Condividi

“”Dall’attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica“. Questo c’è scritto nell’articolo 5 comma 3 del decreto legge 5 gennaio 2015 n.1, emanato dal governo Renzi per l’ILVA e per Taranto. Leggendo in lungo e in largo il testo del decreto non si trova neppure un numero relativo agli stanziamenti. Questa è la sorpresa di chi ha letto con attenzione il decreto che Renzi definisce “il primo dell’anno per salvare azienda e cittadini“.
Assistiamo ad una colossale operazione mediatica basata sul nulla perché il decreto legge di Renzi non stanzia neppure un euro, e specifica anzi molto bene che dalla sua attuazione “non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica“. Quindi i due miliardi per ILVA e per Taranto dove sono?
Se fossero stati stanziati due miliardi aggiuntivi per Taranto, già disponibili, il decreto non sarebbe passato per mancanza della copertura finanziaria. L’obbligatorietà della copertura finanziaria è richiesta dall’articolo 81 della Costituzione e Napolitano non avrebbe potuto firmare il decreto se avesse contenuto la cifra di due miliardi di euro.
Men che meno esistono i 30 milioni di euro per la ricerca sui tumori infantili a Taranto: Renzi si è fatto pubblicità gratis sulla sofferenza dei bambini. E tanti italiani hanno abboccato ad una notizia farlocca.” Alessandro Marescotti, Presidente di PeaceLink