Condividi
Papa Francesco, sacerdote
(09:50)

Una volta stava in una bidon ville, nelle quali di notte non è raccomandabile andare in giro soli, allora alcuni gli chiesero: “La facciamo accompagnare padre?“, Lui si faceva chiamare Padre Bergoglio sempre, mai Cardinale, Monsignore. Lui disse: “No, non mi accompagnate, perché se mi dovete accompagnare per uscire vuole dire che mai più potrò rientrare“. Quindi uscì da solo in una zona abbastanza rischiosa.Quindi sarà vicino alla gente e ascolterà le sfide del mondo, della Chiesa.
I gesti parlano, il nome che ha scelto parla, tutto ciò che sta facendo mi pare sia un messaggio.
Francesca Ambrogetti

Il Passaparola di Francesca Ambrogetti, giornalista ANSA da molti anni a Buenos Aires e autrice assieme a Sergio Rubin del libro: “Papa Fracesco

Occorre la pazienza (espandi | comprimi)
Buongiorno, dico buongiorno perché in Argentina sono le 11:50, quindi per me è buongiorno, e saluto quindi chi sta vedendo questo video.
Mi chiamo Francesca Ambrogetti, sono Romana, giornalista Ansa e da molti anni a Buenos Aires e stando qui nell’epoca della crisi, era il 10 aprile del 2001 abbiamo intervistato come stampa estera l’allora neo-cardinale Bergoglio. Fino a quel momento era poco conosciuto sia in Argentina che negli ambienti della curia.
Lo abbiamo intervistato perché c’era la crisi e volevamo il parere della Chiesa, uno dei settori che ci interessava. Durante questo periodo di crisi profonda si iniziavano a aprire delle mense popolari, molte promosse dalla Chiesa e quindi era per sentire un po’ il polso di quello che succedeva in questi quartieri poveri.

I gesti parlano (espandi | comprimi)
Nel libro fa riferimento a una parabola, che è quella del pastore che aveva 99 pecore, gliene scappa una e lascia le 99 e corre dietro a quella che mi è scappata, lui ricorda che un anziano sacerdote che lui conosceva dice: “No no, adesso la parabola è diversa: la Chiesa cattolica ha una pecora ce l’ha sicura, però 99 sono fuori e deve uscire in cerca di quelle 99“. Allora che Chiesa sarà quella di Papa Francesco?
Credo che i credenti lo sentiranno come uno di loro, vi racconto un episodio: lui va molto nelle villas miserias e andava a piedi, da solo con i mezzi, gli autobus, mai in macchina, e un giorno c’era una messa in una di queste villas e nell’autobus c’erano alcune persone che abitano nelle bidon ville, che vedendolo nello stesso autobus gli dicono: “Lei è uno dei nostri, lo sentiamo come uno dei nostri, lo abbiamo visto in autobus“.