Condividi

Dal Mose, all’Expo, fino a Mafia Capitale, una capatina a Ischia, ma senza dimenticare Genovese, per arrivare oggi in Calabria con l’assessore De Gaetano arrestato nell’ambito di un’inchiesta sui fondi pubblici usati per gratta e vinci e spettacolini di lap dance. La base del PD, il Partito Detenuti, si sta radicando nel territorio e si allarga ogni giorno, come l’erba cattiva. Un appello al PD: non fate perdere tempo alla magistratura, costituitevi!

“I finanzieri del comando provinciale hanno dato esecuzione a 3 ordinanze di custodia cautelare degli arresti domiciliari e 5 ordinanze di divieto di dimora. Nel corso dell’operazione, chiamata in codice “Erga Omnes“, sono stati sequestrati anche beni per 2,5 milioni di euro nei confronti di 27 indagati.
C’e’ anche l’assessore regionale ai Lavori pubblici e ai Trasporti in carica Nino De Gaetano (Pd), fra i destinatari delle misure restrittive emesse dalla Procura della repubblica di Reggio Calabria ed eseguite dalla Guardia di Finanza.

VIDEO Vietato parlare di onestà. Ma “zoccola” si può dire

De Gaetano, non rieletto in occasione delle ultime elezioni, è comunque componente dell’attuale Giunta di centro-sinistra ed è stato sottoposto agli arresti domiciliari.
L’inchiesta pare essere la stessa sulle spese pazze dei consiglieri e si attende la conferma nella conferenza stampa degli inquirenti. Come riporta un articolo di Repubblica del 23 maggio 2013: “i finanzieri indagando sui falsi rimborsi hanno trovato di tutto, dal biglietto per assistere a uno spettacolo di “lap dance” al biglietto del “Gratta e Vinci”, dai “santini” da mille e 200 euro, ai viaggi ingiustificati all’estero e in Italia. Trasferte singole, di coppia e persino di gruppo, visto che un rappresentante del parlamento calabrese aveva affittato un pullman a Chianciano. Prezzo rimborsato 3.700 euro tondi. Una città che piace molto ai politici del sud. Tanto è vero che tra le fatture di un gruppo sarebbero stati rinvenuti numerosi rimborsi per soggiorni in quella località, a volte di sole poche notti, ma sempre in alberghi di livello” da Articolotre