Il Blog delle Stelle
Voucher, il MoVimento li aveva avvisati

Voucher, il MoVimento li aveva avvisati

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 26

di Claudio Cominardi

Non è difficile, provate a chiedere scusa e ad ammettere che il #M5S aveva ragione anche sui #voucher! Sono stato relatore di minoranza del #jobsact e ricordo benissimo le battaglie in aula e commissione per stralciare quella parte della legge delega sul lavoro.

Per noi era chiaro che sarebbe diventato lo strumento principe della precarietà diffusa. All'epoca ci dissero che eravamo quelli dei "no" e che sapevamo solo protestare. Dall'approvazione del jobs act a oggi il Governo Renzi-Gentiloni e la maggioranza parlamentare targata Pd, con un salto triplo carpiato sono stati in grado di liberalizzare i voucher (solo nel 2016 ne sono stati venduti 145 milioni), dopo circa due anni portare in commissione i correttivi per limitarne gli abusi e infine riproporre nuovamente le stesse regole che erano previste nel 2003 redatte dal Governo Berlusconi.

Ovviamente il sospetto è che tra le ragioni dei passi indietro del Governo - oltre all'evidente fallimento delle politiche sul lavoro - ci sia quella di scongiurare il referendum della Cgil per l'abolizione dei voucher che potrebbe sancire una ulteriore batosta all'immagine già sbiadita di Matteo Renzi.

Detto ciò, ora ditemi voi chi sono gli inesperti.

P.s.: in commissione lavoro è incardinata la proposta M5S a prima firma Tiziana Ciprini. Consiglio vivamente di prenderla in seria considerazione.



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

2 Mar 2017, 15:38 | Scrivi | Commenti (26) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa | Twitter Gallery

  • 26


Tags: jobsact, lavoro, poletti, renzi, voucher

Commenti

 

E basta con questi voucher!
Vergogna!
I LAVORATORI NON SONO DEI CODICI A BARRE !!
E'così difficile capirlo?
E, per cortesia, sostituite quella foto con una "caricatura" qualsiasi: è meglio!
Un Esodato Super-Incazzato

Giovanni Antonio 04.03.17 14:25| 
 |
Rispondi al commento

acheCiao signore/signora,
Sto cercando il prestito di denaro per diversi mesi che ho avuto debiti e bollette da pagare. Pensavo che fosse finita per me. Ma per fortuna ho visto la testimonianza fatta da molte persone su Mm Josina gomez, che è come ho contattato mio mutuante per pagare i miei debiti e il mio progetto. e signora Josina mio concesse un prestito di 60,000 euro sul mio conto, posso assicurarvi che tutti questi carta suo governarlo mio aiuto per pagare fuori il mio contatto di debito la e sarebbe la verità Se avete bisogno di finanziamenti; prendere in prestito denaro o qualsiasi progetto ti rendi cont questo vi aiuterà a raggiungere e sostenere finanziariamente sua e-mail prestitobancario2017@gmail.com

matines guissipi Commentatore certificato 03.03.17 18:45| 
 |
Rispondi al commento

COME DETTO UNA VOLTA AVETE UNA GRANDISSIMA LACUNA ALL'INTERNO DEL MOVIMENTO, NESSUNO DI VOI IN NESSUNA AMMINISTRAZIONE D'ITALIA CHE PRESIEDETE SAREBBE IN GRADO DI RICOPRIRE LA CARICA DI MINISTRO DEL LAVORO, IN QUESTI 5 ANNI CHE SEGUO LE VOSTRE VICENDE NON VI HO MAI SENTITO PARLARE UNA VOLTA DI "RIFORMA DEL LAVORO" E' UN ARGOMENTO DI CUI SIETE COMPLETAMENTE DIGIUNI E IL CANTAR VITTORIA PER LA MODIFICA DEI VOUCHER CHE E' UN PROBLEMA DI IRRILEVANZA ASSOLUTA NEL MONDO DEL LAVORO VUOL DIRE CHE VI STATE PERDENDO IN UN BICCHIER D'ACQUA , LA RIFORMA DEL LAVORO AUTONOMO E' LA PRIMA COSA, L'ABOLIZIONE DELLE COOPERATIVE (CHE STANNO DISTRUGGENDO IL MERCATO DEL LAVORO), L'ATTENZIONE E' FOCALIZZATA SEMPRE SUI LAVORATORI DIPENDENTI MA SE QUALCUNO DI VOI CONOSCESSE BENE I CONTRATTI COLLETTIVI E LA NORMATIVA GIUSLAVORISTICA CAPIREBBE CHE RISPETTO AI GIOVANI CHE INTRAPRENDONO LIBERE PROFESSIONI I LAVORATORI DIPENDENTI SONO PORTATI SU UN PIATTO D'ARGENTO DALLO STATO. GIOVANI CHE NON HANNO DIRITTO A MALATTIA PAGATA, FERIE, INFORTUNIO, SOGGETTI UNA GESTIONE SEPARATA INPS CHE SE POTESSE PORTEREBBE VIA ANCHE LE MUTANDE A CIASCUNO DI NOI... QUESTI SONO I TEMI... NON I VOUCHER , QUELLI FUNZIONANO, MALE MA FUNZIONANO.

WALTER GIUDICI 03.03.17 16:43| 
 |
Rispondi al commento

VoJuncher? No, grazie!

Aldo B. 03.03.17 05:02| 
 |
Rispondi al commento

senza questa forma di pagamento molti imprenditori specialmente agricoli onesti non potranno regolamentare lavoratori addetti alla raccolta e non semineranno nemmeno e incredibile che politicizziate a vostro favore qualsiasi problema che si presenta ma date un alternativa valida e piantatela di criticare tutto.

sandro d., borgo san martino alessandria Commentatore certificato 02.03.17 22:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

gente se siete interessati a guadagnare un po' di voucher , ho sentito che il babbo di ren ,zi ha bisogno di qualcuno che gli cambi il pannolino e lo imbocchi , attenti perche' ogni tanto sbava!

problemi di soldi non dovrebbe avere visto che gli davano minimo minimo 30000 euro al mese di tangenti!!!

ABOLIAMO I VOUCHER SE NO SIAMO DESTINATI SOLO AL PRECARIATO E NESSUNA GARANZIA PER UN FUTURO DIGNITOSO

prontiasalpare 02.03.17 21:02| 
 |
Rispondi al commento

NON AVETE CAPITO UN CZZZZZZZ..
Vivo in mezzo alla MISERIA NERA e per molti senza alcun reddito anche i VOUCHER sono un mezzo per comprare almeno il PANE QUOTIDIANO.
In attesa del REDDITO DI CITTADINANZA o di un lavoro che non c'e' VA BENE TUTTO.
Ai SINDACATI non va bene, solo perche' non si e' previsto la loro QUOTA!!!

solone 02.03.17 20:42| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

POLETTI SI ASCIUGA IL SUDORE, POVERINO E' STATO GIORNO E NOTTE PER TRE ANNI, PER CONVINCERSI CHE I VOUCHER E IL JOBS ACT FARANNO VOLARE IL LAVORO IN ITALIA, FACENDO SUDARE SETTE CAMICE AL MINISTRO PIDDINO, INFATTI IN ITALIA IL LAVORO E' LETTERALMENTE VOLATO...VIA.

cosimo calabrese, chiaravalle Commentatore certificato 02.03.17 20:28| 
 |
Rispondi al commento

sono una massa di cialtroni incompetenti incominciando da salciccia ministro delle lasagne al forno

giancarlo ricomini, marina di carrara toscana Commentatore certificato 02.03.17 19:00| 
 |
Rispondi al commento

Renzi e babbbino sono finiti.

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 02.03.17 18:50| 
 |
Rispondi al commento

il governo renzi e tutti i suoi adepti, non hanno mai ascoltano nessuno opposizioni e popolo, nonostante le varie sconfitte proseguendo imperterriti nel loro disegno diabolico, quando cadranno farenno molto rumore....... speriamo il prima possibile, grazie

roberto A., COMO Commentatore certificato 02.03.17 18:24| 
 |
Rispondi al commento

Bisogna finirla con questi Voucher, CoCoCo, CoCoPro, ecc...

Il lavoro deve essere uguale per tutti, non può essere che chi lavora nel pubblico impiego ha 25000 diritti e chi lavora nella cooperativa, detto fra noi, è una MERDA!

A mio avviso una persona viene assunta o con contratto a tempo determinato o indeterminato, full-time o part-time e tutti i contratti dovrebbero avere gli stessi diritti e doveri (non mi interessa se nel pubblico o privato) ovviamente bisogna differenziare se un lavoro può essere più o meno usurante

finiamo di prenderci in giro, queste tipologie sono state create per SOTTOPAGARE i lavoratori, non solo, ma in più devono essere SEMPRE DISPONIBILI però il vostro TEMPO NON vale 1 centesimo!

Roberto C. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 02.03.17 18:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Oggi i Tg magnificavano un lievissimo aumento del lavoro giovanile
È inverosimile subito dopo smentivano con altri dati

La realtà è come dire diversamente abile anche chi abile non è

Rosa Anna 02.03.17 17:55| 
 |
Rispondi al commento

purtroppo in italia avendo leggi che si contraddicono sistematicamente è facile trovare l'inganno, e i vaucher sono stati utilizzati per avere un attestazione di legalità ,in modo fraudolento , alcune modifiche successive ne hanno limitato l'effetto , ma il problema di fondo è rimasto tale e quale , le società possono avere altri strumenti per risolvere il problema del lavoro saltuario , o stagionale ma se diventa continuativo come di solito accade allora non funziona correttamente vuol dire solo far lavorare le persone per poche ore settimanali a comando e con la spada di Damocle sopra la testa .............................

angelo miccinilli Commentatore certificato 02.03.17 17:44| 
 |
Rispondi al commento

spiegatemi come fa una piccola coop a pagare in modo regolare i suoi soci se fanno meno di 12 ore settimanali, minimo ore per assumere?
Preferite un popolo di partite Iva? Cervelloni!

Roberto Bucci 02.03.17 17:29| 
 |
Rispondi al commento

Non sono i voucher a creare la precarieta' .

E' l'euro che ha creato la disoccupazione e questa la precarieta' .

I voucher sono una risposta per regolarizzare (per chi vuole farlo) un rapporto che altrimenti sarebbe in nero o non sarebbe .

Non scambiamo per causa un effetto .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 02.03.17 17:25| 
 |
Rispondi al commento

Rimane il problema di come regolamentare lavori la cui regolamentazione costa piu' del salario .

I consulenti del lavoro hanno detto che i Voucher stanno facendo emergere lavoro nero .

Da piccolo imprenditore confermo che molto spesso cio' che frena dare lavoro ad una persona e' la complessita' burocratica ed i costi IGNOTI di cui ci si carica , per cui , nel dubbio , non si fa nulla.

Il voucher avendo un costo fisso e nessun onere collaterale e' una semplificazione pratica e per questo ha successo .

Poiche' un lavoro nero e' meglio di un disoccupato in bianco bisognerebbe prendere il buono dei voucher (semplicita') ed introdurlo anche per il lavoro normale togliendo il sostituto d'imposta .

Ovviamente a carico fiscale immutato: ma si risparmia il commercialista .

Aldo Masotti, Verona Commentatore certificato 02.03.17 17:21| 
 |
Rispondi al commento

Proprio ieri c'era in TV, a Tagadà, la Malpezzi (mejo conosciuta come la Befana der PD).

Alla domanda della conduttrice:

" Perché non fate come il M5S che si sono ridotti lo stipendio?"


La Malpezzi è partita, come li bambini a scuola, a ribatte:

" Non è vero che il M5S si toglie lo stipendio, bu-gi-a, bu-gi-a...invece, ah, ah, siamo stati noi del PD a fare la legge per togliere il finanziamento ai partiti!"

La conduttrice la incalza:

" Perché non ascoltate il vostro Michele Emiliano e vi togliete totalmente lo stipendio?"

La Malpezzi è ripartita, come li bambini a scuola, a ribatte:

" Non è ve-ro, non è ve-ro, che Emiliano ha detto di toglierci tutto lo stipendio, bu-gi-a, bu-gi-a...perché altrimenti la politica sarebbe soggetta a essere finanziata dai corruttori!"


A Malpè, mo basta con ste risposte da GOSSIP, la risposta ormai l'abbiamo trovata nel CONSIP!

Sarà per questo che c'hai er naso come pinocchio? Nun è che te sei pippata er viagra?

Ma tu madre t'ha chiamata Malpezzi perché quanno t'ha fatta ha capito che tutti i pezzi le so' venuti tarmente male che era inutile copiarte 'n bella?

Aldo B. 02.03.17 17:13| 
 |
Rispondi al commento

Lo sapeva benissimo anche il governo che i voucher sarebbero stati lo strumento principe della precarietà' diffusa. Li hanno fatti apposta, purtroppo sono stati "sgamati" ed ora devono metterci una toppa ma solo per evitare il referendum.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 02.03.17 17:03| 
 |
Rispondi al commento

Lo so non è attinente ma
Vogliamo occuparci anche di giustizia datosi che il paese a causa del malgoverno è diventato una discarica di delinquenti a scapito i tutti anziani giovani poveracci ecc.
Vogliamo occuparcene o lasciamo il campo alla lega?
Ci rendiamo conto che è una priorità nazionale ?

Mario L. Commentatore certificato 02.03.17 16:05| 
 |
Rispondi al commento

#StipendiComeTutti anche per i dipendenti di Camera, Senato, Quirinale, ecc, ecc. Basta privilegi. Basta casta. Basta stipendi d’oro.

Vicino al fuoco ci si scalda! È un po’ quello che avviene per i cosiddetti "stipendi d'oro" di alcuni dipendenti pubblici, "privilegiati" rispetto ad altri, nonostante il fatto che per tutti i travet della Pa il datore di lavoro è sempre il medesimo: lo Stato italiano! Ma, in questo grande paese, più si è vicino al fuoco, più ci si scalda! Più si è vicini al potere, più si gode di luce riflessa, ovvero dei vantaggi, dei privilegi e soprattutto degli "stipendi d’oro" che sono erogati a tutti gli inquilini di Quirinale, Montecitorio, Palazzo Madama, Corte dei Conti e via discorrendo. Così pure avviene nei ministeri, nelle regioni e nei comuni: più si è vicini alla “stanza dei bottoni” più si “guadagna”! Più si si sta in alto, più si è vicini al “capo” e più alto è lo stipendio, nonostante sussista stessa anzianità, qualifica e titolo di studio degli altri “colleghi” dei piani più bassi! Cosicchè, basta spostarsi di appena qualche stanza o svoltare un corridoio per trovare retribuzioni nettamente inferiori a quelle percepite da chi, invece, sta lì, vicino al “fuoco”! Insomma, nella pubblica amministrazione, vale in termini di emolumenti e indennità accessorie il secondo principio della termodinamica che tiene conto del carattere di irreversibilità del passaggio di calore da un corpo caldo ad un corpo freddo. Bene ha fatto il MoVimento5Stelle a presentare una proposta di legge per chiedere che il trattamento pensionistico degli ‘onorevoli’ venga equiparato a quello dei normali cittadini. È una proposta seria, di uguaglianza e di giustizia sociale. E va benissimo così. Ma sarebbe altrettanto serio, giusto e sacrosanto 'normalizzare' lo stipendio dei dipendenti di Camera, Senato, Quirinale, Farnesina, CSM, ecc, a quello dei “normali” lavoratori pubblici...

Free Skipper, Roma Commentatore certificato 02.03.17 15:43| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori