Condividi
Tolleranza zero per la violenza contro le donne
(10:00)

pp_youtube.png
*** Enna alle 21, collegati alla —> Diretta streaming ***

“Uno è vittima di stalking quando comincia a avere ansia e paura, non è il semplice ex che vuole cercare di riallacciare con te, e quindi vuole rivederti, fa parte questo della normalità, comincia a diventare stalking quando questo comportamento è proprio insistente, invalidante e quindi uno è costretto addirittura a cambiare le proprie abitudini di vita, cosa che più spesse accade è cambiare il numero di telefono, addirittura cambiare le abitudini, per esempio non puoi andare più in palestra, non puoi più uscire da sola, fare lo stesso percorso per andare a lavoro, a studio, a scuola, dove devi andare e questo comincia a creare problemi, cominci a avere paura, ti viene l’ansia. Questi sono i primi segnali per cui non è semplicemente un corteggiamento insistente.” Anna Costanza Baldry

Il Passaparola di Anna Costanza Baldry, psicologa e membro dell’associazione Differenza Donna

Come si riconosce se uno è vittima di stalking? (espandi | comprimi)
“Ciao a tutti gli amici e amiche del blog di Beppe Grillo, sono Anna Costanza Boldri, sono psicologa, criminologa, faccio parte di un’associazione che si chiama Differenza Donna che a Roma gestisce i centri antiviolenza che sono posti dove si rivolgono le donne vittime di violenza, maltrattamenti, violenza sessuale, stalking e nello specifico mi occupo proprio dei casi di stalking, sono responsabile degli sportelli antistalking. Cos’è lo stalking?

Atti persecutori (espandi | comprimi)
Ovviamente non tutti i casi hanno questo epilogo drammatico e non bisogna farsi prendere dal panico, però sicuramente uno stalker che viene fermato dalla norma e dalla legge che hanno introdotto l’ammonimento che è come un cartellino giallo, il cartellino giallo che funzione ha? Quello di dire: “Guarda questo non va bene, questo comportamento non è conforme alla norma, devi smettere”.

Perché le donne non denunciano? (espandi | comprimi)
Un numero enorme e sappiamo che, purtroppo, è una punta di un iceberg, è vero che negli ultimi 10 anni sono aumentate le donne che chiedono aiuto, che fanno denuncia e che si rivolgono ai centri antiviolenza, ma sappiamo anche di quanto questi reati così come anche la violenza sessuale, purtroppo è un reato ancora molto poco denunciato sia per la paura delle ritorsioni, io non denuncio il mio ex perché cosa fa poi lui se scopre che l’ho denunciato? Si vendicherà ancora di più? Mi ammazzerà?