Condividi
Benki Piyãko della Comunità degli Asháninka

Nella Riserva indigena di Kampa do Rio Amônia nella punta occidentale dello stato di Acre in Brasile, il popolo Asháninka ha vinto la sua battaglia più importante da quando il governo federale ha riconosciuto il suo territorio nel 1992. Il 1 aprile, 2020, il procuratore generale della Repubblica, Augusto Aras, ha firmato un accordo senza precedenti che ha garantito un risarcimento e scuse ufficiale per i crimini commessi quasi 40 anni fa. L’accordo dà a questa comunità indigena il diritto ad un risarcimento di 3 milioni per i crimini ambientali ricevuti: abbattimento di migliaia di alberi di mogano, cedro e altre specie arboree per rifornire l’industria europea del mobile dal 1981 al 1987. La devastazione ha colpito un quarto dell’area che attualmente comprende la riserva indigena. Francisco Piyãko, il leader di Ashaninka, era un adolescente al momento dell’invasione del disboscamento. “Ciò che conta per noi è ciò che questo accordo rappresenta per la causa Ashaninka e come può avere ripercussioni sull’affermazione dei diritti e dei valori delle popolazioni indigene”, ha spiegato Piyãko.

L’insediamento segna la fine di una controversia legale iniziata nel 1996, quando il Ministero pubblico federale ha avviato un’azione civile pubblica contro le società di legname di proprietà della potente famiglia Cameli. La stessa famiglia dell’attuale governatore di Acre, Gladson Cameli, e di suo zio, Orleir Cameli, che fu anche governatore dal 1994 al 1998.

Gli Ashaninka hanno prevalso nella loro causa giudiziaria iniziale, nelle corti d’appello e anche nella Corte di giustizia superiore (la più alta corte d’appello in Brasile per questioni non costituzionali). Ma non appena il caso ha raggiunto la Corte suprema federale nel 2011, si è bloccato. In un vicolo cieco, è stata imposta una soluzione stragiudiziale, ma ci sono voluti anni di negoziati regolari prima che entrambe le parti accettassero i termini dell’accordo. “È stata una grande sfida per tutti, perché la negoziazione ha comportato ingenti somme. Sono stati necessari molti studi, partner e varie autorità pubbliche per analizzare ogni dettaglio”, osserva Antônio Rodrigo, avvocato dell’Ashaninka. “Questa è la prima volta nella storia della legge brasiliana che è successo qualcosa del genere. Sono così orgoglioso. È stato difficile, ma meraviglioso”.

Secondo una notifica pubblicata sul sito del Ministero pubblico federale, che qualificava il risultato dei negoziati come “storico”, Augusto Aras celebrava l’applicazione della costituzione apprezzando “che gli indigeni hanno il diritto garantito a una vita dignitosa, di scegliere il proprio destino e prendere parte alle decisioni politiche.

3 milioni saranno pagati agli indigeni in rate per un periodo di cinque anni. I beneficiari finali del risarcimento saranno decisi ogni anno in un’assemblea di Ashaninka, ma è necessario applicarli ai progetti “in difesa della stessa comunità, dell’Amazzonia, delle popolazioni indigene e dei popoli della foresta. Con questo accordo, si ha la sensazione che stiamo costruendo un nuovo momento di pace, armonia e, soprattutto, si sta comprendendo che esistono ferite da curare”, conclude Aras.

“Le nostre risorse andranno a mantenere e riportare i nostri valori. Chiediamo che questa regione sia sempre più rispettata e valorizzata, affinché i suoi prodotti vengano immessi sul mercato con un valore aggiunto, che a sua volta servirà a garantire la sostenibilità. Questo è quello che faremo: non ci fermeremo “, promette Francisco Piyãko, il cui padre, Antônio Piyãko, è stato l’uomo responsabile di aver denunciato l’invasione nel mondo attraverso una lettera aperta pubblicata nel 1991 .

Oltre ai danni pagati all’Ashaninka, le compagnie di disboscamento dovranno anche pagare 1,2 milioni di dollari al Fondo per la difesa dei diritti umani a titolo di risarcimento del danno causato.

Tuttavia, per l’Ashaninka, il punto più alto dell’accordo con le compagnie forestali erano le scuse ufficiali, contenute nell’accordo firmato da tutte le parti: “Alla luce di tutti i fatti narrati e discussi a lungo per anni nei tribunali le compagnie di disboscamento estendono formalmente le scuse ufficiali alla comunità di Ashaninka del fiume Amônia per tutti i mali causati, riconoscendo rispettosamente l’enorme importanza delgli Ashaninka come custodi della foresta, rispettosi della conservazione dell’ambiente e della conservazione e diffusione dei loro costumi e della lorocultura “

“Se non ci fosse stato alcun riconoscimento di colpa, gli indigeni non avrebbero accettato l’accordo”, afferma Rodrigo, avvocato dell’Ashaninka.

Secondo Piyãko, questa vittoria morale trascende l’insediamento finanziario, simboleggiando una vittoria per tutti i popoli tradizionali del Brasile e del mondo per l’usurpazione delle loro terre e dei loro modi di vita tradizionali.