Condividi
Photo Di Shutterstock

I ricercatori della Brown University hanno usato una nuova interfaccia per ricostruire i segnali neurali dei primati e tradurli in parole inglesi.

Cosa significa? Le persone che non possono sentire presto potrebbero essere in grado di parlare chiaramente grazie a questa scoperta.

Il team è stato in grado di prendere i segnali neurali dei macachi rhesus, una specie di scimmie del Vecchio Mondo, e tradurli in parole inglesi usando un’interfaccia cervello-computer.

Di fatto il processo di primati funziona allo stesso modo degli umani. “L’obiettivo generale è quello di capire meglio come il suono viene elaborato nel cervello dei primati. Alla fine potrebbe portare a nuovi tipi di protesi neurali”, ha detto Arto Nurmikko, autore senior dello studio.

I sistemi cerebrali umani e quelli dei primati sono gli stessi durante la fase iniziale di elaborazione. Si verificano nella corteccia uditiva, ordinando i suoni in base a cose come tono o intensità. I suoni vengono poi elaborati nella corteccia uditiva secondaria. É lì che i suoni si distinguono in parole.

I ricercatori volevano imparare come elaborano le parole i primati. Per fare ciò hanno registrato l’attività dei neuroni dei macachi rhesus, mentre ascoltavano le registrazioni di singole parole inglesi.

Così i macachi rhesus sono stati in grado di ascoltare una o due parole, tra cui albero, buono, nord, cricket. Era la prima volta che gli scienziati erano in grado di registrare complesse informazioni uditive grazie alle interfacce.

Parte dello studio si è concentrata sul capire quale algoritmo di decodifica avesse funzionato meglio.

Questa interfaccia neurale ha “sostanzialmente” superato gli algoritmi tradizionali che erano stati efficaci nel decodificare i dati neurali da altre aree del cervello.

L’obiettivo futuro è quello di sviluppare un giorno impianti neurali che potrebbero aiutare a ripristinare l’udito delle persone. Il lavoro dell’equipe è stato pubblicato sulla rivista Nature Communications Biology .