Condividi
Imprenditori Suicidi
(10:00)

pp_youtube.png

“In questo libro parlo anche della situazione italiana, dove tra l’altro non ci sono differenze tra Nord e Sud. Il Paese è tutto in crisi, gli italiani sono in crisi. C’è una rabbia generale e molti parlano addirittura di violenza, che i problemi si potrebbero risolvere soltanto con una rivoluzione. Quello che è chiaro, è un coro unanime, è che qualcuno deve pagare, quindi chi ha creato questa crisi deve pagare il conto, soprattutto la classe dirigente dovrebbe andare via, non dovrebbe più amministrare questo Paese. Per almeno tre anni il governo Berlusconi ha tenuto nascosto che c’era una crisi, a un certo punto ci sono state dichiarazioni che affermavano che il Paese stava uscendo dalla crisi meglio degli altri paesi europei, Tremonti il 29 aprile 2009 dichiarò che il rischio di un crollo, del peggio, era alle nostre spalle.” Samanta Di Persio

Il Passaparola di Samanta Di Persio, scrittrice:

La rabbia dei piccoli imprenditori (espandi | comprimi)
“Buongiorno agli amici del Blog di Beppe Grillo, sono Samanta Di Persio oggi sono qui per parlarvi di “Imprenditori Suicidi, il collasso delle imprese italiane”.
Questo libro avrebbe potuto chiamarsi “Lettere dalla crisi”, perché quasi tutti i piccoli imprenditori che ho intervistato hanno scritto alle massime cariche istituzionali per denunciare una condizione sociale.
In molti casi le risposte non ci sono state, ma, quando ci sono state, sono state più offensive del silenzio.

Chi ha creato questa crisi deve pagare il conto (espandi | comprimi)
E’ questa la rabbia dei piccoli imprenditori, che non c’è mai stata una lotta seria all’evasione fiscale. Quest’estate c’è stato il tormentone dello scontrino, come se i piccoli esercenti fossero il problema dell’evasione, invece c’è Giuseppina Virgini, un’imprenditrice di Empoli, che spiega benissimo come la sua attività sia stata messa in crisi dalle attività cinesi,