Condividi


“Il Movimento 5 Stelle, nell’apprendere delle minacce di morte rivolte al P.M. palermitano Nino Di Matteo, magistrato da sempre impegnato in prima linea nella lotta alla mafia ed in particolare nelle inchieste sulla trattativa Stato-Mafia, esprime profonda solidarietà al magistrato e chiede che lo Stato si impegni a proteggere lui e quanti altri cercano verità e giustizia. La lotta alle mafie è e sarà sempre una priorità. Finchè le Commissioni Permanenti non saranno istituite non potremo iniziare a lavorare. Dopo le Permanenti si potrà chiedere di ricostituire le Commissioni di indirizzo, controllo e garanzia come Vigilanza Rai o Copasir e le Commissioni speciali d’inchiesta come la Commissione Parlamentare d’Inchiesta sulla mafia al fine di fare luce sulle parti e sui protagonisti della nostra Storia che ancora oggi si nascondono nell’ombra dell’incertezza e della reticenza. Al di là delle responsabilità penali, è infatti assolutamente indispensabile individuare le responsabilità politiche e morali di chi ha avallato le pagine più oscure e raccapriccianti della Storia del nostro paese.” I Parlamentari del Movimento 5 Stelle di Camera e Senato.”