Condividi
Photo Di Shutterstock

Parlare di carne può essere un argomento delicato. Rigorosi vegani e carnivori convinti raramente trovano un punto di incontro. Ma qualunque sia la nostra opinione sull’etica del mangiare carne, ci sono alcuni fatti concreti fuori da ogni tipo di discussione, che devono essere presi in considerazione. Vediamoli insieme.

Miliardi di animali vengono macellati ogni anno

Il totale di polli (19 miliardi), mucche (1,5 miliardi), pecore (1 miliardo) e maiali (1 miliardo) che vivono in una sola volta è tre volte più alto del numero di persone, secondo l’Economist.
Ma queste cifre sono inferiori poichè andrebbero aggiunti gli animali che mangiamo. Si stima che 50 miliardi di polli vengano macellati ogni anno; una cifra che esclude i pulcini maschi e le galline improduttive uccise nella produzione di uova.

Circa 1,5 miliardi di maiali vengono uccisi per alimentare l’appetito crescente di maiale, pancetta, prosciutto e salsicce – un numero che è triplicato negli ultimi 50 anni.
Ogni anno vengono portati al macello mezzo miliardo di pecore. Il numero di capre macellate ha superato il numero di mucche durante gli anni ’90, anche se la cifra relativa ai bovini esclude l’industria casearia.

Negli ultimi 50 anni il numero di persone sul pianeta è raddoppiato. Ma la quantità di carne che mangiamo è triplicata.
La maggior parte di questa crescente domanda proviene da paesi a reddito medio, e in particolare dalla Cina, che è diventata, con il boom economico, il più grande consumatore di carne al mondo.
Al contrario, la domanda di carne in Europa e nel Nord America si è stabilizzata e persino diminuita. L’India consuma ancora una piccola parte di carne mondiale.

La carne di maiale è stata a lungo la scelta più popolare a tavola. Ma il pollame ora è al pari  della carne di maiale. Nel 1961 solo il 12% della produzione globale di carne proveniva da pollo, anatra, oca, tacchino e pollame. Ora il pollame costituisce un terzo di tutta la carne consumata in tutto il mondo.
Al contrario, la carne rossa, ha visto la sua quota globale quasi dimezzarsi negli ultimi 50 anni, al 22%. Ma rimane ancora quasi cinque volte più popolare dell’agnello.

Produzione di carne dal 2016 al 2018, per tipo (Maiali, Pollame, Manzo e Vitello, Agnello)

La produzione di carne costa alla Terra

Il costo ambientale del nostro crescente appetito di carne è allarmante. L’agricoltura è responsabile del 10-12% delle emissioni di gas serra, con carne, pollame e prodotti lattiero-caseari. L’allevamento di carne produce emissioni molto più elevate per calorie rispetto alle verdure. Il manzo è di gran lunga il maggior colpevole, quattro volte più alto del pollo o del maiale.

Emissioni di gas serra per calorie

Ma non sono solo i gas serra prodotti dal bestiame a danneggiare l’ambiente. L’allevamento di bovini, in particolare, richiede molta più terra di altre forme di agricoltura. La più grande popolazione di bovini del mondo è in Brasile, dove i numeri sono quadruplicati in 50 anni , una tendenza che ha portato alla distruzione di vaste aree della foresta pluviale amazzonica. Gran parte di questa terra viene utilizzata per coltivare le colture per l’alimentazione degli animali: un terzo del grano mondiale è destinato all’alimentazione del bestiame.

Troppa carne fa male alla nostra salute

Per molte persone, la carne è una fonte importante di proteine, vitamine e minerali. Ma alcune carni sono ad alto contenuto di grassi saturi che possono aumentare il colesterolo, nonchè a cancro dell’intestino. Gli hamburger, le bistecche e le salsicce servite nei paesi più ricchi tendono ad essere molto più grandi dei 70g raccomandati al giorno.
È stato stimato che scambiando parte della carne che mangiamo con fagioli, piselli e micoproteine ​​(Quorn) potrebbe ridurre la mortalità del 5-7%.

Il bestiame fornisce mezzi di sostentamento

Carne, latticini, pesce e uova forniscono il 40% delle proteine ​​consumate a livello globale e in molte parti del mondo non esiste ancora un’alternativa sicura. Si stima che 1 miliardo di persone siano coinvolte nell’allevamento, nella lavorazione, nella distribuzione e nella vendita di bestiame, con la metà di coloro che dipendono dal bestiame per il loro sostentamento. L’agricoltura nel suo complesso rappresenta circa il 3% del PIL mondiale, con il bestiame che contribuisce al 40% di questo. L’economia del bestiame è particolarmente importante per le popolazioni rurali povere nei paesi a basso e medio reddito.

Il mercato dei sostituti della carne sta crescendo

La ricerca è per alternative che soddisfano il gusto dei consumatori di carne. Alcuni di questi coinvolgono la coltivazione di cellule animali nei laboratori. Un altro approccio è l’ingegneria di sostituti della carne a base di piante o funghi, per dare loro il gusto e la consistenza di carne di manzo, maiale o pollo. E ci sono anche alternative, come ad esempio gli insetti – già comuni in alcune parti dell’Asia e dell’Africa – una scelta più popolare nei menù di tutto il mondo.

Per milioni di persone, mangiare animali è uno stile di vita, uno dei capisaldi culturali delle proprie vite domestiche e sociali.

Per altri, come Yuval Noah Harari, il modo in cui l’agricoltura moderna tratta gli animali è uno dei “peggiori crimini della storia”.

Qualunque sia la vostra opinione, poiché la popolazione mondiale si dirige verso i 10 miliardi, le attuali tendenze nel consumo e nella produzione di carne non possono essere sostenute. Serve un cambio di rotta.

 

(Tratto da World Economic Forum)