Condividi

La strage di Erba è un sintomo. Un segnale. Quanti segnali arrivano, ogni giorno, dal corpo di questa nazione malata? Due morti a Roma per un incendio. Extracomunitari stipati come topi in appartamenti fatiscenti. Carabinieri picchiati a Livorno mentre rimuovono le auto in sosta vietata. Per far passare i pompieri a spegnere un incendio. Occhi rubati in ospedale ai cadaveri.
Ogni mattina è una lotta. La casella della posta ci porta in casa la povertà. Le bollette gonfiate dei servizi pubblici. Multe pesanti per ritardi, anche di un solo giorno, sui pagamenti. Tasse velenose come l’Ici, una tassa sui risparmi per la propria casa. Rate dei debiti per la macchina, il dentista, la scuola. Bambini che scompaiono. Tenuti stretti per mano dai genitori ad ogni passo. E lo scempio dell’ambiente. Un traffico senza senso. Le polveri delle auto e degli inceneritori che ti entrano dentro. Senza che nessuno muova un dito. Con i diossini diessini alla sinistra e i petrolieri alla destra.
La casa, i sessanta metri quadri, diventano un rifugio. La nuova cella degli schiavi. Per chi se la può permettere. E da uno schermo si materializzano gli incapaci. Quelli che fanno dichiarazioni. Tutti i giorni. L’incapacità al potere genera mostri. Olindo e Rosa sono sintomi. Ma è solo l’inizio. Altri verranno.
La foto di gruppo in cortile a Caserta è uno spot della decadenza della nazione. L’avete vista? Quelli nella foto decidono del nostro futuro. Con quelle facce. Non sanno neppure farsi il nodo della cravatta. Due giorni di summit simile a un soufflè. Per stanziare cento miliardi di euro per il Sud. I meridionali quei soldi non li vogliono. Anche perchè non li avranno. Si fermeranno prima. Alla stazione Termini di Roma, destinazione partiti e ministeri. E quello che rimane nelle tasche delle varie mafie. La Cassa del Mezzogiorno ha impoverito il Sud e ingrassato i partiti. La storia si ripete. Senza il ripristino della legalità e investimenti dall’estero il Mezzogiorno non riparte. 100 miliardi sono tre finanziarie. TRE FINANZIARIE.
Si parla di energia e Rubbia non c’è, di infrastrutture e Piano non c’è, di cultura e Fo non c’è. Rimane un rumore sordo. Lo sentite? E’ il vostro stomaco. Lo stomaco della nazione. Che ha fame di futuro e di rinnovamento. Un rumore che porta il cambiamento o la pazzia. RESET!

Ps: Da Maria Fida Moro: “Approfitto della sua pazienza per ringraziare tutti coloro che sono stati solidali con me e mi hanno espresso affetto e partecipazione.Se qualcuno vuole scrivermi può farlo a [email protected]

Condividi
Articolo precedenteUna lettera dal Vaticano
Prossimo articoloI cravattati