e le promozioni dei dirigenti comunali, compreso il fratello Renato, che Virginia Raggi è indagata con lui per abuso d’ufficio: lui per aver violato il Codice deontologico dei dipendenti comunali, lei il Regolamento di Roma Capitale – scrive Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano nell’editoriale di oggi 26 gennaio 2017, dal titolo “Ora ci divertiamo” –.Abuso che, per l’accusa, si trascina dietro anche un falso: infatti la sindaca dichiarò all’Anticorruzione di aver deciso in totale autonomia di promuovere Renato Marra da dirigente dei vigili (fascia 1) a capo della Direzione Turismo (fascia 3), per risarcirlo della rinuncia alla sua vera aspirazione – il comando della Polizia municipale (fascia 5) – ed evitare un suo ricorso al Tar per l’ingiusta esclusione. E questa sarebbe una bugia, perché Raffaele avrebbe avuto un ruolo attivo nella nomina di Renato. Al momento, cos’abbia fatto davvero Raffaele e dunque se la sindaca abbia abusato del suo ufficio e mentito oppure no, non lo sa nessuno.La Raggi ripete di aver deciso la promozione di Renato con l’assessore al Commercio Meloni, che aveva apprezzato il lavoro del dirigente nei blitz contro l’abusivismo commerciale. Vedremo se, nell’interrogatorio del 30 gennaio, riuscirà a convincere i pm. Nella famosa chat del quartetto Raggi-Frongia-Romeo-Raffaele Marra, non c’è nulla che confermi né smentisca la versione della sindaca.

Al. P. Commentatore certificato 26.01.17 10:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che infami del ca@@o sti #Politicanti !!

#TuttiaCasa !!

antonello c., pescara Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 26.01.17 10:29| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

O.T.
Estratto da:
"ilprimatonazionale.it/politica/sorpresa-la-raggi-indagata-si-deve-dimettere-prescindere-56403/"
.
A prescindere dall’esito finale dell’inchiesta, resta il senso di una generale opacità, in cui sull’impreparazione mastodontica dei grillini i vecchi marpioni (tipo Marra, appunto) costruiscono carriere. Che il sindaco di Roma possa finire indagato, vista la complessità del governo della capitale e gli intrecci di potere che vi si snodano nell’ombra, è cosa che forse si può mettere in conto. Proprio per questo in quel ruolo serve una persona che abbia forza, radicalità e consapevolezza. Tutte qualità che mancano drammaticamente alla Raggi. Ecco perché si dovrebbe davvero dimettere. Che sia indagata, alla fin fine, è soltanto un dettaglio nel disastro generale.

Ivan.Ital 26.01.17 10:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una decina di giorni fa Di Battista ha chiesto alla camera di rimandare la legge che sopprimeva il corpo forestale. Dovreste fare vedere l'intervento.
Che cosa ha risposto il governo?

Rosa 26.01.17 10:28| 
 |
Rispondi al commento

IL DOPPIOPESIMO risultante (con FIATO sul COLLO) dalla MINUZIOSA APPLICAZIONE DELLE LEGGI ,... che mass media e giudici applicano ai 5 STELLE....

...tra poco NON SARA' piu' praticabile ,
e per logica comparativa, tale MINUZIOSA APPLICAZIONE .....dovra' estendersi ANCHE alla CASTA di politici PROTETTI.

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 26.01.17 10:26| 
 |
Rispondi al commento

O.T.

¡¡¡Hola egregia ytaglya & p.c. Blok✰✰✰✰✰... paziente!!!

Questa ve la siete già scardata?!?! Allora vi rinfresco la memoria!

Cari ytagly-any, care ytagly-ane, cara ytaglya,

state votando il vostro presidente del consiglio?
State votando il vostro parlamento?
State votando il vostro presidente della repubblica?
State votando il vostro Movimento?

----------Non mi pare!----------

Qualcuno è arrivato al voto prima di voi in leggggggiera controtendenza! Infatti:

HAITI BATTE YTAGLYA 29 A ZERO!

il 29 novembre 2016 uno degli stati più poveri e uno dei paesi più disastrati del pianeta
ha concluso con successo le sue elezioni! Ecco la prova!

"Jovenel Moise vince le elezioni presidenziali in Haiti.
29/11/2016 05:19 - Il candidato del "Partito Haitiano Tet Kale" (PHTK), Jovenel Moise, ha vinto
con il 55,67% dei voti le elezioni presidenziali di Haiti celebrate il 20 novembre,
secondo i risultati provvisori divulgati questo lunedì dal Consiglio Elettorale Provvisorio (CEP)".

Tradotto:
"Jovenel Moise gana las elecciones presidenciales en Haití.
29/11/2016 05:19 - El candidato del Partido Haitiano Tet Kale (PHTK), Jovenel Moise, ganó con el 55,67 % de los votos las elecciones presidenciales de Haití celebradas el 20 de noviembre, según los resultados preliminares divulgados este lunes por el Consejo Electoral Provisional (CEP)".

http://www.elmundo.es/internacional/2016/11/29/58
3d01dae5fdeacc658b4662.html

Saludos.

Ernesto✰✰✰✰✰ - La Habana 26.01.17 10:17| 
 |
Rispondi al commento

I governanti si son sempre fregati dell'Italia..intesa come territorio...hanno pensato solo a riempirsi il portafogli.
Pioggia,vento,neve e terremoti...l'hanno sempre fatta da padrone,in più c'è stato messo hanno messo l'inquinamento industriale e l'abbandono delle campagne per l'industria e la frittata è stata fatta.
Chiunque andrà a governare dovrà recuperare il tutto altrimenti avremo distrutto la nostra terra definitivamente.
Il centro Italia????...abbandonato da anni e violentato!

oreste ★★★★★ °.°, sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 26.01.17 10:15| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori