Il Blog delle Stelle
Terrorismo Mediatico di stampo partitico

Terrorismo Mediatico di stampo partitico

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 103

di MoVimento 5 Stelle

La strategia messa in campo dai partiti e dai media per denigrare e diffamare il MoVimento 5 Stelle segna oggi un cambio di passo. Oggi si inaugura la fase del Terrorismo Mediatico. Dopo aver tentato invano la narrazione dei "Grillini incompetenti" ed essere smentiti dalle azioni dei nostri amministratori, ora iniziano con il raffinato storytelling dei "Grillini violenti". La suggestione è stata lanciata ufficialmente ieri da Renzi con un post su Facebook e immediatamente rilanciata da Berlusconi con la prima pagina de Il Giornale.

Nel giorno del referendum catalano, la Pravda berlusconiana, spara addosso al MoVimento a caratteri cubitali: "Delinquenti a Cinque Stelle". Segue una ricostruzione completamente falsa a cura di Francesco Maria Del Vigo in cui afferma che il MoVimento 5 Stelle difende i violenti e lo accusa di complicità con gli organizzatori della macabra provocazione dei manichini. Balle che sono come ordigni lanciati in una piazza per scatenare il panico e la psicosi contro il MoVimento.

La verità è un'altra. Sono stati i nostri amministratori a ospitare il G7 a Torino e Venaria. Il MoVimento e i suoi principali portavoce (Chiara Appendino a livello locale e Luigi Di Maio a livello nazionale) hanno prontamente condannato i violenti e gli atti violenti. Nessuno di loro ha organizzato o preso parte a manifestazioni violente o macabre come quella dei manichini, che peraltro abbiamo condannato pubblicamente. E il popolo che ci sostiene mai si è macchiato di violenze o di azioni illegali, come invece vogliono far credere i terroristi mediatici. Questa è la posizione ufficiale del MoVimento 5 Stelle, chi ne ha altre le esprime a titolo personale e comunque al di fuori della nostra comunità.

La rabbia del Paese che sarebbe esplosa in faccia a chi l'Italia l'ha devastata, è stata trasformata dal MoVimento in un'energia positiva e pacifica che si esprime attraverso il voto popolare e all'interno di una cornice istituzionale. Delegittimare questa forza con mitragliate di accuse infamanti e menzogne è un atto terroristico di stampo mediatico con precisi mandanti politici: il segretario del Pd e il suo pregiudicato compagno di merende al Nazareno.

Da qui in avanti sarà sempre peggio. I partiti e i mezzi di comunicazione al loro servizio (praticamente tutti) separeranno ad alzo zero contro il MoVimento e i suoi portavoce, senza nessun ritegno e senza nessun rispetto della verità. L'unico antidoto è informarsi sui fatti, non sulle opinione di editorialisti complici dei politici, e soprattutto diventare ognuno di voi un inviato del Paese reale, quello distante anni luce dalle redazioni dei giornali e dei telegiornali mantenuti in piedi con denaro pubblico o elargizioni di qualche magnate. Nessuno di noi è un delinquente e non permetteremo a nessuno di dirlo impunemente.



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

2 Ott 2017, 12:17 | Scrivi | Commenti (103) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 103


Tags: berlusconi, giornalismo, giornalisti, il giornale, renzi

Commenti

 

Se avere un canale televisivo ha sicuramente un costo di un certo rilievo, credo si potrebbe iniziare con una TV digitale come Pandora TV, per informare ed interoquire con i blogger.

Rosario R., Genova Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 08.10.17 18:32| 
 |
Rispondi al commento

Perchè non querelate il direttore del giornale? Noi iscritti/simpatizzanti ci sentiamo offesi per il titolo apparso sul pseudogiornale, l'unico criminale/pregiudicato, riconosciuto tale dopo il terzo grado di giudizio è berlusconi. Sarebbe utile che ogni iscritto fosse risarcito simbolicamente anche di un solo euro (meglio se fossero molti di più).

Rosario R., Genova Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 08.10.17 18:26| 
 |
Rispondi al commento

questi giornali e televisioni di oggi fanno schifo

sito 07.10.17 15:30| 
 |
Rispondi al commento

MA PERCHE MENTRE SCRIVI UN COMMENTO AD UNCERTO PUNTO IL COMPIUTER ESEGUE UN RIAVVIO E SPARISCE TUTTO E DEVI RICOMINCIARE TUTTO DA CAPO?
ALLORA STAVO SPIEGANDO CHE ANCORA SENTO GENTE CHE DICE SI MA QUESTI NON ANNO UN PROGRAMMA NON ANNO ESPERIENZA QUESTI SONO QUELLI CHE ANNO PAURA DEL CAMBIAMENTO MA DEVONO RICORDARE CHE IL CAMBIAMENTO CHE OGGI TI OFFRE IL MOVIMENTO DA COME LA VEDO IO NON E UN CAMBIAMENTO POLITICO COME PER ESEMPIO DEMOCRAZIA CRISTIANA –PARTITO COMUNISTA CADUTI ENTRAMBI NELLA PRIMA REPUBBLICA TIPO ANDREOTTI- OCCHETTO CHE ANNO GENERATO BERLUSCONI E DALEMA OGGI MI DICO MI VENGA UN COLPO!! MA DALLA PRIMA REPUBBLICA NON E CAMBIATO NIENTE ANZI LE COSE SONO PEGGIORATE GRAZIE AL MOVIMENTO CHE STA DENUNCIANDO E METTENDO IN PIAZZA LA VERITA E TANTE PORCHERIE DELLA POLITICA CHE PRIMA NON SI SAPEVANO E NEMMENO LE PENSAVI .
ITALIANI SVEGLIATEVI COME DICE DI MAIO GUARDATE CHE QUESTO E UN TRENO CHE NON PASSA PIU’ ED E PROPRIO VERO CREDEVO IN BERLINGUR ERO AGLI INIZZI POI ARRIVO OCCHETTO POI DALEMA BERTINOTTI E MI SONO ROTTO IL CAZZO MAI VISTO UN MIGLIORAMENTO DEL PAESE SEMPRE PIU’ GIU’ ALLORA DICO VOTERO’ DIPIETRO UN MAGISTRATO NON CREDO CHE FA COME GLI ALTRI E CHE COSA MI RENDO CONTO OGGI SEMPRE GRAZIE AL MOVIMENTO GRILLO DI MAIO DI BATTISTA LA LEZZI E TANTI ALTRI CHE CON CORAGGIO IN QUALUNQUE POSTO ATTACCANO TUTTI I POLITICI CON NOME E COGNOME CON LE PROVE PERCHE IL MOVIMENTO NON PARLA SENZA PROVE E MI RENDO CONTO CHE STA GENTE DAL DOPOGUERRA AD OGGI ANNO SEPRE REMATO CONTRO IL POPOLO LE LEGGI GRAZIE ALLA COSTITUZIONE LE ANNO SEMPRE FATTE TUTTE A LORO IMMAGINE E SOMIGLIAANZA PERCHE A LORO INTERESSA IL VOTO IL VOTO NON PARLANO DI ALTRO QUANDO ARRIVI AD UNA QUALSIASI VOTAZIONE.
IL MOVIMENTO INVECE LO VEDO DIVERSO NON E UN PARTITO POLITICO E TANTE COSE CHE SONO NEL PROGRAMMA CHE E IN CONTINUO MOVIMENTO E PROPRIO QUELLO CHE CI VUOLE IN ITALIA PER ADDRIZZARE UN ALBERO STORTO COME QUELLO CHE ANNO FATTO DIVENTARE L’ITALIA OGGI.
POTREMMO VIVERE DI RENDITA TUTTI LITAL

sito 05.10.17 23:32| 
 |
Rispondi al commento

fosse carta igenica sarebbe utile all'umanita'!!!

sergio boscariol 05.10.17 18:43| 
 |
Rispondi al commento

La cosa che mi preoccupa e che Sallusti non vende più giornali e che le sue "cazzate giornaliere" rimangono al caldo in edicola pronti per il reso.

giovanni c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2017 05.10.17 18:33| 
 |
Rispondi al commento

Buonasera
Nell'articolo leggo una cosa giusta su come difendersi dal fango mediatico "L'unico antidoto è informarsi sui fatti, non sulle opinione di editorialisti complici dei politici", GIUSTO e io aggiungo COME?? con il Blog? INSUFFICIENTE!! la massa non lo frequenta, quest'ultima si informa con la TV e noi guardiamo invece di usarla...
PORTIAMO IL BLOG IN TV E COMMENTIAMOLO, diventerà SUFFICIENTE per tutti e non lasceremo nessuno indietro...

sebastiano b., catania Commentatore certificato 05.10.17 16:26| 
 |
Rispondi al commento

il riso sardonico della Lorenzin, probabilmente dovuto da avvelenamento politico, denuncia un malcelato limite culturale di incapacità.
il riso a nari larghe cela rabbia e finzione.
nella migliore sintesi: un'antipatica velenosa.

marco m., Sarzana Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 04.10.17 16:43| 
 |
Rispondi al commento

Se solo Alessandro Sallusti avesse informato gli italiani su chi stava(e ancora sta)in Forza italia(cioè dal '94 non è esistito un gruppo mafioso che non abbia piazzato un suo colletto bianco in Forza italia) oggi saremmo una nazione migliore!Grazie,grazie!

Claudiog 04.10.17 14:47| 
 |
Rispondi al commento

A proposito dei manichini.... impiccati...e chi ci dice che non è stata una farsa messa in piedi proprio dal Partito unico per buttare fango sugli amministratori locali...
Da questa gentaglia c'è da aspettarsi di tutto.... e come quando fanno i comizi che si portano dietro la claque.....

ENZO GRILLO, san tammaro Commentatore certificato 04.10.17 10:32| 
 |
Rispondi al commento

Sallusti - Porro una coppia come Stanlio e Ollio. Fanno ridere. Fascisti su Marte oppure nazisti dell'Illinois ..a scelta. I tempi sono cambiati e questi giornalai prima o poi dovranno cambiare mestiere. Meglio prima possibile.

davide di noia, Torino Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 03.10.17 22:53| 
 |
Rispondi al commento

In Italia il 45% delle famiglie non ha la connessione internet (dati).

E' ovvio che questa enorme fetta della popolazione che non è in rete, mai, si informa esclusivamente sui canali PD1 e ForzaItalia5.

Comprendete la gravità ??
I consensi del M5S sono frenati da un'informazione costantemente contro il M5S.
O si è in TV, sempre, a smentire ed informare oppure chi ci voterà sarà esclusivamente colui che ha la connessione dati.

Il rischio di boicottaggio del M5S è altissimo...Ogni settimana sempre più..

Massia Ellecibò, Veneto Commentatore certificato 03.10.17 19:25| 
 |
Rispondi al commento

Incredibile.
Sono anni che navigo sul blog e non m'ero mai stupito granchè di ciò che leggevo, diciamo che me l'aspettavo, ero già a conoscenza dell'intenzione di alcuni, di mandare tutto a scatafascio per non si sa quale ragione, ma trovare una notizia del genere su "il giornale", mi ha fatto letteralmente rabbrividire.
Ma a quale cerebroleso può passare per l'anticamera del cervello di scrivere una roba del genere!!
Povera Italia in mano ai barbari.

serafino 03.10.17 19:12| 
 |
Rispondi al commento

Il vagone collega del container non si smentiscono mai. Non sono in grado di fare altro che spalare caterve di letame insieme al loro mentore e padrone Silvietto e tutto il lerciume che gli alza la coda per sentirne appieno il suo profumo!
Tutti a casa , a lavorare!

salvatore carboni, oristano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 03.10.17 17:24| 
 |
Rispondi al commento

Sono 5 anni che non compro un giornale, e non ascolto nemmeno certi telegiornali che sono palesemente di parte.

Giampaolo M5S, Italia Commentatore certificato 03.10.17 15:00| 
 |
Rispondi al commento

Non si può denunciare?

Adelaide C., Crema Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che ha donato a Rousseau 03.10.17 11:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le fake-news dei Ladroni!

Aldo Vagata 03.10.17 10:01| 
 |
Rispondi al commento

Per smentire tali chiacchiere da comari c’è una sola via, essere presenti laddove l’informazione è diretta verso il grande pubblico, purtroppo ha ragione chi afferma che questo blog non basta. Ad agosto la serata danzante nello chalet viene annunciata con auto e altoparlante, il MoV è rimasto leggermente indietro ma siamo speranzosi, ad ogni problema c’è rimedio.

Franco Mas 03.10.17 09:17| 
 |
Rispondi al commento

TG e Giornali, invece di sparare cazzate su tutto e su tutti, diteci la VERITA' SUI DATI ISTAT riguardo l'occupazione al lavoro! (+1% annuo).
L'ISTAT ha conteggiato anche i lavoratori che LAVORANO 2/3 ORE AL GIORNO ???
VERGOGNATEVI !!!!!!!!

valentino g., castelfranco veneto Commentatore certificato 03.10.17 09:00| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna prendere una frequenza TV o NOLEGGIARNE UNA GIA’ ATTIVA come per fare una televendita e invece ci si passano le notizie del blog e DELLE PORCATE POLITICHE… PRIMA DEL PERIODO ELETTORALE E SUBITO DOPO LA APPROVAZIONE DEL ROSATELLUM2 per informare chi il pc o internet non lo usa….
Una bella TV a 5 stelle monotematica con il diritto di cronaca sulle porcate e gli scandali fatte dai partiti… 24h al giorno con le repliche…. LE IENE INSEGNANO….

claudio masi 03.10.17 06:32| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Vi do il link con la paginaFB di Sallusti, potete togliegli le 5Stelle e fare la recensione.

https://www.facebook.com/pg/alessandrosallustiofficial/reviews/?ref=page_internal

Silvano Enzo 03.10.17 00:56| 
 |
Rispondi al commento

OLTRE 185.000 FIRME RAGGIUNTE !

Credo molto nella petizione pro Gabanelli e per un suo ritorno in rai in un ruolo che le compete. Firmare significa mostrare un segno tangibile che il servizio pubblico deve essere degno di tale qualifica mentre è sotto agli occhi di tutti che la lottizzazione è da sempre l' obiettivo del potere per pilotare l' informazione .

Ho firmato la petizione "Direttore generale della Rai: Io sto con Milena Gabanelli" su Change.org. È importante. Puoi firmarla anche tu?

Ecco il link:

https://www.change.org/p/direttore-generale-della-rai-io-sto-con-milena-gabanelli?utm_medium=email&utm_source=petition_signer_receipt&utm_campaign=triggered&share_context=signature_receipt&recruiter=780507088

Fuori i partiti dalla rai !
Fuori i partiti dalla rai !

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 03.10.17 00:54| 
 |
Rispondi al commento

VOGLIONO I LAUREATI STI GIORNALISTI DI MERDA CHE SPARANO A ZERO SU DIMAIO CI ANNO INDEBITATO PER 7 GENERAZIONI ANCORA PARLANO.
ANNO SOLO PAURA.
IL 5 STELLE RISANARA L'ITALIA A QUESTI LADRONI GLI ESPROPRIEREMO TUTTI I BENI COME AI MAFIOSI QUESTI SONO PEGGIO CON L'IMMUNITÀ PARLAMENTARE SI CREDONO DI RUBARE SEMPRE SENZA PAGARE TOGLIERE MO L'IMMUNITÀ PARLAMENTARE È VOGLIO VEDERE QUANTI NE RESTANO......

Sito 03.10.17 00:08| 
 |
Rispondi al commento

ospitare il g7 ... forse era meglio evitare visto che queste manifestazioni portano solo problemi e non risolvono nulla mi sembra che i problemi gli andate a cercare

chiari a. Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 02.10.17 20:40| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

da querelare subito il giornalista che scrive queste bugie e continuare a fare esposti all'albo dei giornalisti e in procura per diffamazione.
Per me questa è la sola strada per farli riflettere bene prima di scrivere menzogne.

antonio 02.10.17 20:38| 
 |
Rispondi al commento

Giuratemi che non è un sogno...il Giornale ancora esce in edicola? ahahahaha....

Davide M. 02.10.17 20:34| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

“Da qui in avanti sarà sempre peggio….”
Ve ne accorgete solo adesso?
E’ dal 2015 che lo scrivo. Vogliamo fare qualcosa e non fare la signorina offesa, sempre in difesa!
Come minimo querelare giornalista e direttore e poi andare nelle tv e rispondere per le rime a tutte le infamie e falsità che ci rivolgono, fregandocene delle domande provocatorie.
Ci hanno dichiarato guerra, siamo in guerra.
Sono incazzato.

GIANNI E. Commentatore certificato 02.10.17 19:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

anche il Giornale si avvia sulla stessa strada dell'Unità...un triste viale del tramonto..

pasquino 02.10.17 18:50| 
 |
Rispondi al commento

ahooo ma quale quotidiano o giornalista aveva scritto che nella classifica della libertà di stampa l'Italia dal 73° posto era salita al 40°?
Perchè se fosse vero allora la Corea del Nord dovrebbe stare al 1° posto!!!!!

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 02.10.17 18:37| 
 |
Rispondi al commento

"...Ieri, al termine di una giornata di scontri (8 agenti feriti, uno con un trauma cranico), una consigliera M5s twitta inferocita: «Sembra impossibile, Andrea libero subito». E l'Andrea in questione è Andrea Bonadonna, leader del centro sociale torinese Askatasuna, arrestato per aver menato un poliziotto. E i grillini lo vogliono libero. Loro, che sventolano le manette contro i politici e che vorrebbero mettere dietro le sbarre mezzo Paese, chiedono la scarcerazione di uno che picchia i poliziotti. Perché il brodo di coltura è lo stesso, ed è quello dell'antagonismo, dei vecchi arnesi della sinistra No global e dei No Tav. Il centro sociale Askatasuna è un bubbone che andrebbe estirpato, una zona franca dell'illegalità che deve essere chiusa, non coccolata. Non è tollerabile che un sindaco, un uomo delle istituzioni - è il caso del primo cittadino di Venaria - ammetta di condividere le ragioni di una protesta che le istituzioni le calpesta." (Rif. Il Giornale 02/10/2017)


va bene dai non sarebbe poi così male decapitare questi signorotti, lo dovremmo fare a Roma nel Colosseo in modo che il popolo gioisca e alla fine saràtuttacolpadellaraggi

drago pietro 02.10.17 18:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

denunciate i giornalisti che firmano l'articolo.

salvatore di vincenzo 02.10.17 17:44| 
 |
Rispondi al commento

da mesi è partita la guerra mediatica di menzogne contro il M5S, sarebbe ora di portare il problema alla Magistratura.

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 02.10.17 17:32| 
 |
Rispondi al commento

Leggendo Il Giornale ho appreso in passato che Ruby è la nipote di Mubarak e che Gheddafi sia stato fatto fuori per evitare che Berlusca arrivasse alla nipote del colonnello.

Lorenzo Accornero 02.10.17 17:21| 
 |
Rispondi al commento

Dovete svegliarvi voi dirigenti del Movimento 5 Stelle. Se abbiamo questi titoli di giornale falsi e bugiardi tutti i giorni è essenzialmente colpa di chi li scrive ovviamente, però sapendo che esiste questo andazzo, voi dovreste denunciare per diffamazione ogni giornalista e direttore di giornale ogni volta che si permette di scrivere certe nefandezze. Lo fate? E poi convocate una conferenza stampa per far sapere a tutti che li avete denunciati per diffamazione?
Andate in TV nei talk show a sbugiardare la Lorenzin, Calenda e tutti gli altri boiardi di stato che vi infamano ogni giorno... loro e i loro gregari giornalisti?
Dovreste smettere di lamentarvi su questo blog e iniziare (sempre che non sia troppo tardi ormai) ad agire e a propagandare massivamente le azioni legali e politiche contro la stampa di regime amplificata dai TG e dai Talk televisivi ai quali non partecipate quasi mai.
Basta lamentarsi, agite, agite, agite.

Gianluca C., Rimini Commentatore certificato 02.10.17 16:41| 
 |
Rispondi al commento

Udite udite, il giornale del puttaniere, diretto da Maleficus,scrive che i grillini, hanno gettato la maschera e sono dei,delinquenti.Effettivamente loro, con un delinquente dentro casa che li COMANDA,ci devono convivere, pertanto sanno,cosa sono i reati,la corruzione, l'evasione e lo sputtanamento.Testa pelata ,priva di fosforo,stiamo arrivando,con i ramoscello d'ulivo,ed il ...codice penale.

Canzio R. Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 02.10.17 16:39| 
 |
Rispondi al commento

"Da qui in avanti sara' sempre peggio"....ma se e'una vita e piu' che massacrano il M5s ...e per replicare a questi scarti della carta stampata ci si mette , lo stesso tempo...vi dovete.svegliare,massacrano la Raggi ogni giorno,per esempio, ed il 90% delle volte ci si passa sopra..ma le fate ste querele o no?

pierluigi calogero calogero, roma Commentatore certificato 02.10.17 16:28| 
 |
Rispondi al commento

Lo scoop è del sito locale, Caprinotizie.it, che ha sorpreso Maria Elena Boschi sull’Isola Azzurra con le amiche e anche con la scorta di Palazzo Chigi, rafforzata da due poliziotti di stanza sul posto. Di sicuro, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio non ha scelto un profilo basso: ospite del più importante hotel di Capri, il Quisisana, (una suite costa in media 600 euro a notte), nel week end s’è scatenata in pista nel celebre locale di Guido Lembo, Anema e Core, in compagnia di un gruppo di amici: «Subito accolta dalla band e da tutto lo staff, ha cantato e ballato, e prima di congedarsi ha salutato sul palco il patron Guido Lembo con il figlio Gianluigi, nuova voce del locale», scrive un cronista di Caprinotizie.it, che ha anche pubblicato questo video con le foto.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 02.10.17 16:24| 
 |
Rispondi al commento

QUANTA TENEREZZA FANNO QUESTI "GIORNALISTI", SONO COSI' INDAFFARATI A INVENTARE LE FALSE NOTIZIE CHE NON SI ACCORGONO DI ESSERE DIVENTATI GLI ZIMBELLI DELL'OPINIONE PUBBLICA MONDIALE.

BEPPE

giuseppe belotti, ranica -bg- Commentatore certificato 02.10.17 16:14| 
 |
Rispondi al commento

DI MAIO
Vorrei dire ai sindacati tutti che si sono riempiti la bocca contro le riforme che proporrà Di Maio che i nostri figli LAVORANO DA ANNI CON CONTRATTI DI LAVORO OCCASIONALE nei quali c'è scritto che non DEVONO SUPERARE I 5000 € all 'ANNO!!!!
Chi è quel cervellone che ha messo in giro questi contratti????
Superare i 5000 € all'anno vuol dire che sulla differenza dei soldi non RECUPERI la ritenuta d'acconto e in più ti devi pagare l'inps.
QUINDI SE HAI LAVORATO PER 50 € TOGLI IL 20% DI RITENUTA D'ACCONTO E LA PERCENTUALE DELL'INPS COSA TI RIMANE?
Ma la cosa più schifosa à che fino all anno scorso NON C'ERA SCRITTO CHE TI DOVEVI PAGARE L'INPS.
Quindi il primo anno rimanevi fregato ma poi raggiunti i 5000 € no si va a cercare lavoretti in nero. Vorrei dire ai cervelloni è così che fate la lotta al lavoro sommerso????
Ma ti pare che uno/a può campare con 5000€ all' ANNO e poi lavorare per circa 20/30 € al giorno che poi non sono neanche lavori di tutti i giorni.
MI PIACEREBBE TANTO SAPERE CHI C'E' A CAPO DI QUESTE AGENZIE anche se me lo immagino già.
QUI BISOGNA APPROFONDIRE BENE CHI SONO???!!!
QUESTO TIPO DI LAVORO I SINDACATI LO CONOSCONO E LO APPROVANO MI SEMBRA!!!!!

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 02.10.17 15:55| 
 |
Rispondi al commento

La prima cosa da fare una volta al governo, e la più urgente anche se a molti non sembrerà così urgente, è una legge INTRANSIGENTE sul conflitto d'interessi.
Il Criminale di Arcore ha potuto prosperare per più di vent'anni grazie al fatto che l'Italia non ha una legge sul conflitto d'interessi, e il PD MENO ELLE mai si è sognato di approvarne una. Ciò ha permesso al Criminale di usare i suoi mezzi d'informazione (tv e giornali), entro i quali ha piazzato solerti maggiordomi, come strumento di propaganda politica.

Alberto O., Bergamo Commentatore certificato 02.10.17 15:50| 
 |
Rispondi al commento

...il popolo che ci sostiene mai si è macchiato di violenze o di azioni illegali...

Lo rimpiango di non essermi macchiato di azioni illegali, magari!! perlomeno mandavo giù più volentieri il veleno che devo ingoiare per essere un iscritto del movimento 5s, più cazzimma!!! meno chiacchere, reazioni immediate a chi ci insulta e denigra, troppo leggeri ed incomprensibilmente sbiaditi su temi importanti come sicurezza ed immigrazione, casapound e lega si rallegrano assicurandosi una fetta di elettorato importante che ne ha letteralmente i coglioni pieni, e riferite ai vostri colleghi consiglieri comunali di rispondere agli indirizzi di e-mail istituzionali alle lamentele dei cittadini, o si sono montati la testa ?

Peppone . Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 02.10.17 15:40| 
 |
Rispondi al commento

Quello che accade a Roma è solo un assaggio di quello che accadrà a livello nazionale,

Il PD e tutta la Casta coalizzata contro il Movimento, sanno benissimo che saranno spazzati via, cercheranno di allearsi tutti, magari anche con le Giovani Marmotte pur di restare in sella.

Bisogna reagire (mi raccomando senza violenza, la violenza è quello che vogliono) bisogna circondare le camere, che ci portino via uno a uno di peso, vediamo per quanti giorni lo faranno.

Bisogna svergognarli in pubblico, servirebbe una TV del Movimento per far vedere agli Italiani scemi come sono i politici di lungo corso.

Vincenzo A., Verona Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 02.10.17 15:39| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione


Una Costituzione che accetta UN RE:
E chi lo stabilisce che il Re, è re di un'altro.
Chi lo stabilisce che, il figlio del re, sarà il re di mio figlio.
Eppure, anno 2017, ci sono ancora i re.
Anche oggi, sono passato davanti la casa di Gino Bibbi, ho percorso via Gino Menconi, ho attraversato piazza Gino Luccetti,sono passato davanti al monumento a Gaetano Bresci ,ho parcheggiato la macchina sulla strada che sovrasta il monumento a Meschi ed ho atteso mia moglie in piazza Sacco e Vanzetti.

antonnio d., carrara Commentatore certificato 02.10.17 15:37| 
 |
Rispondi al commento

Post essenziale che demarca in maniera splendida la linea ufficiale del MoVimento.

Pieno appoggio alla nostra sindaca di Torino Chiara Appendino che, in seguito agli scontri violenti, ha espresso sostegno alle forze dell'ordine per gli attacchi subiti e augurato pronta guarigione agli agenti rimasti feriti.
Le violenze non fanno parte del DNA del MoVimento 5 Stelle ed è bene sottolinearlo sempre.

Le nostre battaglie le abbiamo sempre fatte in Parlamento e in nessun nostro evento o comizio di piazza c’è mai stato alcuno scontro né alcuna manifestazione di violenza, neanche simbolica, nonostante le migliaia di persone partecipanti.
Ma aldilà della realtà accertata, dalla prognosi riscontrata in ospedale per gli agenti in questione feriti, resterebbe il fatto che il Movimento non mozza la testa a nessuno, neanche ai manichini...non brucia neanche le bandiere...le lasciamo all'ISIS certe manifestazioni violente. Noi stiamo per mozzare definitivamente la carriera non solo a uno o a due, ma a tutto l'esercito che i due si portano dietro. E lo facciamo nelle sedi opportune, dove l’impegno di milioni di persone ci ha portato: in Parlamento

La violenza per chi ha ragione è soltanto inutile, oltre che dannosa. Noi non vogliamo rivoluzioni violente.

La Storia insegna che nelle rivoluzioni ci sono due generi di persone: quelle che le fanno e quelle che ne approfittano subito dopo.

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 02.10.17 15:28| 
 |
Rispondi al commento

Un'altra cosa occorre evidenziare.
Da diversi giorni a 'sta parte molte TV - ad iniziare da Anna Foglietta a "Otto e mezzo" qualche sera fa per proseguire con Agorà etc - nonché diverse testate giornalistiche mettono in evidenza la frase che:

"Quando ci stava lui si stava meglio"

Per "lui" intendono Buzzi, diffondendo così la percezione che illegale è meglio. Ovviamente la frase "quando ci stava lui era meglio" è totalmente fasulla e priva di qualsiasi fondamento!

Allora mettiamo in evidenza 'sta cosa qui ricordando che quando ci stava "Lui" questa era la situazione di Roma:

Stato strade: https://goo.gl/9QAqXL
Stato trasporti: https://goo.gl/4GsHRU
Stato rifiuti: https://goo.gl/JP4iAq

Diffondete!

Grazie

MikiP 02.10.17 15:27| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Noi siamo per una ribellione non violenta, consapevole e frutto della informazione e della consapevolezza di un popolo. Quando la maggior parte del popolo è informata spazza via i soliti 4 gatti che tiranneggiano con la sua sola e semplice presenza e cattura il nemico senza bisogno di attaccarlo.

Il tenero vince il duro. Il cedevole vince il forte. Nulla è più cedevole dell’acqua: essa non ha forma e per questo assume qualunque forma, non ha consistenza e per questo penetra in ogni luogo, non è definita da un Albo o da un Ordine e per questo fluisce libera dappertutto.

Il MoVimento lotta in Parlamento; ed anche in Rete, come un cavaliere indomito e instancabile, solo che usa qualcosa di più efficace e di più prezioso di una dura spada: la libera Informazione.

massimo m., Roma Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 02.10.17 15:26| 
 |
Rispondi al commento

Orgoglioso del M5S

luca Tegoni, Parma Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 02.10.17 15:23| 
 |
Rispondi al commento

Tiziana Panella con un servizio a Camisano Vicentino, ha dimostrato che il budget le consente di mandare una troupe a 500 km da Roma. A4, uscita Grisignano di Zocco.
Pochissimi minuti ancora di autostrada e arrivavi a Vicenza, città presidiata dall' esercito per questioni di ordine pubblico, tema , cara Tiziana, che specialmente a Roma ti sta a cuore. Uno sforzo enorme guidare altri 10-12 km, lo capisco.
La discriminante è che Vicenza è a guida pd , ma i cittadini se ne ricorderanno.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 02.10.17 15:22| 
 |
Rispondi al commento

gia' ..quelli " rimpiangono" il g8 di genova ...

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 02.10.17 15:18| 
 |
Rispondi al commento

COME STA LA NIPOTINA DI MUBARAK ZIO SILVIO?

Giovanni F. 02.10.17 15:17| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

È bene se siamo attaccati dal nemico, poiché ciò dimostra che abbiamo tracciato una netta linea di demarcazione tra il nemico e noi. È ancora meglio se il nemico ci attacca con violenza e ci dipinge a fosche tinte e senza un’ombra di virtù, poiché ciò dimostra che non solo abbiamo tracciato una netta linea di demarcazione tra il nemico e noi, ma abbiamo anche riportato notevoli successi nel nostro lavoro.

(Mao Tse Tung)

Il Disonorevole Commentatore certificato 02.10.17 15:16| 
 |
Rispondi al commento

Occhio che le leggi europee hanno finto di abolire la pena di morte per poi reintrodurla in caso di sommossa popolare.
Naturalmente questo non viene fatto ufficialmente, ma furtivamente, con una nota a pie’ pagina della Carta Europea, poiché il Trattato di Lisbona integra la Carta Europea. Sulla Carta Europea c’e’ scritto che la pena di morte é abolita. Nel trattato; pero’ c’e’ una nota a pie’ pagina che dice “eccetto che in casi di guerra, di disordini, di insurrezioni, ecc.”
Ritengo che sia urgente un dibattito pubblico, su questo.
Il Trattato di Lisbona da qualunque punto lo si guardi è immondizia.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.10.17 15:11| 
 |
Rispondi al commento

DA QUERELARE SUBITO!!!!

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 02.10.17 15:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Molti italiani , 5 milioni , sono poveri ; altri dieci - quindici sono indigenti . Il governo tassa questi venti milioni di sfortunati per mantenere i clandestini che solo l'Italia nel mondo accoglie , dirotta 5-6 miliardi di euro che potrebbero aiutare molto i poveri ! Cosa vuol dire questa folle decisione ? Ci dobbiamo incazzare per forza ? Perchè ? !

vincenzodigiorgio 02.10.17 14:57| 
 |
Rispondi al commento

Chissà se l'esimio direttore de "il Giornale" si sarà fatto questa semplice domanda: proseguendo su questa strada, quante copie in meno venderò del mio quotidiano? Da ex lettore, spero proprio che sparisca quanto prima dalle edicole.

Gianni M., Cagliari Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 02.10.17 14:53| 
 |
Rispondi al commento

Finalmente sereno.. Non guardo più telegiornali ne programmi politici, non compro giornali e mi auguro che prima possibile vengano tolte le sovvenzione a questa gentaglia.. Sono super informato sui fatti politici ma le informazioni le prendo da fonti sicure e non corrotte e false come i telegiornali..IO HO VOTATO M5S E VOTERÒ M5S..

RENZO D., riva presso chieri Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 02.10.17 14:51| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

Sallusti e il suo Giornale hanno quello che si meritano :" il reso dalle edicole" .Per il resto ,dicessero quello che vogliono tanto li conosciamo bene i nostri POLLI ruspanti.

giovanni c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2017 02.10.17 14:49| 
 |
Rispondi al commento

Querela immediata per favore! Questa storia deve immediatamente finire! Che paghino i danni fino all'ultimo centesimo! Non si può andare avanti così. I giornali e i telegiornali hanno davvero stancato adesso.

Luigi Di Pasquale, Margherita di Savoia Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day 02.10.17 14:45| 
 |
Rispondi al commento

Preciso: non ho rammentato la parola Padania, che è un invenzione di Bossi. Mi riferivo a maggiore autonomia, come ha, ad esempio, la regione Friuli che è quello che vorrebbero Veneto e Lombardia, desiderio che sarà espresso democraticamente con il referendum.

La Padania è stato un sogno che è rimasto sotto le lenzuola come le scorregge e chi legge male, vada a misurarsi la vista.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 02.10.17 14:41| 
 |
Rispondi al commento

Mi dà veramente fastidio che ci siano alcuni che, in senso positivo o negativo, riescano a fare confronti tra Padania e Catalogna. E' come mischiare cavoli e rose.
La Catalogna esiste da 1900 anni.
La Padania non esiste né come lingua né come cultura né come territorio ma è stata l'invenzione di Miglio, il quale voleva dividere l'Italia in 4 regioni di cui una addirittura affidata alla mafia e basterebbe questo per vedere a che livello etico siano le rivendicazioni della Lega! In quanto al referendum del 22 ottobre, è solo una richiesta terra terra di 'sgei', soldi, dané, una questione che di idealistico e identitario non ha proprio nulla, siamo alla morte dell'ideologia o della nazionalità nella rapina di più basso livello. In una Italia che dopo 70 anni dovrebbe per decenza abolire le regalie, i privilegi e gli sprechi delle regioni a statuto speciale, che ci sia qualcuno che invece di parificare le regioni italiane e assoggettarle alle stesse leggi, chieda che anche Lombardia e Veneto diventino regioni a statuto speciale mi sembra una bestemmia al buon senso, prima ancora che al Paese.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.10.17 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Quando ci sarà il referendum proposto dal nazixenofobo Salvini per maggiore autonomia del Veneto e della Lombardia, chissà cosa succederà....

Chissò se i poliziotti italiani caricheranno anche i pompieri....

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 02.10.17 14:35| 
 |
Rispondi al commento

Avrebbero potuto trovarsi contro una rabbia che si esprimeva con le bombe e le stragi. Si sono trovati contro una contestazione democratica, civile e ordinata. Ma sono talmente fascisti da non tollerare nemmeno questo! Il loro fascismo è dimostrato dai loro atti. Non fanno che offendere in ogni modo la base di ogni democrazia.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.10.17 14:21| 
 |
Rispondi al commento

++Per chi tenta di ridurre il fenomeno catalano a pretese localistiche, ricordo che il catalano non è un dialetto, è una lingua autonoma autoctona parlata da 9 milioni di persone. E' una lingua romanza occidentale, che conobbe, in epoca medievale, un grande splendore letterario. Con l'avvento della dinastia asburgica al trono di Spagna, nella prima metà del Cinquecento, iniziò per il catalano un periodo di decadenza che si protrasse per circa tre secoli. In tale periodo acquisì maggior prestigio il castigliano o semplicemente "spagnolo". Con i decreti di Nueva Planta (1707-1716) Filippo V introdusse il castigliano come unica lingua. Durante la dittatura franchista il suo uso tornò ad essere proibito al di fuori di ambiti strettamente privati.Dal 1979 il catalano è riconosciuto come lingua (non dialetto, bada bene) all'interno della comunità autonoma della Catalogna tanto che ne viene promosso l'uso ufficiale e l'insegnamento presso le scuole.
Per chi, invece, equipara l'indipendentismo catalano alle rivendicazioni di minoranze linguistiche presenti in ogni Nazione, ricordo che qui non abbiamo gruppi che discendono da contaminazioni storiche o culturali, ma di un intero popolo di 9 milioni di persone che rivendica la propria autonomia da 1900 anni.
Comunque sia, sicuramente l'Unione europea è fortemente deficitaria. Rimosso l'impianto iniziale a carattere idealista che si è perso nel nulla, si è strutturata solo come organismo finanziario e bancario, per di più su base estremamente capitalista, e dei bisogni del popoli, legittimi o meno, o dei loro diritti se n'è strafregata proprio.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.10.17 14:18| 
 |
Rispondi al commento

http://rassegna.governo.it/testo.asp?d=32976406
Un Maestro:

Cattolico osservante e praticante, devoto e pio, professore di Diritto Costituzionale, parlamentare della Repubblica Italiana per molte legislature, ex Ministro degli Interni, ex Primo Ministro, ex Presidente della Repubblica, finalmente Fu Senatore della Repubblica Italiana.
Di costui, che si chiama Francesco Cossiga, l’attualissima intervista (23 ottobre 2008 - fonte: Giorno/Resto/Nazione - Andrea Cangini ):

«Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand`ero ministro dell`Interno».
Ossia?
«In primo luogo, lasciare perdere gli studenti dei licei, perché pensi a cosa succederebbe se un ragazzino rimanesse ucciso o gravemente ferito...».
Gli universitari, invece?
«Lasciarli fare. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città».
Dopo di che?
«Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri».
Nel senso che...
«Nel senso che le forze dell`ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano».
Anche i docenti?
«Soprattutto i docenti».
Presidente, il suo è un paradosso, no?
«Non dico quelli anziani, certo, ma le maestre ragazzine sì. Si rende conto della gravità di quello che sta succedendo? Ci sono insegnanti che indottrinano i bambini e li portano in piazza: un atteggiamento criminale!».

antonnio d., carrara Commentatore certificato 02.10.17 14:12| 
 |
Rispondi al commento

Con tutta la solidarietà che provo per il popolo catalano, che saprà sbrigarsela, vorrei ricordare i numerosissmi problemi che attanagliano questo paese.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 02.10.17 14:04| 
 |
Rispondi al commento

Il catalano non è un dialetto, è una lingua autonoma autoctona parlata da 9 milioni di persone. E' una lingua romanza occidentale. Il catalano conobbe, in epoca medievale, un grande splendore letterario, testimoniato fin dal Duecento dal celebre trattato filosofico-religioso di Ramon Llull). Con l'avvento della dinastia asburgica al trono di Spagna, nella prima metà del Cinquecento, iniziò per il catalano un periodo di decadenza che si protrasse per circa tre secoli. In tale periodo acquisì maggior prestigio il castigliano o semplicemente "spagnolo". Con i decreti di Nueva Planta (1707-1716) Filippo V introdusse il castigliano come unica lingua. Durante la dittatura franchista il suo uso tornò ad essere proibito al di fuori di ambiti strettamente privati.Dal 1979 il catalano è riconosciuto come lingua(non dialetto, bada bene) all'interno della comunità autonoma della Catalogna e ne viene promosso l'uso ufficiale e l'insegnamento presso le scuole.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.10.17 14:02| 
 |
Rispondi al commento

Costituzione spagnola:
Articolo 2
La Costituzione si basa sulla indissolubile unità della Nazione spagnola,
patria comune e indivisibile di tutti gli spagnoli, e riconosce e
garantisce il diritto alla autonomia delle nazionalità e regioni che la
compongono e la solidarietà fra tutte le medesime.

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 02.10.17 13:57| 
 |
Rispondi al commento

eco cosa dice l'art 1 della Costituzione spagnola:

Articolo 1. La Spagna si costituisce come Stato sociale e democratico di Diritto che propugna come valori superiori del suo ordinamento giuridico la libertà, la giustizia, l’uguaglianza e il pluralismo politico.
2. La sovranità nazionale risiede nel popolo spagnolo da cui emanano i poteri dello Stato. 3. La forma politica dello Stato spagnolo è la Monarchia parlamentare.

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 02.10.17 13:45| 
 |
Rispondi al commento

Durante la guerra civile, la Catalogna sostenne fino allo sfinimento le forze repubblicane, per paura di un altro regime totalitario. La sconfitta fu pesantissima, con un danno economico e sociale: l'insegnamento del catalano fu infatti vietato dal dittatore Francisco Franco. Per 30 anni non si parò più di indipendentismo, poi nei primi anni 2000 risorsero alcuni partiti indipendentisti che crebbero sempre di più, arrivando a conquistare la maggioranza relativa nei seggi regionali nel 2015. Nel novembre del 2014 si è poi tenuta una "consultazione non referendaria" sull'indipendenza della Catalogna. A tale consultazione, patrocinata dal governo comunitario catalano, non è stata riconosciuta alcuna validità dal governo centrale spagnolo, forte della Costituzione del 1978 che ribadisce l'unità ed indivisibilità della Spagna. Il risultato della consultazione è stato di netta affermazione dell'opzione indipendentista (con l'80% dei voti a favore, ma fortemente viziato da una partecipazione al voto inferiore al 35%.
Il 1 ottobre 2017 si è tenuto un vero è proprio referendum per l'indipendenza, non riconosciuto però dal governo di Madrid, che ha anche ordinato l'intervento delle forze di polizia. Con un'affluenza di circa il 41%, il "sì" ha trionfato con oltre il 90% dei voti. Il governo di Madrid non ha riconosciuto l'esito della votazione.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.10.17 13:40| 
 |
Rispondi al commento

1
Leggo dei post cattivi contro la Catalogna e allora vorrei precisare alcune cose. La Catalogna non è un pezzo di Spagna. Si è sempre considerata una nazione a parte, a cominciare dalla lingua e dalla cultura. Lo ha ribadito nel 2006 nel suo statuto di autonomia. Non è una regione. E' una 'nazione'.
Caduto l'impero romano, la regione fu occupata dai Visigoti e poi divenne territorio dell'al-Andalus, il nome con il quale gli arabi chiamavano la parte della penisola iberica che avevano conquistato. La Catalogna fu liberata, dopo pochi anni, dalle truppe carolinge e fu durante la dominazione carolingia che si sviluppò, grazie all'autonomia di cui godeva la regione, una cultura catalana, sotto l'egemonia della contea di Barcellona.
La sua identità di 'nazione' inizia nel 1100 quando l'insieme di contee che formavano la Marca Ispanica si svincolarono dalla tutela franca fino a divenire sovrane. Nel 1500 si parlava si Principato di Catalogna e ancor oggi questo termine viene impropriamente usato per indicare le 4 province di lingua catalana che costituiscono la "Comunità Autonoma" di Catalogna (Barcellona, Girona, Tarragona e Lleida).
Il termine 'Generalitat de Catalunya', invece, designa tutto il sistema istituzionale di autogoverno catalano (all'interno dello Stato spagnolo ma non sotto l'autorità diretta del governo centrale di Madrid).Nella storia unificata della Spagna, la Catalogna recupera e riperde varie volte vari gradi di autonomia, fino alla salita al potere di Francisco Franco, nel 1939, che arriva persino a dichiarare illegale l'uso delle lingue regionali, tra cui il catalano. Dopo la morte di Franco, la Catalogna votò favorevolmente per la nuova Costituzione e divenne una delle Comunità Autonome all'interno della Spagna.Dalla fine del 1800 si è organizzato un movimento politico nazionalista catalano, inizialmente rivendicando una semplice autonomia per la regione per poi passare ad una più radicale posizione indipendentista.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.10.17 13:31| 
 |
Rispondi al commento

Hanno paura e le proveranno tutte.

Se abbiamo avuto 10 anni di recessione (e non è ancora finita) lo dobbiamo ai Partiti e alla Stampa/TG che li sostengono.
Fidarsi di questa gente è come fidarsi di volpe a guardia del pollaio.

giorgio peruffo Commentatore certificato 02.10.17 13:30| 
 |
Rispondi al commento

Berlusconi come Andreotti pensa di essere immortale. Una volta morto, il gobbo, non lo rammenta più nessuno ed era cnsiderato uno dei più potenti uomini di stato della politica italiana. Belzebù gli calzava a pennello.

Il Cavaliere, una volta passato a miglior vita, subirà la stessa sorte.

Questa gente "potente" dovrebbe avere l'intelligenza di fare un passo indietro prima di sguazzare nel ridicolo.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 02.10.17 13:24| 
 |
Rispondi al commento

Chi favorisce lo Ius Soli è anti italiano e non pensa al futuro dei propri figli.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 02.10.17 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Lo Jus soli prevede, fra le altre cose, il diritto di voto.

Gli imbecilli della sinistra che lo sostengono, pensano, in tal modo, di raccattare voti nella loro direzione.

Non immaginano, invece, che potrebbe nascere un
partito islamico?

E allora sarebbero davvero ca@@i nostri.

E vai con la islamizzazione.....

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 02.10.17 13:18| 
 |
Rispondi al commento

C'era da aspettarselo. Con la storia di questo paese fatta di collusioni tra politica e massoneria, politica e mafia,col Parlamento frequentato in parte dal livello "Presentabile" non c'è da stupirsi. Cosa volete che sia un pò di diffamazione mediatica al cospetto dello stragismo di Stato. Anzi, in questi anni col controllo che hanno sui mezzi d'informazione, leggi duopolio, e non solo, con un'opposizione ininfluente e velleitaria, non hanno dovuto ricorrere alle maniere forti ma ciò non vuol dire che all'occorrenza.... Ora ci provano con la legge elettorale pro inciucio anche se stanno galleggiando sul ridicolo: a destra la patriottica ancorchè simpatica Meloni si allea con la sua antitesi politica rappresentata dal federalismo leghista; entrambi questi fustigatori di costume si alleano poi col partito in odore di brutto odore che difende i fatti propri e quelli del suo padrone. A sinistra stanno allestendo la messinscena dell'ulivo per cercare con la frammentazione di cogliere tutti i gusti e le sfumature di rosso per portarle in pegno a chi si spaccia di sinistra e ne attacca i valori ogni giorno precarizzando lavoro e pensioni. L'informazione è tutta volta a difendere con menzogne e manipolazioni questo coacervo di congreghe,partiti e media.Senza parlare di attacchi alla libertà di stampa una rivitazione di canone, frequenze e aiutini di Stato sarebbe auspicabile ma, per il momento, aspettiamoci di tutto diffamazioni e balle a gogo compreso.
A chi è culturalmente attrezzato tutto ciò non gli fa un baffo, alla peggio cambia canale,agli italioti eterodiretti, incapaci di un libero ed autonomo pensiero critico riescono a far credere quel che vogliono, purtroppo, d'altronde come le hanno ottenute le concessioni sulle frequenze se non a botte di intrallazzi.

marco 02.10.17 13:15| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

:I giornali hanno scritto che di fronte ai fatti gravissimi di Barcellona il M5S non ha fatto commenti. Ovviamente è falso.
Questo, per es, è il commento di Morra.

Noi come M5S siamo sempre stati a favore dell’autodeterminazione dei popoli ma al tempo stesso abbiamo dichiarato da subito il principio di non ingerenza, ma quello che sta avvenendo in Catalogna e a Barcellona in particolar modo ferisce tutti quelli che credono nei valori della democrazia e della libertà.
Rajoy questo non lo doveva fare e quello che fatto peserà come un macigno su di lui. I video mostrano gli uomini vestiti di nero mandati dal governo che attaccano chi si voleva avvicinare al seggio per votare, sono persone anziane.. Io credo che in una democrazia, quando vi sia richiesta da parte del popolo di votare, non possa che essere soddisfatta. Queste scene sono brutte, truci. Sappiamo di proiettili di gomma con cui i poliziotti militari spagnoli hanno deciso di riprendere il controllo di questi seggi. Tutto questo è assolutamente inaccettabile. Io sono convinto che a breve potrebbero collassare le strutture degli stati nazionali. Noi stiamo vivendo pensioni importanti, tensioni determinate da autorità sovranazionali. per es. L'unione europea che si dimostra incapace di affrontare queste emergenze e tensioni localistiche che chiedono l'autonomia di gruppi che hanno culture diverse rispetto la maggioranza. A Madrid si pensa che il modo per affrontare tali questioni sia questo. La violenza non va mai fatta ma quando la si subisce forse si sta dalla parte del diritto ed è l'uso indiscriminato della violenza, badate non della forza, che permette a leader poco democratici supportati da lobby della finanza internazionale, dal concretizzarsi di interessi di parte che sfruttano i cittadini più deboli e più fragili di ricorrere a un uso così esagerato della violenza. Rajoy, ti dovresti vergognare. Col popolo si dialoga, non si usa la violenza...

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.10.17 13:11| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

,Catalogna, il 90% dice 'Sì' all'indipendenza
Il 'Sì' all'indipendenza della Catalogna ha vinto con il 90,09% dei voti nel referendum che si è svolto malgrado il divieto di Madrid. Al 'No' il 7,87 %. L'affluenza alle urne è stata del 42,3%, secondo quanto ha reso noto il portavoce del governo locale Jordi Turull.
Hanno votato 2,26 milioni di persone; 2,02 milioni hanno votato 'Sì' al quesito: "Vuoi che la Catalogna diventi uno Stato indipendente in forma di Repubblica?".
Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha definito il voto una "messa in scena" della democrazia, sottolineandone il carattere illegale. "Non c'è stato un referendum per l'autodeterminazione della Catalogna", ha dichiarato.
PUIGDEMONT - "In questa giornata di speranza e sofferenza i cittadini della Catalogna hanno vinto il diritto a uno Stato indipendente in forma di Repubblica", ha dichiarato invece il leader della Catalogna, Carles Puigdemont, in un intervento alla televisione. "Nei prossimi giorni il mio governo invierà i risultati del voto al Parlamento catalano, dove risiede la sovranità della nostra gente, in modo che possa agire secondo quanto previsto della legge sul referendum", ha aggiunto, sottolineando che l'Unione europea "non può continuare a guardare dall'altra parte".
LO SCIOPERO - Nel frattempo, per domani è stato proclamato da oltre 40 sigle sindacali uno sciopero "per la grave violazione del diritto e delle libertà". Oltre 800 persone sono rimaste ferite negli scontri con le forze spagnole in Catalogna, ha denunciato il governo locale. Madrid ha invece parlato di 12 agenti di polizia feriti e di tre persone arrestate. Un totale di 92 seggi sono stati chiusi, ha reso noto il governo spagnolo. Mentre le autorità catalane denunciano che sono stati chiusi 319 seggi sui 2.300 aperti in tutta la regione. A Girona la polizia ha fatto irruzione nel seggio in cui avrebbe dovuto votare Puigdemont che ha poi deposto la sua scheda altrove
post di Mario Rossi

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.10.17 13:11| 
 |
Rispondi al commento

.BARCELLONA E LA LEGA
Sono agghiacciata dai fatti di Barcellona:una polizia fascista violenta contro cittadini inermi che vogliono esercitare il diritto di voto.Fare analogie col referendum leghista del 22 ottobre è improprio.I leghisti hanno già chiesto un federalismo,nessuno li ha aggrediti o ha impedito il voto con la violenza.Gli italiani hanno votato rifiutando il federalismo.Tutto è avvenuto in democrazia
Ora Maroni chiede un referendum locale per trattenere in Lombardia e Veneto metà delle tasse versate a Roma.La Costituzione vieta un referendum sulle tasse per cui è incostituzionale.Il referendum sarà solo consultivo,cioè non produrrà alcun esito vincolante,né per le due regioni né per lo Stato centrale.Che vinca il Sì o il No,non cambierà nulla.I referendum consultivi possono solo mostrare l’orientamento maggioritario della popolazione,sperando che il Governo ne tenga conto,ma di per sé non producono conseguenze automatiche.Maroni si appella alla riforma della Costituzione del 2001,che permette alle regioni con bilancio in equilibrio di chiedere allo Stato centrale nuove competenze come hanno le regioni a statuto speciale
Non è vero,come dice Maroni,che col referendum otterrà maggiore autonomia,per questo non occorre nessun referendum.La giunta regionale può invocare già oggi l’art.116 senza bisogno di consultare i propri abitanti.È quello che da luglio cerca di fare l'Emilia-Romagna,guidata dal csx,che invoca l’art.116 ma non ha intenzione di fare referendum
Un voto dei cittadini può dare maggior forza contrattuale alla regione che chiede autonomia,ma di per sé non assicura alcun risultato.Con vittoria dei Sì nessuno obbligherebbe la prossima giunta lombarda,che sarà scelta nel 2018,a perseguire la strada dell’autonomia.Maroni parla di 27 mld e 30.000 posti di lavoro ma sono balle.Si ha solo l'inizio di una battaglia per fare anche di Lombardia e Veneto delle regioni a statuto speciale

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.10.17 13:09| 
 |
Rispondi al commento

-Di Battista: "Poliziotti con il passamontagna, come se stessero andando ad arrestare un mafioso, che in realtà vanno a sequestrare le urne. La corruzione, in Spagna e in Italia, si può anche tollerare, ma un popolo che decide come, quando e perché votare, no. E le chiamano democrazie!".


Manlio Di Stefano: "Uno Stato che usa violenza sul suo stesso popolo inerme la usa sulla democrazia stessa".

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.10.17 13:08| 
 |
Rispondi al commento

Strage a Las Vegas: 50 morti e 200 feriti. Per accontentare i guerrafondai che traggono pretesto da ogni strage per dichiarare guerra a un Paese, l'America dovrebbe dichiarare guerra a se stessa.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.10.17 13:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Facciamo conoscere la verità, a costo di comprare pagine di informativa pubblicitaria!
Il Blog e Facebook non sono più sufficienti.
E, mi raccomando, querelate Il Giornale. Così i costi pubblicitari li pagheranno loro.
In alto i cuori!

Silvio ., Bolzano Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 02.10.17 12:59| 
 |
Rispondi al commento

https://youtu.be/-2uINR1ezMc

Mi vien da dire: meno male che il quotidiano ufficiale di un partito fondato col benestare della mafia ci attacca, è una medaglia!
B.: condannato per frode fiscale
dell' utri : in galera per concorso esterno in associazione mafiosa..
Chi li vota è come loro .

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 02.10.17 12:52| 
 
  • Currently 4.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

i media vergogna.punto.

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 02.10.17 12:39| 
 |
Rispondi al commento

Se non sbaglio , ci dovrebbe essere una sentenza definitiva emessa dal Tribunale di Milano che definisce Silvio Berlusconi come "delinquente abituale" .

Rènzi , da squallido sciacallo quale è , non perde occasione per strumentalizzare qualsiasi avvenimento pur di screditare il M5S .

Berlusconi e Rènzi : il Pregiudicato e lo Spregiudicato . Sembra un film , purtroppo per gli Italiani è realtà .

Sul web sono documentati centinaia di eventi di piazza del M5S ( o ad esso riconducibili , tipo il V-Day ) : sfido chiunque a trovare un solo episodio di violenza .

A riveder le stelle .

Gianfranco.

Gianfranco 02.10.17 12:37| 
 |
Rispondi al commento

Nell'essere umano dominano 2 istinti base:una forza di conservazione e una di evoluzione,l'una opposta all'altra.La natura ha messo in noi una forza di conservazione affinché la specie non si estingua e ognuno possa superare i momenti bui e le difficoltà.Ma ha messo in noi anche una forza di evoluzione,che non c'è negli animali, affinché la specie umana non sia legata a moduli fissi e ripetitivi(come per es. la formica che costruisce il formicaio sempre allo stesso modo) ma cambia il suo modo di essere e la sua stessa vita,via via nel suo tempo esistenziale e ancor di più nella storia dei popoli
In genere in chi è giovane prevale la spinta evolutiva che lo porta a sperimentare il nuovo e a migliorare ciò che si trova davanti,per sé come per tutti.Negli anziani,al contrario,prevalgono spinte conservative,perché vengono meno l'animosità e il coraggio,la voglia di intraprendere,la paura del cambiamento
Questo spiega in parte l'attaccamento degli anziani a partiti come il Pd verso cui non si è in grado di fare una critica costruttiva e a cui ci si attacca per forza conservativa,come ci si attacca ai farmaci noti anche quando smettono di avere effetto o addirittura diventano nocivi
I giovani sono più portati a innovare ed evolvere, sperimentare e cambiare,dunque sono istintivamente portati più al M5S,che presenta loro la più grande innovazione mai vista in materia politica.Oltre a ciò il M5S si rappresenta ai loro occhi un campo in cui possono collaborare o emergere di persona
Anche a tal fine la figura del padre-padrone o del fondatore influente dovrebbe vanificarsi, rappresentando comunque un elemento conservativo che non ha più ragione di essere in una democrazia diretta,in cui la base dovrebbe contare più del vertice,cioè in una democrazia che solo diventando orizzontale può vincere ed essere totalmente innovativa
E' facile vedere come per alcuni la per alcuni la necessità di un Grillo,padre o tutore,sia ancora un resto di tendenza conservative inutili al Movimento

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 02.10.17 12:36| 
 |
Rispondi al commento

Denunciate il Geniale...perchè dietro c'è sempre il papi del bischero!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 02.10.17 12:32| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori