Condividi

C’è una società di saponi che sta facendo molto di più che produrre semplici oggetti per l’igiene, ma sta sostenendo il movimento per l’agricoltura rigenerativa in tutto il mondo.

L’azienda Dr. Bronner è stata riconosciuta a livello internazionale per l’utilizzo di ingredienti biologici nei loro prodotti e per il loro impegno nella responsabilità sociale. Ma negli ultimi dieci anni, l’azienda ha ampliato la propria missione includendo l’approvvigionamento di materie prime da produttori certificati Fair Trade e Organic (FTO).

Dal 2006, il Dr. Bronner ha cominciato a dare una mano ai piccoli allevamenti, quelli con piccoli proprietari e gestiti localmente, piccole realtà sempre in difficoltà, sparse ovunque in Sri Lanka, Kenya, Samoa e India.

Ogni agricoltore è stato trovato per caso, negli anni, quasi per gioco. Non ci si fermava al primo che si incontrava, ma si cercava di andare più in profondità. Cosi pian piano si è costruito un vero progetto che andasse oltre il prodotto “sapone”.

Tutto nasce nel 2003 quando è nata la motivazione iniziale della società di passare alle materie prime biologiche. Le preoccupazioni degli agricoltori e dei lavoratori agricoli riguardo all’esposizione a pesticidi e ad altre sostanze, ha spinto a farsi alcune domande. Nel 2005 l’azienda si è resa conto che l’acquisto di materiali organici da terzi non era sufficiente perché non offriva un’adeguata trasparenza. La società ha così coinvolto direttamente chi produce le materie prime.

Quando iniziarono le collaborazioni tra il dott. Bronner e gli agricoltori locali, l’uso dei pesticidi era prevalente in queste regioni, le condizioni di lavoro erano precarie e insicure, i prezzi delle colture erano molto bassi e i lavoratori venivano pagati una sciocchezza.

Così il Dottor Bronner ha introdotto nuove condizioni e pratiche di lavoro. Dopo dodici anni i risultati si vedono. L’agro-ecologia e l’agricoltura rigenerativa sono sempre più importanti per il loro prezioso ruolo nel migliorare la fertilità del suolo e per affrontare il cambiamento climatico.

La siccità rappresenta la minaccia climatica più dannosa. In Sri Lanka si registrano gravi siccità ogni tre anni, causando un calo della produttività fino al 50%, come nel 2017 il Kenya, dove c’è stata una perdita di produttività del 50% a causa della siccità.

Per molte aziende fare lo stesso o utilizzare lo stesso approccio è un po troppo difficile da replicare. Tuttavia, ci sono molte cose che ogni azienda potrebbe fare per essere socialmente responsabile.

Dovremmo incoraggiare con politiche propositive tutte le aziende, a saperne di più sulle loro catene di fornitura e su come selezionare i fornitori che sono ecologicamente e socialmente attivi.

Guardare attentamente da dove provengono le materie prime e non solo se si tratta di commercio equo e solidale o se sono prodotti biologici e organici. Spesso organico significa nulla. In realtà, ci si può impegnare con il fornitore, vedere dove è possibile sostenerli, esaminarli attentamente e accertarsi che ciò che fanno è reale. Le aziende nel settore dei prodotti naturali dovrebbero farlo sempre.