Il Blog delle Stelle
Vota per scegliere il candidato Presidente per la Regione Lazio

Vota per scegliere il candidato Presidente per la Regione Lazio

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 37

di MoVimento 5 Stelle

Oggi, giovedì 12 ottobre, si vota per scegliere il candidato Presidente del MoVimento 5 Stelle per la Regione Lazio.

I candidati che hanno proposto la candidatura a Presidente sono (in ordine alfabetico):

- Barillari Davide
- Corrado Valentina
- Lombardi Roberta

Possono partecipare alla votazione tutti gli iscritti al MoVimento 5 Stelle abilitati ad accedere a Rousseau e residenti in Lazio. La votazione è attiva su Rousseau dalle ore 10 alle 19 di oggi.

Vota subito!

I risultati saranno depositati presso un notaio al termine della votazione e verranno resi pubblici sabato 14 ottobre a Marino, all'evento Condivisione 5 Stelle.



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

12 Ott 2017, 10:00 | Scrivi | Commenti (37) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 37


Tags: candidato presidente, lazio, m5s, regione

Commenti

 

Buongiorno ragazzi, devo lamentarmi per l'uso (mancato ) della nostra lingua a tutti i livelli. adesso vi ci mettete anche voi (noi) parlando di Due diligence, fund rising e altre amenità del genere. Bene, in segno di protesta non voterò un bel niente che porti un nome (orribile) non italiano. Devo anche commentare che a mio parere, l'italiano è molto più esaustivo di qualsiasi altro idioma e che si tratta della NOSTRA LINGUA che non ha bisogno di stampelle rotte di altre lingue sicuramente meno ricche e complete della nostra. Vorrei che anche il nostro movimento difendesse la nostra lingua.
Saluti.

leonardo a., roma Commentatore certificato 18.10.17 16:36| 
 |
Rispondi al commento

Ciao, siamo un individuo che offre prestiti internazionali di credito. Avere un capitale di CFPF (PATRIMONIO FINANZIARIO DELLA CREDITO FRANCESE)
che sarà utilizzato per fornire prestiti privati a breve e lungo termine che vanno da
Da 1500 € a 25.500.000 € a tutte le persone seria che sono nei bisogni reali, il tasso
il tasso d'interesse è del 3% annuo. Prestiti a finanziamenti Finanziari, prestiti immobiliari, prestiti agli investimenti,
Prestito Automobile, Prestito Personale. Siamo disponibili per soddisfare i clienti entro un massimo di 3 giorni (72 ore) a seguito della ricezione del modulo di domanda.
Nessuno si aggrappa seriamente

contatta per posta; christiecredito@outlook.fr

siamo d'accordo con la tua opinione sulla risposta per darvi il benvenuto

christie 18.10.17 03:50| 
 |
Rispondi al commento

Io voterò sempre il M5S per l'onestà visibile a tutti.
Oltre al M5S, quale partito si taglia lo stipendio
per aiutare la piccola impresa.
I vecchi partiti che tutti conoscono si apprestano a moltiplicarne altri per creare una torre di babele per il loro tornaconto e contro il M5S.
La speranza per il Popolo Italiano è il M5S.

antonio conversano 14.10.17 20:05| 
 |
Rispondi al commento

grillo fai pure tu le liste civetta ( es: lista DI BATTISTA ECC) FACCIAMO PURE NOI I FURBI

vito sofia, catania Commentatore certificato 14.10.17 19:45| 
 |
Rispondi al commento

La prostituzione e' di moda ,ma i magnaccia sono sempre lì ad aspettare la buoncostume . Stiamo arrivando e dopo chiuderemo le vostre case di tolleranza . PD,Fi ,lega , ndc saremo la vostra " Merlino "? W il movimento e tutti i cittadini che ne hanno piene le scatole di VOI . Fate la legge che vi PARE tanto noi vi staremo attaccati alla giugulare.

giovanni c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2017 13.10.17 13:00| 
 |
Rispondi al commento

Il disprezzo totale del pdr&affiliati per l'art.72 della Costituzione, nonché per le stesse raccomandazioni della Ue in materia di cambiamento della legge elettorale: NO a pochi mesi dalle elezioni; il ricorso al voto di fiducia da parte del governo su materia del Parlamento senza che questo abbia potuto discutere e approvare/disapprovare gli articoli della legge elettorale, tutto ciò avrà costi e pesanti conseguenze per gli Italiani, sulla loro democratica convivenza civile politica economica e sociale.

marval2012 12.10.17 18:30| 
 |
Rispondi al commento

IL ROSATELLUM E' INCOSTITUZIONALE, PRIMA ANCORA CHE NELLA SOSTANZA IN QUANTO IMPEDISCE LA LIBERA SCELTA DEGLI ELETTORI, GIA' NELLA MODALITA'
La nostra Costituzione infatti, nell'articolo 72, vieta che si voti con la fiducia una legge elettorale. La fiducia è vietata anche dal regolamento stesso della Camera negli articoli 49 e 116.
Il quarto comma dell’articolo 116 del Regolamento della Camera vieta che il Governo ponga la questione di fiducia «su tutti gli argomenti per i quali il Regolamento prescrive votazioni per scrutinio segreto»”. E, guarda caso, l’articolo 49 del medesimo Regolamento dice chiaramente che sono effettuate a scrutinio segreto, su richiesta, le votazioni «sulle leggi elettorali»”.
L'articolo 72 della Costituzione dice che "La procedura NORMALE di esame e di approvazione diretta da parte della Camera è sempre adottata per i disegni di legge in materia costituzionale ed elettorale e per quelli di delegazione legislativa, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali, di approvazione di bilanci e consuntivi." Qui, dunque, non si poteva chiedere la fiducia che è una procedura eccezionale ma si doveva seguire l'iter legislativo normale con discussione in aula.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 12.10.17 14:58| 
 |
Rispondi al commento

OT RIFLESSIVO
Dunque pensando ai voti dei tre articoli sula legge elettorale avvenuto con la fiducia....pensate che il voto finale a Voto segreto...dia risultati diversi?
Io direi di no perchè:
1-Sfiducia al governo scioglimento delle camere e nuove votazioni!
E pensate che arrivino a tanto?
Io dico di no.... come al solito i Fedeli alle poltrone voteranno a favore.
Perchè non lo fanno con voto palese?
Ladri,ipocriti e mafiosi,massoni e opportunisti...ecco chi voterà!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 12.10.17 14:37| 
 |
Rispondi al commento

b
Una volta, a Bongiorno che lo sfotteva perché camminava male, Alberto Sordi replicò: “Vedi, Mike, il tempo che passa attacca in due modi. A volte alle gambe. E altre alla testa”. La Meli, che si sappia, cammina benissimo.

Gentiloni Paolo.
Ha il carisma dei Pokemon, il coraggio dei Lego catalettici e la vis polemica degli alkekengi. Leader vero.

Mattarella Sergio.
Quello prima era tutto un monito, questo è tutto un dormire. Da Re Giorgio a Ponzio Pilato: quanto ci manchi, Sandro Pertini.

D’Amico Ilaria.
Di recente ha fatto sapere che non è più “purista”, per poi sostenere una tesi già mitologica: “Meglio qualche corrotto che uno Stato rotto”. Attendiamo con ansia altre rime di tal fatta. Per esempio: “Meglio un Rosatellum che un ultimatum”. Oppure, e se Ella preferisce: “Meglio qualche nominato che un Nardella adirato”. C’mon Ilaria.

Brunetta Renato.
Quando Renzi pose la fiducia anche sull’Italicum, evocò il fascismo. Adesso no: adesso va bene tutto. “Io incoerente? Questa volta è una legge condivisa con parte delle opposizioni, magari non sono quelle che piacciono al Fatto. Noi vinceremo le elezioni con il centrodestra”. Ah, che meraviglia questa bella e salda coerenza dei falchi berlusconiani.

Scalfari Eugenio.
Il capitano della squadra. Mai livido, a Di Martedì ha minimizzato sui rischi del Rosatellum per poi dispensarci il consueto Vangelo intriso di sfavillante democrazia: “Nelle democrazie funzionanti ci sono al massimo tre partiti: una sinistra democratica, una destra democratica, un gruppo di centro. Noi ne abbiamo cinque, uno dei quali è formato dai cosiddetti grillini. Non hanno un programma e insultano tutti”. Lui, invece, non insulta mai nessuno: si ispira direttamente a Gandhi.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 12.10.17 14:00| 
 |
Rispondi al commento

c

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 12.10.17 14:00| 
 |
Rispondi al commento

a
L'armata Brancaleone
di Andrea Scanzi

Il Rosatellum Bis ci fa sognare. La sua nascita dipende da un manipolo di valorosi supportati da intellettuali di specchiata moralità. Insieme formano una sorta di Team Rosatellum.
Scopriamoli insieme.

Rosato Ettore.
Questo bell’omino, dal volto sbarazzino e dal crine saturo di Uni Posca renzino, ha deciso di consegnarsi mani e piedi alla leggenda. Concepire una cosa più orrenda di Porcellum e Italicum pareva impossibile, ma lui ce l’ha fatta. Poster in camera subito.

Migliore Genny.
Ex massimalista anni divenuto col tempo – come quasi tutti i massimalisti – banderuola filogovernativa, è sempre in tivù a dirci che Renzi è Marx, Giachetti Lenin e Crudelia Morani Rosa Luxemburg. Se qualcuno lo contesta, lui replica: “La vedo troppo nervoso”. Se ha davanti un M5S o Mdp, sentenzia: “Ho perso il conto di quante volte Scotto e Di Battista hanno gridato alla deriva antidemocratica”. In questa squadra ha il ruolo di terzinaccio (di destra): bravo non è, però si applica parecchio.

Fiano Emanuele.
Aveva detto che porre la fiducia sul Rosatellum Bis non era neanche argomento di discussione nel Pd. Infatti: nessuna discussione, ha deciso tutto il Sire Goffo di Rignano. E i tanti Fiano, almeno in questo bravissimi, hanno obbedito zelanti.

Richetti Matteo.
Sempre più erculeo, fino a un anno fa era l’anello di congiunzione tra civatiani e renziani: i suoi fuorionda su Renzi e renziani, ascoltati oggi, sarebbero divertenti. Alludendo alle opposizioni, ha detto che la fiducia si è resa necessaria per “evitare i giochini del M5S”: un sincero democratico. Da quando Renzi gli ha regalato un ossicino in cambio del ruolo di maggiordomo, Richetti scodinzola a comando che è un piacere. Son soddisfazioni.

Meli Maria Teresa.
Pascola tivù per difendere il Sacro Verbo Renziano. Se le citano i grillini gesticola tarantolata, se lodano Mdp urla supercazzole livide con Pisapia prematurata a destra.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 12.10.17 13:58| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma si può approvare una legge elettorale ricorrendo alla fiducia ? Io non credo !

vincenzodigiorgio 12.10.17 13:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Poiché alla Camera ci sono 630 deputati è evidente che il Pd con 283 deputati non ha nessuna maggioranza , oltre a ciò è chiaro che la legge elettorale sta passando con voti ristrettissimi (307-308) mentre una legge di tale importanza avrebbe dovuto avere una larga maggioranza.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 12.10.17 13:49| 
 |
Rispondi al commento

E' corretto fare una legge elettorale senza ascoltare tutte le forze politiche?
E' corretto stabilire le regole a colpi di maggioranza?
E mettere la fiducia su una legge che stabilisce le regole del gioco?
Fare i listini bloccati e i nominati?
E' giusto che a decidere i futuri parlamentar siano le segreterie politiche dei partiti e non i voti di preferenza dei cittadini?
E quanto conteranno i programmi, le promesse agli elettori se poi la legge autorizza le ammucchiate , autorizza il secondo e terzo partito a mettersi assieme contro il primo?
Oggi contano le coalizioni
e le ultime coalizioni hanno avuto i programmi dell'austerity de Monti e della Fornero , che hanno votato tutti quanti ...
Tutti salvatori della Patria
O salvatori delle loro poltrone ?

Alessio Santi 12.10.17 13:49| 
 |
Rispondi al commento

spero tanto vinca Barillari!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 12.10.17 13:43| 
 |
Rispondi al commento

Petizione 3
su iniziativa del CDC: abolizione del premio di maggioranza, dei capilista o dei listini bloccati, delle pluricandidature. Occorre quindi un sistema sostanzialmente proporzionale, che può essere compatibile sia con il voto di preferenza sia con i collegi uninominali.
5. Facciamo appello alle elettrici ed agli elettori a mobilitarsi perché siano garantite la scelta libera e diretta dei parlamentari da parte dei cittadini e la rappresentatività delle Camere.
6. Invitiamo a partecipare alla campagna i Comitati territoriali. Promuoviamo la tenuta di incontri pubblici nazionali e locali, nei quali chiedere alle forze politiche e ai loro rappresentanti nei territori di pronunciarsi contro il sistema elettorale in discussione e a favore di un sistema conforme alla Costituzione e pienamente democratico.


viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 12.10.17 13:41| 
 |
Rispondi al commento

2 Petizione
2. Malgrado due pronunce della Corte Costituzionale, che hanno pesantemente censurato il Porcellum e l’Italicum facendo sorgere la necessità che il Parlamento intervenga per far sì che sia restaurato un sistema elettorale omogeneo per le due Camere e coerente con la Costituzione, il disegno di riforma elettorale attualmente in
discussione ripropone il carattere oligarchico e manipolativo della volontà popolare che viziava i precedenti sistemi.
3. Ancora una volta una ristretta oligarchia, composta dal capo o dai capi dei principali partiti, potrà determinare la composizione delle Assemblee parlamentari, assegnando il seggio ai propri fedelissimi ed espropriando gli elettori della possibilità di scegliersi i propri rappresentanti. Inoltre si potranno tenere fuori dal Parlamento le minoranze sgradite ostacolando la nascita di nuove formazioni politiche. Con il nuovo sistema quasi due terzi dei seggi verranno attribuiti sulla base di liste bloccate, mentre per la quota eletta con il maggioritario, la minima possibilità di scelta insita nel collegio uninominale verrà annullata mediante il meccanismo del voto unico al candidato di collegio e alle liste collegate. La volontà degli elettori, inoltre, viene ulteriormente manipolata attraverso una formula che favorisce coalizioni di facciata destinate a sciogliersi dopo il voto, a scapito delle formazioni non coalizzate e della pari dignità dei cittadini elettori.
4. Chiediamo che siano ricostruite le condizioni di legittimità democratica del Parlamento: che il prossimo Parlamento non sia eletto un’altra volta con una legge elettorale incostituzionale, che sia consentito a tutti i cittadini elettori di scegliersi liberamente i propri rappresentanti, che sia eliminato ogni meccanismo che manipoli la volontà degli elettori (come il voto unico) o che possa alterare la volontà espressa dal voto popolare. Ribadiamo con forza le richieste formulate nella Petizione popolare presentata alle Camere su iniziativa

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 12.10.17 13:41| 
 |
Rispondi al commento

I parlamentari vogliamo sceglierli noi, no a una legge elettorale incostituzionale – Firma la petizione
rivolta ai capi-partito e promossa dal Fatto Quotidiano in collaborazione con Change.org (https://www.change.org/p/capigruppo-di-camera-e-senato-lasciateci-scegliere-i-parlamentari ).
Malgrado due pronunce della Corte costituzionale, che hanno pesantemente censurato il Porcellum e l’Italicum… ancora una volta una ristretta oligarchia, composta dai capi dei principali partiti, potrà determinare la composizione delle Assemblee parlamentari, assegnando il seggio ai propri fedelissimi ed espropriando gli elettori della possibilità di scegliersi i propri rappresentanti… La volontà degli elettori viene ulteriormente manipolata attraverso una formula che favorisce coalizioni di facciata destinate a sciogliersi dopo il voto, a scapito delle formazioni non coalizzate e della pari dignità dei cittadini elettori… Facciamo appello alle elettrici e agli elettori a mobilitarsi per informare i cittadini… e fare arrivare ai partiti una disapprovazione forte e netta rispetto alle scelte che stanno discutendo in Parlamento.
1. La partita che si sta giocando sulla legge elettorale è una partita sulla Costituzione perché il modello di democrazia consegnatoci dai Costituenti e convalidato dal referendum del 4 dicembre 2016, è fondato sulla centralità di un Parlamento rappresentativo attraverso il quale trova espressione il principio supremo che la sovranità appartiene al popolo, per cui “tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale” (art. 49 Cost.). Un Parlamento che fosse nuovamente eletto con un sistema elettorale incostituzionale e con parlamentari nominati dall’alto non offrirebbe alcuna esistenza ai ricorrenti tentativi di stravolgimento della Costituzione.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 12.10.17 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Vedi Giangia è veramente triste quello che tu stai pretendendo da Beppe.Tu stai criticando la piattaforma di Rousseau, per il fatto che secondo te non ha le caratteristiche necessarie per ottenere un incontro di punti di vista di un certo tipo. Ti dimentichi però una cosa molto importante, questo programma è stato realizzato, gratuitamente da Gianroberto, prima della sua morte, per gli iscritti al m5s. Implementato poi, dal figlio Davide, che ha ereditato la gestione. Senz'altro esistono sul mercato, prodotti migliori, ma il m5s è un'associazione che parte dal basso che mantiene questo ambiente con piccolissime donazioni.
Detto ciò anzichè scrivere minacce, registrare appelli su video, considerando che sei un grillino fedele e competente, fai tu un prodotto come da te immaginato, gratuitamente.
Poi ce lo sottoponi, ci dai il codice sorgente, ci racconti del processo democratico che hai ideato e se tutto quanto supera i requisiti di sicurezza e apprezzabilità, lo sostituiremo a Rousseau. Altrimenti smettila di fare polemiche e accontentati di quello che le persone sono riuscite a realizzare con tanta dedizione.

Veronica2 12.10.17 13:28| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma come si fa a scegliere sono grillini e tutti bravi :)

Francesco.s. 12.10.17 13:03| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

2
”. Loro che sono maestri di populismo.
Sono arrabbiata perché invece di pensare alla legge migliore per rappresentare gli italiani oggi, si pensa solo al dopo: “Eh ma dopo nessuno avrà la maggioranza”. Quindi facciamo le leggi sulla base dei sondaggi, che poi regolarmente sbagliano (vedi il No al referendum al 60%)? Ennesima dimostrazione di totale mancanza di fiducia negli elettori.
Sono arrabbiata perché questo Rosatellum 2.0 è in realtà un Fascistellum(titolo del Fatto di ieri) o Inciucium 10.0, visti i tanti, troppi, inciuci cui abbiamo dovuto assistere negli anni, e di cui questa legge promuove solo l’ultima e più sfacciata versione. Oppure Arrostellum 5S, essendo scritta anche e soprattutto contro il M5S, l’unico che non si presenterà in coalizione. Invece della legge migliore per rappresentare gli italiani, si fa quella che permette di vincere o, meglio, fa perdere gli altri.
Sono arrabbiata perché si sarebbe potuti andare al voto con le leggi uscite dalle bocciature della Consulta “zoppicanti” (per colpa di chi le ha fatte, ovvero gli stessi che ora fanno questa), ma pur sempre meglio di questa vergogna. E sono arrabbiata perché di fronte a tutto questo il capo dello Stato, l’unico che potrebbe e dovrebbe intervenire, si chiude in un silenzio-assenso.
Sono arrabbiata perché temo che la mia rabbia e quella di molti cittadini resterà inascoltata. E faranno come vogliono.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 12.10.17 12:48| 
 |
Rispondi al commento

Da anni siamo costretti a parlare di leggi elettorali: i vertici politici, che non si rassegnano all’idea di doversi misurare continuamente con le istanze del corpo sociale, cercano di soffocarle con ogni artificio, contro l’ art. 1 “La sovranità appartiene al popolo” dove il verbo “appartiene” non è scelto a caso.

Malgrado due pronunce della Corte Costituzionale, che hanno pesantemente censurato il porcellum e l’italicum facendo sorgere la necessità che il Parlamento intervenga per far sì che sia restaurato un sistema elettorale omogeneo per le due Camere e coerente con la Costituzione, il disegno di riforma elettorale attualmente in discussione ripropone il carattere oligarchico e manipolativo della volontà popolare che viziava i precedenti sistemi.

Ho firmato la petizione "Capigruppo di Camera e Senato: Lasciateci scegliere i parlamentari" su Change.org. È importante. Puoi firmarla anche tu?
Ecco il link:
https://www.change.org/p/capigruppo-di-camera-e-senato-lasciateci-scegliere-i-parlamentari?utm_medium=email&utm_source=petition_signer_receipt&utm_campaign=triggered&share_context=signature_receipt&recruiter=780507088

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 12.10.17 12:47| 
 |
Rispondi al commento

1
Legge elettorale, non ci sarà tempo neanche per la consulta
di Luisella Costamagna | 12 ottobre 2017
Sono arrabbiata. Perché sulla nuova legge elettorale, che dovrebbe essere di tutti gli italiani per rappresentarli al meglio, è stata posta la fiducia. Preparata da una parte, verrà votata da una parte. Di nuovo. Sono arrabbiata perché, come ricordato da Zagrebelsky e Travaglio sul Fatto, una raccomandazione del Consiglio d’Europa dice che non si devono modificare le leggi elettorali nell’ultimo anno prima delle elezioni: noi lo facciamo a pochi mesi dal voto. Non ci saranno i tempi per ricorrere alla Consulta e nel caso – probabile – che sia incostituzionale, lo sapremo quando sarà già stato eletto un altro Parlamento illegittimo. Di nuovo.
Sono arrabbiata perché, nonostante la Corte abbia più volte sollecitato le preferenze, per ristabilire il rapporto di rappresentanza tra elettore ed eletto, con questa legge avremo – di nuovo – un Parlamento di nominati: gli italiani potranno scegliere direttamente solo un terzo dei loro rappresentanti, gli altri due terzi spetteranno alle segreterie di partito.

Sono arrabbiata perché, dopo aver detto sempre no alle coalizioni, Renzi #cambiaverso – non è la prima inversione a U, né sarà l’ultima – e apre alle coalizioni. Ma farlocche, visto che non ci sarà premio di maggioranza, né obbligo di candidato premier e programma comune, per cui ogni partito ‘alleato’ potrà presentarsi col proprio simbolo, leader e programma. “Un’accozzaglia” – sempre Renzi, ricordate? – finalizzata a raggranellare il maggior numero di voti, vincere le elezioni e poi liberi tutti.

Sono arrabbiata perché dal mantra dell’Italicum “così la sera stessa delle elezioni si saprà chi ha vinto”, ora si passa a – ancora Zagrebelsky – “come trafficare la mattina dopo”. Ed è probabile che, la mattina dopo, Renzi e Berlusconi mollino gli “estremi” (sinistra da un lato, Lega dall’altro) e facciano un bel governo di larghe intese “contro i populismi”.

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 12.10.17 12:47| 
 |
Rispondi al commento

CATALOGNA – UE – AZZECCAGARBUGLISMI

Che la Catalogna ed i catalani, abbiano delle differenziazioni dalla Spagna e dagli spagnoli, e’ ormai di dominio pubblico.

Che queste differenziazioni possano portare ad una democratica secessione, non e’ stato lasciato constatare.

Che oppressioni e soprusi governino il pianeta, mascherati da leggi e regolamenti, accordi e convenzioni, AZZECCAGARBUGLISMI di tutti i tipi, e’ evidente a chiunque.

Il colonialismo non e’ solo invadere e depredare territori lontani. Il colonialismo e’ anche malgovernare e depredare territori “appartenenti”.

Ora, TUTTI questi politici spagnoli ed europei che variamente impediscono un referendum su una corretta “AUTODETERMINAZIONE DEL POPOLO” catalano, rimarranno nella storia alla pari dei vari colonizzatori e dittatori che li hanno preceduti.

MA, il tempo nessuno lo puo’ fermare, e quello che viene impedito oggi, sara’ concesso domani.
Molti popoli sono ormai vicini a nuove consapevolezze e prossimi a non accettare piu’ malgoverni e ruberie.

E’ anche, purtroppo vero che il peggio non muore mai, e che le strade dell’inferno sono lastricate di variamente dittatorucoli che hanno portato solo DISGRAZIE.
Bisogna sperare con fiducia, che NUOVE generazioni sappiano accingersi a governare con molte meno arroganze e con molte piu’ CORRETTEZZE e LUNGIMIRANZE, con RISPETTI e PROGETTI.

Tutta la mia vicinanza al popolo catalano ed alla sua richiesta di NON calpestare altri e di NON essere da altri calpestato.

bron shine 12.10.17 11:54| 
 |
Rispondi al commento

La Piattaforma rifiuta la mia password e non riesco accedere per votare la leonessa LOMBARDI!!!

ANNA MARIA VALOTTA 12.10.17 11:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non riesco ad accedere alla piattaforma per votare io voglio scegliere la Lombardi

Antonella Policastrese 12.10.17 11:33| 
 |
Rispondi al commento

Se potessi, voterei per la Lombardi.

gino buscemi, agrigento Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 12.10.17 11:20| 
 |
Rispondi al commento

ma dove e' la sezione per votare i candidati o altro?
Veramente impossibile da trovare....basterebbe una scelta fissa VOTA! ben visibile attiva quando serve per votare e che si disattiva in automatico come alert quando si e' votato... Se lo vedo illuminato capisco che non ho votato... o devo ancora votare per qualcosa...

claudio masi 12.10.17 11:15| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori