Condividi
Scontri all’Università di Pisa

Marcello Pera scrive testi importanti, ma che nessuno legge. Questo gigante del pensiero fa il piazzista dei suoi libri dove può, anche in un luogo pubblico come l’Università di Pisa. Mentre Pera illustra il suo testo fondamentale: “Perché dobbiamo dirci cristiani” in Ateneo, i celerini manganellano gli studenti che protestano in strada. Tutto molto cristiano. Gli studenti pagano la retta universitaria, ma non possono assistere all’esibizione di Pera. Non si può criticare il senatore Pera del PDL, prima craxiano, poi psiconano, mantenuto in Parlamento da quattro legislature con i soldi dei contribuenti.
In tutta Italia si picchiano ragazzi che protestano, anche in modo vile come è avvenuto a Bergamo. Così non si può continuare. Prima o poi ci scappa il morto. Nessuno deve essere autorizzato a picchiare un cittadino inerme, soprattutto se indossa una divisa. Non c’è extraterritorialità per la violenza. Invito gli studenti universitari a illustrare le loro tesi in Parlamento, inizierei da: “Perché non dobbiamo dirci piduisti e neppure mafiosi“. Nel frattempo senatori e deputati noti alle Forze dell’Ordine (più di un centinaio) potrebbero ricevere opportune cariche di alleggerimento della Celere.
Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Caro signor Grillo,
sono Edoardo, ho 22 anni, studio alla facoltà di Scienze Naturali di Pisa e collaboro come free lance con il giornale toscano “il Tirreno”. Venerdì pomeriggio io e un amico ci siamo recati alla facoltà di Giurisprudenza per assistere all’incontro con il senatore Marcello Pera, il quale doveva presentare un libro. L’idea era quella di provare a fare qualche domanda, ma purtroppo le cose non sono andate così. Arrivati davanti alla facoltà, ci siamo uniti al sit-in di protesta, poichè la facoltà era stata blindata. I poliziotti in tenuta antisommossa non hanno permesso a noi studenti di entrare nella facoltà e hanno intimato il dietrofront. noi abbiamo fatto un cordone non violento e, a mani alzate, abbiamo continuato a chiedere a gran voce di darci la possibilità di partecipare al dibatittito… non l’avessimo mai fatto… come potrà rendersi conto dai video, è bastato un minuto perchè gli animi dei ragazzi della celere si infiammassero. Abbiamo subito tre cariche e molti ragazzi si sono fatti male. alcune ragazze hanno ricevuto manganellate sugli arti, io ho una mano lussata e molti giovani che non conoscevo si sono ritrovati con la testa rotta… io non la chiamo per chiederle solidarietà (o forse si), ma le persone che sono finite negli scontri non erano “facinorosi”, bensì giovani studenti che erano li per caso: a pensi che all’ospedale ho incontrato due ragazzi di 18 anni, due studenti calabresi che vivono a Pisa per fare l’università da nenche sei mesi, apolitici, che volevano solo assitere al dibattito…. il fatto è questo ….oltra al danno la beffa…..è vero che nel video alcuni ragazzi hanno acceso un fumogeno….ma da qui a pensare che otto poliziotti si siano feriti mi viene da ridere….io c’ero…e non sono un violento…..più sono saliti i nostri ferit, più aumentavano quelli dei poliziotti….. il fatto è che dai video si vede che siamo stati aggrediti….eppure stanno incominciando a fioccare le denunce contro di noi (resistenza???) e la stampa nazionale ha riportato solo i feriti della celere … io sono sconvolto signor Grillo, qui è sempre peggio… se persino una città con un forte animo di sinistra come Pisa incomincia a vedere queste cose vuol dire che qualcosa è definitivamente cambiato….io la prego di rispondermi, anche solo per dirmi “non mi interessa” , la prego davvero… sono tre giorni che non dormo….
Chiedo scusa per al lettera che riporta le notizie senza né capo nè coda ma mi sento ancora molto scosso….sul sito di Pisa notizie potrà visionare i video…” Edoardo
Leggi Pisa Notizie

Condividi
Articolo precedenteMike in the SKY
Prossimo articoloGli dei del Tibet