Condividi

Dedichiamo questa vittoria alla dottoressa Patrizia Gentilini (ISDE) che nel 2008 venne insultata in tv dall’ex premier

Il Consiglio di Stato ha messo la parola fine alla costruzione dell’inceneritore di Case Passerini (Firenze) ed ha rottamato l’inceneritore tanto caro a Renzi. Una vittoria storica dei Comitati ambientalisti della Rete rifiuti zero che organizzarono un referendum nel 2007 dove 10.000 cittadini votarono ‘NO’, degli amministratori locali, di Beppe Grillo del Movimento 5 Stelle ad ogni livello e dei Meet Up che si sono battuti per oltre 10 anni contro questo folle e anti storico progetto” lo dichiarano i parlamentari del Movimento 5 Stelle della Commissione Ambiente di Camera e Senato.

“E’ L’ennesima sconfitta per Renzi che nel  dicembre 2007 se ne fregò del “no” democratico di 10.000 cittadini. Qui per fortuna l’unica cosa che vengono rottamate o vanno in fumo sono le preistoriche idee inceneritoriste del Pd renziano.  Dedichiamo questa vittoria verso Rifiuti Zero e l’Economia Circolare alla dottoressa Patrizia Gentilini di Isde Medici per l’Ambiente che,nel 2009 venne insultata in TV da Matteo Renzi con la sua solita insopportabile arroganza (vedi video). Ora Renzi chieda a scusa a Patrizia Gentilini” continuano i pentastellati.

“Ora avanti con l’Economia Circolare, per la quale il Movimento 5 Stelle si batte anche a livello regionale dove ha presentato una dettagliata proposta di legge. Economia Circolare,  che è nero su bianco nel contratto del Governo  del Cambiamento dove si parla chiaramente di “superare discariche e inceneritori, con il “modello pubblico Treviso” “ ( riduzione rifiuti, 85% di differenziata con tariffa puntuale e raccolta domiciliare  su un bacino di oltre 900mila cittadini, impianti di riciclo anche dei pannolini, compostaggio, no costruzione di inceneritori e discariche) il modello studiato in tutto il  Mondo che è simbolo per tutti i comitati e le associazioni ambientaliste” concludono i parlamentari del Movimento 5 Stelle di Commissione Ambiente di Camera e Senato.