Condividi

“Le piccole imprese italiane hanno pesanti zavorre che minano la ripresa: un global tax rate che arriva anche al 70% e fino a 45 giorni di lavoro annui spesi soltanto per gli adempimenti verso le Pubbliche amministrazioni. Se consideriamo che la burocrazia costa ogni anno 21 miliardi, ci rendiamo conto che siamo di fronte a una situazione intollerabile.
Il M5S vuole un’Italia in cui sia più facile aprire e far crescere un’impresa. Abbiamo immaginato un regime fiscale dei minimi con un’aliquota unica, per i primi cinque anni di attività, pari al 5% e poi al 15% dal sesto anno in avanti, per tutte le partite Iva che abbiano un fatturato fino a 40mila euro.
Abbiamo pensato a misure di agevolazione per le start-up innovative e abbiamo lanciato il fondo per il Microcredito, alimentato con le restituzioni sugli stipendi dei nostri eletti, affinché sia più semplice per gli imprenditori l’accesso a quelle risorse che il sistema bancario continua a negare. Regole chiare, semplici e soprattutto stabili. Fare impresa è sempre una scommessa, ma non deve essere un terno a lotto.

Questa è la nostra idea di Paese. Ti invitiamo a conoscerla a Imola il 17-18 ottobre all’autodromo “Enzo Ferrari“. Non chiediamo novecentomila euro, ma quanto potete e desiderate donare per sostenere Italia a 5 Stelle: SOSTIENI ITALIA 5 STELLE CON UNA DONAZIONE!.
Come forse sai, siamo l’unica forza politica che rifiuta il finanziamento pubblico.
Nell’Italia che vogliamo è sempre premiato il merito di chi crea lavoro e genera ricchezza. Per sé e per gli altri. L’Italia che vogliamo è un’Italia a 5 stelle!Carla Ruocco, portavoce M5S Camera