Condividi

Il trattamento del cancro è estremamente costoso e inoltre non funziona sempre. Molti scienziati sono alla ricerca di un vaccino, un vaccino contro il cancro. E’ possibile?

Un approccio potenziale ad un vaccino antitumorale, potrebbe consistere nell’utilizzare le nostre cellule staminali riprogrammate per addestrare il sistema immunitario contro diversi, e forse anche tutti i tipi di cancro.

Ricercatori della Stanford University hanno sperimentato questo approccio in laboratorio, utilizzando cellule staminali pluripotenti capaci di diventare qualsiasi tipo di cellula.

Per chi non lo sapesse, le cellule staminali pluripotenti sono cellule staminali create artificialmente a partire da cellule adulte. Sono quindi quelle usate oggi in tutti gli studi, per via dei problemi etici legati alle cellule staminali.

Dopo diversi esperimenti, hanno dimostrato che questi metodi possono curare i tumori del seno, polmone e pelle. Questo è assolutamente uno studio affascinante e aggiunge ulteriori prove che li vaccini antitumorali possono diventare realtà. In pratica si tratta di avere già un sistema immunitario attivato per colpire questi potenziali tumori prima che si formino .

Nei prossimi anni si capirà se questi trattamenti sono utili su alcuni tumori o su tutti i tipi di tumori.

Ad oggi ancora non abbiamo sperimentato questo approccio negli esseri umani, infatti occorre prestare molta attenzione nel mettere cellule staminali pluripotenti nelle persone. C’ è sempre il rischio che queste cellule possano sopravvivere e indurre lo sviluppo di un cancro o causare una risposta autoimmune.