Condividi
Puttanparlamento – Marco Travaglio
(47:40)

Testo:

Buongiorno a tutti, il nano bollito ha appena parlato al Senato, discorso miserello, promesse, autoelogi, autoimbrodature, “ abbiamo fatto cose straordinarie”: non si spiegherebbe, se fosse vero, per quale motivo un pezzo importante della sua maggioranza se ne è andato e da oggi, come ha annunciato ieri Fini, passa decisamente all’opposizione, quindi non è più un alleato critico dall’esterno, ma Futuro e Libertà è un oppositore.

La politica dilaga, il Paese si ribella (espandi | comprimi)
Più che quello che succede al Senato però sarebbe interessante vedere quello che succede in Italia, cioè nel mondo reale, nel mondo dei vivi e, da questo punto di vista, ci sono due bei segnali che indicano proprio come il berlusconismo sia finito come forza in grado di ottenere un consenso maggioritario nel Paese.

Saldi di fine impero (espandi | comprimi)
Beh, non c’è partito che sia immune dalle fuoriuscite, il PD ne ha persi 18: è vero che è più grosso, ma ne ha persi parecchi, l’Udc ne ha persi parecchi, il PDL ha perso i finiani, forse il partito più monolitico è l’ultimo partito leninista che c’è in Italia, ossia la Lega Nord, ma perché la Lega Nord?

Poltrone e contratti: B. prova a salvarsi (espandi | comprimi)
Come si fa a stabilire se un contratto pubblicitario ha il valore giusto o è sopravvalutato? Quanto ti possono dare per una pagina di pubblicità o per una campagna pubblicitaria?

Cosa succede domani (espandi | comprimi)
La Costituzione non tutela affatto la corruzione in cambio di un voto in Parlamento, tutela il voto, ma la corruzione la punisce, la corruzione continua a essere punita dal Codice Penale.

Intanto, se credete, se state a Roma o nei dintorni, domani sera al Gran Teatro chiudo la tournée di Promemoria: dopo tre anni e mezzo e 160 repliche è l’ultima possibilità, se qualcuno non l’avesse ancora visto o lo volesse rivedere, di seguire il Promemoria che, guarda caso, anche lì abbiamo deciso molto prima che la Corte Costituzionale fissasse il 14 dicembre e molto prima che il Parlamento fissasse il voto di fiducia il 14 dicembre, siamo stati i primi a fissare la data del 14 dicembre per l’ultima serata di Promemoria al Gran Teatro a Roma. Passate parola, buona serata.

Condividi
Articolo precedenteLassù al Nord
Prossimo articoloIl popolo