Condividi

A breve ci sarà un cambio drastico nelle abitudini di consumo, quello di “fare” la spesa. Andare al supermercato o al negozio di fiducia è un’abitudine consolidata da decenni.

Ma ora tutto potrebbe cambiare. Il motivo è molto semplice, le vendite online stanno crescendo a ritmo vertiginoso anche nel settore alimentare. Sicuramente questo è dovuto agli stili di vita profondamente cambiati, alle dinamiche familiari completamente trasformate e all’uniformità dei prodotti da scegliere. Infatti se prima si andava dal proprio negoziante di fiducia perché si trovava qualcosa di unico, oramai si può dire che ovunque c’è tutto.

E ci siamo anche abituati al fatto che sia così. Diciamoci la verità, siamo abituati male, ma ci piace trovare la frutta e la verdura che ci piace sempre in ogni stagione, gli affettati già confezionati e le pietanze di ogni parte del mondo, proprio sullo scaffale.

É difficile pensare di tornare indietro. A breve non sarà il rimpiazzo delle casse tradizionali con quelle autonome a cambiare il nostro iter, bensì il fatto che presto potremo non recarci più a fare la spesa.

La spesa arriverà a casa bella e pronta.

Il primo colosso a provarci è Kroger, il gigante dei supermercati americani, anzi la più grande. Infatti proprio nei giorni passati ha stipulato un accordo con NURU per utilizzare le loro navette a guida autonoma per risolvere il problema dell’ultimo miglio, ossia la consegna.

Se in altri settori questo problema è già stato risolto, per i generi alimentari le cose sono diverse.

É la parte più difficile. In generale tutti i giganti del commercio elettronico cercano da tempo il modo migliore per portare i pacchetti alle porte dei consumatori. Ma il cosiddetto problema dell’ultimo miglio è ancora più difficile per chi commercia nel settore alimentare, in quanto il cibo tende ad essere fragile e deperibile.

Ora però c’è una novità che ha scosso Kroger.

Le sue vendite online sono impennate, tanto che nell’ultimo trimestre sono aumentare addirittura del 66%. Cosi i supermercati potrebbero essere dei magazzini non aperti al pubblico, ma da cui partono navette autonome che consegnano direttamente a casa vostra.

Per ora è in atto la sperimentazione. Attendiamo novità.