Condividi
di Pawel Kuczynski https://www.facebook.com/pawelkuczynskiart/

di Nourished Planet – Anche se il mondo produce abbastanza cibo per nutrire la sua intera popolazione, lo squilibrio nell’accesso al cibo ha continuato a espandersi negli ultimi dieci anni, creando un paradosso rivelatore: il mondo è sia denutrito che sovralimentato.

Ci sono 2,1 miliardi di persone obese o in sovrappeso nel mondo, sia nei paesi in via di sviluppo che industrializzati. Allo stesso tempo, almeno 815 milioni di persone in tutto il mondo hanno fame.

Negli Stati Uniti, oltre il 30% della popolazione è considerata obesa o sovrappeso e l’obesità colpisce ora il 70% della popolazione messicana. Persino in India, il manifesto della fame nel mondo, il 17% degli adulti è obeso.

La crescita dell’obesità è stata accompagnata da un’ondata di malattie cardiovascolari e respiratorie e diabete di tipo 2. Oltre alle ovvie conseguenze sulla salute di questa situazione,

L’insicurezza alimentare come causa di obesità e cattiva salute pubblica può essere spiegata in diversi modi. In primo luogo, le persone insicure del cibo spesso possono permettersi solo alimenti più economici e densi di calorie, che tendono a causare un aumento di peso. In secondo luogo, le persone mangiano troppo dopo periodi senza cibo. In terzo luogo, le abitudini alimentari fluttuanti possono confondere il sistema metabolico del corpo e causare un aumento di peso anche quando le persone non stanno mangiando più calorie.

La convivenza di un vasto numero di persone malnutrite e la quantità di cibo prodotto in tutto il mondo crea un paradosso rivelatore, che smentisce la credenza popolare secondo la quale la fame può essere risolta semplicemente producendo più cibo.

Rivoluzionare il sistema alimentare come lo conosciamo è la soluzione.

Kostas G. Stamoulis, economista senior della FAO delle Nazioni Unite, afferma: “Il modo in cui gestiamo l’agricoltura globale e il sistema di sicurezza alimentare non funziona. C’è questo paradosso di aumentare la produzione alimentare globale, anche nei paesi in via di sviluppo, eppure c’è fame. “Esaminando le questioni strutturali degli squilibri nell’accesso al cibo, i difensori possono creare soluzioni migliori”.

Diverse questioni strutturali sono alla base degli squilibri globali nell’accesso al cibo, ma il principale è la povertà. A partire dal 2013, il 10,7% della popolazione mondiale viveva con meno di $ 1,90 al giorno. Inoltre, la popolazione mondiale sta diventando più urbana e, nel 2016, il 54,5% delle persone, o più di 4 miliardi, viveva in aree urbane e periurbane. Ciò significa che il resto della popolazione, ovvero circa 3,4 miliardi di persone, vive in aree rurali. Molti di loro sono poveri e molti di loro, ironia della sorte, sono agricoltori.

Anche se alcuni difensori dei poveri chiedono una più equa distribuzione della ricchezza o l’istituzione di salari minimi più alti o salari di sussistenza nella lotta contro la fame e la povertà, la crescita economica attraverso l’agricoltura rappresenta una soluzione reale e sostenibile.

Gli obiettivi critici nella battaglia contro un’alimentazione inadeguata – un aumento della ricchezza e una distribuzione più equa di quella ricchezza – sono tra i migliori ma meno conosciuti strumenti economici per affrontare questi problemi.

Secondo il “World Development Report” pubblicato nel 2008 dalla Banca Mondiale, ogni aumento percentuale del PIL generato dal settore agricolo è due volte più efficace in termini di riduzione della povertà come crescita equivalente in altri settori.

L’agricoltura è importante nella lotta alla povertà per due grandi motivi. La prima è l’alta incidenza della povertà nei paesi in via di sviluppo, dove l’agricoltura è la principale fonte di reddito e occupazione. Il secondo è il fatto che le popolazioni rurali in genere possiedono livelli di istruzione inferiori e un minore accesso a fonti di reddito alternative (come l’occupazione nella produzione o nei servizi). Ciò significa che il settore agricolo costituisce un elemento chiave nello sviluppo di strategie volte a migliorare il benessere e il sostentamento di coloro che vivono nelle zone rurali.