Condividi

Lusi ha usato lo Scudo Fiscale per riportare in Italia milioni di euro di rimborsi elettorali sottratti al conto della Margherita, sul quale erano finiti anche finanziamenti del Pdmenoelle, e poterli investire in tutta tranquillità (*). I saltimbanchi della democrazia negano ogni responsabilità, anzi si incazzano pure. Rutelli: “Noi traditi, è un furto!“. Bersani a proposito su una nuova legge sui partiti “È urgente procedere: diamoci tempi strettissimi“. I finanziamenti elettorali, aboliti da un referendum, reintrodotti come rimborsi, corrispondono circa a un miliardo di euro. Quanti di questi sono stati sottratti e poi rientrati nel nostro Paese grazie allo Scudo Fiscale voluto dai partiti? A questa domanda potrebbe rispondere la Guardia di Finanza con un accertamento, da rendere pubblico, su tutti i conti intestati ai partiti. La fretta e la volontà bipartisan di approvare a suo tempo lo Scudo Fiscale sono per lo meno sospette. Una legge, che è un marchio di infamia per la Repubblica e un affronto ai contribuenti onesti che hanno visto evasori totali, furfanti, forse criminali, sanare con il 5% le loro rapine e in seguito dovuto competere sul mercato, mentre pagavano le tasse fino all’ultimo centesimo, con aziende che disponevano di capitali “riverginati“, frodati allo Stato e alla collettività.
Facciamo un passo indietro, al 2009, e vediamo chi, nella cosiddetta opposizione, consentì lo Scudo Fiscale. Trentadue deputati alla Camera, con il voto di fiducia potevano evitare il rientro dei miliardi di grandi evasori e capitali mafiosi sottratti al fisco e far cadere il Governo. Ma non erano in aula. Bastavano 20 voti. L’elenco: 24 PDmenoelle: Argentin, Binetti, Bucchino, Capodicasa, Carra, Codurelli, D’Antoni, Esposito, Farina, Fioroni, Gaione, Ginefra, Giovanelli, Grassi, La Forgia, Lanzillotta, Madia, Mastromauro, Melandri, Misiani, Pistelli, Pompili, Porta, Portas. 7 UDC: Bosi, Ciccanti, Drago, Libè, Pisacane, Ruggeri, Volontè. 1 IDV: Misiti.
A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca” disse la Scatola Nera della Repubblica, Giulio Andreotti. Per un’operazione di trasparenza è necessario che i 32 assenti alla votazione sullo Scudo Fiscale e alla fiducia a Berlusconi (ci avrebbero potuto risparmiare due anni da incubo…), sicuramente tutti senza alcuna ombra, dovrebbero rendere pubbliche le loro proprietà mobiliari e immobiliari prima e dopo il loro ingresso in Parlamento. Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure, Ci vediamo in Parlamento se non fanno una legge elettorale per impedirlo.
Ps: visto che NESSUN giornale o televisione lo ha ricordato, lo faccio io. Il MoVimento 5 Stelle è l’unico ad aver rifiutato i rimborsi elettorali di un milione e seicentomila.
(*) fonte Corriere della Sera