Condividi


E’ morto Edoardo Sanguineti, il blog lo ricorda attraverso le sue parole: “In cinquant’anni molte cose sono profondamente cambiate, la poesia è cambiata, ma non è cambiato il compito dei poeti, quello di disegnare il profilo ideologico di un’epoca.”
“Sanguineti parla di Berlusconi: “Credo che ci sarebbero almeno due luoghi che potrebbero contenderselo. Da un lato il girone dei bugiardi, perché incarna precisamente una politica di propaganda, di miti, di sogni. Quindi lo vedrei tra i menzogneri per eccellenza, i propagandisti e i pubblicitari, per i suoi spot. E dall’altro lato lo collocherei tra gli avari, nel senso medievale della parola, cioè gli avidi di beni, coloro che sono orientati esclusivamente all’accumulazione delle ricchezze. Credo che potrebbe equamente dividersi per l’eternità: un anno in un girone, un anno nell’altro, così si renderebbe giustizia ai due aspetti che mi paiono fondamentali della sua personalità.” cimbro mancino