Condividi

“Con la raccolta differenziata nel Municipio Roma VI delle Torri, speravamo di poter vivere in un ambiente più sano, di riciclare preziosi materiali che l’industria del recupero è in grado di riportare a nuova vita con impatti ambientali trascurabili, ma evidentemente sbagliavamo a riporre fiducia nella deludente Amministrazione Marino. Fin dall’inizio ci è stato chiaro dove avrebbe condotto una simile gestione dell’immondizia: vere e proprie discariche a cielo aperto. Via Nardodipace: enormi e infiniti cumuli di “monnezza” che invadono la sede stradale su entrambe i lati. Una strada invasa da incredibili quantità di immondizia che, debordando in più punti dai lati verso il centro, quasi impedisce il passaggio all’automobilista. Siamo a Roma, non nella periferia di una qualsiasi “favela” di Rio de Janeiro.Siamo insomma nella Roma degli Imperatori, dei Papi, nella Roma che ha visto ben altri Amministratori e ben altro decoro. In una Roma anche periferica i cui cittadini pagano tasse (e che tasse!) nella stessa moneta utilizzata dai romani del Centro Storico e dal cui territorio di tanto in tanto vedi spuntare le rovine di un acquedotto o di un’antica “domus” a rammentarci la gloria di un passato che una sciagurata Amministrazione Marino sta letteralmente seppellendo sotto cumuli di immondizia. Un ringraziamento particolare va a un Cittadino esemplare – purtroppo non può ne camminare ne respirare autonomamente perchè affetto da Distrofia Muscolare – che ci ha segnalato questo scempio immane che gli impedisce di usare questa strada di collegamento utile, soprattutto, in caso di emergenza. Grazie Mario!” M5S Roma