Il Blog delle Stelle
Scuola: alunni disabili senza ‘sostegno’

Scuola: alunni disabili senza ‘sostegno’

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 8

di MoVimento 5 Stelle

Non c’è pace per la scuola italiana. Dopo i disastri della riforma di Renzi e Giannini, ora il governo ha messo le mani sulla riforma del sostegno con un decreto che in teoria doveva servire a migliorare la vita a scuola dei disabili e che invece avrà conseguenze pesantissime per questi ragazzi e per le loro famiglie.

Il decreto sull’inclusione scolastica varato dal governo Gentiloni, con la regia del ministro Fedeli, sferra un duro colpo al diritto allo studio degli alunni disabili e fa compiere alla scuola italiana un pericoloso passo indietro, andando a smantellare tra l’altro i capisaldi della storica Legge 104 sulla disabilità. Ecco cosa succederebbe se il decreto dovesse passare così com’è:

tutti gli studenti che non hanno una disabilità grave certificata rischiano di perdere le ore di sostegno di cui sino ad oggi, seppure con mille lacune, hanno goduto. A richiedere le ore di sostegno, sulla base delle esigenze del singolo alunno, sino ad oggi era la scuola, insieme ai docenti e ai genitori dei ragazzi, ora invece questo ruolo passerebbe nelle mani di un Gruppo di Inclusione Territoriale (GIT), composto per lo più da dirigenti scolastici e senza la presenza di specialisti. Saranno loro a decidere quante ore di sostegno destinare ad ogni alunno, leggendo documenti e relazioni e non più sulla base di una conoscenza diretta dell'alunno.

Le classi con ragazzi portatori di disabilità potranno essere composte da più di 22 studenti, numero che ad oggi non può essere superato.
La valutazione diagnostico-funzionale degli alunni disabili sarà affidata a commissioni composte solo da medici, estromettendo le famiglie, gli educatori, i pedagogisti, gli psicologi e gli assistenti sociali, con un approccio alla disabilità solo medico, quando ormai da anni si va nella direzione psico-sociale.
Il Piano Educativo Individualizzato non prevede più i contributi provenienti dalle figure professionali dell'ASP, né dell'ente locale, né dei diversi gruppi di supporto all'inclusione, certificando la fine del processo di inclusione inteso come presa in carico diffusa e condivisione delle buone pratiche.

Il decreto, naturalmente, non stanzia un euro:
come si possa pensare di migliorare l’inclusione dei ragazzi disabili a scuola senza spendere un soldo, e quindi senza risolvere la drammatica carenza di insegnanti di sostegno e di servizi quali l'assistenza e il trasporto, devono venire a spiegarcelo.

Questo decreto va preso e gettato nel cestino. Serve un nuovo testo che contenga alcuni punti imprescindibili che il M5S ha già proposto al governo: ridurre ad un massimo di 20 studenti le classi in cui ci sono alunni disabili, prevedere la presenza di figure professionali di supporto all'attività dei docenti, garantire la presenza delle famiglie in ogni fase decisionale sul sostegno, assicurare i servizi scolastici e assumere nuovi insegnanti di sostegno specializzati, senza i quali non è possibile garantire ad ogni studente la continuità didattica a cui ha diritto.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

21 Feb 2017, 15:41 | Scrivi | Commenti (8) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 8


Tags: gentiloni, istruzione, ministro, scuola, sostengo

Commenti

 

Io sono la Signora Clarar e di essere alla ricerca di un prestito per più di 3 mesi. Io sono stato molte volte truffati sul sito di prestito tra particolare volendo è un prestito tra individuo in diverse persone. Ma ogni volta che mi fessais strappato via da una moltitudine di carica, e alla fine ottengo nulla sul mio conto. Ma per fortuna mi sono imbattuto in una donna davvero semplice e il tipo che mi doveva aiutare a trovare il mio prestito di€ 25.000 che ho ricevuto sul mio conto questa mattina, senza troppi protocolli.
Quindi voi che sono nel bisogno, come me, è possibile scrivere a lui e spiegargli la tua situazione potrebbe aiutare la sua e-mail è : developpement.aide@gmail.com

depoulo clara Commentatore certificato 24.02.17 21:12| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è le offerte di Lady Josina gomez di prestito diversi per i vostri progetti fino a 70.000 euro con un tasso del 2% per ulteriori informazioni contattare bancadiaccreditamento2017@gmail.com

jodia antonia Commentatore certificato 24.02.17 15:39| 
 |
Rispondi al commento

Ciao
La nostra banca offre diversi tipi di prestiti per il tuo viaggio di piani di costruzione di casa e anche investimenti Offriamo prestiti fino a 70.000 euro incontriamo abbastanza gente di tutti i nostri documenti e le attività sono coordinate da avvocati e notaio con le banche. nostre linee guida Josina gomez dandosi finanziamento in tutti i paesi del mondo siamo noi in Europa in Asia, America e Africa
Posta prestitobancario2017@gmail.com

jolia antonio () Commentatore certificato 23.02.17 16:27| 
 |
Rispondi al commento

Basta con la solidarietà ai tassisti, agli ambulanti, agli operai di quella e dell’altra fabbrica . Basta con la solidarietà a qualsiasi singola categoria. Dobbiamo dare la nostra solidarietà solo a noi stessi, tutti uniti compatti, a prescindere dalla categoria d’appartenenza . Non sono in ballo l’interessi o la tutela di quella o di l’altra categoria. Prima o poi tutte le categorie saranno passate per il tritacarne, che noi alimentiamo. Chiunque pensi di rimanere fuori da tritacarne o è stupido o è un povero sprovveduto. La differenza tra noi e il tritacarne è che lui macina un pezzo di carne per volta, mentre noi stiamo a guardare, compiaciuti o dispiaciuti, pensando: sono affari loro non miei. Sicuramente in quel preciso momento sarà così ma quando quel momento arriverà anche a te? Quale sarà la tua razione, quali saranno i tuoi pensieri? Dov’è la solidarietà che speravi ci fosse ma che invece non c’è? Questo è il giuoco che, inesorabilmente, stanno vincendo su tutti i fronti. Se non abbiamo ancora capito che le lotte per categoria lavorativa o corporazione sono tutte destinate alla sconfitta, non abbiamo capito il mondo in cui stiamo vivendo. L’unica categoria da tutelare e la categoria umana, ed ha solo una speranza; marciare compatta e unita per bloccare il tritacarne. Se dobbiamo manifestare dovremo farlo tutti insieme, trasversalmente, fino al collasso del tritacarne. Altrimenti faranno di tutti noi, come stanno già facendo, degli hamburger a basso prezzo. O marciamo tutti insieme o marciremo un poco per volta.

Saluti
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 23.02.17 00:23| 
 |
Rispondi al commento

Hanno cominciato col far portare la carta igienica agli alunni. Finiranno col far portare i banchi e le lezioni, se ci saranno, saranno fatte all’aperto data l’inagibilità delle scuole.

Non c’è limite alla vergogna, non c’è limite al peggio.

Saluti
Talelbano

Gianfranco B. Commentatore certificato 22.02.17 12:08| 
 |
Rispondi al commento

Sono andata a vedere cosa sono i GIT
credo a spanne che siano Gruppi di persone impiegatizie dei soliti ruffiani raccomandati dai partiti o sbaglio ?

Se ho sbagliato correggetemi

Ma credo di azzeccare avendo un parente celebro leso da 32 anni con gravi difficoltà a cui è stato tolto l'accompagno solo per il fatto che è sufficientemente autonomo negli atti di deambulare e vestirsi e nutrirsi ne so qualcosa delle ultime commissioni create dalle regioni

Rosa Anna 21.02.17 19:43| 
 |
Rispondi al commento

Mi spiace per i disabili, ma spero che così possano perdere un altro bacino di votanti, amici genitori e parenti di disabili semprechè informati correttamente.

vincenzo p., napoli Commentatore certificato 21.02.17 17:13| 
 |
Rispondi al commento

Splendido debutto della Ministra Fedeli. Si continua a picchiare sui più' deboli e indifesi. Trump ne sarebbe orgoglioso.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 21.02.17 16:02| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori