Condividi


Esercito nelle città

Ignazio La Russa ha schierato l’Esercito. Tremila soldati nelle città d’Italia. Se prima i tutori dell’ordine erano sempre in due, ora sono in quattro. Due soldati e due carabinieri o due poliziotti. Le squadre miste sono già all’opera. A Milano, dove Piazza del Duomo è presidiata che neanche Kabul (c’è anche un’unita cinofila), nei primi due giorni ci sono stati tre interventi dell’Esercito, tutti decisivi.
Primo intervento: un uomo sfonda con il gomito il vetro di un box antincendio in metropolitana. “E’ rapidamente giunta una pattuglia formata da Polizia e militari dell’Esercito(*)”. Il reo è stato identificato e denunciato.
Secondo intervento: due ragazzi su uno scooter non si fermano all’alt di una volante. “Lo scooter è stato bloccato da carabinieri e militari delle pattuglie miste al parco delle Cave. L’inseguimento è iniziato in via Forze Armate (e dove se no? ndr) ed è terminato quando il motorino è entrato nel verde.. Una volta nel parco, però, i due giovani hanno bucato la gomma posteriore e sono stati bloccati e identificati mentre spingevano lo scooter verso l’uscita dalle nuove pattuglie miste di carabinieri e militari (*).”
Terzo intervento: un ubriaco litiga con un negoziante. “Militari all’opera anche in via Padova, dove sono di pattuglia insieme agli agenti di polizia. Ieri sono intervenuti per sedare una lite… Ma l’intervento in questo caso è stato minimo, è bastato l’arrivo dei militari per riportare la calma (*).”
Il vice sindaco camerata Riccardo De Corato ha esultato: “Abbiamo già ottenuto i primi importanti risultati, sia in termini di deterrenza sia per riportare serenità e quieto vivere in quartieri problematici”.
La Polizia ha sempre meno soldi, manca la benzina per le volanti e gli straordinari non vengono pagati. Per questo schierano l’Esercito, perché lo Stato ha le pezze al culo. E fanno passare i tagli alla Polizia per aumento della sicurezza. L’Esercito è usato come i crumiri di una volta.
Alla Mostra del Cinema di Venezia non ci sarà la Polizia. I poliziotti non hanno ancora ricevuto un euro per gli straordinari del 2007 fatti durante i doppi turni. Se non saranno pagati non andranno al Lido.
Il ministero invece di euro propone “riposi compensativi”.
I 200 agenti saranno probabilmente sostituiti dai paracadutisti della Folgore. Cacciari si è già detto d’accordo in nome della governabilità. Qualcuno volò sul nido del crumiro.
(*) Corriere della Sera, 6 agosto 2008


Clicca l’immagine

Scarica "La Settimana" N°31-vol4
del 3 agosto 2008