Il Blog delle Stelle
Raffica di aumenti per i pedaggi autostradali

Raffica di aumenti per i pedaggi autostradali

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 31

di Michele Dell'Orco

A gennaio 2017 ci sarà una raffica di aumenti per i pedaggi autostradali con un rincaro medio sull'intera rete dello 0,77%. Anche per quest’anno il Governo ha concesso gli aumenti dei pedaggi alle società che gestiscono le autostrade, sulla base degli investimenti sostenuti nell'ultimo biennio. Ad ammetterlo è lo stesso ministero delle Infrastrutture e Trasporti: "l'aggiornamento annuale delle tariffe deriva dall'applicazione di quanto contrattualmente previsto dalle Convenzioni Uniche stipulate dal 2007 in attuazione della legge di riforma del settore n. 296/2006 unitamente alle Delibere Cipe del 2007 e del 2013 che hanno stabilito le formule tariffarie e criteri di calcolo".

Il MoVimento 5 Stelle aveva già denunciato negli scorsi anni questo rischio, a partire dal decreto Sblocca Italia (Governo Pd Letta) che dando in affidamento diretto il rinnovo delle concessioni autostradali ha comportato in pratica una chiusura del mercato con distorsioni della concorrenza nonché riflessi in termini di incremento delle tariffe autostradali. E infatti puntualmente è accaduto e il nuovo anno è partito male.

Ancora più paradossale se da una parte aumenta il costo dell’auto e delle strade, ma contemporaneamente non vengono fornite alternative al mezzo privato. Ad il fondo per il trasporto pubblico locale manca oltre 1 miliardo l’anno, il car sharing e il car pooling non sono ancora diffusi, in città come Matera ancora non arriva un treno, inoltre quasi nulla è stato fatto per la sicurezza stradale e i morti sulle strade italiane sono in media 4000 all’anno.

Al ministro Delrio e a Gentiloni chiedo un impegno per il 2017: non fate altri danni; fermatevi con il Tav, con il ponte sullo stretto di Messina e tutte le altre follie che ci portano a sprecare miliardi di euro; piuttosto che fare danni state FERMI.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

3 Gen 2017, 12:10 | Scrivi | Commenti (31) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 31


Tags: aumento pedaggi, autostrade, M5S, Michele Dell'Orco, strade

Commenti

 

In Inghilterra (e in Germania, in Francia, in Austria, in Svizzera, negli USA, etc....) nemmeno se lo so sognano di dare le autostrade in concessione ai privati (Benetton, Toto, e altri).
In Inghilterra, dove la Thatcher ha tagliato di tutto e di più dal bilancio dello stato, non hanno pensato proprio di darle in concessione: si entra e si esce dalle autostrade, senza caselli, senza pedaggi e quindi senza code. Le autostrade sono di proprietà dello Stato, che provvede con la tassazione generale alla loro costruzione e manutenzione.
E' anche una questione che tocca la sfera della libertà individuale dei cittadini: tutti possono percorrerle, ricchi o poveri, purchè rispettino le regole stradali.

Antonio Spina 13.01.17 09:47| 
 |
Rispondi al commento

se la politica fosse stata onesta questo paese che abbiamo servito sarebbe il giardino d'europa invece siamo il nord'africa almeno per le ferrovie e'un dato di fatto .e poi vogliono il premio di maggioranza premiamoli pure devono mantenere mafia camorra e piduisti di turno !!!

sergio boscariol 06.01.17 13:49| 
 |
Rispondi al commento

Buona sera a tutti. Penso che tu abbia ben celebrato ? Io faccio solo la testimonianza di una donna che, a mio aiuto un sacco per un prestito di 8.000 euro questa mattina. Questa donna, vi assicuro che è davvero una mamma che ha il denaro per il cliente e per il popolo, che spiega chiaramente la loro situazione. Il suo nome è ANISSA , francamente, è una buona persona, perché mi è stato soddisfacente oggi, e sono felice di parlarne , all'inizio avevo dubitato, ma ora posso dire che è il vero creditore. Il suo indirizzo è : developpement.aide@gmail.com

javier estrada gonzalez Commentatore certificato 05.01.17 21:14| 
 |
Rispondi al commento

Non pare una grande idea aver dato un monopolio a dei privati. Triste che l'alternativa sia la corrotta cosa pubblica.
Purtroppo queste sono le alternative di questa democrazia fasulla che occorre superare; in ogni modo. Il sistema esistente deve essere abbattuto. Dubito lo si possa fare dall'interno come M5S sta tentando di fare.

Alberto B., arezzo Commentatore certificato 05.01.17 19:19| 
 |
Rispondi al commento

IL FINANZIAMENTO DEI VOSTRI PROGETTI/ MEMBRI

Ciao cari lettori
AGENZIA finanziaria che offre prestiti a essere sicuro e benefico per le persone e aziende in Europa e nel mondo, per un importo che vanno da 3000 a 1.000.000 di euro, che corrisponde ad un tasso di 3% con termini di rimborso, tenendo in considerazione la vostra realtà finanziaria. Le imprese o gli individui con le loro idee e la ricerca di finanziamenti ; non esitate a rispondere a questo annuncio per ricevere la nostra offerta.
Informazioni
Email:Jordiverna205@gmail.com
Sito: http://jordifinance.jimdo.com/

Grazie

Verena JORDI 04.01.17 17:22| 
 |
Rispondi al commento

Tanto per informarvi, lo scandalo più grande è il rincaro terribile dell autostrada dei parchi A24 e A25 arrivato al 1,62% altro che 0,77%, purtroppo è un'autostrada gestita da privati che fa passare la voglia di viaggiare, serve a raggiungere la capitale passando per l Abruzzo, è uno scandalo che deve essere conosciuto

Simona Lattanzio 04.01.17 16:50| 
 |
Rispondi al commento

TORNATE AD USARE LE ALTRE STRADE COME FACCIO IO !!!
LE AUTOSTRADE DEVONO TORNARE ALLO STATO, OVVERO, AI CITTADINI !!!
FUORI I PRIVATI !!!

Franco Della Rosa 04.01.17 11:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quella delle tariffe autostradali, stabilite unilateralmente dalle società, è una vera e propria rapina a scapito dei poveri utenti.
Dovrebbe esserne dimostrata la necessità in un organismo di cui dovrebbero far parte le associazioni dei consumatori.

albino c., GIARDINI NAXOS Commentatore certificato 04.01.17 10:24| 
 |
Rispondi al commento

2016 2017 ORA PARLIAMO DI COSE SERIE. BEPPE GRILLO APRIRE IL DIALOGO. [versione youtube con schede consigliata https://www.youtube.com/watch?v=eCuvVd_jCGA]
https://vimeo.com/197777028

angelo cicirelli 04.01.17 10:04| 
 |
Rispondi al commento

Qui ci vuole la ghigliottina (metaforica),
nazionalizzano in parte una banca ed ogni contribuente e lavoratore italiano ora dovrà pagare 300 euro per riparare ai danni fatti dai truffatori, ed allo stesso tempo lasciano a pochi ricchi la facoltà di aumentare le tariffe delle autostradale private, togliendo di tasca cosi facendo denari e PANE a molti contribuenti diventati salvabanche per decreto.

MONDO ALL'INVERSO

Giampietro Torresan 04.01.17 09:56| 
 |
Rispondi al commento

Questo è solo l'inizio...

AURELIO CASO 04.01.17 08:50| 
 |
Rispondi al commento

TUTTO AUMENTERÀ, IL REFERENDUM E' FINITO...

Si sapeva che succederà la raffica di aumenti, prima del referendum montagne di promesse poi hanno perso, quasi una sorta di vendetta.

Questi di gas, autostrada, luce...colpiscono direttamente i cittadini e imprese, certo non servono per rilanciare economia...

Aspettiamo altri aumenti...iva...

https://www.facebook.com/shahab.shirakbari.5

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 04.01.17 05:48| 
 |
Rispondi al commento


Trascurando che il paese allo sbando più totale. Senza guida, poche idee ma confuse.
Degli aumenti non mi preoccuperei minimamente. Possiamo stare tranquilli che qualche giullare di corte, ci farà crepare da ridere (per non piangere), raccontandoci che le tasse , dirette o indirette, sono diminuite, che la crescita c’è, ed è costante, che la disoccupazione scende in modo impressionante, che i poveri son in via d’estinzione, che il welfare non è mai stato a livelli cosi alti. Queste cose ci rassicureranno e spazzeranno via ogni nostra preoccupazione. Almeno ci faranno fare quattro risate, amare, ma sempre risate.
Saluti
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 04.01.17 02:19| 
 |
Rispondi al commento

Perché non si apre una vertenza politica contro le concessioni autostradali? Le autostrade vanno riportate sotto il controllo diretto dello Stato.Esse rappresentano una rendita sicura per i privati che hanno le concessioni, rendita che invece potrebbe essere utilizzata per fini sociali.

Ernesto Cossuto 03.01.17 23:16| 
 |
Rispondi al commento

MALEDETI MAGNACCIONI SCHIFOSI

Emanuele l., roma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 03.01.17 22:28| 
 |
Rispondi al commento

Saggio messaggio ! solo che non possono deludere i poteri mafiosi avendogli dato una poltrona messa sotto il c... da scaldare e spennare noi poveri cristi che facciamo rinunce x stare al passo delle entrate oramai diventate insostenibili con le uscite. Avanti tutta 5stelle noi siamo con voi a sostenervi come possiamo;un caloroso abbraccio da parte mia siete la mia unica gioia e speranza della mia vita.

rosaria marsano Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 03.01.17 22:14| 
 |
Rispondi al commento

Tra i pizzi più odiosi in Italia ci sono i pedaggi autostradali

Poi ci sono autostrade come l'A24 Roma l'Aquila Teramo, e Roma Pescara e ritorni...
dove bisogna essere ricchi di famiglia per percorrere le rampe di accesso
..motivo?
Sono piene di infrastrutture...e soprattutto sono praticamente Private...fuori dal discorso "autostrade per l'Italia"

Secondo voi si possono avere in Italia strade di diverso budget?

LE AUTOSTRADE VANNO RIPUBBLICIZZATE AL PIÙ PRESTO
STOP

I PEDAGGI DEVONO SERVIRE A GESTIRE LE STESSE . STOP
GLI STESSI PEDAGGI STABILITI DALLO STATO A TARIFFAZIONE UNICA NAZIONALE A KM

Alessandro D., Roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 03.01.17 21:22| 
 |
Rispondi al commento

IL PEDAGGIO AUTOSTRADALE COSTA TROPPO AGLI ITALIANI, SAREBBE ORA CHE LO STATO SI RIPRENDA TUTTE QUELLE TRATTE AUTOSTRADALI E CONTROLLA LE TARIFFE, IN PARTICOLARE I COSTI DELLE MANUTENZIONI ALLE STELLE, CREANDO LE POSSIBILITA' AD AUMENTARE IL PEDAGGIO.

cosimo calabrese, chiaravalle Commentatore certificato 03.01.17 21:18| 
 |
Rispondi al commento

bEATO chi non prende piu' l'autostrada . Buona serata a tutti.

flavio guglielmetto mugion, Torino Commentatore certificato 03.01.17 20:38| 
 |
Rispondi al commento

E vogliamo parlare della tangenziale di Napoli? Unica tratta in Italia a pagamento che attraversa l'intera città?
E come presidente ancora un vecchio riesumato della 1° repubblica cui qualcuno ha salvato il culo!! Un certo Cirino Pomicino ve lo ricordate?
Dal 1° gennaio 1€ qualunque sia il tratto percorso, e peggio ancora allo stesso prezzo di un biglietto dell'autobus o metro. Vergogna.Vergogna,Vergogna..

vincenzo p., napoli Commentatore certificato 03.01.17 19:35| 
 |
Rispondi al commento

....COMPRESO la Tangenziale di Napoli,l'unica Tangenziale Italiana a pagamento...ove il suo primo azionista... poverissimo;(sta per ricevere la nomina di Vice-Presidente,anche di quei tratti che saranno a pagamento nella Autostrada Salerno/ Reggio-Calabria)....certo, già condannato, CIRINO POMICINO; egli ha fatto includere quella tangenziale,nel piano Nazionale "Autostrade d'Italia" con il titolo di"A-56"riuscendo a mettersi al sicuro da chi, Napoletano,volesse protestare ed attaccare quei pagamenti iniqui......Mentre; quella arteria; rappresenta una ulteriore beffa per i Napoletani; poiché, nel cuore della città, è sempre intasata e si cammina a passo d'uomo al mattino ed da tardo pomeriggio; a senso di marcia alterno; quindi non fluidifica il traffico; ma SI PAGA LO STESSO....!.

Francesco Talucci 03.01.17 19:27| 
 |
Rispondi al commento

Percorrere strade alternative. Benetton si non si offenderá

Amalia Francesca riso 03.01.17 18:50| 
 |
Rispondi al commento

non è un rischio ma una certezza
nel 2016 ogni giorno spendevo 2,80 andata e 2,80 ritorno (cca 40 km a tratta)
oggi spendo 2,90 per ogni viaggio
3,5% di incremento che i un anno/360 sono 36 euro in più!
ma perché poi parlano di deflazione solo quando mi devono pagare ?

Giancarlo G., Verona Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 03.01.17 18:38| 
 |
Rispondi al commento

Quale popolo sciagurato che ha , reti ferroviarie e tre Mila km di costa punta tutto il commercio di una nazione su gomma nel 21 secolo solo per far arricchire 4 petrolieri e 4 proprietari di autostrade ed emana leggi sciagurate per farli ancora di più arricchire . Noi popolo di Italioti siamo in mano da anni a circa 100 mila politici di professione che ci stanno portando non al declino ma al genocidio di un popolo .. Hanno perso ma non si sa come siano ancora tutti ai loro posti a inventarsi leggi non per il paese ma per quattro pedofili rincoglioniti . La loro fortuna è che siamo un popolo ignorante o meglio del terzo mondo .

Giovanni Iuso 03.01.17 17:58| 
 |
Rispondi al commento

Quando conviene viene citata l'Europa, quando no il pedaggio in tutta zona europea, dove gli stipendi sono mediamente molto più alti, si paga una tantum, diciamo un viaggio in autostrada d'Italia equivale a un anno di abbonamento in Austria, Slovacchia senza citare la Germania dove si parla di far pagare qualche cosina rispetto a 0, non diciamo nulla? Perché? Dovrebbe diventare una battaglia principale di M5S, non solo giusta ma di enorme consenso, riguarda tutti noi, cittadini italiani ed europei.

Daniela Simkova 03.01.17 17:55| 
 |
Rispondi al commento

USATE LE ALTRE STRADE !!!
LE AUTOSTRADE DEVONO TORNARE ALLO STATO, OVVERO, AI CITTADINI !!!
FUORI I PRIVATI !!!

Franco Della Rosa 03.01.17 17:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L'Italia è il paese delle tasse e della disoccupazione.

E i politici Italiani sono tra i più pagati del mondo..

Giampaolo M5S, Italia Commentatore certificato 03.01.17 17:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori